Bank of America: utile sale e batte le stime, ma fatturato delude con il trading

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading.

Nel terzo trimestre Bank of America ha visto salire l'utile netto del 13%, mentre il fatturato è salito dell'1%, battendo le stime degli analisti, nonostante le difficoltà delle attività di trading. 

"L'attenzione a una crescita responsabile e al miglioramento dei servizi ai clienti ha prodotto un altro trimestre con solidi risultati. Il fatturato è cresciuto, nonostante le difficoltà del trading", ha detto l'amministatore delegato Brian Moynihan.

Nei tre mesi a settembre, la banca di Charlotte ha riportato profitti per 5,587 miliardi di dollari, 48 per azione, contro i 4,955 miliardi di dollari, 41 per azione, dello stesso periodo dell'anno scorso. Gli analisti attendevano un utile di 45 centesimi per azione.

Il giro d'affari è salito da 21,86 a 22,08 miliardi di dollari, anche in questo caso meglio dei 21,98 miliardi previsti. Il fatturato al netto delle spese per interessi è cresciuto dell'1% da 21,635 a 21,839 miliardi. Il fatturato da trading nel reddito fisso si è attestato a 2,15 miliardi di dollari, il totale dei prestiti erogati a 919,94 miliardi di dollari, mentre i depositi si sono attestati a 1.273 miliardi.

Il fatturato da trading si è attestato a 3,1 miliardi di dollari, mentre quello delle attività di global banking è salito del 5% a 5 miliardi. Il giro d'affari della divisione di gestione patrimoniale è aumentato del 6% a 4,6 miliardi. La banca ha fatto sapere che la qualità del credito resta "solida".

Gli accantonamenti contro future perdite sono calate del 2% a 834 milioni di dollari, dai precedenti 850 milioni. Gli oneri netti sono aumentati dell'1% a 900 milioni, mentre le spese generali sono calate da 342 milioni. Nel terzo trimestre, sono stati riacquistati titoli propri per 3 miliardi di dollari. Il ritorno sul capitale è stato dell'8,1%, mentre il tasso di efficienza è stato del 60%.

Altri Servizi

La Fed alza i tassi per la terza volta nel 2017, altre tre strette nel 2018

Aumento di 25 punti base all'1,25-1,5%, come ampiamento atteso. Yellen non preoccupata da rally a Wall Street. Bitcoin? Un asset altamente speculativo. Riforma fiscale? Effetti ancora incerti
AP

Gli investitori non avevano (giustamente) dubbi: la Federal Reserve ha annunciato un aumento dei tassi per la terza volta nel 2017, la quinta dal giugno 2006. E ha confermato le attese per tre strette nel 2018 e due nel 2019. Non solo. Ha rivisto al rialzo le stime di crescita dell'economia americana per questo e il prossimo anno e si aspetta un ulteriore calo del tasso di disoccupazione, già ai minimi del dicembre 2000. Il governator Janet Yellen può vantarsi di lasciare la guida della banca centrale con gli Stati Uniti in buona salute e pronti a godere, almeno un po', di una riforma fiscale sempre più vicina ma dagli effetti ancora "incerti".

Onu: rara apparizione dell'ambasciatore nordcoreano

Ja Song Nam parteciperà a una riunione a livello ministeriale del consiglio di sicurezza del Palazzo di Vetro. Ci sarà anche Tillerson

Il segretario americano di Stato e l'ambasciatore nordcoreano alle Nazioni Uniti parteciperanno al consiglio di sicurezza dell'Onu in calendario oggi. Rex Tillerson descriverà la linea con cui Washington intende affrontare la crisi con Pyongyang, che nonostante le sanzioni internazionali continua a portare avanti i suoi programmi nucleare e missilistico.

La riforma fiscale torna a preoccupare Wall Street

Progressi verso l'approvazione di una riforma fiscale; la Federal Reserve ha alzato i tassi, come previsto, di 25 punti base all'1,25-1,5%
AP

La Nba vuole una squadra della sua lega minore a Città del Messico

La lega professionistica vuole continuare a espandersi e guarda al maggior mercato dell'America Latina. La nuova squadra della G League potrebbe giocare già dalla prossima stagione
Ap

La Nba vuole una squadra della sua G League a Città del Messico, forse già dalla prossima stagione. Lo ha affermato il Commissioner della lega di basket professionistico del Nordamerica, Adam Silver.

Gli Usa contro la Russia, a 30 anni dal trattato INF per l'eliminazione dei missili

Da tempo Washington denuncia le violazioni di Mosca. L'amministrazione Trump pronta a sviluppare un'arma per restare al passo dei russi
Ap

Gli Stati Uniti sono pronti a sviluppare un nuovo missile da crociera capace di trasportare armi convenzionali o testate nucleari, visto che credono che la Russia stia violando l'accordo per l'eliminazione dei missili a raggio corto e intermedio, l'INF, firmato 30 anni fa dal presidente Ronald Reagan e dal segretario generale del Partito comunista sovietico, Mikhail Gorbachev.

NY Times: cambio generazionale al vertice, editore passa il testimone al figlio 37enne

Arthur Ochs Sulzberger Jr cede il suo ruolo a Arthur Gregg Sulzberger

Cambio generazionale al vertice della New York Times Company. Dal primo gennaio 2018 il nuovo editore del gruppo sarà il 37enne Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'attuale numero uno Arthur Ochs Sulzberger Jr e già suo vice.

La rivincita delle Crocs (anche a Wall Street)

Lo stilista Christopher Kane e Balenciaga hanno portato in passerella le ciabatte che sembravano passate di moda. Gli analisti di Stifel scommettono in un rilancio: comprare il titolo

Le calzature Crocs sono destinate a tornare di moda. Le ciabatte leggere e dai colori sgargianti, un tempo diffuse anche in Italia, sembra stiano tornando ad essere popolari. Per questo gli analisti di Stifel consigliano agli investitori di comprare il titolo e non di tenerlo semplicemente in portafoglio. La raccomandazione ha spinto l'azione sui massimi di oltre due anni a Wall Street, dove venerdì 15 dicembre ha vissuto un rally di oltre il 14% a 12,55 dollari.

Incertezza sulla riforma fiscale, investitori preoccupati

Marco Rubio, senatore repubblicano della Florida, chiede maggiori sgravi fiscali per l'infanzia.
Shutterstock

Si fa nuovamente in salita la strada verso l'approvazione della riforma fiscale, che soltanto ieri sembrava cosa ormai fatta. E gli investitori a Wall Street tornano a preoccuparsi: e infatti il Russell 2000 ha ampliato i cali arrivando a perdere l'1%; l'indice che raggruppa le società a piccola e media capitalizzazione è visto come maggiormente correlato alle prospettive della riforma perché queste aziende tendono a pagare aliquote più alte rispetto alle multinazionali.

Riforma fiscale sempre più vicina, Rubio voterà sì

Il senatore della Florida si aggiunge quello del Tennessee. La settimana prossima verrà messa al voto in Parlamento. Entro Natale, la firma di Trump (salvo sorprese)
AP

Bloomberg a Trump: la riforma fiscale è una "cantonata economicamente indifendibile"

Per l'ex sindaco di NY, dà alle grandi aziende tagli alle tasse di cui non hanno bisogno, abbassa le aliquote dei contribuenti più abbienti e per permette ai più ricchi di proteggere i loro patrimoni
iStock