Bannon ipotizza Michelle Obama sfidante di Trump

L'uomo che ha contribuito al successo elettorale di Donald Trump crede che tra gli attuali candidati democratici alle presidenziali del 2020 non ci sia ancora la persona ideale per sconfiggere il 45esimo inquilino della Casa Bianca. Steve Bannon, l'ex stratega di Trump e simbolo della destra estrema, ha così fatto il nome dell'ex first lady Michelle Obama come una delle valide alternative a cui il partito democratico potrebbe fare ricorso.

Parlando ai microfoni di "Sunday Morning Future", trasmissione di Fox News, Bannon ha detto: "Non vedo nessuno sul palco che in questo momento possa sfidare il presidente Trump". Poi ha aggiunto: "Non sono certo che il suo sfidante si sia ancora fatto avanti. Bisogna monitorare persone come [l'ex sindaco di New York, Michael] Bloomberg, [l'ex segretario di Stato sconfitta da Trump nel 2016] Hillary Clinton, Michelle Obama. Si tratta di potenziali candidati democratici che potrebbero scendere in pista". Tuttavia, Bloomberg ha già detto che non si candiderà e almeno fino allo scorso marzo la moglie di Bill Clinton non intendeva ricandidarsi. Anche Michelle Obama ha azzerato le sue speranze di una candidatura dicendo che ci sono "zero possibilità". Eppure parte dell'America ancora spera. Recentemente il regista Michael Moore, colui che nel 2016 aveva previsto la vittoria shock di Trump, ha spiegato che secondo lui la moglie di Barack Obama sarebbe l'unica possibilità per i democratici di battere l'attuale presidente.

Parlando su Msnbc, Moore ha affermato: "Nessuno l'ultima volta mi aveva ascoltato quando dicevo che Trump avrebbe vinto, che avrebbe vinto in Michigan, Wisconsin e Pennsylvania (...) e può succedere di nuovo". A quel punto ha chiesto retoricamente: "Chi può battere Trump? Francamente, credo ci sia una persona che ce la può fare, se le elezioni ci tenessero oggi. Non lo ha ancora annunciato. E il suo cognome fa rima con Obama. Infatti è Obama, Michelle Obama". Secondo Moore, lei è "amata" dagli americani.

Altri Servizi

Impeachment Trump, commissione Giustizia verso voto in settimana

I Dem vogliono mettere in stato d'accusa il presidente entro Natale
Ap

La commissione Giustizia della Camera statunitense potrebbe votare già durante questa settimana gli articoli di impeachment per la rimozione del presidente Donald Trump. Lo ha dichiarato il presidente della commissione, il democratico Jerrold Nadler, intervistato dalla Cnn. I democratici stanno discutendo la possibilità di allargare le accuse oltre il campo della campagna di pressione sull'Ucraina, al centro delle indagini. Nadler ha dichiarato che i democratici hanno costruito un caso "solido" contro Trump e procederanno velocemente con l'impeachment. "Il mio obiettivo è procedere il più velocemente possibile" ha detto Nadler. Sui repubblicani, ha detto: "Sta a loro decidere se essere patrioti o di parte".

Wall Street, l'attenzione resta sui negoziati Usa-Cina

Meno di una settimana per arrivare a un accordo prima dei nuovi dazi Usa
AP

Wall Street, l'attenzione resta su commercio e Fed

Il 15 dicembre dovrebbero scattare i nuovi dazi Usa contro la Cina. Oggi, comincia la riunione del Fomc
AP

Impeachment, Trump accusato di abuso di potere e intralcio al Congresso

Lo hanno reso noto i democratici, durante una breve conferenza stampa
AP

La Lamborghini Miura lascia il segno all’Art Basel di Miami

La vettura, disegnata da Marcello Gandini ha primeggiato nella galleria dedicata al design italiano allestita dal museo The Wolfsonian-FIU, nel distretto Art Déco di Miami.

Il Washington Post pubblica gli 'Afghanistan Papers': "Così ci hanno mentito sulla guerra"

Pubblicati documenti segreti dopo 3 anni di battaglie legali

Digital tax, la Francia sfida gli Usa: "Pronti ad andare al Wto"

Washington minaccia rappresaglie, "ma la tassa colpisce le aziende Usa, Ue, francesi o cinesi allo stesso modo. Non è discriminatoria"
Ap

Commissione Giustizia al lavoro sull'impeachment, Nadler accusa Trump: "Ha abusato del suo potere"

I democratici preparano gli articoli per la messa in stato d'accusa del presidente, che ribadisce: "È una caccia alle streghe, un imbroglio"
Ap

La Corea del Nord ribadisce il 'no' alla denuclearizzazione, Trump: "L'avete promessa"

Nuove tensioni tra Washington e Pyongyang. Trump e Kim tornati alla guerra di parole di due anni fa. E la Nordcorea prepara un "regalo di Natale"
Ap