Bannon cacciato da Breitbart News dopo scontro con Trump su libro controverso

Costretto alle dimissioni da alcuni finanziatori del sito dell'alt-right sulla scia dei botta e risposta provocati da 'Fire and Fury'
AP

Steve Bannon, ex consigliere di Donald Trump, lascerà la sua posizione di executive chairman di Breitbart News. Lo ha annunciato il sito dell'alt right americana. L'addio di Bannon - che è stato forzato da una delle principali finanziatrici del sito e di Bannon, Rebekah Mercer - arriva dopo la scomunica da parte del presidente americano del suo ex braccio destro, reo di avere rilasciato dichiarazioni pesanti nel libro 'Fire and Fury: Inside the Trump White House' di Michael Wolff.

Inutile è stato il mea culpa e il chiarimento di Bannon, offerto come un ramo di ulivo nella speranza di ricucire i rapporti con Trump. Nel libro aveva definito "sovversivo" e "antipatriottico" un incontro avvenuto in piena campagna elettorale alla Trump Tower tra russi che sostenevano di avere informazioni compromettenti su Hillary Clinton (allora candidata democratica alle presidenziali) e - tra gli altri - il figlio di Trump, Donald Jr. L'inquilino della Casa Bianca andò su tutte le furie e rispose attaccando: "Quando è stato licenziato (lo scorso agosto, ndr), non ha solo perso il suo lavoro, ma anche la testa".

Bannon ha poi chiarito che con quelle parole non si riferiva Donald Jr - considerato un "patriottico" e un "brav'uomo" - ma a Paul Manafort, allora alla direzione della campagna e anche lui presente all'incontro. Dopo avere raddrizzato il tiro, la Casa Bianca è rimasta comunque impassibile continuando a considerare il libro come pieno di "falsità" e Bannon come qualcuno per cui non c'è alcuna possibilità di ritorno.

Nella nota pubblicata da Breitbart News è stato spiegato che ci sarà una transizione tranquilla, senza alcuno strappo. "Steve è una parte di valore della nostra storia e gli saremo per sempre grati per il suo contributo e per quello che ci ha aiutati a raggiungere", ha scritto il direttore di Breitbart, Larry Solov. Bannon ha detto di essere felice dei risultati raggiunti in un periodo di tempo così breve in cui "è stata creata una piattaforma di rilievo mondiale".

L'uscita di scena, lascia l'ex stratega di Trump senza finanziamenti e senza una piattaforma per sostenere i candidati dell'alt-right. Resta da capire come e se Bannon trovedà fondi per il progetto volto a presentare suoi candidati alle primarie repubblicane in diversi collegi cercando di battere l'establishment del partito, come aveva fatto con Trump. Rebekah Mercer e suo padre, l'hedge-fund miliardario Robert, avevano già deciso di smettere di finanziare Bannon, scegliendo di schierarsi dalla parte del presidente nello scontro provocato da un libro in cui si insinua anche che Trump ha problemi di salute mentale. Trump ha risposto autodefinendosi un "genio stabile" e sostenendo che i media lo stanno trattando come fecero con Ronald Reagan.

Bannon aveva lasciato Breitbart nell'agosto del 2016 per diventare il capo della campagna elettorale di Donald Trump. Poi, dopo la vittoria di Trump, era diventato suo stratega alla Casa Bianca, posizione da cui era stato licenziato dallo stesso Trump lo scorso agosto. A quel punto fece ritorno al sito.

Altri Servizi

Pence in Medio Oriente, focus su sicurezza e terrorismo

Le tensioni su Gerusalemme capitale peseranno sul viaggio del vicepresidente Usa tra Egitto, Giordania e Israele. Parlerà alla Knesset, il parlamento israeliano: primo leader statunitense a farlo dal 2008

Il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, è al Cairo, in Egitto, prima tappa di un delicato tour in Medio Oriente, iniziato nonostante lo 'shutdown' in patria, ovvero la paralisi delle attività dell'amministrazione federale, causata dal mancato accordo tra repubblicani e democratici. "Gli incontri del vicepresidente con i dirigenti di Egitto, Giordania e Israele fanno parte integrante della sicurezza nazionale dell'America" ha commentato Alyssa Farah, portavoce del vicepresidente, per spiegare i motivi che hanno spinto Pence a non cambiare i suoi piani, almeno questa volta.

Goldman Sachs: primo rosso trimestrale da 2011, ma conti sopra stime; da riforma 4,4 miliardi di oneri

Il Ceo Blankfein: "Con la prevista accelerata dell'economia globale, i benefici che arriveranno dalla nuova legislazione fiscale e grazie a un franchise di primo piano, siamo ben posizionati per fare significativi progressi sul piano di crescita".

Nei tre mesi a dicembre Goldman Sachs ha virato in rosso, riportando le sue prime perdite trimestrali dal 2011. Come già successo con i conti delle maggiori rivali dell'istituto newyorkese, ha pesato l'impatto della riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump, che ha provocato oneri straordinari per 4,4 miliardi di dollari.

Rinnovo della 702, c'è la firma di Trump: difesa la sorveglianza di massa, sconfitta la privacy

Rinnovata per sei anni la sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act (Fisa), che permette di spiare le conversazioni di cittadini statunitensi con stranieri di 'interesse' senza mandato

Per gli Usa, il primo pericolo sono Russia e Cina. Terrorismo in secondo piano

Presentata la nuova strategia di difesa nazionale dal capo del Pentagono, James Mattis. Dal documento è stato cancellato il pericolo portato dal cambiamento climatico
U.S. Department of Defense

Non c'è accordo sui fondi, Stati Uniti in shutdown: bloccate le attività federali

Il Senato non ha approvato la legge di rifinanziamento provvisorio per quattro settimane. Trump attacca: "I democratici vogliono svilire il grande successo dei tagli alle tasse". Possibile riduzione del Pil di 6,5 miliardi alla settimana

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Svolta storica al Los Angeles Times, arrivano i sindacati

Sono gli stessi che rappresentano già NY Times, Washington Post e Wsj. Il proprietario Tronc: aperto a discussioni produttive. Al via formazione di un comitato per trattare aumenti salariali
L'edizione del 5 novembre 2008 del giornale AP

Usa vogliono l'estradizione di due italiani, sono accusati di traffico illecito di oppiacei

Si chiamano Luca Sartini, 58 anni, e Luigi Palma, 51. Entrambi sono di Roma. Arrestati nella capitale italiana

In Usa è scattato lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale subisce una paralisi parziale. La Casa Bianca accusa i democratici

JP Morgan: per il Ceo Dimon, compensi 2017 per 29,5 milioni di dollari

Sono saliti del 5,4% sul 2016 ma restano sotto il record da 30 milioni del 2007. Salario di base fermo a 1,5 milioni; a lui azioni vincolate per 23 milioni di dollari
Wikimedia Commons