Bank of America ottimista sul 2018, S&P 500 visto salire a 2.800 punti

Gli esperti della banca si aspettano un crescita mondiale solida e una continua espansione in Usa, dove l'inflazione salirà. Il consiglio? Puntare su azionario, dollaro e volatilità
AP

Bank of America è ottimista sul 2018, anno in cui si aspetta una crescita economica globale "robusta" del 3,8% (lo 0,1% in più del 2017), un'espansione costante in Usa (del 2,4% dopo un +2,2% dell'anno in corso), rendimenti notevoli nell'azionario che dovrebbero raggiungere il loro picco nella prima metà dell'anno prossimo, che dovrebbe finire con l'S&P 500 a quota 2.800 (un +6% sui livelli attuali). Gli esperti della banca americana tuttavia avvertono: il mercato "Toro" si sta avvicinando alla fine. Ecco perché la ricerca di Bank of America parla di previsioni bullish dal punto di vista macroeconomico ma bearish sul fronte dei mercati.

"Il nostro ottimismo sull'economia globale ci rende più pessimisti sui rendimenti, che saranno positivi ma più contenuti", ha detto Michael Hartnett, Chief Investment Strategist di Bank of America Merrill Lynch, durante la conferenza organizzata oggi presso la sede del gruppo a New York. Le stime della banca sono per rendimenti modesti nell'azionario e negativi nell'obbligazionario, per un dollaro più forte, livelli più alti di volatilità e spread più ristretti nel 2018, in cui l'inflazione è vista come la vera storia dell'anno specialmente in Usa: "Continua a essere bassa. Basta essere pazienti" perché tornerà a crescere con un tasso di disoccupazione visto scendere al 3,9% nel 2018 (dal 4,1% di ottobre), ha aggiunto in conferenza Ethan Harris, Head of Global Economics, che ha parlato di una "ripresa sincronizzata nel mondo" a cui ha contribuito anche un aggiustamento al rallentamento della Cina (definito "benigno") e al movimento dei prezzi delle materie prime. E' lui ad avere spiegato che l'approvazione in Usa di una riforma fiscale non è un "game changer" perché la ripresa era già in corso prima degli sviluppi a Washington.

Secondo gli esperti di Bank of America, il prossimo potrebbe essere un anno di euforia dopo un 2017 in cui l'ottimismo degli investitori è stato alimentato dai rialzi nell'azionario e da una volatilità bassa. Il ragionamento è che l'umore dei mercati sia un driver più importante dei fondamentali per l'S&P 500 e questo suggerisce che ci siano ancora spazio di crescita nel breve termine. E infatti, il mercato "Toro" per l'indice benchmark a Wall Street il 22 agosto prossimo diventerà il più lungo di sempre e se l'azionario registrerà performance migliori dell'obbligazionario per il settimo anno di fila, si trattarebbe della prima volta dal 1928 e solo la terza volta negli ultimi 220 anni. L'S&P 500 è visto a quota 2.863 a inizio 2018 (attualmente si trova a 2.640 punti) per finire quell'anno a 2.800 e il Nasdaq Composite potrebbe raggiungere gli 8.000 punti (dagli attuali 6.796) prima di una correzione di almeno il 10% seguita da una crescita più lenta per il resto dell'anno.

"Siamo entrati nell'ultima fase di un mercato Toro lungo, una fase caratterizzata da una crescita economica positiva e in miglioramento che favorisce uno slancio solido ma anche rischi maggiori", ha commentato Candace Browning, a capo della ricerca globale di Bofa. La storia suggerisce che alcuni dei migliori rendimenti possono esserci alla fine di mercati Toro. Con le valutazioni e l'umore cos" alti a fronte di una calma relativa dell'economia nonostante tensioni politiche, vediamo un pullback il prossimo anno come una norma. Per gli investitori ben posizionati, potrebbe essere una buona opportunità di acquisto".

In termini settoriali, a livello globale Bofa sovrappesa quelli tecnologico, delle materie prime e finanziario mentre sottopesa l'immobiliare, i beni discrezionali e le utility. Le prospettive restano positive per l'Europa, il Giappone e i mercati emergenti.

Sul fronte della Federal Reserve, non sono esclusi problemi di comunicazione dal momento che i "big three" della banca centrale Usa non ci saranno più: Janet Yellen verrà sostuita da Jerome Powel, il suo vice Stanley Fischer se ne è andato e il numero uno della Fed di New York si appresta a fare altrettanto.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione rivolta ai dazi Usa-Cina in vigore da oggi

Il presidente Trump impregnato a New York per i primi impegni alle Nazioni Unite, in attesa del suo discorso, domani, all'Assemblea generale
iStock

Trump incontrerà Rosenstein giovedì. Dimissioni, licenziamento o tutto fermo fino alle elezioni?

Il vicesegretario alla Giustizia ha nominato il procuratore speciale Mueller e supervisiona le indagini sulle ingerenze di Mosca nel voto del 2016. Dopo voci contrastanti su dimissioni e licenziamento, la notizia dell'incontro
AP

Dimissioni o licenziamento. Per ora, i media statunitensi non concordano sul modo, ma a quanto pare solo sul risultato: Rod Rosenstein non sarà più il vicesegretario alla Giustizia statunitense. Ore dopo indiscrezioni contrastanti, è arrivata la notizia che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, incontrerà Rosenstein, giovedì, a Washington. Lo ha reso noto la Casa Bianca. 

Trump sta con Kavanaugh: "Accuse totalmente politiche"

Il presidente sostiene il giudice nominato per la Corte Suprema

Le accuse contro il giudice Brett Kavanaugh sono "totalmente politiche". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, parlando dell'uomo da lui nominato per la Corte Suprema, accusato di tentato stupro da una donna e ora anche di molestie da un'altra donna.

Moavero da NY, pronto a difendere in Europa una manovra per favorire la crescita in Italia

Il ministro degli Esteri chiede alla Ue di fare di più su migranti e Libia. Descalzi (Eni) sulla manovra: "Tutti gli italiani stanno lavorando a livello istituzionale e di imprese per il bene del Paese"

L'idea del governo è di "fare una manovra per favorire la crescita del Paese" mantenendo "una traiettoria discendente del debito". Ne è convinto il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, escludendo che siano "mai state sollevate minacce al ministero dell'Economia" e chiedendo alla Ue un maggiore impegno sia in tema di migranti sia di Libia.

Trump alle Nazioni Unite: focus su Iran, commercio e sovranità

Il presidente Usa alla sua seconda apparizione al Palazzo di Vetro di New York, per la 73esima Assemblea generale. Lo scorso anno, minacciò di "distruggere totalmente" la Corea del Nord; ora si vanta dei nuovi rapporti con Pyongyang (con pochi risultati)
Ap

"Sarà la seduta del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite più vista di tutti i tempi". Parola dell'ambasciatrice statunitense al Palazzo di Vetro, Nikki Haley, parlando di chi, di audience, certamente capisce: il presidente statunitense Donald Trump, che mercoledì presiederà la riunione del Consiglio, a rotazione tra i 15 membri e destinata, in concomitanza con la 73esima Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York, proprio agli Stati Uniti. La riunione sarà dedicata alla non proliferazione e sarà l'occasione per attaccare l'Iran, denunciando il suo tentativo di destabilizzare il Medio Oriente.

Cresce la fiducia nell'economia in Usa, forte pessimismo in Italia. In Europa, prevale la nostalgia per il passato

Sono i dati dell'ultimo studio del Pew Research Center, a dieci anni da quella che Bernanke ha definito "la peggiore crisi della Storia"
Ap

Nel mondo, la gente ricomincia ad avere la fiducia che aveva nell'economia nazionale prima della grande recessione di dieci anni fa; notevoli, soprattutto, i miglioramenti registrati in Germania, Giappone, Russia e Stati Uniti, secondo l'ultimo studio del Pew Research Center. Nel complesso, però, non si può non sottolineare che continua a regnare un forte pessimismo per il futuro e che è molto diffusa la nostalgia per il passato, soprattutto in Europa.

Trump difende Kavanaugh ("difficile immaginare che sia successo qualcosa") e si augura che l'accusatrice parli

Il giudice nominato dal presidente alla Corte Suprema accusato di tentato stupro
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, ha detto che dovrà "prendere una decisione" sul futuro della nomina del giudice Brett Kavanaugh alla Corte Suprema, se la sua accusatrice, Christine Blasey Ford, darà "una testimonianza credibile". Sarebbe "meraviglioso" se si presentasse davanti alla commissione Giustizia del Senato, "spiacevole" se non lo facesse, ha aggiunto il presidente.

Comcast batte Fox all'asta: Sky è sua per 17,28 sterline ad azione (valutazione di 29,7 miliardi)

Dopo 21 mesi, si è conclusa la battaglia per il controllo della pay-tv britannica
Ap

Dopo una battaglia di 21 mesi, Sky ha battuto 21st Century Fox nello scontro per l'acquisizione di Sky. Il più grande operatore via cavo degli Stati Uniti ha prevalso nell'asta in tre round imposta dalle autorità britanniche per concludere l'affare riguardante la pay-tv.

La guerra di Trump contro gli immigrati poveri

L'amministrazione non vuole concedere visti provvisori e Green Card agli stranieri che ricevano, o potrebbero ricevere, aiuti statali: no al "carico pubblico". E ha già abbassato ai minimi storici il numero massimo di rifugiati da accogliere

L'amministrazione Trump vuole rendere più difficile l'arrivo di immigrati e la permanenza di quelli regolari che hanno ricevuto, o potrebbero ricevere - avendone diritto - dei sussidi statali, come i fondi per pagare l'affitto di una casa popolare, gli aiuti alimentari o il Medicaid, l'assistenza sanitaria per i poveri.

Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap