Arriva Vox, il nuovo sito di Ezra Klein (ex Washington Post)

Il blogger 29enne nella nuova avventura tra giornalismo e tecnologia. Ma la nostra testata sarà sempre un "work in progress"

Lo aveva annunciato lo scorso 21 gennaio, dopo aver lasciato il Washington Post e il fortunato blog di politica da lui fondato Wonkblog. Nella notte di domenica il giornalista Ezra Klein è andato online con Vox.com, sito con poco più di 20 redattori e un budget per più anni di circa 10 milioni di dollari: l'idea alla base dell'impresa è quella di diffondere notizie mescolando il giornalismo più autorevole alle nuove tecnologie.

Ci era riuscito su un altro terreno già con Wonkblog che in pochi anni sei era trasformato in una miniera d'oro per il quotidiano di Washington DC, con 4 milioni di pagine visitate al mese. Klein, 29 anni, pur sostenendo che il Washington Post sia una pubblicazione eccellente - racconta al New York Times - ha lasciato perché voleva uscire dalle dinamiche della carta stampata, dove tutte le redazioni lavorano per arrivare alla pubblicazione del giornale in edicola. Ma soprattutto il blogger sognava di creare qualcosa di nuovo grazie al sostegno di Vox Media, un gruppo in costante crescita che possiede siti come il portale dedicato allo sport, SB Nation, e il sito di tecnologia, The Verge.
Secondo Klein, Vox Media aveva gli strumenti che lui stava cercando: "Dopo il primo incontro abbiamo capito che saremmo andati lì" a sviluppare il nostro progetto, ha detto il blogger. Punto di forza dei siti di Vox Media è Chorus, il sistema editoriale che permette ai redattori di usare tutte le potenzialità della rete: è facile condividere una foto, dà la possibilità di discutere direttamente coi lettori e ha molti altri strumenti del giornalismo online del futuro.

Vox Media sta aumentando in maniera esponenziale i suoi lettori e le sue pubblicazioni: dal 2008 - anno della sua nascita - a oggi ha raccolto circa 80 milioni di dollari di capitali da diversi investitori tra i quali figura Comcast Interactive Capital. Adesso - come si legge nell'editoriale di presentazione del sito - Klein e soci sono pronti a lavorare sulla nuova piattaforma con un'indicazione da non dimenticare: "Saremo sempre un work in progress".

Klein è solo l'ultima star del giornalismo americano a lasciare la propria testata. Nate Silver, la star del New York Times delle statistiche politiche, ha abbandonato il quotidiano per rilanciare FiveThirtyEight, in collaborazione con Espn. I fondatori di AllThingsD, Kara Swisher e Walt Mossberg, hanno aperto il loro nuovo sito di tecnologia abbandonando il Wall Street Journal.

E ancora Glenn Greenwald, l'ex giornalista del Guardian che ha fatto esplodere lo scandalo Datagate, ha lanciato First Look Media. Infine Andrew Sullivan, il blogger di Atlantic e del Daily Beast, si fa finanziare direttamente dai suoi lettori.

Altri Servizi

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap