Bannon: il movimento #MeToo sarà più grande del Tea Party

L'ex stratega di ultra destra del presidente Trump: è un "movimento anti-patriarcato"
AP

Steve Bannon torna a farsi sentire dando una sorte di endorsement al movimento #MeToo, nel quale non ha di certo fan visto che ha sostenuto la candidatura di Ray Moore alle elezioni speciali in Alabama del 12 dicembre 2017 nonostante il candidato repubblicano fosse accusato di avere molestato minorenni quando era trentenne.

L'ex stratega del presidente americano Donald Trump - cacciato nell'agosto 2017 - ha spiegato in una intervista a Bloomberg News che il movimento contro le molestie sessuali continuerà a crescere facendo precipitare sfruttatori e coloro che abusano del proprio potere. Per lui non si tratta semplicemente di #MeToo, rinato dopo le accuse imbarazzanti che hanno travolto il mondo dei media, del cinema e della politica. Per il conservatore di ultradestra silurato anche dal sito Breitbart per l'apparente attacco al figlio di Trump fatto nel controverso libro "Fire and Fury" di Michael Wolff, si tratta di un "movimento anti-patriarcato", che avanzerà "come il Tea Party, solo in modo molto più grande".

Facendo il verso al fondo per il sostegno legale a donne che sono state vittime di molestie sul posto di lavoro, Bannon ha aggiunto: "Time's up (il tempo sta per finire) per 10.000 anni di storia. Sta succedendo. E' reale".

Bannon ha fatto notare che "le sette storie più importanti riguardano uomini che sono stati fatti saltare in aria. E non sono di peso minore". Il riferimento apparente era a personalità del calibro di Charlie Rose, volto del giornalismo americano autorevole, e di Harvey Weinstein, il produttore cinematografico finito dalle stelle alle stalle dopo essere stato travolto da accuse di abusi, molestie e stupri.

Che Bannon preveda l'ascesa di un simile movimento forse sorprende. Tanto più che anche lui fu accusato di avere attaccato la moglie. Per le donne che sostengono #MeToo e Time's Up è tuttavia una bella previsione.

Nell'intervista a Bloomberg News, il cui autore ha visto con lui il primo discorso sullo stato dell'unione di Trump, Bannon ha spiegato che secondo lui la Casa Bianca ha ammorbidito le sue posizioni in tema per esempio di immigrazione perché teme che il presidente perda consensi tra le donne bianche: per lui "sono in caduta libera". L'ex stratega di Trump - di cui ha diretto gli ultimi mesi della campagna elettorale - si è persino espresso sulla scelta d'abito di Melania Trump durante quel discorso. Mentre le deputate democratiche si erano presentate all'appuntamento vestite di nero, la first lady aveva indossato giacca e pentaloni bianchi. Una scelta, questa, per cui aveva optato tante volte durante la campagna elettorale la rivale democratica di Trump, Hillary Clinton, in onore delle suffragette che tanto si sono battute per il diritto di votare. "Ha indossato il bianco delle suffragette", ha tuonato Bannon.

Altri Servizi

Usa - Cina, prove di disgelo sul fronte commerciale

Il segretario al Tesoro americano Steven Mnuchin ha detto che sta valutando un viaggio in Cina. Poco dopo la risposta di Pechino: “La parte cinese gli da’ il benvenuto”
©Ap

Piccoli segnali di disgelo tra Stati Uniti e Cina sul fronte commerciale. A fare un primo passo è stato il segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin, che ha parlato alla stampa durante gli Spring Meetings del Fondo monetario internazionale che stanno per concludersi a Washington. Mnuchin starebbe valutando un viaggio in Cina nell'ambito dello scontro fra Washington e Pechino sulle tariffe doganali, dicendosi poi "cautamente ottimista" su una possibile risoluzione delle tensioni commerciali con la seconda economia al mondo.

Nel primo trimestre At&t non batte le stime. Titolo crolla a Wall Street

Nonostante gli utili siano cresciuti di quasi il 15%, il colosso delle telecomunicazioni non convince gli analisti. Resta in sospeso il super acquisto di Time Warner per 85 miliardi di dollari

At&t delude il mercato mettendo a segno conti trimestrali sotto le attese del mercato si negli utili che nei ricavi. Nel periodo che si è concluso lo scorso 31 marzo il colosso delle telecomunicazioni americano ha registrato ricavi per 38,91 miliardi di dollari in ribasso rispetto ai 39,37 miliardi dello stesso periodo del 2017 e sotto le attese del mercato, ferme a 39,31 miliardi.

Ford ha chiuso il primo trimestre del 2018 con 1,7 miliardi di dollari di utili, o 43 centesimi per azione, in rialzo del 9% rispetto a 1,6 miliardi, o 40 centesimi per titolo, dello stesso periodo del 2017 (quando dovette fare i conti con costi più alti, vendite Usa deboli e cambi valutari sfavorevoli). Al netto di voci straordinarie, gli utili per azione sono stati di 43 centesimi, due in più delle attese degli analisti.

Lo scandalo dei dati non spaventa. Facebook continua a crescere, ricavi +50%

Anche gli utenti aumentano del 13% rispetto all'ultimo trimestre dell'anno. A Wall Street il titolo riprende fiato nel dopo mercato, con rialzi di quasi il 5%. Ma la questione Cambridge Analytica è stata resa nota a due settimane dalla fine del trimestre
Facebook

Facebook risponde alle critiche sul modo in cui gestisce i dati dei suoi utenti con conti del primo trimestre del 2018 sopra le attese sia per gli utili che per i ricavi. I risultati hanno dato un po' di ossigeno al gruppo, che nelle ultime settimane aveva perso terreno a Wall Street. Ieri nel dopo mercato, quando sono stati pubblicati i conti, il titolo è salito con rialzi fino al 5%.

Visa: utili trimestrale +505% grazie a Visa Europe, alza l'outlook

Utili +505% a 2,6 miliardi di dollari. Ricavi +13% a 5,1 miliardi. Bene la crescita dei volumi di pagamento (+11%) e delle transazioni gestite (+12%)

Visa ha guadagnato terreno ieri nel dopo mercato a Wall Street grazie a una trimestrale migliore delle stime degli analisti e una revisione al rialzo del suo outlook.

Google lancia il maggiore aggiornamento dal 2011 di Gmail

Il servizio di email sfida Microsoft e punta a essere più intelligente, sicuro e facile da usare

Alphabet ha lanciato oggi il maggiore aggiornamento dal 2011 del servizio Gmail della controllata Google. Alcune caratteristiche erano già circolate nei giorni scorsi ma fino a oggi nessuno degli oltre 1,4 miliardi di individui che lo utilizza poteva testare personalmente le novità.

Macron al Congresso Usa: la Francia non lascerà l'accordo sul nucleare iraniano

Mogherini (Ue): l'intesa funziona, va preservata. Il presidente iraniano: Trump "non ha il diritto di riscriverla". Il leader francese sul clima: "non c'è un Pianeta B". No a guerre commerciali
AP

"La Francia non lascerà il Joint Comprehensive Plan of Action" (JCPA), lo storico accordo sul nucleare iraniano siglato nell'estate del 2015 tra Teheran e i cinque membri permanenti del consiglio di sicurezza dell'Onu (Usa, Regno Unito, Francia, Cina e Russia) più la Germania. Lo ha detto Emmanuel Macron, il presidente francese, nel suo discorso al Congresso Usa.

Bitcoin: gemelli Winklevoss si alleano con il Nasdaq per evitare le truffe

Useranno la tecnologia del Nasdaq per fermare le frodi sulla loro piattaforma di scambio di valute digitali

I gemelli Winklevoss hanno assunto il Nasdaq per evitare truffe sulla loro piattaforma di scambio di criptovalute, Gemini Trust. Nasdaq userà la sua divisione anti-frode, in quella che rappresenta la prima collaborazione con un exchange di valute digitali: il settore è ormai una realtà consolidata che ha un valore di 443 miliardi di dollari.

Comcast formalizza offerta su Sky rovinando i piani di Murdoch

21st Century Fox resta impegnato a prendere il controllo dell'operatore britannico ma valuta le opzioni a disposizione. Gli amministratori indipendenti di Sky ritirano la loro raccomandazione a favore del magnate dei media
iStock

Nel giorno in cui ha annunciato una trimestrale con utili in rialzo, Comcast ha presentato un'offerta formale da 22 miliardi di sterline per l'acquisto di Sky, complicando i piani della 21st Century Fox di Rupert Murdoch e di Walt Disney.

Twitter chiude il suo secondo trimestre di fila in utile, utenti crescono più delle stime

Gli investitori tuttavia temono un rallentamento della crescita dei ricavi

Twitter ha messo a segno il secondo trimestre di fila in utile; il primo in 12 anni fu quello chiuso lo scorso dicembre. Il social network tuttavia ha potuto festeggiare per poco tempo: gli investitori temono un rallentamento futuro della crescita dei ricavi. Per questo il titolo dell'azienda ha aperto in rally per poi precipitare.