L'Argentina ritorna al controllo dei capitali

Mosse "straordinarie" per rispondere al crollo del peso

Nel tentativo di evitare una fuga di capitali e una caduta ulteriore del peso, l'Argentina ha imposto controlli sulla sua valuta. La mossa segue l'annuncio shock, fatto mercoledì 28 agosto, di una ristrutturazione del debito per 101 miliardi di dollari che per S&P equivale a un default.

Alle prese con una crisi economica che è ulteriormente peggiorata dopo le primarie presidenziali dell'11 agosto scorso, in cui il presidente in carica è stato pesantemente sconfitto dal peronista Alberto Fernandez, Buenos Aires ha deciso di imporre limiti sulla sua valuta (il cui valore ha perso oltre il 25% dalle primarie).

La banca centrale argentina - che solo tra giovedì e venerdì scorsi ha perso 3 miliardi di dollari di riserve valutarie - ha dato agli esportatori cinque giorni per rimpatriare gli utili generati dalle vendite all'estero. Tutte le aziende, non solo le banche, dovranno ottenere un'autorizzazione per vendere peso in cambio di valute straniere. I cittadini argentini non potranno comprare più di 10mila dollari al mese "per proteggere i risparmiatori e ottenere una maggiore stabilità nei tassi di cambio". Non ci sono invece limiti per chi vuole prelevare dollari dai propri conti né limiti commerciali o restrizioni nei viaggi.

La nota ufficiale spiega che "alla luce di diversi fattori che hanno condizionato l'evoluzione dell'economia argentina e l'incertezza causata nei mercati finanziari, il governo ha giudicato necessaria l'adozione di una serie di misure straordinarie volte a garantire il normale funzionamento dell'economia, a sostenere il livello dell'attività economica e dell'occupazione, e a proteggere i consumatori".

Per Macri si tratta di un imbarazzo visto che subito dopo la sua elezione nel 2015 aveva rimosso i controlli sui capitali che erano in vigore dal 2011. Rinunciando a riconquistare la fiducia degli investitori, e in vista di elezioni a fine ottobre in cui è dato per perdente, Macri ha fatto ricorso alle soluzioni adottate dal governo precedente.

Anche per il Fondo monetario internazionale il caso argentina rischia di essere imbarazzante. Il controllo dei capitali potrebbe tra l'altro impedire l'esborso di una tranche di 5,4 miliardi di dollari a fine settembre, parte di un salvagente da 57 miliardi lanciato lo scorso anno.

Un portavoce dell'istituto di Washington ha spiegato che l'Fmi "continua a stare al fianco dell'Argentina durante questo periodo difficile". Secondo il Fondo, le misure "di gestione dei flussi di capitale" sono volte a "proteggere la stabilità del tasso di cambio e i risparmiatori".

Nel frattempo l'Argentina rischia di trovarsi a secco di riserve nette.

Altri Servizi

New York vuole obbligare i negozi ad accettare i contanti

Il proponente della legge: "Diritto di scelta per i consumatori"

Per pagare anche una tazzina di caffè o una corsa in taxi, la carta di credito è diventata il metodo di pagamento preferito, se non esclusivo, in molte parti del mondo. Essere costretti a usarla, senza avere l'opzione dei contanti, potrebbe presto essere illegale a New York City.

Ambiente, Trump cancella norma di Obama a difesa dei fiumi

 Accontentati agricoltori e costruttori

L'amministrazione Trump ha messo a punto una norma che eliminerà le protezioni ambientali per corsi d'acqua, paludi e altri corpi idrici, consegnando un'importante vittoria ad agricoltori, produttori di combustibili fossili e grandi costruttori, contrari alle regole imposte dalla presidenza Obama. Dal primo giorno alla Casa Bianca, scrive il New York Times, il presidente Donald Trump diceva di voler abrogare il "Waters of the United States" di Obama, inviso ai proprietari terrieri rurali. La nuova norma, che entrerà in vigore nelle prossime settimane, è solo l'ultimo passo compiuto dall'amministrazione attuale per eliminare o indebolire le leggi o i regolamenti a difesa dell'ambiente voluti da Obama, un pacchetto di regole "orribile", "distruttivo", "uno dei peggiori esempi dell'eccessivo intervento federale", secondo Trump. 

Wall Street, l'Oms rassicura sul coronavirus

Lo considera un'emergenza sanitaria in Cina, non nel. mondo
AP

Telefono Bezos hackerato, l'Onu chiede un'inchiesta sul principe ereditario saudita

 "Voleva influenzare la copertura mediatica dell'Arabia Saudita da parte del Washington Post"
AP

L'Arabia Saudita potrebbe aver hackerato il telefono di Jeff Bezos, fondatore di Amazon, per cercare di influenzare la copertura mediatica del regno da parte del Washington Post, quotidiano detenuto dallo stesso imprenditore statunitense. Lo sostengono le Nazioni Unite, che per questo hanno chiesto agli Stati Uniti l'apertura di un'indagine per verificare il "possibile coinvolgimento" del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman.

Wall Street, preoccupa il coronavirus

Si teme l'emergenza sanitaria mondiale
AP

Trump: "I palestinesi reagiranno male, ma l'accordo di pace è positivo per loro"

Il presidente Usa svelerà nei prossimi giorni il suo piano
Ap

"Sono sicuro che forse reagiranno negativamente in un primo momento, ma in realtà è molto positivo per loro. Hanno un sacco di incentivi". Questo il commento del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sulla possibile reazione dei palestinesi all'accordo di pace in Medio Oriente; l'amministrazione statunitense sta lavorando da tempo a un piano.

Wall Street avanza dopo la trimestrale Ibm

Da Davos, Trump minaccia dazi sulle auto Ue senza accordo commerciale con Bruxelles
AP

Wall Street, l'attenzione resta sui rapporti Usa-Cina

Il presidente Trump ha ribadito che la 'fase due' dei negoziati comincerà molto presto
AP

Inizia la difesa di Trump nel processo di impeachment al Senato

Difesa avra' 3 giorni a disposizione per presentare i propri argomenti
AP

Dopo i tre giorni concessi all’accusa per le argomentazioni iniziali nel processo di impeachment contro il presidente statunitense Donald Trump, oggi e’ il turno della difesa. Ad inaugurare i tre giorni a disposizione della difesa ci ha pensato il consigliere della Casa Bianca, Pat Cipollone.

Impeachment Trump, la difesa: "Processo incostituzionale"

Il team legale del presidente risponde alle accuse. Per i democratici, va rimosso perché rappresenta "una minaccia alla sicurezza nazionale"
Ap

I legali del presidente statunitense Donald Trump hanno respinto con decisione le accuse che hanno portato al suo impeachment, definendo il processo contro di lui "incostituzionale" e "un attacco alla libertà di voto degli americani". I democratici, invece, hanno chiesto al Senato di rimuovere la "minaccia alla sicurezza nazionale" che il presidente rappresenta. Nei primi documenti consegnati per il processo in Senato, emergono chiaramente le strategie e le opposte argomentazioni sul destino di Trump, anche in vista delle presidenziali di novembre.