Ryan critica i dazi, Trump minaccia il Nafta

Lo speaker repubblicano della Camera spera che il presidente si fermi. L'inquilino della Casa Bianca lega il destino delle tariffe su acciaio e alluminio a quello dell'accordo di libero scambio con Canada e Messico
AP

Mentre i repubblicani al Congresso hanno preso le distanze dall'intenzione di Donald Trump di introdurre dazi del 25% sull'acciaio e del 10% sull'alluminio in arrivo in Usa da tutti i Paesi, il presidente americano ha tirato dritto dicendo di credere che le tariffe preannunciate giovedì scorso "non causeranno una guerra commerciale". 

La posizione di Ryan
Lo speaker della Camera statunitense, il repubblicano Paul Ryan, si è augurato che il presidente Usa fermi il suo piano di imporre i pesanti dazi. Cosa che ha portato i mercati finanziari a sperare che le politiche protezionistiche peggiori non vedano la luce. Anche perché, secondo una fonte del Gop sentita da Cnbc, i leader del Congresso non escludono azioni se Trump imporrà davvero i dazi.

"Siamo estremamente preoccupati delle conseguenze di una guerra commerciale e sollecitiamo la Casa Bianca a non andare avanti con questo piano" ha detto la sua portavoce, AshLee Strong, attraverso un comunicato. "La nuova riforma fiscale ha dato slancio all'economia e non vogliamo certamente mettere a rischio questi rialzi", ha aggiunto.

La risposta di Trump
Il leader Usa ha risposto dallo Studio Ovale, dove ha accolto il premier israeliano Benjamin Netanyahu, dicendo che non ha intenzione di "fare un passo indietro". Come anticipato in un tweet mattutino, Trump ha però spiegato che potrebbe evitare di imporre tariffe sul Canada e sul Messico se riusciranno a rinegoziare il North American Free Trade Agreement (Nafta), definito di nuovo "un disastro". E' stata la prima volta che il presidente Usa ha legato il destino dei dazi a quello delle trattive - giunte al settimo round - sull'accordo di libero scambio siglato nel 1994 dalle tre nazioni. Lo aveva fatto con un tweet in cui aveva scritto: "Abbiamo un grosso disavanzo commerciale con Messico e Canada. Nafta, che proprio in questo momento è sottoposto a negoziati, è stato un pessimo accordo per gli Usa (...) Tariffe su acciao e alluminio saranno dismesse solo se un nuovo ed equo Nafta verrà sottoscritto". In più, il Cananda deve trattare i nostri allevatori molto meglio e il Messico "deve fare molto di più per impedire che le droghe arrivino negli Stati Uniti. Non hanno fatto ciò che deve essere fatto. Ci sono milioni di tossicodipendenti e di persone che stanno morendo".

Ue avvertita con Cina e Russia
Nel suo incontro con Bibi, Trump ha messo l'Unione europea con la Cina e la Russia tra gli accusati di pratiche commerciali ingiuste che ledono gli Stati Uniti. Il 45esimo presidente americano ha citato "la Cina, la Russia, l'Unione europea...hanno barriere commerciali che sono ben peggiori delle tariffe. Se vogliono fare qualcosa, tasseremo le loro auto. Abbiamo perso 800 miliardi di dollari all'anno in commercio. Il più grande problema è la Cina". Trump ha così rispolverato nei confronti della Ue le minacce ventilate già nel fine settimana, quando aveva detto che potrebbe imporre tariffe sulle auto se Bruxelles risponderà ai dazi preannunciati da Trump su alluminio e acciaio con altre tariffe a scapito di prodotti Made in Usa ed esportati nel Vecchio Continente. 

Le reazioni
Le tariffe annunciate dalla Casa Bianca giovedì scorso ancora non sono state ufficialmente introdotte. Ma fin da subito Canada e Messico hanno contestato la scelta. Il primo ministro canadese Justin Tradeu aveva definito i dazi "assolutamente inaccettabili" e aveva auspicato un'esclusione per Ottawa.

Ill ministro degli esteri messicano Luis Videgaray Caso ha risposto a Trump dicendo che quello dei traffici di droga ai confini tra Usa e Messico, è un problema da risolvere con un impegno comune: "Solo lavorando insieme e affrontando domanda e offerta possiamo fermare il flusso illegale di droga, denaro e armi che vanno in entrambe le direzioni", ha scritto su Twitter Videgaray.

Ildefonso Guajardo Villarreal, ministro messicano dell'economia, ha aggiunto:"Il Messico non dovrebbe essere incluso nelle tariffe di acciaio e alluminio. È il modo sbagliato di incentivare la creazione di un nuovo e moderno #NAFTA".

Il Canada è il più grande fornitore di acciaio e alluminio degli Usa: le industrie siderurgiche dei due Paesi sono talmente integrate che a rappresentare gli operai del settore (di entrambi) è un unico sindacato.

Nel 2017 il Messico è stato il quarto maggior fornitore negli Stati Uniti, il 10% del totale delle importazioni Usa.

Da quando si è insediato, Trump ha ripetutamente minacciato di ritirarsi da Nafta, che regola un quarto dell'economia globale.

Il presidente Trump dovrebbe emettere un ordine formale entro questa settimana e funzionari del Canada, del Messico e di altri Paesi si sono dati da fare per ottenere esenzioni, sebbene venerdì scorso il segretario al Commercio Usa, Wilbur Ross, abbia dichiarato che il presidente non vuole consentirne alcuna. La speranza di chi la desidera è fondata su un precedente: quando nel 2002 il presidente George W. Bush impose dazi sull'acciaio, sia il Canada sia il Messico vennero esclusi, limitando i danni economici per entrambe le nazioni.

Altri Servizi

Tentato stupro, Kavanaugh e la donna che lo accusa testimonieranno lunedì

Il giudice nominato per la Corte Suprema ha responto le accuse. Trump lo ha difeso
AP

Lunedì 24 settembre l'America avrà l'opportunità straordinaria di ascoltare l'uomo nominato dal presidente Usa per la Corte Suprema e la donna che lo ha accusato di tentato stupro. Il tutto a una cinquantina di giorni dalle elezioni di metà mandato.

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

I politici iracheni, ancora incapaci di formare un nuovo governo dopo le elezioni di maggio, hanno davanti un problema ancora più pressante: persuadere il presidente statunitense, Donald Trump, a concedere l'esenzione dal rispetto delle sanzioni contro l'Iran, perché in caso contrario Baghdad dovrebbe rinunciare - per non essere sanzionata da Washington - al 40% della sua energia elettrica, già insufficiente a soddisfare la domanda, perché dipendente dal gas iraniano.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

Bannon difende Salvini e Orbán: si stanno riprendendo la sovranità dei loro Paesi

L'ex stratega di ultra destra di Donald Trump: cercano di rendere migliori le loro nazioni

Stanno cercando di "riprendersi la sovranità dei loro Paesi". Per questo vanno lodati. Steve Bannon, l'ex stratega di ultra destra del presidente americano, Donald Trump, difende Matteo Salvini e Viktor Orbán, due uomini accumunati da una politica durissima in tema di migrazione. 

Trump invierà un sms a tutti i cellulari d'America, test per una "allerta presidenziale"

Il 20 settembre alle 20.18 italiane tutti i cellulari statunitensi riceveranno un messaggio. L'intento: testare un sistema da usare in caso di emergenze nazionali

Giovedì 20 settembre l'amministrazione americana invierà un sms a tutti i cellulari degli Stati Uniti. L'obiettivo: testare un sistema di allerta mai usato e pensato per mettere in guardia la popolazione in merito a emergenze nazionali.

Si avvicina la sentenza per Michael Flynn, l'ex consigliere di Trump mentì all'Fbi

Il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari

Quasi 10 mesi dopo essersi dichiarato colpevole di avere mentito all'Fbi, Michael Flynn, il primo consigliere per la sicurezza nazionale del presidente americano Donald Trump, si avvicina al momento della sua sentenza. L'ex generale che lavorò nella campagna elettorale del miliardario di New York diventato leader Usa rischia fino a sei mesi di carcere e una multa tra i 500 e i 9.500 dollari.

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock

La Giustizia Usa ordina a due media cinesi di registrarsi da agenti stranieri

Si tratta dell'agenzia Xinhua e dell'emittente China Global Television Network. Stesso destino toccato alle russe RT e Sputnik

Il dipartimento americano di Giustizia ha ordinato a due gruppi media cinesi controllati da Pechino di registrarsi da agenti stranieri. Lo riferisce il Wall Street Journal, secondo cui la mossa si colloca negli sforzi di Washington volti a combattere le interferenze straniere.

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.