Avviare un'attività negli Stati Uniti

Cosa fare e a chi rivolgersi per aprire o rilevare una società

Chiunque, anche se non cittadino o residente americano, può per legge aprire un’attività negli Stati Uniti. In alcuni Stati dell’Unione americana può essere più facile registrare un business: Delaware e Nevada per esempio hanno procedure più semplici che altrove. Un anno dopo avere aperto l’attività  è possibile richiedere il visto L1 per vivere e lavorare negli Stati Uniti (vai alla nostra guida).

Registrare un’attività e darle un nome

Un’attività deve essere organizzata come entità legale: l’adeguata struttura legale dipende da vari fattori (per esempio il numero di dipendenti, il tipo di controllo che si vuole avere sull’azienda stessa come proprietario, la vulnerabilità a eventuali cause o procedimenti legali e la disponibilità fiscale). Il tipo di struttura legale (Limited Liability Company – società a responsabilità limitata – o corporation) determina i successivi requisiti per la registrazione, che variano da stato a stato.

Al momento della registrazione va specificato il nome legale dell’attività (doing business as, Dba, assumed name, fictitious name) che corrisponde al nome del proprietario del business (se i proprietari sono più di uno il nome da usare è quello dato alla partnership dei conproprietari). Bisogna inoltre ottenere un codice identificativo (Employer Identification Number) dall’Internal Revenue Service, il Fisco americano.

A questo punto, occorre scegliere un nome per l’attività: per avere la certezza che il nome non sia già esistente bisogna chiedere la lista alla propria città, consultare il Thomas Register of American Manufacturers (anche chiamato "green book", è una directory di informazioni industriali, disponibili anche online) o consultare il database del Patent and Trademark Office, l’ufficio brevetti federale americano.

Permessi e licenze

Ogni attività deve avere un permesso per potere lavorare in modo legale. A seconda del tipo di business, occorre chiedere diversi tipi di licenze (federali, statali, locali), che variano da stato a stato e da una città all’altra. Sul sito della Small Business Administration, si trovano indicazioni dettagliate in questo senso. Bisogna inoltre avere polizze assicurative di vario tipo (sull’immobile, per chi ci lavora, sui compensi dei lavoratori e in caso di licenziamenti). Devono inoltre essere richiesti i cartelli che vanno obbligatoriamente esposti all’interno dei locali (per esempio, quello che spiega cosa fare in caso di incidenti o malori).

Se il business include attività regolamentate o sotto la supervisione delle autorità federali potrebbero essere neccessarie licenze supplementari. Per esempio, chi produce, vende o importa bevande alcoliche deve registrarsi e pagare tasse supplementari all’Alcohol and Tobacco Tax and Trade Bureau, mentre chi lavora nel settore della logistica e dei trasporti deve chiedere licenze speciali anche al National System of Interstate and Defense Highways.

L’aspetto finanziario

Prima di avviare un’attività è necessario valutare con attenzione i costi e la ricerca del capitale. Sebbene sia possibile ricorrere a fondi personali, bisogna considerare che possono occorrere non meno di sei mesi-un anno prima che il business cominci a generare guadagni e che i costi potrebbero essere elevati.

La via più praticata è chiedere finanziamenti a istituti finanziari o direttamente alla Small Business Administration che mette a disposizione prestiti di vario genere (Basic 7a per le aziende in espansione, certified development company 504 per somme limitate e per attività nuove, e un programma di microprestiti), a patto che l’attività sia al di sotto di determinate dimensioni, di proprietà e gestione indipendente e non in posizione predominante nel proprio settore.

Il governo federale non dà sovvenzioni per avviare o apliare un’impresa, mentre le prevede per attività non commerciali, per esempio attività no-profit o istituti legati all’istruzione o alla ricerca. A livello statale o locale sono in alcuni casi disponibili sovvenzioni, per particolari titpi di attività legate per esempio alle nuove tecnologie, all’energia e al turismo.

Rilevare un’attività

Aprire un nuovo business può non essere l’unica soluzione possibile: rilevare un’attività esistente o partecipare a un franchise potrebbero essere altre strade possibili. Nel primo caso la questione chiave è avere un corretto documento di vendita/acquisto, che deve includere una serie di punti fondamentali per esempio i dati di chi compra e acquista, informazioni di background, il dettaglio degli asset venduti/comprati, i termini del pagamento. Per quanto riguarda l’avvio di un’attività in franchise è soprattutto necessario analizzare nel dettaglio il tipo di business in cui si sta investendo: sono molti i casi di fortissime perdite di denaro. Per legge, i titolari del franchise sono tenuti a dare una serie di informazioni ai potenziali acquirenti.

Altri Servizi

Wall Street, investitori tranquillizzati dalla tregua Usa-Cina

Oggi il presidente Donald Trump accoglie l'omologo sudcoreano Moon Jae-in
iStock

Nordcorea: Moon da Trump per salvare il summit con Kim

Nell'amministrazione Usa c'è chi dubita che l'incontro del 12 giugno a Singapore ci sarà. Oggi riunione tra il presidente sudcoreano e quello americano

Il presidente sudcoreano metterà piede oggi alla Casa Bianca con un obiettivo: convincere Donald Trump che il suo summit con il leader nordcoreano s'ha da fare e che può essere costruttivo. Questo, nonostante Pyongyang la settimana scorsa abbia rispolverato una retorica dura su un'esercitazione militare congiunta tra Washington e Seul e ha messo in guardia gli Stati Uniti facendo capire che l'incontro non è affatto scontato.

Una nativa americana vince le primarie Dem per la carica di governatore dell'Idaho

Paulette Jordan ha 38 anni; nessun nativo americano è mai stato governatore negli Stati Uniti
Ap

Paulette Jordan ha 38 anni, due mandati da parlamentare statale dell'Idaho alle spalle e un possibile futuro da governatore dell'Idaho: nessun nativo americano ha mai ottenuto tale incarico in uno Stato degli Stati Uniti.

Pompeo sull'Iran: rischia le sanzioni più dure della storia

Il segretario di Stato chiede a Teheran di fermare l'arricchimento di uranio, il programma missilistico e i finanziamenti ai gruppi militari in Medio Oriente
Ap

Per la prima volta, l'amministrazione Trump ha descritto le 12 condizioni "di base" con cui sarebbe disposta a negoziare un nuovo accordo sul nucleare iraniano visto che gli Stati Uniti si sono ritirati da quello storico sottoscritto nel 2015 quando alla Casa Bianca c'era Barack Obama. Difficilmente però la linea di Washington troverà sostegno in Russia, in Cina e in Europa. Per questo le sanzioni ventilate dalla prima economia al mondo, secondo alcuni, sono viste come meno efficaci rispetto a quelle che l'amministrazione Obama aveva adottato con l'appoggio di altri alleati.

Nordcorea: a rischio il summit Trump-Kim

Pyongyang critica l'esercitazione congiunta tra Usa e Seul: una "provocazione". Washington valuta (forse) di non fare volare jet B-52. Tattica per negoziare?

L'incontro storico tra il presidente americano Donald Trump e il leader nordcoreano Kim Jong Un rischia di saltare per via di un'esercitazione militare congiunta tra gli Stati Uniti e la Corea del Sud iniziata venerdì scorso.

AP

Netflix continua a investire sui contenuti rafforzandosi nella sfida contro rivali come Amazon e Walt Disney. Il servizio di video in streaming ha siglato con Barack e Michelle Obama un accordo pluriennale per la produzione di film e serie. Stando a una nota di Netflix, il 44esimo presidente americano e la moglie "produrrano un insieme vario di contenuti" tra cui potrebbero rientrare serie, docu-serie e documentari. "Questi progetti saranno disponibili ai 125 milioni di membri Netflix in 190 Paesi". Si chiama Higher Ground Productions la società con cui gli Obama produrranno contenuti per Netflix.

Haspel ha giurato: è la prima donna a guidare la Cia

Scelta dal presidente perché "nessuno è più qualificato di lei", è stata criticata perché ha diretto un centro di detenzione dove i presunti terroristi venivano torturati
Ap

Gina Haspel ha giurato da direttore della Cia, prima donna a ottenere questo incarico. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, presente alla cerimonia che si è svolta nel quartier generale dell'agenzia federale a Langley, in Virginia, ha detto: "Gina guiderà questa agenzia nel prossimo grande capitolo. Gina assume il ruolo di direttore in un momento cruciale della nostra storia. Stiamo riaffermando la forza americana e la fiducia americana". Giovedì scorso, il Senato ha confermato Haspel con il voto favorevole di 54 senatori.

Commissione Intelligence del Senato Usa: "Mosca ha cercato di favorire Trump"

Per l'equivalente commissione della Camera, invece, non ci sarebbero prove. Il repubblicano Burr: "Non abbiamo motivi per mettere in dubbio le conclusioni dell'intelligence"
Ap

La Russia ha cercato di favorire l'elezione di Donald Trump. Ne è convinta anche la commissione Intelligence del Senato statunitense, guidata dai repubblicani, che sta indagando sulle interferenze russe nelle scorse elezioni presidenziali. Per la commissione Intelligence della Camera, invece, la Russia ha interferito nelle presidenziali, ma non ci sono prove che Mosca, con le sue azioni, abbia cercato di favorire Trump a svantaggio della sua rivale, la candidata democratica Hillary Clinton.

Molestie sessuali: Uber mette fine alla politica del silenzio

Abbandonato l'obbligo di arbitrato e la clausola di riservatezza. Dipendenti e clienti possono portare i loro casi in tribunale
Uber

Uber ha deciso di cambiare la politica con cui gestisce potenziali accuse di molestie sessuali fatte da clienti o dipendenti. Il gruppo che offre un servizio alternativo al taxi tradizionale ha abbandonato l'obbligo di arbitrato e la clausola di riservatezza. Questo significa che autisti, clienti e dipendenti potranno portare in tribunale i loro casi.

Fitch: con M5S e Lega i rischi aumentano ma "improbabile" uscita dall'euro

L'agenzia di rating si aspetta potenziali danni alla fiducia e scontri con le autorità dell'Eurozona. Bannon in settimana in Italia per vedere Salvini
AP

Il programma politico deciso dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega, "i due partiti più populisti ed euroscettici d'Italia, aumentano i rischi per il profilo di credito della nazione, attraverso soprattutto un allentamento fiscale e potenziali danni alla fiducia". Lo ha scritto Fitch in un rapporto, precisando che la portata di quei rischi è "incerta" e dipenderà dalla capacità del governo di adottare il suo programma. Intanto Bloomberg ha riferito che in settimana Steve Bannon, l'ex stratega ultra conservatore del presidente americano Donald Trump, sarà in settimana in Italia per vedere il leader della Lega, Matteo Salvini.