AT&T e Time Warner: la decisione sulle nozze condizionerà l'M&A

L'annuncio di un giudice federale atteso il 12 giugno intorno alle 22 italiane. Ricadute per la sfida di Comcast a Disney e l'acquisto di Aetna da parte di CVS

E' iniziato il conto alla rovescia per la decisione di un giudice federale sulle nozze da 85,4 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner. Da quella decisione, attesa martedì 12 giugno, dipenderanno accordi di fusione e acquisizione che sono destinati a rivoluzione il settore delle tlc e quello dei media. 

Chiamando in causa più o meno indirettamente Madison Avenue (capitale della pubblicità), Hollywood e Silicon Valley, il caso antitrust avrà ricadute notevoli. Da esso dipenderà per esempio il contrattacco di Comcast contro Walt Disney per aggiudicarsi asset di 21st Century Fox. Anche T-Mobile US e Sprint stanno a guardare il destino del loro più grande competitor mentre si preparano a fondersi. E pure operazioni in settori diversi potrebbero essere condizionate: è il caso  dell'acquisizione di Aetna da parte di CVS.

Sostanzialmente, se il merger tra la compagnia telefonica e il colosso media che controlla Cnn verrà bloccato, la voglia di M&A tra gli executive americani potrebbe venire meno. Se invece arriverà un via libera, è attesa un'ondata di fusioni e acquisizioni.

Quando, nel novembre 2017, la Giustizia Usa bloccò le nozze tra AT&T e Time Warner, gli analisti furono stupiti. Il motivo? I due gruppi sono attivi in industrie collegate ma non hanno prodotti che si fanno concorrenza. Uno produce contenuti, l'altro li distribuisce. Quello che viene chiamato in gergo tecnico 'merger verticale' tipicamente ha sempre superato la prova dei regolatori senza troppe concessioni. Per questo molti analisti si aspettano che a vincere la partita siano le due aziende. Tuttavia, il giudice potrebbe dare l'ok al merger ma a certe condizioni.

La tesi della Giusizia Usa è che la fusione tra le due aziende lede i consumatori perché insieme le due società finiranno per alzare i prezzi e indebolire i rivali più nuovi. Per A&T e Time Warner, invece, le loro nozze sono necessarie per sopravvivere in un contesto sempre più competitivo e in cui i giganti dei video in streaming come Netflix e Amazon stanno prendendo piede.

Il destino dell'operazione è nelle mani del giudice Richard J Leon, scelto dall'ex presidente repubblicano George W Bush. Sarà lui che alle 22 italiane circa di martedì 12 giugno pubblicherà una versione ridotta della sua sentenza. Intorno a quell'ora la sua opinione completa sul caso potrebbe essere diffusa e potrebbe superare le 200 pagine. Quale che sia la sua decisione, chiunque ne uscirà perdente farà certamente ricorso.

Sono sostanzialmente tre gli scenari possibili:

- il merger viene promosso senza condizioni. Se così fosse, AT&T e Time Warner ne emergerebbero come vincitori e altri merger verticali guarderanno a questa partita per giustificare la loro. E' il caso dell'acquisizione da 69 miliardi di dollari di Aetna da parte della catena di farmacie CVS o dell'offerta da 52 miliardi lanciata da Cigna a Express Scripts. Inoltre, Comcast dovrebbe lanciare un'offerta per acquisire gli stess asset che 21st Century Fox ha già promesso a Disney nel dicembre 2017 in un'operazione da 52,4 miliardi.

- il merger viene bocciato. In questo caso il dipartimento di Giustizia canterebbe vittoria e potrebbe sentirsi giustificato nell'agire in modo ancora più aggressivo nei confronti di altre transazioni. L'uomo da monitorare in questo caso sarebbe Makan Delrahim, a capo dell'antitrust al dipartimento. Piuttosto che puntare su rimedi, tipici nei merger verticali, lui sembra preferire la cessione di asset. Se quest'ultima diventasse la norma, i mercati potrebbero reagire con nervosismo visto che si erano abituati ai rimedi.

- il merger viene approvato a certe condizioni. Si tratterebbe di un compromesso con varie possibili ricadute. AT&T e Time Warner hanno già fatto capire di non volere vendere alcun asset, tanto più che una simile richiesta è rara nei merger verticali.

Altri Servizi

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare la prossima settimana

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Dazi, la Cina cancella la ripresa dei negoziati commerciali con gli Usa

Washington e Pechino continuano a fronteggiarsi a colpi di imposte, ma la Cina "ha finito i proiettili". Colpire le aziende statunitensi nel Paese sarebbe un rischio troppo grande per la Repubblica popolare, che tiene aperta la porta a futuri colloqui
Ap

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap

Trump mette in dubbio le accuse di Ford, difende Kavanaugh e attacca la sinistra

Il presidente statunitense, piuttosto moderato nei commenti degli ultimi giorni, è 'esploso' venerdì mattina per difendere il giudice che ha nominato alla Corte Suprema
Ap

Wall Street: nel giorno delle "quattro streghe" solo il Dow da record

Scaduti future e opzioni. Per gli indici S&P, la maggiore riclassificazione dal 1999. Fed verso il terzo rialzo dei tassi del 2018. Nafta in bilico
AP

Airbnb sogna di premiare padroni di casa migliori con titoli del gruppo

Chiede all'autorità di borsa Usa un cambiamento delle regole sullo stock-sharing

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock