AT&T: giudice dà ok a merger con Time Warner, al via risiko dei media

Dura sconfitta per l'amministrazione Trump. Attesa l'offerta di Comcast sugli asset che 21st Century Fox ha promesso a Disney

AT&T e Time Warner possono convolare a nozze senza alcuna condizione. Un giudice federale ha dato il suo via libera a un merger da 80 miliardi di dollari, originariamente annunciato nell'ottobre 2016, spianando la strada a un risiko del settore dei media. Tra qualche ora Comcast - che controlla NBCUniversal - potrebbe lanciare la sua offerta in contanti per gli asset che 21st Century Fox ha già promesso a Walt Disney in un'operazione in azioni da 52,4 miliardi di dollari. Per l'amministrazione Trump, la decisione rappresenta un duro colpo: nel novembre 2017 la Giustizia Usa aveva bloccato il merger sostenendo che avrebbe leso i consumatori.

Il colosso delle telecomunicazioni si è detto "felice" della decisione e "impaziente" di completare il merger entro il 20 giugno prossimo "o prima" in modo tale da "dare ai clienti un intrattenimento video che sia più economico e innovativo". Daniel Petrocelli, il principale avvocato di AT&T e Time Warner, ha affermato: "Siamo delusi che ci siano voluti 18 mesi ma il caso è ormai alle nostre spalle". Per lui, la decisione del giudice Richard Leon "non ci ha affatto sorpreso" e il governo "non ha potuto presentare prove credibili a sostegno delle sue tesi".

Il dipartimento di Giustizia si è detto invece "deluso" e ha comunicato che deciderà il da farsi per "preservare la competizione".

Alla fine avevano ragione gli analisti che avevano scommesso su un semaforo verde da parte di Leon in quello che è stato il contenzioso più importante degli ultimi decenni riguardante un merger verticale e che raramente era stato bloccato dalle autorità antitrust. Il sospetto era che la mossa della Giustizia fosse dettata da motivi politici. Nell'ottobre 2016, pochi giorni prima della sua vittoria shock alle elezioni presidenziali Usa, Donald Trump (che spesso ha criticato Cnn) aveva detto che avrebbe ostacolato la fusione tra AT&T e Time Warner perché comportava "troppo potere in troppe poche mani". Parlando alla stampa fuori dal tribunale dove il giudice ha annunciato la sua decisione, Petrocelli ha spiegato che non è stato possibile determinare se la mossa della Giustizia Usa, che giunse a sorpresa, fosse di tipo politico. Il giudice ha espressamente voluto lasciare fuori dal caso presunte accuse di interferenza della Casa Bianca. Di certo, la decisione di Leon rappresenta una buona notizia per l'M&A.

La reazione dei titoli
La reazione dei titoli è stata repentina nel dopo mercato a Wall Street: AT&T ha perso il 2% successivamente a una seduta finita in rialzo dello 0,5% a 34,35 dollari. Time Warner ha guadagnato oltre il 4% dopo una seduta poco mossa chiusa a 96,22 dollari. Disney ha perso l'1,5% nell'after-hours successivamente a una seduta poco mossa terminata a 104,33 dollari. Comcast ha perso quasi il 5% ma in giornata aveva aggiunto l'1,2% a 32,38 dollari. 21st Century Fox ha corso del 6% dopo una seduta in aumento dell'1,18% a 40,39 dollari, segno che il mercato si aspetta una guerra tra Comcast e Disney per aggiudicarsi gli asset che Rupert Murdoch vuole cedere. Viacom (+3,6%) e Cbs (+4,8%), che stanno studiando se tornare sotto lo stesso tetto, hanno a loro volta corso nel dopo mercato.

Altri Servizi

Il Canada legalizza la marijuana, sell-off per i titoli di gruppi produttori

Diventa il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a consentire la vendita di quella a uso ricreativo e non solo medico

Il Canada diventa oggi il più grande paese al mondo (e il secondo dopo l'Uruguay) a legalizzare la marijuana a uso recreativo. Nonostante questo, i titoli di aziende produttrici di marijuana soffrono, in alcuni casi anche vistosamente.

Nuovo fronte di Trump contro la Cina: Usa fuori da trattato postale internazionale

Fu creato nel 1874 ed era pensato per agevolare lo sviluppo di nazioni povere concedendo commissioni basse per le spedizioni di pacchi. Per Washington, Pechino se ne è approfittata

Il presidente americano, Donald Trump, vuole aprire un nuovo fronte nella sua battaglia commerciale con la Cina. Come? Ritirando gli Stati Uniti da un trattato postale vecchio di 144 anni che ha permesso alle aziende cinesi di inviare pacchi di piccole dimensioni in Usa a un tasso decisamente scontato.

La minaccia velata di Riad: usare di nuovo il petrolio come arma politica

Tagliare la produzione per fare schizzare i prezzi del barile. E' questa la mossa temuta dagli investitori da parte dell'Arabia Saudita

Il petrolio al Nymex viaggia in modo volatile mentre il mercato si concentra sulle crescenti tensioni tra Usa e Arabia Saudita per via della scomparsa del giornalista saudita Jamal Khashoggi. 

Uber valuta uno scorporo delle attività a guida autonoma in vista dell'Ipo

Il gruppo ne manterrebbe il controllo ma potrebbe condividerne gli ingenti costi con i partner. Modello simile a quello di Cruise (GM)

In vista dell'Ipo stimata nel 2019, per il quale è stato valuto 120 miliardi di dollari da alcune banche, Uber sta valutando se scorporare le attività costose legate alla guida autonoma.

Netflix: la crescita degli abbonati straccia le stime

Utili triplicati nel terzo trimestre. Ricavi cresciuti più del previsto (+34% a 4 miliardi di dollari). Aumenta la cassa bruciata. Pesano investimenti in contenuti originali
iStock

Nel terzo trimestre del 2018, Netflix è tornato a sorprendere in positivo, motivo per cui il titolo a Wall Street ieri nell'after-hours era arrivato a guadagnare fino al 13%: il gruppo di video in streaming ha registrato un aumento degli abbonati superiore alle stime, cosa che ha fatto venire meno i timori di un rallentamento che erano sorti con la trimestrale precedente. Il gruppo ha inoltre visto triplicare gli utili rispetto a un anno prima e ha registrato ricavi in aumento del 34%, più del previsto, anche se ha continuato a bruciare cassa a un passo più rapido che in passato. Il tutto mentre investe sempre di più sui contenuti, per i quali secondo gli analisti spenderà quest'anno 12 miliardi di dollari, 4 miliardi in più di quelli annunciati dall'azienda.

Per il terzo mese di fila la Cina riduce i Treasury in suo possesso

Ad agosto la quantità in mano a Pechino è scesa ai minimi del giugno 2017 ma il calo non è significativo. Anche il Giappone ha venduto mentre l'Arabia Saudita ha comprato

Per il terzo mese di fila, ad agosto, la Cina ha ridotto la quantità di Treasury in suo possesso portandola ai minimi del giugno 2017, quando erano a 1.147 miliardi di dollari.

Il primo anno fiscale completo di Trump chiuso con deficit al top del 2012

E' salito del 17% a 779 miliardi di dollari, top del 2012. Come percentuale del Pil, il dato è cresciuto al 3,9% dal 3,5%. Timori su sostenibilità dei conti pubblici

Nel primo anno fiscale completo dell'era Trump, il deficit federale americano è salito ai massimi di sei anni fa. E' l'effetto della politica fiscale espansiva voluta dal presidente Donald Trump, fatta di tagli alle tasse e maggiori spese (anche militari).

Nyt: Kushner non ha pagato tasse per anni

Il genero di Donald Trump ha usufruito di pesanti sgravi fiscali nel periodo tra il 2009 e il 2016

Nel periodo tra il 2009 e il 2016 Jared Kushner, genero di Donald Trump e consigliere della Casa Bianca, non ha pagato tasse o ne ha pagate pochissime. A scriverlo è il New York Times che cita documenti finanziari riservati tra cui carte compilate, con la collaborazione dello stesso immobiliarista, da un istituto finanziario in vista della concessione di un prestito.