Attacchi hacker a Yahoo nel 2014. Usa accusano due spie russe

Si tratta delle prime accuse penali per questioni di cyber-sicurezza contro funzionari del Cremlino; avrebbero arruolato due hacker, di cui uno arrestato in Canada. Penetrati altri servizi email tra cui quello di Google
Yahoo

Come anticipato dal Washington Post, il dipartimento americano di Giustizia ha formalizzato le accuse contro due spie russe e due hacker per l'intrusione informatica a danno di Yahoo, quella risalente alla fine del 2014 ma annunciata dal gruppo tecnologico soltanto il 22 settembre scorso. Gli account colpiti erano stati oltre 500 milioni.

Ad essere accusati sono due membri dell'agenzia d'intelligence russa Fsb, quella sanzionata, tra le altre, dall'amministrazione Obama alla fine dello scorso dicembre per l'interferenza nelle elezioni presidenziali Usa. La Fsb è il successore del Kgb. Dei due hacker arruolati dai russi, uno è stato arrestato ieri in Canada. L'altro resta a piede libero all'estero.

Si tratta delle prime accuse penali per questioni di cyber-sicurezza contro funzionari del Cremlino; queste accuse - di hacking, di spionaggio economico e di furto di segreti commerciali - non hanno nulla a che fare con le intrusioni illecite a danno del Democratic National Committee, l'organo che governa il partito democratico, né con le indagini dell'Fbi sull'interferenza della Russia nella campagna per le elezioni presidenziali del 2016.

La mossa del dipartimento di Giustizia dimostra il desiderio crescente di Washington di punire i governi stranieri responsabili di cyber-attività illecite.

Le due spie russe accusate sono Dmitry Aleksandrovich Dokuchaev, 33 anni, e Igor Anatolyevich Sushchin, 43 anni, entrambi cittadini russi. I pirati informatici da loro "protetti, guidati, agevolati e pagati per collezionare informazioni attraverso intrusioni informatiche in Usa e altrove" sono Alexsey Alexseyevich Belan, un cittadino russo di 29 anni residente in Russia, e Karim Baratov, cittadino 22enne kazako e canadese residente in Canada.

Durante una conferenza stampa, un funzionario del dipartimento di Giustizia ha ricordato che Belan è l'hacker criminale "most wanted" dall'Fbi dal novembre 2013; era già stato accusato due volte dagli Usa di essersi intrufolato in aziende di e-commerce a danno di milioni di consumatori: nel giugno 2013 fu arrestato su richiesta di Washington in un Paese europeo ma fu poi capace di fuggire in Russia prima della sua estradizione. Siccome tra gli Usa e la Russia non c'è un trattato per l'estradizione, le autorità Usa sarebbero capaci di catturare i tre accusati ancora liberi solo se viaggiano in un Paese che è poi disposto a consegnarli agli Usa.

Come spiegato da Mary B. McCord, assistente del ministro alla Giustizia Usa, "gli imputati hanno preso di mira gli account Yahoo di funzionari del governo americano e russo incluso il personale militare, diplomatico e dedicato alla cyber-sicurezza". Secondo lei, "hanno preso di mira anche giornalisti russi, molti dipendenti di altri fornitori le cui reti sono state abusate e dipendenti di gruppi finanziari e commerciali".

Oltre ai nomi dei colpevoli dell'intrusione di hacker in Yahoo, a rappresentare una novità è il fatto che gli imputati abbiano usato le informazioni rubate in almeno 500 milioni di account del gruppo guidato da Marissa Mayer per accedere illecitamente ai contenuti di account non solo della stessa Yahoo ma anche di Google e di altri fornitori di servizi email. In particolare, l'hacker più ricercato dall'Fbi - Belan - ha usato la sua relazione con le spie russe e la sua capacità di accedere a Yahoo per trarne un profitto personale. Secondo il dipartimento di Giustizia, ha cercato e rubato dati finanziari come i numeri di carte di credito. E avendo avuto accesso a oltre 30 milioni di account Yahoo, ha sfruttato i contatti trovati per mettere a punto attività di spam.

Il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, ha detto in una nota che "il cyber-crimine rappresenta una minaccia significativa per la sicurezza e la prosperità della nostra nazione e questa è una delle più grandi intrusioni informatiche della storia".

Gli ha fatto eco il capo dell'Fbi, James Comey: "Continuiamo a fare venire meno l'anonimato che si cela dietro i cyber-crimini. I pirati informatici ci pensino due vole prima di prendere di mira persone e interessi americani". La polizia federale Usa ha promesso che continuerà a lavorare con il settore privato e con i partner internazionali per identificare i colpevoli di queste attività e per punirli "a prescindere da dove cerchino di nascondersi".

E' stato Brian Stretch, procuratore federale per il distretto settentrionale della California, a "lodare Yahoo e Google per avere garantito una cooperazione esemplare". Stretch ha detto che "non tollereremo intrusioni illegali e non autorizzate nell'infrastruttura informatica della Silicon Valley su cui contano i cittadini privati e l'economia globale".

McCord ha concluso dicendo che "gli Stati stranieri possono anche usare criminali comuni per accedere ai dati che desiderano ma le accuse odierne dimostrano che le nostre aziende non sono sole di fronte a questa minaccia".

Altri Servizi

Wall Street, il Dow Jones prova a ripartire dopo otto cali consecutivi

Serie peggiore dal 2011. Oggi atteso il dato sulla fiducia dei consumatori
AP

Trump, oggi l'ordine esecutivo sul clima per 'cancellare' Obama

La firma del presidente avverrà alle 20 (ora italiana); per la Casa Bianca, ci sarà attenzione per l'ambiente e per i posti di lavoro

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, firmerà oggi un ordine esecutivo per cancellare una parte importante delle politiche ambientali del predecessore, Barack Obama, e dare impulso alla produzione di energia. Trump sarà alla Environmental Protection Agency (Epa), l'agenzia federale che si occupa di ambiente, dove alle 14 (le 20 in Italia) firmerà l'Energy Independence Executive Order.

Salini Impregilo stringe dialogo Usa sulle note di Toscanini

Divisione americana Lane promuove tre concerti esclusivi a Washington e New York

Un tributo musicale al genio cosmopolita del maestro Arturo Toscanini per stringere un dialogo oltreoceano in un anno cruciale per i rapporti economici tra Stati Uniti e Italia: è questo il senso dei tre concerti esclusivi promossi a Washington e New York dal gruppo di costruzioni Salini Impregilo e dalla sua divisione americana Lane Construction Corporation. Nel 150esimo aniversario della nascita e a 60 anni dalla morte di Toscanini, lo spirito del leggendario direttore d’orchestra che nel secolo scorso sfidò i totalitarismi europei e trovò libertà negli Stati Uniti ha echeggiato lunedì sera tra i marmi cesellati e i mosaici policromi della Library of Congress sulle note di Verdi e Rossini interpretate magistralmente dall’Orchestra da Camera del Teatro La Scala. Stasera, sempre nella capitale americana, si replica per il grande pubblico alla Union Station alle 18 e domani, mercoledì 29 Marzo, il tour musicale, accompagnato dalla presentazione del libro “Toscanini – The Maestro: A Life in Pictures” e dalla proiezione della video biografia firmata da Harvey Sachs si conclude alla libreria Rizzoli di New York, sempre alle 18.

Elon Musk studia come impiantare microchip nel cervello

Il fondatore di Tesla e SpaceX presto potrebbe presentare Neuralink, un progetto per aumentare le capacità cognitive dell'umanità
AP

Prima ha cambiato il modo di fare pagamenti con PayPal. Poi ha puntato sulle auto elettriche e sul settore aerospaziale con Tesla e SpaceX. Adesso Elon Musk sa che nei prossimi anni l'intelligenza artificiale e l'interazione uomo-macchina diventeranno sempre più centrali. Per questo sta per presentare Neuralink, una società che studia il modo per impiantare microchip nel cervello, grazie ai quali, in futuro, saremo in grado di inserire dati o di scaricare pensieri dal nostro cervello. Lo scrive il Wall Street Journal che cita fonti anonime.

Facebook si dà alla musica per sfidare Spotify e YouTube

Il social network sta reclutando persone esperte nel settore per trattare con etichette musicali e mettere a punto le migliori licenze

Facebook sta sempre più puntando sulla musica per sfidare Spotify e YouTube. Il più grande social network al mondo è alla ricerca di tre top executive esperti del settore musicale per lavorare al suo quartier generale americano.

Trump: stop alla "guerra al carbone". E smantella leggi sul clima di Obama

Nuovo attacco all'eredità del precedessore, autore dell'atto più importante di un presidente americano per fermare i cambiamenti climatici e il surriscaldamento del pianeta

Con la promessa di "mettere fine alla guerra al carbone", Donald Trump ha firmato un ordine esecutivo con il quale smantella le regole volute dal suo predecessore Barack Obama. Dalla sede a Washington dell'Energia per la protezione ambientale, il presidente americano tira dritto con la sua volontà di ottenere l'indipendenza energetica degli Stati Uniti e di rilanciare l'occupazione nelle miniere, obiettivi che secondo alcuni osservatori non saranno facilmente raggiungibili.

Studiare in una università americana dopo la scuola superiore

Quello che bisogna sapere per scegliere e per essere ammessi in un college negli USA. Gli ostacoli da superare e gli strumenti migliori per battere la concorrenza nelle università più prestigiose
Unsplash

Cervelli in fuga non si nasce, si diventa. E il modo più semplice per diventarlo è 'studiarlo' a scuola. Abbiamo provato a confezionare una sorta di guida per iscriversi in una università americana dopo avere ottenuto un diploma di scuola superiore in Italia. Entrare in questo mondo di football, confraternite e campus da film, e ottenere una laurea in una università americana, è in assoluto la linea più diretta per andare a un punto A (non avere chiare prospettive di lavoro in Italia dopo la laurea) a un punto B (trovare un lavoro in America).

Il Dnc in crisi chiede le dimissioni di tutto il suo staff

L'organo che governa il partito democratico americano sta conducendo interviste per decidere chi resta e chi no e per determinare la direzione del partito stesso dopo l'amara sconfitta elettorale e le rivelazioni imbarazzanti
AP

Il Democratic National Committee, l'organo che governa il partito democratico americano, ha chiesto le dimissioni di tutti i membri del suo staff. Questi ultimi sono chiamati a presentare una lettera entro il 15 aprile. Lo sostiene NBC News, secondo cui l'uomo scelto a febbraio per guidare il Dnc ha lanciato una riorganizzazione totale. Si tratta di Tom Perez, 55 anni, ex segretario al Lavoro durante la presidenza di Barack Obama e simbolo della continuità rispetto a Keith Ellison, l'unico altro front runner per quell'incarico e che ha fatto la storia essendo il primo parlamentare musulmano (si convert" a 19 anni) e il primo afroamericano a rappresentare come deputato lo Stato del Minnesota a Washington.

La battaglia tra conservatori e liberal alla Casa Bianca arriva anche al Tesoro

Dalla parte del segretario Mnuchin ci sarebbero Ivanka Trump e il marito oltre a Gary Cohn, l'ex presidente di Goldman ora a capo dei consiglieri economici di Trump. Contro di lui lo stratega del presidente, Bannon

La frattura interna al partito repubblicano ha affossato, per il momento, il progetto di riforma sanitaria con cui Donald Trump intendeva superare Obamacare. E adesso rischia anche di travolgere un altro dei capisaldi del programma del nuovo presidente Usa: la modifica del codice tributario con un drastico taglio delle tasse. La culla dei nuovi malumori ha sede nel dipartimento del Tesoro: dentro l'amministrazione Usa si sta giocando un pugno di ferro tra due fazioni opposte sul ruolo del segretario Steven Mnuchin. Con la fronda dei nazionalisti guidata dallo stratega Steve Bannon e dal consigliere Stephen Miller, sul piede di guerra contro quelli che considera intrusi "liberal" nel governo di Donald Trump. Lo scrive Politico.

Trump fa marcia indietro, l'Obamacare resta (per ora)

"Ryancare" ritirata, mancavano i voti per la sua approvazione. Il presidente dà la colpa ai democratici. La prossima sfida è la riforma fiscale

Donald Trump fa marcia indietro. Piuttosto che mettere al voto un disegno di legge che non sarebbe mai stato approvato, il presidente americano ha chiamato lo speaker alla Camera per dire di ritirare la riforma sanitaria pensata per abrogare e sostituire l'Obamacare. Si tratta di un'amara ammissione del fatto che né le minacce e gli ultimatum dell'inquilino della Casa Bianca né il pressing di Paul Ryan sono bastati per convincere l'ala più conservatrice del partito repubblicano ad allinearsi e promettere di votare "sì".