Bank of America ottimista sul 2018, S&P 500 visto salire a 2.800 punti

Gli esperti della banca si aspettano un crescita mondiale solida e una continua espansione in Usa, dove l'inflazione salirà. Il consiglio? Puntare su azionario, dollaro e volatilità
AP

Bank of America è ottimista sul 2018, anno in cui si aspetta una crescita economica globale "robusta" del 3,8% (lo 0,1% in più del 2017), un'espansione costante in Usa (del 2,4% dopo un +2,2% dell'anno in corso), rendimenti notevoli nell'azionario che dovrebbero raggiungere il loro picco nella prima metà dell'anno prossimo, che dovrebbe finire con l'S&P 500 a quota 2.800 (un +6% sui livelli attuali). Gli esperti della banca americana tuttavia avvertono: il mercato "Toro" si sta avvicinando alla fine. Ecco perché la ricerca di Bank of America parla di previsioni bullish dal punto di vista macroeconomico ma bearish sul fronte dei mercati.

"Il nostro ottimismo sull'economia globale ci rende più pessimisti sui rendimenti, che saranno positivi ma più contenuti", ha detto Michael Hartnett, Chief Investment Strategist di Bank of America Merrill Lynch, durante la conferenza organizzata oggi presso la sede del gruppo a New York. Le stime della banca sono per rendimenti modesti nell'azionario e negativi nell'obbligazionario, per un dollaro più forte, livelli più alti di volatilità e spread più ristretti nel 2018, in cui l'inflazione è vista come la vera storia dell'anno specialmente in Usa: "Continua a essere bassa. Basta essere pazienti" perché tornerà a crescere con un tasso di disoccupazione visto scendere al 3,9% nel 2018 (dal 4,1% di ottobre), ha aggiunto in conferenza Ethan Harris, Head of Global Economics, che ha parlato di una "ripresa sincronizzata nel mondo" a cui ha contribuito anche un aggiustamento al rallentamento della Cina (definito "benigno") e al movimento dei prezzi delle materie prime. E' lui ad avere spiegato che l'approvazione in Usa di una riforma fiscale non è un "game changer" perché la ripresa era già in corso prima degli sviluppi a Washington.

Secondo gli esperti di Bank of America, il prossimo potrebbe essere un anno di euforia dopo un 2017 in cui l'ottimismo degli investitori è stato alimentato dai rialzi nell'azionario e da una volatilità bassa. Il ragionamento è che l'umore dei mercati sia un driver più importante dei fondamentali per l'S&P 500 e questo suggerisce che ci siano ancora spazio di crescita nel breve termine. E infatti, il mercato "Toro" per l'indice benchmark a Wall Street il 22 agosto prossimo diventerà il più lungo di sempre e se l'azionario registrerà performance migliori dell'obbligazionario per il settimo anno di fila, si trattarebbe della prima volta dal 1928 e solo la terza volta negli ultimi 220 anni. L'S&P 500 è visto a quota 2.863 a inizio 2018 (attualmente si trova a 2.640 punti) per finire quell'anno a 2.800 e il Nasdaq Composite potrebbe raggiungere gli 8.000 punti (dagli attuali 6.796) prima di una correzione di almeno il 10% seguita da una crescita più lenta per il resto dell'anno.

"Siamo entrati nell'ultima fase di un mercato Toro lungo, una fase caratterizzata da una crescita economica positiva e in miglioramento che favorisce uno slancio solido ma anche rischi maggiori", ha commentato Candace Browning, a capo della ricerca globale di Bofa. La storia suggerisce che alcuni dei migliori rendimenti possono esserci alla fine di mercati Toro. Con le valutazioni e l'umore cos" alti a fronte di una calma relativa dell'economia nonostante tensioni politiche, vediamo un pullback il prossimo anno come una norma. Per gli investitori ben posizionati, potrebbe essere una buona opportunità di acquisto".

In termini settoriali, a livello globale Bofa sovrappesa quelli tecnologico, delle materie prime e finanziario mentre sottopesa l'immobiliare, i beni discrezionali e le utility. Le prospettive restano positive per l'Europa, il Giappone e i mercati emergenti.

Sul fronte della Federal Reserve, non sono esclusi problemi di comunicazione dal momento che i "big three" della banca centrale Usa non ci saranno più: Janet Yellen verrà sostuita da Jerome Powel, il suo vice Stanley Fischer se ne è andato e il numero uno della Fed di New York si appresta a fare altrettanto.

Altri Servizi

Wall Street, ottimismo sulla Cina

La tregua con Pechino tranquillizza i mercati
iStock

Haspel ha giurato: è la prima donna a guidare la Cia

Scelta dal presidente perché "nessuno è più qualificato di lei", è stata criticata perché ha diretto un centro di detenzione dove i presunti terroristi venivano torturati
Ap

Gina Haspel ha giurato da direttore della Cia, prima donna a ottenere questo incarico. Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, presente alla cerimonia che si è svolta nel quartier generale dell'agenzia federale a Langley, in Virginia, ha detto: "Gina guiderà questa agenzia nel prossimo grande capitolo. Gina assume il ruolo di direttore in un momento cruciale della nostra storia. Stiamo riaffermando la forza americana e la fiducia americana". Giovedì scorso, il Senato ha confermato Haspel con il voto favorevole di 54 senatori.

AP

Netflix continua a investire sui contenuti rafforzandosi nella sfida contro rivali come Amazon e Walt Disney. Il servizio di video in streaming ha siglato con Barack e Michelle Obama un accordo pluriennale per la produzione di film e serie. Stando a una nota di Netflix, il 44esimo presidente americano e la moglie "produrrano un insieme vario di contenuti" tra cui potrebbero rientrare serie, docu-serie e documentari. "Questi progetti saranno disponibili ai 125 milioni di membri Netflix in 190 Paesi". Si chiama Higher Ground Productions la società con cui gli Obama produrranno contenuti per Netflix.

Fitch: con M5S e Lega i rischi aumentano ma "improbabile" uscita dall'euro

L'agenzia di rating si aspetta potenziali danni alla fiducia e scontri con le autorità dell'Eurozona
AP

Il programma politico deciso dal Movimento 5 Stelle e dalla Lega, "i due partiti più populisti ed euroscettici d'Italia, aumentano i rischi per il profilo di credito della nazione, attraverso soprattutto un allentamento fiscale e potenziali danni alla fiducia". Lo ha scritto Fitch in un rapporto, precisando che la portata di quei rischi è "incerta" e dipenderà dalla capacità del governo di adottare il suo programma.

Pompeo sull'Iran: rischia le sanzioni più dure della storia

Il segretario di Stato chiede a Teheran di fermare l'arricchimento di uranio, il programma missilistico e i finanziamenti ai gruppi militari in Medio Oriente
Ap

Mike Pompeo ha aperto il suo primo intervento da segretario di Stato parlando di Iran dopo che Donald Trump ha annunciato l'uscita dall'accordo sul nucleare voluto da Barack Obama. Pompeo ha minacciato le più dure sanzioni della storia contro Teheran e ha ricordato che gli Stati Uniti lavorano per evitare che l'Iran riesca a sviluppare armi nucleari. "Non ora e mai", ha detto il segretario di Stato Usa facendo riferimento alla possibilità che Teheran abbia una bomba atomica.

La Cina tende la mano a Trump

Pechino smentisce l'offerta per ridurre di 200 miliardi di dollari l'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti. Ha però eliminato dazi sul sorgo Usa

La Cina non ha offerto a Donald Trump una riduzione di 200 miliardi di dollari dell'avanzo commerciale annuo che vanta sugli Stati Uniti ma ha comunque teso la mano agli Stati Uniti.

Donald Trump chiede l'apertura di un'inchiesta sull'Fbi

Il tycoon domanderà al Dipartimento di Giustizia di accertare eventuali infiltrazioni durante la sua campagna del 2016

Donald Trump ha chiesto al Dipartimento di Giustizia americano di aprire un'indagine per verificare se l’Fbi, o lo stesso Dipartimento, si siano infiltrati nella sua campagna nel 2016. Il presidente americano lo ha scritto su Twitter dopo altri cinguetii domenicali in cui ha attaccato nuovamente la stampa e Hillary Clinton.

Sparatoria in Texas: tra le vittime anche la ragazza che disse "no" al killer

Emergono nuovi dettagli sulla strage avvenuta nella scuola di Santa Fe venerdì mattina

C'è anche la ragazza che lo ha rifiutato, umiliandolo davanti alla classe, tra le vittime di Dimitrios Pagourtzis, il 17enne autore della strage nella scuola superiore di Santa Fe, in Texas, dove venerdì mattina hanno perso la vita dieci persone. A rivelare questi dettagli, poi riportati dal Los Angeles Times, è Sadie Rodriguez la madre della 16enne Shana Fisher che "per quattro mesi ha avuto problemi con questo ragazzo".

Tom Wolfe, autore de "Il falò della vanità", è morto a 88 anni

A lui si deve l'espressione "radical chic" e il New Journalism
AP

Tom Wolfe, il celebre scrittore de "Il falò delle vanità", è morto all'età di 88 anni in un ospedale di Manhattan, New York. La notizia del decesso, avvenuto il 14 maggio, è stata data dal suo agente Lynn Nesbit, secondo cui l'autore era stato ricoverato per polmonite.

Tesla, Elon Musk svela nuovi dettagli della Model 3

Il visionario Ceo annuncia su Twitter le caratteristiche della versione top della gamma: "Costerà 78mila dollari con tutti gli optional e sarà più veloce di una Bmw"
Tesla

Elon Musk ha svelato su Twitter di aver aggiunto nuovi accessori alla Model 3, la berlina di Tesla pensata per il mercato di massa. Si tratta della versione di punta che costerà 78mila dollarie (con tutti gli optional) le cui modifiche la rendono "un'auto capace di muoversi rapidamente, affidabilmente, e che ha l’abilità di battere chiunque nella sua classe".