Attacchi hacker a Yahoo nel 2014. Usa accusano due spie russe

Si tratta delle prime accuse penali per questioni di cyber-sicurezza contro funzionari del Cremlino; avrebbero arruolato due hacker, di cui uno arrestato in Canada. Penetrati altri servizi email tra cui quello di Google
Yahoo

Come anticipato dal Washington Post, il dipartimento americano di Giustizia ha formalizzato le accuse contro due spie russe e due hacker per l'intrusione informatica a danno di Yahoo, quella risalente alla fine del 2014 ma annunciata dal gruppo tecnologico soltanto il 22 settembre scorso. Gli account colpiti erano stati oltre 500 milioni.

Ad essere accusati sono due membri dell'agenzia d'intelligence russa Fsb, quella sanzionata, tra le altre, dall'amministrazione Obama alla fine dello scorso dicembre per l'interferenza nelle elezioni presidenziali Usa. La Fsb è il successore del Kgb. Dei due hacker arruolati dai russi, uno è stato arrestato ieri in Canada. L'altro resta a piede libero all'estero.

Si tratta delle prime accuse penali per questioni di cyber-sicurezza contro funzionari del Cremlino; queste accuse - di hacking, di spionaggio economico e di furto di segreti commerciali - non hanno nulla a che fare con le intrusioni illecite a danno del Democratic National Committee, l'organo che governa il partito democratico, né con le indagini dell'Fbi sull'interferenza della Russia nella campagna per le elezioni presidenziali del 2016.

La mossa del dipartimento di Giustizia dimostra il desiderio crescente di Washington di punire i governi stranieri responsabili di cyber-attività illecite.

Le due spie russe accusate sono Dmitry Aleksandrovich Dokuchaev, 33 anni, e Igor Anatolyevich Sushchin, 43 anni, entrambi cittadini russi. I pirati informatici da loro "protetti, guidati, agevolati e pagati per collezionare informazioni attraverso intrusioni informatiche in Usa e altrove" sono Alexsey Alexseyevich Belan, un cittadino russo di 29 anni residente in Russia, e Karim Baratov, cittadino 22enne kazako e canadese residente in Canada.

Durante una conferenza stampa, un funzionario del dipartimento di Giustizia ha ricordato che Belan è l'hacker criminale "most wanted" dall'Fbi dal novembre 2013; era già stato accusato due volte dagli Usa di essersi intrufolato in aziende di e-commerce a danno di milioni di consumatori: nel giugno 2013 fu arrestato su richiesta di Washington in un Paese europeo ma fu poi capace di fuggire in Russia prima della sua estradizione. Siccome tra gli Usa e la Russia non c'è un trattato per l'estradizione, le autorità Usa sarebbero capaci di catturare i tre accusati ancora liberi solo se viaggiano in un Paese che è poi disposto a consegnarli agli Usa.

Come spiegato da Mary B. McCord, assistente del ministro alla Giustizia Usa, "gli imputati hanno preso di mira gli account Yahoo di funzionari del governo americano e russo incluso il personale militare, diplomatico e dedicato alla cyber-sicurezza". Secondo lei, "hanno preso di mira anche giornalisti russi, molti dipendenti di altri fornitori le cui reti sono state abusate e dipendenti di gruppi finanziari e commerciali".

Oltre ai nomi dei colpevoli dell'intrusione di hacker in Yahoo, a rappresentare una novità è il fatto che gli imputati abbiano usato le informazioni rubate in almeno 500 milioni di account del gruppo guidato da Marissa Mayer per accedere illecitamente ai contenuti di account non solo della stessa Yahoo ma anche di Google e di altri fornitori di servizi email. In particolare, l'hacker più ricercato dall'Fbi - Belan - ha usato la sua relazione con le spie russe e la sua capacità di accedere a Yahoo per trarne un profitto personale. Secondo il dipartimento di Giustizia, ha cercato e rubato dati finanziari come i numeri di carte di credito. E avendo avuto accesso a oltre 30 milioni di account Yahoo, ha sfruttato i contatti trovati per mettere a punto attività di spam.

Il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, ha detto in una nota che "il cyber-crimine rappresenta una minaccia significativa per la sicurezza e la prosperità della nostra nazione e questa è una delle più grandi intrusioni informatiche della storia".

Gli ha fatto eco il capo dell'Fbi, James Comey: "Continuiamo a fare venire meno l'anonimato che si cela dietro i cyber-crimini. I pirati informatici ci pensino due vole prima di prendere di mira persone e interessi americani". La polizia federale Usa ha promesso che continuerà a lavorare con il settore privato e con i partner internazionali per identificare i colpevoli di queste attività e per punirli "a prescindere da dove cerchino di nascondersi".

E' stato Brian Stretch, procuratore federale per il distretto settentrionale della California, a "lodare Yahoo e Google per avere garantito una cooperazione esemplare". Stretch ha detto che "non tollereremo intrusioni illegali e non autorizzate nell'infrastruttura informatica della Silicon Valley su cui contano i cittadini privati e l'economia globale".

McCord ha concluso dicendo che "gli Stati stranieri possono anche usare criminali comuni per accedere ai dati che desiderano ma le accuse odierne dimostrano che le nostre aziende non sono sole di fronte a questa minaccia".

Altri Servizi

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock

Come funziona la riforma delle prigioni che Trump promette di approvare?

Migliorerà le condizioni dei detenuti, dovrebbe liberare 4.000 carcerati federali, ma per il Senato non risolve il problema, visto che non diminuisce le pene per i reati minori

Cuba: cade un aereo, oltre 100 morti. Solo tre sopravvissuti

A bordo quasi solo turisti e una donna naturalizzata italiana. Negli anni '90 la compagnia aerea Cubana de Aviacion è stata coinvolta in diversi incidenti con decine di morti