L'avvocato di Flynn da Mueller: l'ex consigliere di Trump pronto a collaborare?

Il generale in pensione, al centro delle indagini del procuratore speciale sulla Russia, sembra intenzionato ad accordarsi con gli investigatori. Testimonierà contro il presidente o alcuni suoi consiglieri?

L'avvocato di Michael Flynn, l'ex consigliere per la sicurezza nazionale del presidente statunitense, Donald Trump, ha incontrato ieri lo staff del procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle interferenze russe nelle scorse elezioni presidenziali e sui possibili legami con l'entourage dell'attuale capo di Stato. Lo riferisce la Abc, secondo cui si tratta di un possibile segnale della volontà di Flynn di trovare un accordo con gli investigatori.

Nei giorni scorsi, i legali di Trump hanno confermato che l'avvocato di Flynn, Robert Kelner, li ha avvertiti di non poter più collaborare con loro sulla strategia difensiva: un altro segnale della volontà dell'ex consigliere di negoziare un accordo, che potrebbe includere la sua testimonianza contro il presidente o i suoi consiglieri. Flynn fu costretto a dimettersi dall'incarico di consigliere per la sicurezza nazionale solo tre settimane dopo l'insediamento di Trump alla Casa Bianca, per aver mentito al vicepresidente Mike Pence sui suoi contatti con la Russia, ora al centro delle indagini di Mueller.

Secondo fonti della Abc vicine alle indagini, il generale in pensione ha cominciato a sentirsi maggiormente sotto pressione quando gli investigatori hanno iniziato a interessarsi a suo figlio, Michael G. Flynn, che lavorava alla società di consulenza da lui fondata, la Flynn Intel Group. Padre e figlio andarono insieme in Russia nel 2015: un viaggio poi divenuto famoso perché a un evento a Mosca il generale in pensione cenò al tavolo del presidente russo, Vladimir Putin, che gli sedeva accanto.

I democratici al Congresso hanno detto alla Abc di aver inviato a Mueller delle informazioni relative a Flynn, che avrebbe illegalmente tenuto nascosti molti suoi contatti con cittadini stranieri e molti dei suoi viaggi all'estero, durate il processo per il rinnovo del suo nulla osta di sicurezza, obbligatorio per chi ha accesso a informazioni sensibili. "Sembra che il generale Flynn abbia violato la legge federale, omettendo queste informazioni" hanno scritto i deputati Elijah Cummings ed Eliot Engel, in una lettera all'avvocato di Flynn. Secondo Cummings, i contatti con cittadini stranieri di Flynn, tra cui alti funzionari governativi e uomini d'affari, sono stati così numerosi che non può averli inavvertitamente dimenticati e non possono essere stati casuali. "Ha ripetutamente omesso delle informazioni che avrebbe dovuto rendere noto" ha aggiunto il deputato democratico.

Le presunte omissioni intenzionali potrebbero costituire un serio problema, e non solo per Flynn. Un'accusa del genere può portare a una pena carceraria di cinque ani ma, soprattutto, può convincere Flynn a collaborare all'inchiesta. Questo, poi, è solo una delle questioni che inguaiano l'ex consigliere di Trump, a causa dei suoi fitti legami soprattutto con Turchia e Russia.

Giorni fa, i media statunitensi hanno scritto che Mueller starebbe indagando sul lavoro di Flynn per un film, mai terminato, finanziato da entità turche. Secondo il Wall Street Journal, l'Fbi si starebbe preparando a interrogare dei consulenti assunti da Flynn per lavorare a un documentario contro Fethullah Gulen, il predicatore accusato da Ankara di aver ordito il fallito colpo di Stato dell'estate 2016, che risiede da molti anni in Pennsylvania, da dove guida il movimento conosciuto come Hizmet. La realizzazione del film faceva parte del lavoro di Flynn per i turchi, quando era già un importante consigliere dell'allora candidato repubblicano. Mentre lavorava per l'elezione di Trump, la sua società firmava un contratto da 530.000 dollari con un uomo d'affari turco con stretti legami con il presidente Recep Tayyp Erdogan.

Flynn e il suo partner turco, Bijan Kian, assunsero dei consulenti per produrre un film che aveva il chiaro intento di attaccare Gulen, che ha negato qualsiasi coinvolgimento nel fallito colpo di Stato. La società di consulenza dell'ex consigliere di Trump, la Flynn Intel Group, cercò di nascondere il proprio ruolo nel documentario, ha dichiarato David Enders, un giornalista freelance di Beirut assunto per le interviste per il documentario. Enders ha detto al Wall Street Journal che Kian gli ha detto che voleva che nessuno sapesse chi stesse realizzando il film. Gli agenti dell'Fbi avrebbero contattato Enders e Rudi Bakhtiar, un ex conduttore della Cnn assunto per lavorare al documentario, per parlare del loro ruolo nella realizzazione del film, secondo le fonti del Wall Street Journal. Flynn ha atteso fino allo scorso marzo per denunciare alle autorità federali i soldi percepiti per le attività di lobbying a favore della Turchia ed è ora al centro delle indagini di Mueller, che ha posto la propria attenzione anche sul presunto tentativo di Flynn e suo figlio di orchestrare un piano per consegnare Gulen a Erdogan, legalmente o illegalmente.

Altri Servizi

La Fed alza i tassi per la terza volta nel 2017, altre tre strette nel 2018

Aumento di 25 punti base all'1,25-1,5%, come ampiamento atteso. Yellen non preoccupata da rally a Wall Street. Bitcoin? Un asset altamente speculativo. Riforma fiscale? Effetti ancora incerti
AP

Gli investitori non avevano (giustamente) dubbi: la Federal Reserve ha annunciato un aumento dei tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. E ha confermato le attese per tre strette nel 2018 e due nel 2019. Non solo. Ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell'economia americana per questo e il prossimo anno e si aspetta un ulteriore calo del tasso di disoccupazione, già ai minimi del dicembre 2000. Il governator Janet Yellen può vantarsi di lasciare la guida della banca centrale con gli Stati Uniti in buona salute e pronti a godere, almeno un po', di una riforma fiscale sempre più vicina ma dagli effetti ancora "incerti".

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Gli Stati Uniti sono pronti a sviluppare un nuovo missile da crociera capace di trasportare armi convenzionali o testate nucleari, visto che credono che la Russia stia violando l'accordo per l'eliminazione dei missili a raggio corto e intermedio, l'INF, firmato 30 anni fa dal presidente Ronald Reagan e dal segretario generale del Partito comunista sovietico, Mikhail Gorbachev.

NY Times: cambio generazionale al vertice, editore passa il testimone al figlio 37enne

Arthur Ochs Sulzberger Jr cede il suo ruolo a Arthur Gregg Sulzberger

Cambio generazionale al vertice della New York Times Company. Dal primo gennaio 2018 il nuovo editore del gruppo sarà il 37enne Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'attuale numero uno Arthur Ochs Sulzberger Jr e già suo vice.

La riforma fiscale torna a preoccupare Wall Street

Progressi verso l'approvazione di una riforma fiscale; la Federal Reserve ha alzato i tassi, come previsto, di 25 punti base all'1,25-1,5%
AP

La rivincita delle Crocs (anche a Wall Street)

Lo stilista Christopher Kane e Balenciaga hanno portato in passerella le ciabatte che sembravano passate di moda. Gli analisti di Stifel scommettono in un rilancio: comprare il titolo

Le calzature Crocs sono destinate a tornare di moda. Le ciabatte leggere e dai colori sgargianti, un tempo diffuse anche in Italia, sembra stiano tornando ad essere popolari. Per questo gli analisti di Stifel consigliano agli investitori di comprare il titolo e non di tenerlo semplicemente in portafoglio. La raccomandazione ha spinto l'azione sui massimi di oltre due anni a Wall Street, dove venerdì 15 dicembre ha vissuto un rally di oltre il 14% a 12,55 dollari.

Incertezza sulla riforma fiscale, investitori preoccupati

Marco Rubio, senatore repubblicano della Florida, chiede maggiori sgravi fiscali per l'infanzia.
Shutterstock

Si fa nuovamente in salita la strada verso l'approvazione della riforma fiscale, che soltanto ieri sembrava cosa ormai fatta. E gli investitori a Wall Street tornano a preoccuparsi: e infatti il Russell 2000 ha ampliato i cali arrivando a perdere l'1%; l'indice che raggruppa le società a piccola e media capitalizzazione è visto come maggiormente correlato alle prospettive della riforma perché queste aziende tendono a pagare aliquote più alte rispetto alle multinazionali.

Riforma fiscale sempre più vicina, Rubio voterà sì

Il senatore della Florida si aggiunge quello del Tennessee. La settimana prossima verrà messa al voto in Parlamento. Entro Natale, la firma di Trump (salvo sorprese)
AP

Bloomberg a Trump: la riforma fiscale è una "cantonata economicamente indifendibile"

Per l'ex sindaco di NY, dà alle grandi aziende tagli alle tasse di cui non hanno bisogno, abbassa le aliquote dei contribuenti più abbienti e per permette ai più ricchi di proteggere i loro patrimoni
iStock

La fine della neutralità della rete: implicazioni per aziende e consumatori

La decisione dell'Agcom americana ha creato vincitori (AT&T, Verizon, Comcast, Sprint e T-Mobile) e vinti (Facebook, Amazon, Netflix e Google)
AP

Fitch promuove Fiat Chrysler Automobiles

Il rating passa a BB da BB- con outlook positivo. Atteso un flusso di cassa positivo e sostenibile. In vista dell'addio di Marchionne, prevista una riorganizzazione aziendale