AT&T: giudice dà ok a merger con Time Warner, al via risiko dei media

Dura sconfitta per l'amministrazione Trump. Attesa l'offerta di Comcast sugli asset che 21st Century Fox ha promesso a Disney

AT&T e Time Warner possono convolare a nozze senza alcuna condizione. Un giudice federale ha dato il suo via libera a un merger da 80 miliardi di dollari, originariamente annunciato nell'ottobre 2016, spianando la strada a un risiko del settore dei media. Tra qualche ora Comcast - che controlla NBCUniversal - potrebbe lanciare la sua offerta in contanti per gli asset che 21st Century Fox ha già promesso a Walt Disney in un'operazione in azioni da 52,4 miliardi di dollari. Per l'amministrazione Trump, la decisione rappresenta un duro colpo: nel novembre 2017 la Giustizia Usa aveva bloccato il merger sostenendo che avrebbe leso i consumatori.

Il colosso delle telecomunicazioni si è detto "felice" della decisione e "impaziente" di completare il merger entro il 20 giugno prossimo "o prima" in modo tale da "dare ai clienti un intrattenimento video che sia più economico e innovativo". Daniel Petrocelli, il principale avvocato di AT&T e Time Warner, ha affermato: "Siamo delusi che ci siano voluti 18 mesi ma il caso è ormai alle nostre spalle". Per lui, la decisione del giudice Richard Leon "non ci ha affatto sorpreso" e il governo "non ha potuto presentare prove credibili a sostegno delle sue tesi".

Il dipartimento di Giustizia si è detto invece "deluso" e ha comunicato che deciderà il da farsi per "preservare la competizione".

Alla fine avevano ragione gli analisti che avevano scommesso su un semaforo verde da parte di Leon in quello che è stato il contenzioso più importante degli ultimi decenni riguardante un merger verticale e che raramente era stato bloccato dalle autorità antitrust. Il sospetto era che la mossa della Giustizia fosse dettata da motivi politici. Nell'ottobre 2016, pochi giorni prima della sua vittoria shock alle elezioni presidenziali Usa, Donald Trump (che spesso ha criticato Cnn) aveva detto che avrebbe ostacolato la fusione tra AT&T e Time Warner perché comportava "troppo potere in troppe poche mani". Parlando alla stampa fuori dal tribunale dove il giudice ha annunciato la sua decisione, Petrocelli ha spiegato che non è stato possibile determinare se la mossa della Giustizia Usa, che giunse a sorpresa, fosse di tipo politico. Il giudice ha espressamente voluto lasciare fuori dal caso presunte accuse di interferenza della Casa Bianca. Di certo, la decisione di Leon rappresenta una buona notizia per l'M&A.

La reazione dei titoli
La reazione dei titoli è stata repentina nel dopo mercato a Wall Street: AT&T ha perso il 2% successivamente a una seduta finita in rialzo dello 0,5% a 34,35 dollari. Time Warner ha guadagnato oltre il 4% dopo una seduta poco mossa chiusa a 96,22 dollari. Disney ha perso l'1,5% nell'after-hours successivamente a una seduta poco mossa terminata a 104,33 dollari. Comcast ha perso quasi il 5% ma in giornata aveva aggiunto l'1,2% a 32,38 dollari. 21st Century Fox ha corso del 6% dopo una seduta in aumento dell'1,18% a 40,39 dollari, segno che il mercato si aspetta una guerra tra Comcast e Disney per aggiudicarsi gli asset che Rupert Murdoch vuole cedere. Viacom (+3,6%) e Cbs (+4,8%), che stanno studiando se tornare sotto lo stesso tetto, hanno a loro volta corso nel dopo mercato.

Altri Servizi

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Dalle ingerenze russe nelle elezioni Usa alla Siria: i temi sul tavolo del vertice Trump-Putin

L'incontro di lunedì 16 luglio, a Helsinki, avrà al centro delle discussioni anche l'Ucraina e la corsa agli armamenti
Ap

Quattro questioni saranno probabilmente al centro del summit di Helsinki di lunedì 16 luglio tra Donald Trump e Vladimir Putin: le ingerenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, l'Ucraina, la Siria e le armi nucleari. Le delegazioni statunitense e russa hanno fatto, finora, pochi progressi su ciascun argomento. Secondo Stephen Sestanovich del Council on Foreign Relations, però, ci sono buoni motivi per pensare che una o entrambe le parti approcceranno queste questioni in modo nuovo.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

Wall Street, attenzione rivolta al dato sull'inflazione

Occhi puntati anche sulle dispute commerciali
iStock

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Pfizer parla con Trump, rinvia il rincaro dei farmaci

Passo indietro, in attesa del piano del presidente Usa