Argentina inizia a ristrutturare il debito. Per S&P è in default

L'Argentina ha iniziato a ristrutturare il suo debito, pubblicando il nuovo calendario delle scadenze sul debito, ma Standard & Poor’s non ha dubbi: Buenos Aires è di nuovo in default. La nazione sudamericana ci è finita otto volte di cui due dall'inizio del millennio in corso. Non è un caso che almeno a livello informale il Fondo monetario internazionale abbia deciso di riunirsi per discutere della nazione.

L'agenzia di rating è la prima a bocciare di fatto la richiesta di più tempo fatta dal presidente Mauricio Macri ai creditori. Buenos Aires vuole posticipare i pagamenti su 7 miliardi di dollari di debito a breve termine emesso a livello locale e in scadenza quest'anno. Inoltre, l'Argentina ha chiesto agli obbligazionisti stranieri di "volontariamente" allungare la scadenza di titoli di stato a lunga scadenza per 50 miliardi di dollari. Infine, la nazione intende restitutire al Fondo monetario internazione più tardi del previsto i 44 miliardi di dollari di prestiti già ricevuti come parte di un piano da 57 miliardi di dollari.

Sebbene il governo abbia descritto tali azioni come "volontarie", per S&P non lo sono. L'agenzia ha spiegato che alla luce della "continua incapacità" di vendere titoli di stato a breve scadenza, il 28 agosto il governo argentino ha esteso "unilateralmente" la scadenza di bond a breve scadenza. "Questo rappresenta un default sulla base dei nostri criteri". L'agenzia ha abbassato il rating a “selective default”, o a CCC-. Due settimana fa, dopo l'esito shock delle primarie in cui il presidente in carica, Mauricio Macri, è emerso pesantemente sconfitto, S&P aveva tagliato il giudizio a B-. La tripla C sta a significare che il debito argentino "è attualmente vulnerabile a mancati pagamenti e dipende da condizioni economiche, finanziarie e di business favorevoli". Dopo le primarie Fitch aveva abbassato il suo rating di tre gradini a CCC.

Anche colui che dalle prossime elezioni argentine del 27 ottobre emergerà probabilmente come presidente, è convinto che l'Argentina sia virtualmente in default. In un'intervista al Wsj il peronista Alberto Fernández ha detto: "Non c'è nessuno che sta comprando debito argentino e nessuno che lo può pagare. L'Argentina è in un default virtuale".

Non disposto a sostenere le misure di emergenza annunciate dal governo Macri e volte a contenere la volatilità, il 60enne ha aggiunto: "Il mercato sa dove è diretto", riferimento alla ristrutturazione di 101 miliardi di dollari di debiti annunciata due giorni fa dal presidente in carica. Secondo lui, "per invertire questo ciclo bisogna lanciare un piano per spingere i consumi e non chiederò il permesso al Fmi per farlo". 

Fernández ha aggiunto: "La crisi attuale è un déjà vu" e secondo lui, allora come adesso l'Fmi è "colpevole" della situazione. "E' un atto di complicità con l'amministrazione Macri", che secondo lui ha causato "danni simili a quelli sofferti dall'Argentina nel 2001: un default sul debito, nessuna riserva di valuta straniera, una forte svalutazione [del peso] e un aumento della povertà". In quell'anno la nazione finì in default su 100 miliardi di dollari di titoli di stato, allora un record. 

Altri Servizi

A Wall Street, fa paura il coronavirus

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
AP

Pelosi con Trump: "Non vi avvicinate a Huawei"

La speaker della Camera Usa avverte gli alleati: "Non mettete le vostre comunicazioni in mano a un governo autocratico che non condivide i nostri valori"
Ap

"Questa è la più insidiosa forma di aggressione, avere le comunicazioni, la 5G, dominate da un governo autocratico che non condivide i nostri valori". L'attacco è contro Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni accusato dagli Stati Uniti di essere al servizio del governo di Pechino per spiare l'Occidente, ma l'autore non è, come potrebbe sembrare, il presidente Donald Trump, bensì la democratica Nancy Pelosi, la speaker della Camera, che per una volta, almeno, è della stessa opinione della Casa Bianca.

Wall Street, l'attenzione resta sul coronavirus

Il presidente della Fed, Jerome Powell, atteso da un'altra giornata di testimonianza in Congresso
AP

Usa 2020, primarie in New Hampshire: sorpresa Klobuchar?

Salita al terzo posto nei sondaggi, da lei i 'delusi' di Biden
AP

Amy Klobuchar potrebbe essere la sorpresa delle primarie in New Hampshire, e non solo. La senatrice del Minnesota, sempre convincente nei dibattiti, sta cominciando a riempire i luoghi dei suoi comizi e molti analisti credono che possa togliere molti voti all'ex vicepresidente Joe Biden, in caduta libera in New Hampshire e superato per la prima volta dal senatore Bernie Sanders in un sondaggio nazionale. Potrebbe essere lei, insomma, la candidata dei moderati.

Usa 2020, caucus Iowa: Sanders chiederà il riconteggio

Assegnati 14 delegati a Buttigieg, 12 al senatore del Vermont
Ap

Lo staff elettorale del senatore statunitense Bernie Sanders ha detto che chiederà il 'riconteggio' dei voti ai caucus dell'Iowa, dopo che il partito democratico ha comunicato l'assegnazione dei delegati statali equivalenti (SDE) e del corrispondente numero di delegati alla convention nazionale. L'ex sindaco Pete Buttigieg ha ottenuto 14 delegati "impegnati" (a rispettare il voto popolare), mentre il senatore Bernie Sanders, che è stato il più votato, ne ha ottenuti 12. La senatrice Elizabeth Warren ne ha conquistati otto, l'ex vicepresidente Joe Biden sei e la senatrice Amy Klobuchar uno.

Usa 2020, Buttigieg risponde a Rush Limbaugh: "Amo mio marito e non prendo lezioni sulla famiglia"

Il candidato dem alla Casa Bianca replica alle affermazioni omofobe del commentatore radiofonico di destra
Wikipedia

Pete Buttigieg, candidato democratico alla Casa Bianca apertamente gay, ha replicato alle recenti affermazioni omofobe di Rush Limbaugh, commentatore radiofonico di destra, secondo cui l'America "non è pronta per avere un presidente gay". "Amo mio marito, sono fedele a mio marito. Sul palco solitamente ci abbracciamo e basta, ma lo amo moltissimo", ha detto l'ex sindaco di South Bend in un'intervista rilasciata a Dana Bash nel programma "State of the Union" sulla Cnn nella quale ha poi sottolineato: "Non prendo lezioni sui valori della famiglia da un presentatore radio conservatore".

Oltre mille procuratori americani hanno chiesto le dimissioni di William Barr

Il procuratore generale accusato insieme a Trump di "interferenze nell’amministrazione della Giustizia"
Wikipedia

Gli Usa valutano lo stop all'export in Cina di motori GE

In ballo c'è la concessione della licenza che permette alla CFM International, una joint venture tra GE e la francese Safran, di incrementare la fornitura alla Cina dei motori a reazione Leap 1C
General Electric

Ci sono 607 miliardari negli Usa: solo 5 sono afroamericani

Business Insider analizza la lista di Forbes dei Paperoni d’America
AP

Iraq, razzi vicino ad ambasciata americana di Baghdad

Non ci sono vittime. Si tratta del 19 attacco che coinvolge gli Usa in quattro mesi