L'auto autonoma di Google sarà offline per impedire attacchi hacker

La sicurezza è una "priorità" anche per la Chrysler Portal semi autonoma di Fca

Detroit - Il minivan autonomo che Alphabet, attraverso Waymo, ha presentato al salone dell'auto di Detroit sarà spesso offline per impedire attacchi hacker. E' la dimostrazione di come la sicurezza sia una priorità, anche per la Chrysler Portal, il concetto di auto elettrica e semi autonoma presentato da Fiat Chrysler Automobiles il tre gennaio scorso al Consumer Electronics Show a Las Vegas (Nevada).

Mentre John Krafcik, l'uomo a capo del progetto di self driving car fino al mese scorso parte di Google, ha spiegato al Financial Times che "le nostre vetture comunicheranno con il mondo esterno solo quando devono in modo tale che non ci sia una linea diretta che possa essere hackerata", sono i quattro giovani dietro al progetto Portal a spiegare che la "sicurezza è di primaria importanza". Dallo stand Fca al salone dell'auto di Detroit, Ashley Edgar (ingegnere del concetto Portal), Cindy Juette (interior design di Fca), Emilio Feliciano (addetto all'esperienza dell'utente per il concetto Portal) e Matt Dunford (exterior designer di Fca) hanno spiegato che cercheranno di capire se i consumatori vogliono una Portal che sia on e offline a seconda delle esigenze: "I consumatori vogliono avere a dispozione molte scelte; ma se sei offline, certe funzionalità del veicolo potrebbero non esserci".

I quattro non si sono sbilanciati su quale sarà la tempistica che porterà Portal sulle strade: "Vorremmo saperlo anche noi". Bocche cucite anche sull'investimento fino ad ora fatto e sul prezzo della vettura: "Vogliamo che sia abbordabile". Quello di cui sono certi è che fino ad ora "le reazioni sono state davvero positive".

Quanto ai minivan autonomi di Waymo - che altro non sono che vetture ibride a marchio Pacifica (del gruppo Fca) su cui poi è stata installata una specifica tecnologia per renderle autonome - Krafcik ha garantito: "Possono funzionare per periodi lunghi senza alcuna connessione" al web perché tutte le funzionalità di guida sono a bordo della vettura stessa; ci può essere un collegamento al cloud per inviare e ricevere informazioni sul traffico ma poi quel collegamento viene chiuso. Insomma, come ha spiegato il numero uno all'FT, le vetture Waymo non sono prodotte per dipendere da reti di comunicazione esterne rendendole così più sicure. "Pensateci. Se il sistema non funziona e si è dipendenti da esso, che si fa? La nostra auto è davvero self driving, non richiede una infrastruttura", ha concluso Krafcik.

Altri Servizi

Haley (Onu): ascoltiamo le donne che dicono di essere state molestate da Trump

L'ambasciatrice Usa alle Nazioni Unite in una intervista su CBS. Il suo parere è opposto a quello della Casa Bianca che invece ha definito i casi risolti
Ap

Nikki Haley, l'ambasciatore degli Stati Uniti alle Nazioni Unite, domenica ha detto che le donne che hanno accusato il presidente Usa Donald Trump di averle molestate e toccate senza il loro consenso "dovrebbero essere ascoltate".

Gli Usa rispondono alla Russia: pronti a sviluppare nuovi missili nucleari

Trump in questo modo ricatta Mosca e spera che decida di tornare a rispettare il trattato sulla non proliferazione di missili di media gittata, firmato nel 1987. Questa settimana previsto un incontro bilaterale a Washington

Gli Stati Uniti hanno avvertito la Russia che inizieranno a sviluppare nuovi missili nucleari a meno che Mosca non ritorni a rispettare il trattato di non proliferazione che è accusata di aver violato.

Wall Street: Dow da record grazie ai progressi sulla riforma fiscale

E' iniziata una rotazione a scapito dei titoli tecnologici
AP

Gerusalemme capitale, rottura tra palestinesi e statunitensi: Abu Mazen non riceverà Pence

Il presidente dell'Autorità palestinese annulla l'incontro con il vicepresidente statunitense previsto a giorni, a causa della decisione di Washington di riconoscere Gerusalemme come capitale d'Israele

Il presidente dell'Autorità palestinese, Abu Mazen, non riceverà il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, dopo la decisione del presidente Donald Trump di riconoscere unilateralmente Gerusalemme come capitale d'Israele. L'ha confermato il consigliere diplomatico di Abu Mazen, Majdi al Khaldi. "Non ci sarà un incontro con il vicepresidente americano in Palestina" ha detto al Khaldi. "Gli Stati Uniti hanno superato la linea rossa con la decisione su Gerusalemme".

Wall Street: occupazione Usa in primo piano

Creati più posti di lavoro del previsto ma i salari stentano a crescere. La Federal Reserve è pronta ad alzare i tassi la settimana prossima
AP

Persona dell'anno: Trump, Mueller e Kim tra i 10 finalisti di Time

Ci sono anche Kaepernick, i Dreamers, Bezos, la regista Jenkins, Xi e il movimento #MeToo
Fbi

La rivista Time ha annunciato i dieci finalisti per il titolo di 'Persona dell'anno' 2017, che è assegnato dal 1927. C'è Donald Trump, nonostante il 'rifiuto' del presidente statunitense, che ha detto di aver declinato la potenziale nomina perché troppo impegnato per rilasciare l'intervista e realizzare il servizio fotografico. Trump è stato nominato 'Persona dell'anno' nel 2016, un mese dopo aver vinto le elezioni presidenziali.

L'Organizzazione mondiale del commercio risponde a Trump

Dopo gli attacchi del presidente americano, Cina, Europa e Argentina chiedono rapporti bilaterali più stretti. Per Trump invece l'Omc ha un piano per indebolire gli Stati Uniti
AP

La settimana negli Stati Uniti: Fed, riforma fiscale e voto in Alabama

L'ultima settimana prima delle vacanze di Natale. Il Congresso deve affrontare anche lo shutdown, mentre la Fed si prepara ad alzare i tassi sul denaro per la terza volta nel 2017
AP

La Nba vuole una squadra della sua lega minore a Città del Messico

La lega professionistica vuole continuare a espandersi e guarda al maggior mercato dell'America Latina. La nuova squadra della G League potrebbe giocare già dalla prossima stagione
Ap

Scandali sessuali, tre parlamentari Usa costretti alle dimissioni in tre giorni. Qualcosa di simile accadde solo per la schiavitù

Per il Washington Post, situazione senza precedenti. Quelle dimissioni, prima della Guerra civile, furono un atto politico. Oggi, sono le donne comuni a costringere senatori e deputati a farsi da parte