Bannon difende Salvini e Orbán: si stanno riprendendo la sovranità dei loro Paesi

L'ex stratega di ultra destra di Donald Trump: cercano di rendere migliori le loro nazioni

Stanno cercando di "riprendersi la sovranità dei loro Paesi". Per questo vanno lodati. Steve Bannon, l'ex stratega di ultra destra del presidente americano, Donald Trump, difende Matteo Salvini e Viktor Orbán, due uomini accumunati da una politica durissima in tema di migrazione. 

Parlando al festival Open Future organizzato a Londra dall'Economist per celebrare il suo 175esimo anniversario, Bannon, in collegamento video, ha difeso il ministro italiano degli Interni e il premier ungherese dicendo: Queste persone stanno cercando di rendere migliori i loro Paesi. Di sicuro non condanno Viktor Orbán e Matteo Salvini". Il primo ha descritto i rifugiati come "invasori musulmani" e il secondo ha chiuso le porte agli immigrati, a prescindere dalle condizioni estreme in cui si trovavano.

Per colui che nell'agosto del 2016 divenne direttore della campagna di Trump al posto di Paul Manafort - da giugno in carcere, dichiarato colpevole di frodi bancarie e fiscali il mese scorso e ora pronto a collaborare con gli inquirenti - Salvini e il leader ungherese "sono individui espressione di movimenti nazionali populisti in Europa, che stanno cercando di riprendersi la sovranità dei loro stati".

La presenza di Bannon al festival è stata controversa. Alcuni partecipanti hanno deciso di non presentarsi. Fuori dagli uffici dell'Economisti a New York, ha riferito il Guardian, qualcuno ha protestato con cartelli che dicevano: "Non normalizzate Bannon" o "Vergogna". L'idea è che il suprematismo bianco di cui lui è espressione non sia intrattenimento.

Il 4 settembre scorso il direttore dell'Economist aveva difeso la scelta di invitarlo dicendo: "Bannon ha una visione del mondo che è antitetica ai valori liberal che l'Economist ha sempre sposato. Gli abbiamo chiesto di partecipare perché il nazionalismo populista al giorno d'oggi ha gravi conseguenze politiche".

Il giorno precedente la comparsa di Bannon a un festival del settimanale New Yorker fu cancellata dopo lo scoppio delle polemiche. Il direttore del magazine aveva annunciato che avrebbe intervistato Bannon con "l'intenzione di chiedergli domande difficili". Poi però personalità del calibro di Jim Carrey preannunciarono sui social media che non avrebbero preso parte all'evento se anche Bannon si fosse presentato. E il magazine ha cambiato i suoi piani. L'Economist non lo ha fatto.

Altri Servizi

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Wall Street torna sui livelli di aprile, si teme frenata dell'economia mondiale

Tutti e tre gli indici principali in correzione. Dati deludenti dalla Cina e dall'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

I timori di un rallentamento dell'economia globale hanno messo a tappeto gli indici a Wall Street, che hanno archiviato una seduta con cali vicini al 2%. Per la prima volta dal marzo 2016 tutti e tre gli indici principali sono finiti in correzione, status definito da un calo di almeno il 10% rispetto ai massimi recenti. I listini sono per altro protagonisti del peggiore inizio di dicembre dal 1980.