Arriva Vox, il nuovo sito di Ezra Klein (ex Washington Post)

Il blogger 29enne nella nuova avventura tra giornalismo e tecnologia. Ma la nostra testata sarà sempre un "work in progress"

Lo aveva annunciato lo scorso 21 gennaio, dopo aver lasciato il Washington Post e il fortunato blog di politica da lui fondato Wonkblog. Nella notte di domenica il giornalista Ezra Klein è andato online con Vox.com, sito con poco più di 20 redattori e un budget per più anni di circa 10 milioni di dollari: l'idea alla base dell'impresa è quella di diffondere notizie mescolando il giornalismo più autorevole alle nuove tecnologie.

Ci era riuscito su un altro terreno già con Wonkblog che in pochi anni sei era trasformato in una miniera d'oro per il quotidiano di Washington DC, con 4 milioni di pagine visitate al mese. Klein, 29 anni, pur sostenendo che il Washington Post sia una pubblicazione eccellente - racconta al New York Times - ha lasciato perché voleva uscire dalle dinamiche della carta stampata, dove tutte le redazioni lavorano per arrivare alla pubblicazione del giornale in edicola. Ma soprattutto il blogger sognava di creare qualcosa di nuovo grazie al sostegno di Vox Media, un gruppo in costante crescita che possiede siti come il portale dedicato allo sport, SB Nation, e il sito di tecnologia, The Verge.
Secondo Klein, Vox Media aveva gli strumenti che lui stava cercando: "Dopo il primo incontro abbiamo capito che saremmo andati lì" a sviluppare il nostro progetto, ha detto il blogger. Punto di forza dei siti di Vox Media è Chorus, il sistema editoriale che permette ai redattori di usare tutte le potenzialità della rete: è facile condividere una foto, dà la possibilità di discutere direttamente coi lettori e ha molti altri strumenti del giornalismo online del futuro.

Vox Media sta aumentando in maniera esponenziale i suoi lettori e le sue pubblicazioni: dal 2008 - anno della sua nascita - a oggi ha raccolto circa 80 milioni di dollari di capitali da diversi investitori tra i quali figura Comcast Interactive Capital. Adesso - come si legge nell'editoriale di presentazione del sito - Klein e soci sono pronti a lavorare sulla nuova piattaforma con un'indicazione da non dimenticare: "Saremo sempre un work in progress".

Klein è solo l'ultima star del giornalismo americano a lasciare la propria testata. Nate Silver, la star del New York Times delle statistiche politiche, ha abbandonato il quotidiano per rilanciare FiveThirtyEight, in collaborazione con Espn. I fondatori di AllThingsD, Kara Swisher e Walt Mossberg, hanno aperto il loro nuovo sito di tecnologia abbandonando il Wall Street Journal.

E ancora Glenn Greenwald, l'ex giornalista del Guardian che ha fatto esplodere lo scandalo Datagate, ha lanciato First Look Media. Infine Andrew Sullivan, il blogger di Atlantic e del Daily Beast, si fa finanziare direttamente dai suoi lettori.

Altri Servizi

A Wall Street, fa paura il coronavirus

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
AP

Pelosi con Trump: "Non vi avvicinate a Huawei"

La speaker della Camera Usa avverte gli alleati: "Non mettete le vostre comunicazioni in mano a un governo autocratico che non condivide i nostri valori"
Ap

"Questa è la più insidiosa forma di aggressione, avere le comunicazioni, la 5G, dominate da un governo autocratico che non condivide i nostri valori". L'attacco è contro Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni accusato dagli Stati Uniti di essere al servizio del governo di Pechino per spiare l'Occidente, ma l'autore non è, come potrebbe sembrare, il presidente Donald Trump, bensì la democratica Nancy Pelosi, la speaker della Camera, che per una volta, almeno, è della stessa opinione della Casa Bianca.

Wall Street, l'attenzione resta sul coronavirus

Il presidente della Fed, Jerome Powell, atteso da un'altra giornata di testimonianza in Congresso
AP

Usa 2020, primarie in New Hampshire: sorpresa Klobuchar?

Salita al terzo posto nei sondaggi, da lei i 'delusi' di Biden
AP

Amy Klobuchar potrebbe essere la sorpresa delle primarie in New Hampshire, e non solo. La senatrice del Minnesota, sempre convincente nei dibattiti, sta cominciando a riempire i luoghi dei suoi comizi e molti analisti credono che possa togliere molti voti all'ex vicepresidente Joe Biden, in caduta libera in New Hampshire e superato per la prima volta dal senatore Bernie Sanders in un sondaggio nazionale. Potrebbe essere lei, insomma, la candidata dei moderati.

Usa 2020, caucus Iowa: Sanders chiederà il riconteggio

Assegnati 14 delegati a Buttigieg, 12 al senatore del Vermont
Ap

Lo staff elettorale del senatore statunitense Bernie Sanders ha detto che chiederà il 'riconteggio' dei voti ai caucus dell'Iowa, dopo che il partito democratico ha comunicato l'assegnazione dei delegati statali equivalenti (SDE) e del corrispondente numero di delegati alla convention nazionale. L'ex sindaco Pete Buttigieg ha ottenuto 14 delegati "impegnati" (a rispettare il voto popolare), mentre il senatore Bernie Sanders, che è stato il più votato, ne ha ottenuti 12. La senatrice Elizabeth Warren ne ha conquistati otto, l'ex vicepresidente Joe Biden sei e la senatrice Amy Klobuchar uno.

Usa 2020, Buttigieg risponde a Rush Limbaugh: "Amo mio marito e non prendo lezioni sulla famiglia"

Il candidato dem alla Casa Bianca replica alle affermazioni omofobe del commentatore radiofonico di destra
Wikipedia

Pete Buttigieg, candidato democratico alla Casa Bianca apertamente gay, ha replicato alle recenti affermazioni omofobe di Rush Limbaugh, commentatore radiofonico di destra, secondo cui l'America "non è pronta per avere un presidente gay". "Amo mio marito, sono fedele a mio marito. Sul palco solitamente ci abbracciamo e basta, ma lo amo moltissimo", ha detto l'ex sindaco di South Bend in un'intervista rilasciata a Dana Bash nel programma "State of the Union" sulla Cnn nella quale ha poi sottolineato: "Non prendo lezioni sui valori della famiglia da un presentatore radio conservatore".

Oltre mille procuratori americani hanno chiesto le dimissioni di William Barr

Il procuratore generale accusato insieme a Trump di "interferenze nell’amministrazione della Giustizia"
Wikipedia

Gli Usa valutano lo stop all'export in Cina di motori GE

In ballo c'è la concessione della licenza che permette alla CFM International, una joint venture tra GE e la francese Safran, di incrementare la fornitura alla Cina dei motori a reazione Leap 1C
General Electric

Ci sono 607 miliardari negli Usa: solo 5 sono afroamericani

Business Insider analizza la lista di Forbes dei Paperoni d’America
AP

Iraq, razzi vicino ad ambasciata americana di Baghdad

Non ci sono vittime. Si tratta del 19 attacco che coinvolge gli Usa in quattro mesi