Bank of America ottimista sul 2018, S&P 500 visto salire a 2.800 punti

Gli esperti della banca si aspettano un crescita mondiale solida e una continua espansione in Usa, dove l'inflazione salirà. Il consiglio? Puntare su azionario, dollaro e volatilità
AP

Bank of America è ottimista sul 2018, anno in cui si aspetta una crescita economica globale "robusta" del 3,8% (lo 0,1% in più del 2017), un'espansione costante in Usa (del 2,4% dopo un +2,2% dell'anno in corso), rendimenti notevoli nell'azionario che dovrebbero raggiungere il loro picco nella prima metà dell'anno prossimo, che dovrebbe finire con l'S&P 500 a quota 2.800 (un +6% sui livelli attuali). Gli esperti della banca americana tuttavia avvertono: il mercato "Toro" si sta avvicinando alla fine. Ecco perché la ricerca di Bank of America parla di previsioni bullish dal punto di vista macroeconomico ma bearish sul fronte dei mercati.

"Il nostro ottimismo sull'economia globale ci rende più pessimisti sui rendimenti, che saranno positivi ma più contenuti", ha detto Michael Hartnett, Chief Investment Strategist di Bank of America Merrill Lynch, durante la conferenza organizzata oggi presso la sede del gruppo a New York. Le stime della banca sono per rendimenti modesti nell'azionario e negativi nell'obbligazionario, per un dollaro più forte, livelli più alti di volatilità e spread più ristretti nel 2018, in cui l'inflazione è vista come la vera storia dell'anno specialmente in Usa: "Continua a essere bassa. Basta essere pazienti" perché tornerà a crescere con un tasso di disoccupazione visto scendere al 3,9% nel 2018 (dal 4,1% di ottobre), ha aggiunto in conferenza Ethan Harris, Head of Global Economics, che ha parlato di una "ripresa sincronizzata nel mondo" a cui ha contribuito anche un aggiustamento al rallentamento della Cina (definito "benigno") e al movimento dei prezzi delle materie prime. E' lui ad avere spiegato che l'approvazione in Usa di una riforma fiscale non è un "game changer" perché la ripresa era già in corso prima degli sviluppi a Washington.

Secondo gli esperti di Bank of America, il prossimo potrebbe essere un anno di euforia dopo un 2017 in cui l'ottimismo degli investitori è stato alimentato dai rialzi nell'azionario e da una volatilità bassa. Il ragionamento è che l'umore dei mercati sia un driver più importante dei fondamentali per l'S&P 500 e questo suggerisce che ci siano ancora spazio di crescita nel breve termine. E infatti, il mercato "Toro" per l'indice benchmark a Wall Street il 22 agosto prossimo diventerà il più lungo di sempre e se l'azionario registrerà performance migliori dell'obbligazionario per il settimo anno di fila, si trattarebbe della prima volta dal 1928 e solo la terza volta negli ultimi 220 anni. L'S&P 500 è visto a quota 2.863 a inizio 2018 (attualmente si trova a 2.640 punti) per finire quell'anno a 2.800 e il Nasdaq Composite potrebbe raggiungere gli 8.000 punti (dagli attuali 6.796) prima di una correzione di almeno il 10% seguita da una crescita più lenta per il resto dell'anno.

"Siamo entrati nell'ultima fase di un mercato Toro lungo, una fase caratterizzata da una crescita economica positiva e in miglioramento che favorisce uno slancio solido ma anche rischi maggiori", ha commentato Candace Browning, a capo della ricerca globale di Bofa. La storia suggerisce che alcuni dei migliori rendimenti possono esserci alla fine di mercati Toro. Con le valutazioni e l'umore cos" alti a fronte di una calma relativa dell'economia nonostante tensioni politiche, vediamo un pullback il prossimo anno come una norma. Per gli investitori ben posizionati, potrebbe essere una buona opportunità di acquisto".

In termini settoriali, a livello globale Bofa sovrappesa quelli tecnologico, delle materie prime e finanziario mentre sottopesa l'immobiliare, i beni discrezionali e le utility. Le prospettive restano positive per l'Europa, il Giappone e i mercati emergenti.

Sul fronte della Federal Reserve, non sono esclusi problemi di comunicazione dal momento che i "big three" della banca centrale Usa non ci saranno più: Janet Yellen verrà sostuita da Jerome Powel, il suo vice Stanley Fischer se ne è andato e il numero uno della Fed di New York si appresta a fare altrettanto.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione al Beige Book

La Federal Reserve lo pubblicherà alle 14 (le 20 in Italia)
iStock

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap

"Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non una cosa cattiva". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante il saluto ufficiale con l'omologo russo, Vladimir Putin, all'interno del palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Il presidente statunitense, che so è congratulato con Putin "per il Mondiale davvero grandioso", ha detto che con il leader russo affronterà la questione nucleare. "Siamo le due più grandi potenze nucleari. Abbiamo il 90% del nucleare e questa è una cosa negativa, non positiva. Spero che potremo fare qualcosa al riguardo" ha aggiunto Trump.

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Trump: incontro con Putin un successo, anche secondo l'intelligence

Ieri, la marcia indietro: "Non ho motivi per non credere all'intelligence" sulla colpevolezza della Russia per le ingerenze nelle elezioni

"Così tante persone ai più alti livelli dell'intelligence hanno amato la mia performance alla conferenza stampa di Helsinki. Putin e io abbiamo discusso di molti argomenti importanti durante il nostro incontro. Siamo andati molto d'accordo e questo ha veramente dato fastidio a molti 'haters' che volevano vedere un incontro di pugilato. Grandi risultati arriveranno!". Questo il primo tweet di giornata del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, tornato a commentare il bilaterale con il presidente russo, Vladimir Putin, e la controversa conferenza stampa.

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock