Avviare un'attività negli Stati Uniti

Cosa fare e a chi rivolgersi per aprire o rilevare una società

Chiunque, anche se non cittadino o residente americano, può per legge aprire un’attività negli Stati Uniti. In alcuni Stati dell’Unione americana può essere più facile registrare un business: Delaware e Nevada per esempio hanno procedure più semplici che altrove. Un anno dopo avere aperto l’attività  è possibile richiedere il visto L1 per vivere e lavorare negli Stati Uniti (vai alla nostra guida).

Registrare un’attività e darle un nome

Un’attività deve essere organizzata come entità legale: l’adeguata struttura legale dipende da vari fattori (per esempio il numero di dipendenti, il tipo di controllo che si vuole avere sull’azienda stessa come proprietario, la vulnerabilità a eventuali cause o procedimenti legali e la disponibilità fiscale). Il tipo di struttura legale (Limited Liability Company – società a responsabilità limitata – o corporation) determina i successivi requisiti per la registrazione, che variano da stato a stato.

Al momento della registrazione va specificato il nome legale dell’attività (doing business as, Dba, assumed name, fictitious name) che corrisponde al nome del proprietario del business (se i proprietari sono più di uno il nome da usare è quello dato alla partnership dei conproprietari). Bisogna inoltre ottenere un codice identificativo (Employer Identification Number) dall’Internal Revenue Service, il Fisco americano.

A questo punto, occorre scegliere un nome per l’attività: per avere la certezza che il nome non sia già esistente bisogna chiedere la lista alla propria città, consultare il Thomas Register of American Manufacturers (anche chiamato "green book", è una directory di informazioni industriali, disponibili anche online) o consultare il database del Patent and Trademark Office, l’ufficio brevetti federale americano.

Permessi e licenze

Ogni attività deve avere un permesso per potere lavorare in modo legale. A seconda del tipo di business, occorre chiedere diversi tipi di licenze (federali, statali, locali), che variano da stato a stato e da una città all’altra. Sul sito della Small Business Administration, si trovano indicazioni dettagliate in questo senso. Bisogna inoltre avere polizze assicurative di vario tipo (sull’immobile, per chi ci lavora, sui compensi dei lavoratori e in caso di licenziamenti). Devono inoltre essere richiesti i cartelli che vanno obbligatoriamente esposti all’interno dei locali (per esempio, quello che spiega cosa fare in caso di incidenti o malori).

Se il business include attività regolamentate o sotto la supervisione delle autorità federali potrebbero essere neccessarie licenze supplementari. Per esempio, chi produce, vende o importa bevande alcoliche deve registrarsi e pagare tasse supplementari all’Alcohol and Tobacco Tax and Trade Bureau, mentre chi lavora nel settore della logistica e dei trasporti deve chiedere licenze speciali anche al National System of Interstate and Defense Highways.

L’aspetto finanziario

Prima di avviare un’attività è necessario valutare con attenzione i costi e la ricerca del capitale. Sebbene sia possibile ricorrere a fondi personali, bisogna considerare che possono occorrere non meno di sei mesi-un anno prima che il business cominci a generare guadagni e che i costi potrebbero essere elevati.

La via più praticata è chiedere finanziamenti a istituti finanziari o direttamente alla Small Business Administration che mette a disposizione prestiti di vario genere (Basic 7a per le aziende in espansione, certified development company 504 per somme limitate e per attività nuove, e un programma di microprestiti), a patto che l’attività sia al di sotto di determinate dimensioni, di proprietà e gestione indipendente e non in posizione predominante nel proprio settore.

Il governo federale non dà sovvenzioni per avviare o apliare un’impresa, mentre le prevede per attività non commerciali, per esempio attività no-profit o istituti legati all’istruzione o alla ricerca. A livello statale o locale sono in alcuni casi disponibili sovvenzioni, per particolari titpi di attività legate per esempio alle nuove tecnologie, all’energia e al turismo.

Rilevare un’attività

Aprire un nuovo business può non essere l’unica soluzione possibile: rilevare un’attività esistente o partecipare a un franchise potrebbero essere altre strade possibili. Nel primo caso la questione chiave è avere un corretto documento di vendita/acquisto, che deve includere una serie di punti fondamentali per esempio i dati di chi compra e acquista, informazioni di background, il dettaglio degli asset venduti/comprati, i termini del pagamento. Per quanto riguarda l’avvio di un’attività in franchise è soprattutto necessario analizzare nel dettaglio il tipo di business in cui si sta investendo: sono molti i casi di fortissime perdite di denaro. Per legge, i titolari del franchise sono tenuti a dare una serie di informazioni ai potenziali acquirenti.

Altri Servizi

Ferrero si rafforza in Usa: compra azienda di caramelle Ferrara

Accordo tra il produttore della Nutella e un gruppo nato dall'iniziativa di un fornaio italiano che nel 1908 a Chicago aprì un negozio di pasticcini e confetti. Valore della transazione non comunicato
AP

Il gruppo italiano Ferrero ha raggiunto un accordo definitivo in base al quale prenderà il controllo di Ferrara Candy Company, la terza più grande azienda dolciaria degli Stati Uniti nelle cui attività non fa parte il cioccolato. A vendere è L Catterton, un gruppo di private equity specializzato nel settore dei beni al consumo. I termini della transazione - che dovrebbe concludersi nel quarto trimestre del 2017, previo i via libera regolatori - non sono stati annunciati nel comunicato diffuso nella notte.

Fed: economia Usa cresciuta nonostante gli uragani

Le pressioni sui prezzi restano modeste nonostante per i datori di lavoro sia difficile trovare personale qualificato. Il "mistero" dell'inflazione al palo perseguita Yellen
AP

L'economia americana ha continuato a espandersi a un passo tra il "modesto" e il "moderato" tra settembre e l'inizio di ottobre. E questo nonostante l'effetto uragani. Le pressioni sui prezzi "sono rimaste modeste", dimostrazione che il "mistero" dell'inflazione al palo continua a perseguitare il governatore della Federal Reserve, Janet Yellen. E' questo quanto emerso dal Beige Book, il rapporto pubblicato dalla banca centrale Usa ogni sei settimane e pensato per fotografare lo stato di salute dell'economia statunitense. Frutto dell'analisi condotta nei 12 distretti in cui opera la banca centrale americana, il documento verrà utilizzato nella prossima riunione della Fed in calendario il 31 ottobre e 1 novembre prossimi, quando i tassi sono visti rimenere all'1-1,25%.

Wall Street, titoli tecnologici in sofferenza

Prosegue il periodo delle trimestrali
AP

Alcoa: gli utili trimestrali deludono, bene i ricavi. Ottimismo sulla Cina

Il più grande produttore di alluminio al mondo si aspetta che Pechino riduca la produzione del metallo contribuendo ad equilibrare il mercato. Alzate le stime sull'Ebitda
ap

Alcoa ha chiuso il trimestre dell'anno con utili leggermente deludenti ma ricavi superiori alle stime degli analisti. Il più grande produttore di alluminio al mondo ha inoltre alzato le stime annuali sui profitti operativi sulla scia di prezzi favorevoli delle materie prime.

Ibm chiude il 22esimo trimestre con ricavi in calo

Bene le attività legate ai cosiddetti "imperativi strategici" tra cui il cloud. Conti sopra le stime degli analisti

E' da oltre cinque anni di fila che International Business Machines (Ibm) registra ricavi in calo su base annuale ma il gruppo - da tempo impegnato in una trasformazione con un focus sui servizi tecnologici e non più sull'hardware soltanto - è ottimista tanto da avere confermato le stime per il 2017. La conferma è arrivata con i conti del terzo trimestre del 2017, pubblicati dopo la chiusura di Wall Street e che hanno battuto le stime degli analisti: gli utili netti sono stati di 2,7 miliardi di dollari, in flessione del 4% su base annuale. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione si sono attestati a quota 3,30 dollari, meglio dei 3,29 dollari per azione previsti dal mercato.

Il caffè migliore? Per illy arriva da Honduras

Consegnato a New York l'annuale Ernesto Illy International Coffee Award, giunto alla seconda edizione

Dopo una serie di degustazioni alle Nazioni Unite fatte da una giuria indipendente di esperti internazionali, illycaffè ha premiato i chicchi di caffè coltivati da José Abelardo Diaz Enamorado dell'Honduras. Sono loro ad essere stati giudicati come “Best of the Best” tra i migliori raccolti della stagione 2016/2017. Per questo al coltivatore è stato consegnato il 2017 Ernesto Illy International Coffee Award, un riconoscimento annuale voluto dal gruppo triestino e giunto alla sua seconda edizione.

Stato d'emergenza in Florida, arrivano i suprematisti bianchi

Il leader, Richard Spencer, parlerà all'università; previste proteste antifasciste, si temono violenze

Stato d'emergenza in Florida per l'arrivo dei suprematisti bianchi. La decisione è stata presa dal governatore Rick Scott, che ha già mandato centinaia di agenti delle forze dell'ordine, provenienti da tutto lo Stato, a presidiare l'Università della Florida, dove oggi è in programma un evento a cui parlerà Richard Spencer, leader del movimento alt-right. I gruppi antifascisti, conosciuti con la sigla Antifa, hanno programmato una protesta; entrambi gli schieramenti, sui social media, hanno minacciato l'uso della violenza. Lo stato d'emergenza è stato imposto nella contea di Alachua.

Il cinema italiano torna protagonista a New York

Parte la seconda edizione di “Italy on screen Today”. Sergio Castellitto e Vittorio Storaro premiati. Omaggio a Dario Fo. Ampio spazio a corti sui migranti

New York ospita per il secondo anno di fila “Italy on screen Today”, la rassegna di cinema italiano dedicata alle proiezioni di film che hanno riscosso notevole successo al botteghino, in alcuni casi accompagnate da attori e registi che al pubblico racconteranno aneddoti legati alle pellicole.

AmEx: il Ceo se ne va dopo 16 anni, conti battono le stime

Dal primo febbraio l'attuale vicepresidente del gruppo di carte di credito salirà al vertice
Kenneth Chenault America Express

American Express si prepara a dire addio al suo amministratore delegato nonché presidente del suo consiglio di amministrazione. Lo ha comunicato il gruppo di carte di credito a mercati Usa chiusi, quando ha anche pubblicato i conti del terzo trimestre (superiori alle stime degli analisti) e ha alzato le stime per il resto dell'esercizio fiscale.

Maroney, olimpionica Usa di ginnastica: anch'io vittima di abusi sessuali

La confessione dell'ex campionessa, che ha preso coraggio dalla campagna #MeToo: "Da fuori sembra tutto fantastico. Ce l'ho fatta, ma ho pagato un prezzo". Il medico della nazionale statunitense accusato da almeno 140 ragazze e donne

L'ex campionessa olimpica di ginnastica artistica, la statunitense McKayla Maroney, ha aderito alla campagna sui social network #MeToo, rilanciata dopo lo scandalo sessuale che sta travolgendo il produttore cinematografico Harvey Weinstein, denunciando di aver subito abusi sessuali dal dottore della nazionale olimpica, Larry Nassar.