L'australopiteco Lucy e la nuova ipotesi sulla sua morte: è caduta da un albero

E' quanto sostenuto da un team di scienziati statunitensi ma Donald Johanson, il paleontolgo che nel 1974 scoprì i reperti, non è d'accordo
a24

La nonna della specie umana, altrimenti nota come Lucy - uno scheletro di un australopiteco risalente a 3,2 milioni di anni fa - potrebbe essere morta per una caduta da un albero. Lo sostiene un team di ricercatori statunitensi che ha divulgato la notizia sulla rivista Nature. “La somiglianza con le fratture conseguenti a caduta riscontrate negli uomini ci fa supporre che sia questa la causa della morte di Lucy” ha riferito John Kappelman, l’antropologo che ha condotto lo studio presso l'Università del Texas, ad Austin. Dai calcoli degli scienziati, Lucy, che pesava meno di 30 chilogrammi, potrebbe aver subito lesioni simili cadendo da circa 15 metri di altezza.

La pubblicazione di questa teoria sulla rivista Nature ha immediatamente generato un dibattito all'interno della comunità scientifica. Il Guardian ha chiamato in causa altri esperti che hanno nettamente confutato la tesi. Tra questi Donald Johanson lo studioso che nel 1974 ha scoperto lo scheletro in Etiopia.

“La rottura delle ossa potrebbe spiegarsi in molti modi” ha detto il papà di Lucy, paleontologo presso l’università dell’Arizona - "l’idea che sia caduta da un albero è una storia indimostrabile". Ma Kappelman ha replicato affermando di non essere riuscito a trovare “una spiegazione convincente alla possibilità che le ferite siano state generate post mortem” magari per un calpestamento. Questo è infatti uno dei punti maggiormente contestati.

Tim White, paleontologo dell’università di Berkeley in California sulle colonne del Guardian ha spiegato che “le ferite create da forze geologiche naturali sono molto comuni nei fossili. Ogni singola parte dello scheletro di Lucy ha crepe. Gli autori di questa teoria dovrebbero essere in grado di indicare quali siano le ferite causate dalla caduta di un albero”.

Ma a questo interrogativo Kappelman ha candidamente risposto “Nessuno di noi era l". Certamente non abbiamo visto Lucy morire”.

La scoperta di Lucy risale al 1974. Johanson e il suo allievo, Tom Gray, stavano conducendo alcune ricerche presso il villaggio di Hadar nel nord dell'Etiopia ed è lì che hanno rinvenuto per caso un frammento di osso che li ha portati poi a scoprire gli altri resti, riuscendo a ricostruire il 40% dello scheletro.

La notte della scoperta la squadra di ricercatori ha festeggiato con una cena, bevendo diverse casse di birra e ascoltando l'album dei Beatles 'Sgt. Pepper’s Lonely Hearts Club Band"' in cui è contenuta la canzone 'Lucy in the Sky with Diamonds'. Qualcuno del team ha poi pensato di chiamare il fossile Lucy, in onore del pezzo scritto da John Lennon.

Altri Servizi

Google Assistant arriva sui telefoni Android

L’annuncio a sorpresa è arrivato al Mobile World Congress di Barcellona

Cinque mesi dopo aver introdotto Google Assitant, l’assistente virtuale del colosso di Mountain View che finora era disponibile solamente solamente sui Google Pixel, Alphabet ha annunciato il suo rollout su tutti i dispositivi con sistema operativo Android Nougat 7.0 e Android Marshmallow 6.0. Successivamente, come si legge su Bloomberg, verrà reso fruibile anche su alcuni dispositivi di partner recentemente annunciati, tra cui LG G6.

Aspettando gli Oscar, tra record, politica e diversità

Il musical "La La Land" è destinato a una pioggia di statuette in una edizione forse piena di critiche a Trump. Per la prima volta, potrebbero essere tre gli attori di colore vincitori
Fence © MMXVI Paramount Pictures Corporation

E' vero. Gli Oscar generalmente determinano quali film vengono finanziati e quanto i vincitori delle statuette verranno poi pagati. Ma l'edizione 2017, oltre a celebrare il cinema e la bravura dei vari artisti, si caratterizza anche per altri fattori: è meno bianca e più politica del solito. Nell'era Trump, non potrebbe essere che così.

Lilesa, il maratoneta in esilio che ha scelto l'Arizona

Alle Olimpiadi, ha vinto la medaglia d'argento, attraversando il traguardo con i polsi incrociati, sopra la testa. Un gesto politico, che non gli ha permesso di tornare in Etiopia
Ap

La sua protesta politica lo ha portato negli Stati Uniti, sui sentieri polverosi di Sedona, in Arizona, dove si allena, a 14.000 chilometri da casa. Una lontananza decisa dai 42,195 chilometri più importanti, finora, della sua vita, non solo agonistica.

Addio a Bill Paxton, astronauta di Apollo13

Aveva recitato anche in Alien e Titanic mentre per la tv, nella serie Big Love, aveva ricoperto il ruolo di Bill Henrickson

Bill Paxton, l’attore il cui volto da americano medio era particolarmente amato da James Cameron, il regista e amico che lo ha voluto in alcuni dei suoi film più celebri tra cui Terminator, Aliens e Titanic, è morto a 61 anni per delle complicazioni post-operatorie. L’annuncio è stato dato dalla famiglia dello stesso attore texano che ha rilasciato un comunicato stampa.

Trump, primo passo verso la costruzione del muro con il Messico

L'amministrazione ha pubblicato una richiesta preliminare per ricevere le proposte delle società interessate ai lavori. L'obiettivo è finire il muro nel 2020, con costi stimati che vanno dai 12 miliardi di Trump ai 38 miliardi della New America Foundation

L'amministrazione del presidente Donald Trump ha mosso il primo passo tangibile verso la costruzione del muro al confine tra gli Stati Uniti e il Messico. Lo U.S. Customs and Border Protection, agenzia federale responsabile del controllo delle frontiere e dell'immigrazione, ha pubblicato una richiesta preliminare per ricevere le proposte delle società interessate ai lavori.

Caos agli Oscar: vince "La La Land", ma è uno sbaglio. "Moonlight" è il migliore film

L'89esima edizione degli Academy Awards termina con un colpo di scena. Il musical con 14 nomination, se ne aggiudica sei. Il documentario italiano "Fuocoammare" non ce la fa. Il nostro Paese vince con il trucco
Ap

Come un perfetto film, l'89esima edizione degli Academy Awards è finita con un colpo di scena perfetto. "La La Land", il musical che si era presentato con un record di 14 nomination come solo "Titanic" (1997) e a "Eva Contro Eva" (1950) avevano fatto, è stato premiato come migliore film. Ma solo per sbaglio. Quando tutto il cast è salito sul palco del Dolby Theater a Los Angeles per festeggiare, subito si è visto qualcosa che andava storto. Emma Stone, fresca di vittoria come migliore attrice protagonista del musical, sembrava un po' sgomenta. Si guardava intorno. Cercava conferme. Ma quelle conferme non sono arrivate. E infatti "La La Land" non era il premiato giusto ma "Moonlight", film scritto e diretto da Barry Jenkins che racconta dai sobborghi di Miami il viaggio sentimentale di un giovane afroamericano che verso l'età adulta si scopre gay.

Scoperti sette pianeti simili alla Terra

Ruotano introno alla stella TRAPPIST-1 e sono abbastanza vicini al nostro sistema solare. Potrebbero ospitare acqua allo stato liquido e forse anche la vita

La scoperta di oggi della NASA non solo ci dà la possibilità di sognare, ma potrebbe essere l'inizio di uno studio per capire se esiste la vita all'esterno della Terra. L'agenzia spaziale americana ha annunciato che un team internazionale di scienziati ha scoperto un sistema di sette pianeti rocciosi, di dimensioni simili alla Terra che ruotano attorno a una stella nana, TRAPPIST-1.

Gli Stati Uniti stanno valutando l'uscita dal Consiglio dei diritti umani dell’Onu

Lo riporta Politico citando fonti anonime secondo cui il segretario di Stato, Rex Tillerson, avrebbe espresso scetticismo sull’organo delle Nazioni Unite

L’amministrazione americana sta valutando se far uscire gli Stati Uniti dal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, organo spesso accusato di avere un atteggiamento ostile nei confronti di Israele e allo stesso modo criticato per aver ammesso al suo interno governi ritenuti responsabili di diversi abusi. La notizia arriva da Politico che cita due fonti vicine ad attuali e ad ex funzionari americani.

Le cene di Trump: Sì a quella con Farage, no a quella con i corrispondenti della Casa Bianca

Il presidente americano incontra l’ex leader dell’Ukip nel suo hotel di Washington poche ore dopo l’annuncio su twitter della sua diserzione alla cena dei corrispondenti, evento che si tiene ogni anno a partire dal 1921

Per una cena che salta ce n’è una che spunta "misteriosamente" nella fitta agenda di Donald Trump. Nelle ultime ore infatti il presidente americano ha prima annunciato che non avrebbe presenziato alla cena annuale dei corrispondenti della stampa alla Casa Bianca, segnando così un’altra rottura con i media americani accusati di "fabbricare notizie false" e di essere "nemici del popolo". Poche ore dopo, invece, ha incontrato nel suo hotel di Washington - proprio a cena -  l'ex leader dell'Upik, il partito antieuropeo britannico, Nigel Farage. L’incontro in questione non era previsto tra gli impegni di Trump e nessuno della stampa al suo segutio era stato messo al corrente.

Mnuchin fa chiarezza, Trump non taglierà Medicare

Il segretario al Tesoro è intervenuto al programma "Sunday Morning Futures" su Fox News

La prima proposta di budget di Donald Trump non prenderà in considerazione tagli alla sicurezza sociale, a Medicare o ad altri programmi legati agli aiuti sociali federali. Anzi, il primo bilancio della neo amministrazione si concentrerà su modi per produrre una crescita economica di lungo termine tra cui è previsto un taglio alle tasse. Parola di Steve Mnuchin, il segretario al Tesoro, che è intervenuto su Fox News, al programma "Sunday Morning Futures".