L'avvocato di Flynn da Mueller: l'ex consigliere di Trump pronto a collaborare?

Il generale in pensione, al centro delle indagini del procuratore speciale sulla Russia, sembra intenzionato ad accordarsi con gli investigatori. Testimonierà contro il presidente o alcuni suoi consiglieri?

L'avvocato di Michael Flynn, l'ex consigliere per la sicurezza nazionale del presidente statunitense, Donald Trump, ha incontrato ieri lo staff del procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni presidenziali e sui possibili legami con l'entourage dell'attuale capo di Stato. Lo riferisce la Abc, secondo cui si tratta di un possibile segnale della volontà di Flynn di trovare un accordo con gli investigatori.

Nei giorni scorsi, i legali di Trump hanno confermato che l'avvocato di Flynn, Robert Kelner, li ha avvertiti di non poter più collaborare con loro sulla strategia difensiva: un altro segnale della volontà dell'ex consigliere di negoziare un accordo, che potrebbe includere la sua testimonianza contro il presidente o i suoi consiglieri. Flynn fu costretto a dimettersi dall'incarico di consigliere per la sicurezza nazionale solo tre settimane dopo l'insediamento di Trump alla Casa Bianca, per aver mentito al vicepresidente Mike Pence sui suoi contatti con la Russia, ora al centro delle indagini di Mueller.

Secondo fonti della Abc vicine alle indagini, il generale in pensione ha cominciato a sentirsi maggiormente sotto pressione quando gli investigatori hanno iniziato a interessarsi a suo figlio, Michael G. Flynn, che lavorava alla società di consulenza da lui fondata, la Flynn Intel Group. Padre e figlio andarono insieme in Russia nel 2015: un viaggio poi divenuto famoso perché a un evento a Mosca il generale in pensione cenò al tavolo del presidente russo, Vladimir Putin, che gli sedeva accanto.

I democratici al Congresso hanno detto alla Abc di aver inviato a Mueller delle informazioni relative a Flynn, che avrebbe illegalmente tenuto nascosti molti suoi contatti con cittadini stranieri e molti dei suoi viaggi all'estero, durate il processo per il rinnovo del suo nulla osta di sicurezza, obbligatorio per chi ha accesso a informazioni sensibili. "Sembra che il generale Flynn abbia violato la legge federale, omettendo queste informazioni" hanno scritto i deputati Elijah Cummings ed Eliot Engel, in una lettera all'avvocato di Flynn. Secondo Cummings, i contatti con cittadini stranieri di Flynn, tra cui alti funzionari governativi e uomini d'affari, sono stati così numerosi che non può averli inavvertitamente dimenticati e non possono essere stati casuali. "Ha ripetutamente omesso delle informazioni che avrebbe dovuto rendere noto" ha aggiunto il deputato democratico.

Le presunte omissioni intenzionali potrebbero costituire un serio problema, e non solo per Flynn. Un'accusa del genere può portare a una pena carceraria di cinque ani ma, soprattutto, può convincere Flynn a collaborare all'inchiesta. Questo, poi, è solo una delle questioni che inguaiano l'ex consigliere di Trump, a causa dei suoi fitti legami soprattutto con Turchia e Russia.

Giorni fa, i media statunitensi hanno scritto che Mueller starebbe indagando sul lavoro di Flynn per un film, mai terminato, finanziato da entità turche. Secondo il Wall Street Journal, l'Fbi si starebbe preparando a interrogare dei consulenti assunti da Flynn per lavorare a un documentario contro Fethullah Gulen, il predicatore accusato da Ankara di aver ordito il fallito colpo di Stato dell'estate 2016, che risiede da molti anni in Pennsylvania, da dove guida il movimento conosciuto come Hizmet. La realizzazione del film faceva parte del lavoro di Flynn per i turchi, quando era già un importante consigliere dell'allora candidato repubblicano. Mentre lavorava per l'elezione di Trump, la sua società firmava un contratto da 530.000 dollari con un uomo d'affari turco con stretti legami con il presidente Recep Tayyp Erdogan.

Flynn e il suo partner turco, Bijan Kian, assunsero dei consulenti per produrre un film che aveva il chiaro intento di attaccare Gulen, che ha negato qualsiasi coinvolgimento nel fallito colpo di Stato. La società di consulenza dell'ex consigliere di Trump, la Flynn Intel Group, cercò di nascondere il proprio ruolo nel documentario, ha dichiarato David Enders, un giornalista freelance di Beirut assunto per le interviste per il documentario. Enders ha detto al Wall Street Journal che Kian gli ha detto che voleva che nessuno sapesse chi stesse realizzando il film. Gli agenti dell'Fbi avrebbero contattato Enders e Rudi Bakhtiar, un ex conduttore della Cnn assunto per lavorare al documentario, per parlare del loro ruolo nella realizzazione del film, secondo le fonti del Wall Street Journal. Flynn ha atteso fino allo scorso marzo per denunciare alle autorità federali i soldi percepiti per le attività di lobbying a favore della Turchia ed è ora al centro delle indagini di Mueller, che ha posto la propria attenzione anche sul presunto tentativo di Flynn e suo figlio di orchestrare un piano per consegnare Gulen a Erdogan, legalmente o illegalmente.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Nel mondo, la gente ricomincia ad avere la fiducia che aveva nell'economia nazionale prima della grande recessione di dieci anni fa; notevoli, soprattutto, i miglioramenti registrati in Germania, Giappone, Russia e Stati Uniti, secondo l'ultimo studio del Pew Research Center. Nel complesso, però, non si può non sottolineare che continua a regnare un forte pessimismo per il futuro e che è molto diffusa la nostalgia per il passato, soprattutto in Europa.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Dopo una battaglia di 21 mesi, Sky ha battuto 21st Century Fox nello scontro per l'acquisizione di Sky. Il più grande operatore via cavo degli Stati Uniti ha prevalso nell'asta in tre round imposta dalle autorità britanniche per concludere l'affare riguardante la pay-tv.

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Sanzioni Usa all'Iran, l'Iraq rischia la paralisi

Baghdad chiede all'amministrazione Trump di essere esentata dal rispetto dei provvedimenti che scatteranno contro Teheran il 5 novembre, perché dipende ormai troppo dal Paese vicino (a causa degli Stati Uniti)
iStock

Dazi, la Cina cancella la ripresa dei negoziati commerciali con gli Usa

Washington e Pechino continuano a fronteggiarsi a colpi di imposte, ma la Cina "ha finito i proiettili". Colpire le aziende statunitensi nel Paese sarebbe un rischio troppo grande per la Repubblica popolare, che tiene aperta la porta a futuri colloqui
Ap

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap