Attacchi hacker a Yahoo nel 2014. Usa accusano due spie russe

Si tratta delle prime accuse penali per questioni di cyber-sicurezza contro funzionari del Cremlino; avrebbero arruolato due hacker, di cui uno arrestato in Canada. Penetrati altri servizi email tra cui quello di Google
Yahoo

Come anticipato dal Washington Post, il dipartimento americano di Giustizia ha formalizzato le accuse contro due spie russe e due hacker per l'intrusione informatica a danno di Yahoo, quella risalente alla fine del 2014 ma annunciata dal gruppo tecnologico soltanto il 22 settembre scorso. Gli account colpiti erano stati oltre 500 milioni.

Ad essere accusati sono due membri dell'agenzia d'intelligence russa Fsb, quella sanzionata, tra le altre, dall'amministrazione Obama alla fine dello scorso dicembre per l'interferenza nelle elezioni presidenziali Usa. La Fsb è il successore del Kgb. Dei due hacker arruolati dai russi, uno è stato arrestato ieri in Canada. L'altro resta a piede libero all'estero.

Si tratta delle prime accuse penali per questioni di cyber-sicurezza contro funzionari del Cremlino; queste accuse - di hacking, di spionaggio economico e di furto di segreti commerciali - non hanno nulla a che fare con le intrusioni illecite a danno del Democratic National Committee, l'organo che governa il partito democratico, né con le indagini dell'Fbi sull'interferenza della Russia nella campagna per le elezioni presidenziali del 2016.

La mossa del dipartimento di Giustizia dimostra il desiderio crescente di Washington di punire i governi stranieri responsabili di cyber-attività illecite.

Le due spie russe accusate sono Dmitry Aleksandrovich Dokuchaev, 33 anni, e Igor Anatolyevich Sushchin, 43 anni, entrambi cittadini russi. I pirati informatici da loro "protetti, guidati, agevolati e pagati per collezionare informazioni attraverso intrusioni informatiche in Usa e altrove" sono Alexsey Alexseyevich Belan, un cittadino russo di 29 anni residente in Russia, e Karim Baratov, cittadino 22enne kazako e canadese residente in Canada.

Durante una conferenza stampa, un funzionario del dipartimento di Giustizia ha ricordato che Belan è l'hacker criminale "most wanted" dall'Fbi dal novembre 2013; era già stato accusato due volte dagli Usa di essersi intrufolato in aziende di e-commerce a danno di milioni di consumatori: nel giugno 2013 fu arrestato su richiesta di Washington in un Paese europeo ma fu poi capace di fuggire in Russia prima della sua estradizione. Siccome tra gli Usa e la Russia non c'è un trattato per l'estradizione, le autorità Usa sarebbero capaci di catturare i tre accusati ancora liberi solo se viaggiano in un Paese che è poi disposto a consegnarli agli Usa.

Come spiegato da Mary B. McCord, assistente del ministro alla Giustizia Usa, "gli imputati hanno preso di mira gli account Yahoo di funzionari del governo americano e russo incluso il personale militare, diplomatico e dedicato alla cyber-sicurezza". Secondo lei, "hanno preso di mira anche giornalisti russi, molti dipendenti di altri fornitori le cui reti sono state abusate e dipendenti di gruppi finanziari e commerciali".

Oltre ai nomi dei colpevoli dell'intrusione di hacker in Yahoo, a rappresentare una novità è il fatto che gli imputati abbiano usato le informazioni rubate in almeno 500 milioni di account del gruppo guidato da Marissa Mayer per accedere illecitamente ai contenuti di account non solo della stessa Yahoo ma anche di Google e di altri fornitori di servizi email. In particolare, l'hacker più ricercato dall'Fbi - Belan - ha usato la sua relazione con le spie russe e la sua capacità di accedere a Yahoo per trarne un profitto personale. Secondo il dipartimento di Giustizia, ha cercato e rubato dati finanziari come i numeri di carte di credito. E avendo avuto accesso a oltre 30 milioni di account Yahoo, ha sfruttato i contatti trovati per mettere a punto attività di spam.

Il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, ha detto in una nota che "il cyber-crimine rappresenta una minaccia significativa per la sicurezza e la prosperità della nostra nazione e questa è una delle più grandi intrusioni informatiche della storia".

Gli ha fatto eco il capo dell'Fbi, James Comey: "Continuiamo a fare venire meno l'anonimato che si cela dietro i cyber-crimini. I pirati informatici ci pensino due vole prima di prendere di mira persone e interessi americani". La polizia federale Usa ha promesso che continuerà a lavorare con il settore privato e con i partner internazionali per identificare i colpevoli di queste attività e per punirli "a prescindere da dove cerchino di nascondersi".

E' stato Brian Stretch, procuratore federale per il distretto settentrionale della California, a "lodare Yahoo e Google per avere garantito una cooperazione esemplare". Stretch ha detto che "non tollereremo intrusioni illegali e non autorizzate nell'infrastruttura informatica della Silicon Valley su cui contano i cittadini privati e l'economia globale".

McCord ha concluso dicendo che "gli Stati stranieri possono anche usare criminali comuni per accedere ai dati che desiderano ma le accuse odierne dimostrano che le nostre aziende non sono sole di fronte a questa minaccia".

Altri Servizi

Wall Street digerisce i verbali del Fomc

Prevista una stretta a dicembre. Investitori alla finestra alla vigilia del Giorno del ringraziamento
AP

La Fed segnala una stretta a dicembre ma l'inflazione preoccupa

C'è chi teme anche la creazione di "squilibri" finanziari dovuti al rally dei prezzi delle varie asset class. Un loro cambio di rotta repentino lederebbe l'economia. Taglio delle tasse visto come più probabile

La Federal Reserve ha segnalato che un rialzo dei tassi potrebbe arrivare a dicembre nonostante l'inflazione resti al palo, cosa che sta iniziando a preoccupare alcuni dei suoi membri insieme alla formazione di potenziali "squilibri" finanziari. Mentre il mercato calcola il 91,5% di probabilità che nella riunione del mese prossimo i tassi verranno alzati di 25 punti base all'1,25-1,50%, la banca centrale americana ha spiegato - attraverso i verbali del meeting del 31 ottobre e 1 novembre scorsi - che una stretta sarà probabile "nel breve termine".

L'ex medico della nazionale Usa di ginnastica si è dichiarato colpevole di abusi sessuali

Larry Nassar ha ammesso per la prima volta gli abusi su sette ragazzine; ad accusarlo, però, sono più di 130 ex pazienti, tra cui tre campionesse olimpiche

L'ex medico della nazionale statunitense femminile di ginnastica artistica, Larry Nassar, si è dichiarato colpevole, in tribunale, di abusi sessuali ai danni di sette ragazzine, nell'ambito di un accordo che gli farà trascorrere in carcere almeno 25 anni; l'uomo è stato accusato di violenze sessuali da più di 130 ex pazienti, tra cui le olimpioniche Gabby Douglas, McKayla Maroney e Aly Raisman. Fino a oggi, Nassar aveva sempre sostenuto di aver solo eseguito legittime pratiche mediche.

HP Enterprise: Meg Whitman non sarà più Ceo, verso le presidenziali 2020?

Nel 2016 sostenne la candidatura di Clinton nonostante sia storicamente una repubblicana. Per ora, esclude categoricamente una discesa in campo

Hewlett Packard Enterprise (HPE) si prepara a cambiare Ceo. Il gruppo che offre servizi IT ha annunciato che Meg Whitman lascerà l'incarico dal febbraio 2018. La donna arrivata nel settembre 2011 al vertice della vecchia HP - che sotto la sua guida si è scorporata in due nel novembre del 2015, la nuova HP (produce pc e stampanti) e appunto HPE - cederà il ruolo all'attuale presidente dell'azienda, il cinquantenne Antonio Neri; da 23 anni nella galassia HP, avrà un salario base di un milione di dollari a cui potrà aggiungere bonus addizionali fino a 1,5 milioni. Whitman resterà nel consiglio di amministrazione del gruppo.

L'assassinio di JFK 54 anni fa. Ecco come reagì Wall Street

Tutto iniziò con un rumor. Poi il selloff. Il New York Stock Exchange chiuse in anticipo. Seduta da panico. Dow Jones -2,9%

Cinquantaquattro anni fa come oggi la giornata a Wall Street era iniziata in modo tranquillo. Due giorni prima Ira Haupt & Co era stata sospesa dalle contrattazioni. La società aveva investito in cisterne piene di olio vegetale alcune delle quali si rivelaro invece piene di acqua. Il mercato aveva accusato il colpo ma secondo alcuni trader per quel venerdì 22 novembre 1963 non era da escludere un rimbalzo. E infatti c'era chi aveva deciso di sfruttare i recenti ribassi puntando sulle azioni del produttore di stampanti Xerox; su quelle di Control Data Corporation, società di computer super veloci poi scomparsa negli anni '80, e su quelle di Polaroid. D'altra parte la prima macchina fotografica istantanea, lanciata nel 1948, era ancora un oggetto d'appeal. Nessuno ancora immaginava che la digitalizzazione avrebbe portato il gruppo in bancarotta due volte in sette anni, nel 2001 e nel 2008. L'azionario americano era in rally dall'ottobre del 1962, quando terminò la crisi legata ai missili cubani. Da quel momento all'ottobre 1963, il Dow Jones era in rialzo del 35%. A inizio novembre si era perso slancio, colpa della situazione geopolitica nel sud del Vietnam e il coinvolgimento degli Stati Uniti si stava scaldando. Ma in generale tutto era "business as usual", come dicono in America.

Oscar di Montigny all'America di Trump: sappia dare risposte

L'autore de "Il tempo dei nuovi eroi" vuole fare rete, anche a New York, per ottenere un nuovo possibile mondo, "più buono, più sano, più genuino"
Oscar di Montigny

Dice di non avere inventato nulla di nuovo, ma promuovendo in giro per il mondo il concetto di "giustezza" Oscar di Montigny vuole dare il suo "umile contributo" per alzare il livello di consapevolezza su certi temi. E vuole ispirare affinché gli "eroi" che altro non siamo riscoprano la loro dimensione più intima, ancorata a una innata bontà, per promuovere un'economia basata sul capitale creativo culturale, su trasparenza, gratitudine e responsabilità. E soprattutto sull'amore, che lui definisce "l'atto economico per eccellenza".

Disney: la mente creativa di Pixar si prende sei mesi, commessi "passi falsi"

John Lasseter chiede scusa. Donne costrette a voltare la faccia e a ricorrere a stratagemmi per evitare baci e palpeggiamenti
AP

Le molestie sessuali sembrano essere sempre di più una caratteristica dell'ambieti di lavoro in Usa. Da Hollywood a Capitol Hill passando per la Silicon Valley, un altro uomo è stato travolto dalle polemiche dovuto al suo comportamento inappropriato nei confronti delle donne.

Ottimismo a Wall Street, giornata di trimestrali

Tutti i principali indici hanno registrato record
AP

Gli Usa verso la fine della neutralità della rete: "Troppe regole frenano la crescita di internet"

Il capo della Fcc ha presentato il proprio piano, che sarà votato (e approvato) il 14 dicembre. I repubblicani metteranno fine alle regole volute da Obama, che equiparavano internet ai servizi di pubblica utilità

Ajit Pai, a capo della Federal Communications Commission (Fcc), l'agenzia che regola il settore delle comunicazioni negli Stati Uniti, ha presentato il piano repubblicano per cancellare le regole volute nel 2015 dall'amministrazione Obama a favore della neutralità della rete, il principio secondo cui non si può creare un rete a due velocità per favorire chi è disposto a pagare di più.

Molestie sessuali, emergono vecchie accuse contro un deputato democratico

Il caso di John Conyers, secondo la stampa Usa, è un esempio di un meccanismo segreto e perverso che permette ai parlamentari di tenere segrete le accuse di molestie

Il democratico John Conyers, il deputato statunitense che da più tempo siede alla Camera, ha licenziato un'impiegata che, secondo l'accusa, non avrebbe ceduto ai suoi approcci sessuali; poi, ha trovato un accordo con la donna, che aveva denunciato il licenziamento illegittimo. A riportare i fatti, risalenti al 2015, è stato il sito BuzzFeed. Come parte dell'accordo, Conyers non ha ammesso alcuna responsabilità; contattato da BuzzFeed per commentare il fatto, non ha voluto parlare. Conyers, 88 anni, è deputato dal 1965, in rappresentanza del Michigan.