Bambina guarita dall'HIV in Mississippi, primo caso nella storia

Presentato alla Conference on Retroviruses and Opportunistic Infections di Atlanta il caso senza precedenti di una bimba nata sieropositiva e curata con successo. Svolta storica nella lotta contro l'AIDS?

Una bambina di due anni e mezzo nata sieropositiva in una zona rurale del Mississippi appare essere stata “funzionalmente curata” e da un anno non dà segni di ricaduta. L’annuncio è giunto da Deborah Persaud della Johns Hopkins University di Baltimora durante la annuale “Conference on Retroviruses and Opportunistic Infections” in corso in queste ore ad Atlanta, in Georgia.

La prima guarigione dall'Aids

Si tratta del primo caso documentato di un bimbo nato sieropositivo efficacemente “curato” dall’HIV, e del secondo nella storia di una guarigione da questa malattia. Si apre ora una nuova speranza per i molti bambini che ogni anno, soprattutto in Africa e in altri paesi del terzo Mondo, vengono alla luce affetti dal virus che causa l’AIDS, o che lo contraggono dalla madre durante il parto o durante il primo allattamento.

La bimba, come non di rado accade in questi casi, aveva contratto l’HIV dalla madre sieropositiva durante la gravidanza. Una madre che non si era mai fatta curare, ma che il destino portò a rivolgersi al pronto soccorso di una struttura medica molto avanzata, dove il caso venne immediatamente trattato in modo sperimentale. Al secondo giorno di vita la sua sieropositività era stata diagnosticata dalla dottoressa Hannah Gay della Università del Mississippi, la quale aveva avuto l'intuizione di tentare immediatamente una cura aggressiva basata su di un cocktail antiretrovirale di tre diversi farmaci, anziché limitarsi a somministrargliene uno solo o con due come normalmente si fa con i neonati. Il trattamento, che gli addetti ai lavori chiamano HAART (highly active antiretroviral therapy), è attualmente uno standard ma solo nella cura dei pazienti adulti, e normalmente porta a cronicizzare, cioè a contenere e tenere sotto controllo la malattia, ma non ad eliminarla. E invece, a quanto pare in questo caso ha avuto un effetto molto più radicale sulla bambina, la quale è stata sottoposta a questo trattamento per tutti i primi 18 mesi della sua vita, quindi oltretutto molto più a lungo di quanto normalmente accade ai neonati.

Il trattamento è stato interrotto non per decisione dei medici, ma perché a quel punto la madre, di testa sua, non l’ha più portata a curarsi. Normalmente, non appena si interrompe la terapia si risvegliano le cosiddette riserve di cellule dormienti, e il paziente subisce una ricaduta. E invece, in questo caso, quando la bambina è ricomparsa cinque mesi dopo l’interruzione delle cure, improvvisamente non risultava più sieropositiva. Una neonata guarita da Hiv? I medici non si capacitavano. “Sulle prime mi sono detta: oddio, vuoi vedere che per sbaglio ho sottoposto a terapia una bambina sana” racconta la dottoressa Gay. E invece, accurate verifiche di laboratorio hanno confermato che la sieropositività in origine c’era, ma è scomparsa.

Attualmente, a distanza di un anno dalla fine del trattamento, la bimba risulta negativa al normale test per l’HIV, mentre alcuni speciali test supersensibili appositamente messi a punto dai medici della Università del Mississippi rivelano piccole tracce del virus apparentemente non più in grado di replicarsi – quindi tecnicamente la bambina ad oggi risulta “guarita”, anche se non è ancora del tutto escluso che in futuro la sua condizione possa modificarsi. Ma da ormai un anno non riceve più cure. “Mi limito a risottoporla periodicamente al test, e a pregare che rimanga così” ha spiegato la dottoressa Gay.

Aids curabile?

Questo caso, che potrebbe rappresentare un “game changer” nella storia della lotta contro l’AIDS, è stato studiato negli ultimi sei mesi dalla Dottoressa Deborah Persaud della Johns Hopkins University di Baltimora e dalla Dottoressa Katherine Luzuriaga dell’Università del Massachusetts, grazie ad un finanziamento messo a disposizione dall’amfAR (American Foundation for AIDS Research): le verifiche condotte hanno confermato il successo di questo esperimento, ed ora ci si sta muovendo per capire come replicarlo, a partire dallo studio della diversa reattività del sistema immunitario del neonato rispetto a farmaci che nell’adulto non avevano mai prodotto un simile successo. “Forse è ancora presto per parlare di una vera e propria cura” ha spiegato alla Associated Press il Dottor “Anthony Fauci dei National Institutes of Health, “ma di certo si tratta di quanto più vicino ad una cura noi abbiamo mai visto”.

Altri Servizi
AP

Non c'erano dubbi ma il 19enne che nel giorno di San Valentino ha aperto il fuoco e ucciso 17 persone nel suo ex liceo in Florida ha ammesso di essere lui l'autore di quella che è stata una delle peggiori sparatorie avvenute dentro un istituto scolastico della storia moderna americana. Dopo essere stato catturato, Nikolas Cruz ha detto agli agenti di polizia di avere "iniziato a sparare agli studenti che vedeva nei corridoi e intorno alla scuola" una volta arrivato sul posto. E' quanto è emerso dal rapporto del suo arresto, pubblicato ieri nel tardo pomeriggio americano.

Wall Street, prosegue il momento positivo

Indici verso la migliore settimana in oltre un anno
iStock

Strage in Florida: Trump ancora una volta non parla di controllo delle armi

Il presidente americano ha proposto maggiore sicurezza nelle scuole e più impegno per la salute mentale dei cittadini americani. L'Fbi era stata avvertita della pericolosità di Cruz nel settembre del 2017

Ancora una volta Donald Trump non fa riferimento a leggi più severe sul controllo delle armi, commentando la strage avvenuta mercoledì in una scuola a Parkland, in Florida, in cui sono morte 17 persone. Il presidente americano ha parlato dell'importanza di nuove misure di sicurezza nelle scuole e dei problemi di salute mentale negli Stati Uniti. Un'ora prima, il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, ha seguito la stessa linea, promettendo maggiori controlli, parlando di problemi mentali e infine incolpando le gang. 

Dimon (Jpm) è il banchiere meglio pagato per secondo anno di fila

Nel 2017, compensi per 29,5 milioni (+5%). Per Gorman (Morgan Stanley) +20% a 27 milioni. Per Blankfein (Goldman) +9% a 24 milioni di dollari. Per Corbat (Citigroup) +48% a 23 milioni
Wikimedia Commons

James Dimon, il numero uno di JP Morgan, si è confermato il banchiere meglio pagato a Wall Street per il secondo anno di fila: nel 2017 ha ricevuto compensi per 29,5 milioni di dollari , il 5% in più sul 2016.

Il piano infrastrutturale di Trump

Previsti progetti da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni ma il governo federale ce ne mette solo 200 miliardi. L'amministrazione Usa conta su stati, municipalità e privati
iStock

Lo aveva promesso sin dalla notte della sua vittoria elettorale nel novembre 2016. Oltre un anno dopo, il presidente americano Donald Trump ha finalmente presentato un piano per progetti infrastrutturali da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni, che rischia però di deludere. Il governo federale è pronto a impegnarsi a investire solo 200 miliardi di dollari. Inoltre, l'iniziativa ha di fronte a sé un futuro incerto al Congresso, che deve trovare i fondi per finanziarla e deve legiferare in materia.

Mueller: la Russia ha condotto una guerra informatica contro gli Usa

Lo scopo: favorire Trump e Sanders con migliaia di troll, pubblicità e interferenze nella campagna elettorale. Facebook e Twitter chiudono in rosso a Wall Street
AP

Quello di venerdì è stato il quinto rinvio a giudizio per cittadini o società russe accusate di aver influenzato le elezioni presidenziali americane del 2016. Tuttavia si tratta del primo del procuratore speciale, Robert Mueller, che dal maggio del 2017 sta indagando sul Russiagate e sulle possibili connessioni tra il Cremlino e alcuni membri del comitato elettorale di Donald Trump.

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.

Molestie sessuali: Trump crede agli uomini

Il presidente ha ripetutamente empatizzato con chi è stato accusato di violenze. Getta dubbi sul movimento #MeToo e chiede un "giusto processo". Gop nel caos

Che Donald Trump non fosse un femminista, lo aveva detto lui stesso a fine gennaio. Che il 45esimo presidente americano sia convinto di potere fare di tutto alle donne, anche prenderle per i genitali, lo aveva dichiarato lui stesso in un video emerso in piena campagna elettorale, comunque finita in suo favore. Che tenda a schierarsi dalla parte degli uomini, a prescindere dal fatto che siano stati accusati di violenze contro le loro mogli, lo ha fatto capire "augurando il meglio" al segretario di gabinetto costretto a dimettersi imbarazzando una Casa Bianca che sapeva. Che non gli importi delle vittime di potenziali abusi, lo ha confermato su Twitter sabato 10 febbraio esprimendo dubbi sul movimento #MeToo, che invece secondo il suo ex stratega Steve Bannon avanzerà "come il Tea Party, solo in modo molto più grande".

Facebook perde utenti giovani: preferiscono Snapchat

E' quanto emerge da uno studio di eMarketer secondo cui nel 2018, il gruppo guidato da Zuckerberg perderà 2 milioni di iscritti al di sotto dei 25 anni, mentre Snapchat ne attrarrà 1,9 milioni intorno a quell'età.

Facebook sta perdendo giovani utenti, che preferiscono Snapchat. E' quanto emerge da uno studio di eMarketer, secondo cui nel 2018 meno della metà dei ragazzi americani tra i 12 e i 17 anni userà il social network più grande al mondo almeno una volta al mese. La società di ricerca sostiene che il gruppo guidato da Mark Zuckerberg quest'anno perderà 2 milioni di utenti con un'età inferiore ai 25 anni, mentre Snapchat ne attrarrà 1,9 milioni intorno a quell'età. Secondo lo stesso studio, Facebook non potrà più contare su Instagram - altro social network della galassia fb - per "adescare" i giovani utenti. (Instragram nel 2018 acquisirà 1,6 milioni di iscritti tra i 12 e i 24 anni).

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.