Bannon pronto a influenzare Trump anche da fuori la Casa Bianca

L'ex stratega del presidente torna a guidare Breitbart News, sito di ultra destra

E quattro. Tante sono le figure di alto profilo che nell'ultimo mese hanno lasciato la Casa Bianca. E si arriva a 13 se si prende in considerazione la presidenza intera di Donald Trump. Dopo il portavoce Sean Spicer, il capo di gabinetto Reince Priebus e il direttore alla comunicazione Anthony Scaramucci, l'ultima ad avere finito in modo brusco la sua carriera nell'amministrazione Trump è Steve Bannon: oggi è l'ultimo giorno al civico 1600 di Pennsylvania Avenue dello stratega di ultra destra a cui era associata la deriva economica nazionalista e la linea dura in tema di immigrazione e sicurezza nazionale del 45esimo Commander in chief.

Curiosamente, la sua uscita si verifica esattamente un anno dopo il suo arrivo alla direzione della campagna elettorale del miliardario di New York. E, altra curiosità, si verifica circa otto mesi dopo il suo arrivo alla Casa Bianca, una durata prevista dallo stesso Bannon in interviste passate.

L'addio di Bannon - secondo la Casa Bianca deciso "di comune accordo" con il neo chief of staff, l'ex generale John Kelly - era già nell'aria almeno da Ferragosto. In quel giorno Trump tenne una conferenza stampa in cui finì per paragonare i suprematisti bianchi che sabato 12 agosto avevano protestato a Charlottesville (Virginia) contro la rimozione di una statua di un leader confederato ai manifestanti scesi in strada contro il razzismo. Rispondendo a una domanda, il presidente disse: "Mi piace Bannon, è un mio amico ma è arrivato tardi" nella discesa in campo del miliardario di New York. Come a dire che - contrariamente ai fatti - la vittoria alle presidenziali non fosse merito suo essendo arrivato pochi mesi prima dell'Election Day. Unitosi a Trump quando era in netto svantaggio nei sondaggi rispetto a Hillary Clinton, è stato tuttavia Bannon a mettere fine alle conferenze stampa dell'allora candidato repubblicano e a spingere per comizi carichi di messaggi populisti che gli hanno se non garantito almeno facilitato la vittoria. "Mi piace. E' un buon uomo. Non è un razzista", aveva garantito Trump aggiungendo che Bannon era il target di una copertura mediatica "ingiusta". Eppure il leader Usa disse anche: "Vedremo cosa succederà con Bannon".

Tre giorni dopo quelle dichiarazioni, colui che si autodefinì il "Dart Fener" della Casa Bianca è fuori. E l'America cerca di capire la dinamica che ha portato al suo addio. E' stato "fired", come piaceva dire a Trump nel suo reality show "The Apprentice"? O ha dato le dimissioni il 7 agosto scorso, come Bannon ha spiegato alla radio conservatrice Circa e secondo il quale la sua uscita è stata poi posticipata dal caos legato ai commenti di Trump che sono piaciuti solo ai suprematisti bianchi?

Intanto una delle firme di punta di Breitbart, il sito di ultra destra che Bannon aveva guidato per quattro anni prima di passare alla campagna Trump, ha scritto un tweet con una sola parola "war".

E' stata dunque dichiarata guerra nello stesso giorno in cui il repubblicano Mitt Romney ha chiesto al presidente di chiedere scusa alla nazione per quanto detto su Charlottesville mentre il democratico Al Gore gli ha consigliato di dare le dimissioni. Poche pre dopo si è saputo che Bannon è tornato al ruolo che ricopriva in Breitbart, quello di presidente esecutivo. "In vari modi, penso di essere più efficace dal di fuori nel lottare per avanzare l'agenda del presidente Trump. E andremo in guerra con chiunque sarà contro".

Il primo nel mirino è colui che dovrebbe avere cantato vittoria con l'uscita di Bannon: il consigliere economico Gary Cohn, l'ex Goldman Sachs parte di quell'ala tradizionale della Casa Bianca contro cui Bannon si era scagliato in più occasioni. Ci sono anche Ivanka Trump e il marito nonché consigliere del presidente, Jared Kushner. A loro si aggiungono i leader repubblicani della Camera, Paul Ryan, e del Senato, Mitch McConnell. Raffigurato dal magazine Time come "Il Grande Manipolatore", Bannon potrebbe essere capace di influenzare Trump evitando che si sposti troppo al centro. L'America ultra conservatrice ne sarebbe grata.

Altri Servizi

Pence in Medio Oriente, focus su sicurezza e terrorismo

Le tensioni su Gerusalemme capitale peseranno sul viaggio del vicepresidente Usa tra Egitto, Giordania e Israele. Parlerà alla Knesset, il parlamento israeliano: primo leader statunitense a farlo dal 2008

Il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, è al Cairo, in Egitto, prima tappa di un delicato tour in Medio Oriente, iniziato nonostante lo 'shutdown' in patria, ovvero la paralisi delle attività dell'amministrazione federale, causata dal mancato accordo tra repubblicani e democratici. "Gli incontri del vicepresidente con i dirigenti di Egitto, Giordania e Israele fanno parte integrante della sicurezza nazionale dell'America" ha commentato Alyssa Farah, portavoce del vicepresidente, per spiegare i motivi che hanno spinto Pence a non cambiare i suoi piani, almeno questa volta.

Goldman Sachs: primo rosso trimestrale da 2011, ma conti sopra stime; da riforma 4,4 miliardi di oneri

Il Ceo Blankfein: "Con la prevista accelerata dell'economia globale, i benefici che arriveranno dalla nuova legislazione fiscale e grazie a un franchise di primo piano, siamo ben posizionati per fare significativi progressi sul piano di crescita".

Nei tre mesi a dicembre Goldman Sachs ha virato in rosso, riportando le sue prime perdite trimestrali dal 2011. Come già successo con i conti delle maggiori rivali dell'istituto newyorkese, ha pesato l'impatto della riforma fiscale voluta dal presidente Donald Trump, che ha provocato oneri straordinari per 4,4 miliardi di dollari.

Rinnovo della 702, c'è la firma di Trump: difesa la sorveglianza di massa, sconfitta la privacy

Rinnovata per sei anni la sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act (Fisa), che permette di spiare le conversazioni di cittadini statunitensi con stranieri di 'interesse' senza mandato

Per gli Usa, il primo pericolo sono Russia e Cina. Terrorismo in secondo piano

Presentata la nuova strategia di difesa nazionale dal capo del Pentagono, James Mattis. Dal documento è stato cancellato il pericolo portato dal cambiamento climatico
U.S. Department of Defense

Non c'è accordo sui fondi, Stati Uniti in shutdown: bloccate le attività federali

Il Senato non ha approvato la legge di rifinanziamento provvisorio per quattro settimane. Trump attacca: "I democratici vogliono svilire il grande successo dei tagli alle tasse". Possibile riduzione del Pil di 6,5 miliardi alla settimana

S&P promuove la Grecia, prima volta in due anni

Il rating passa a B da B-, comunque cinque gradini sotto l'investment grade. L'outlook resta positivo
iStock

Svolta storica al Los Angeles Times, arrivano i sindacati

Sono gli stessi che rappresentano già NY Times, Washington Post e Wsj. Il proprietario Tronc: aperto a discussioni produttive. Al via formazione di un comitato per trattare aumenti salariali
L'edizione del 5 novembre 2008 del giornale AP

Usa vogliono l'estradizione di due italiani, sono accusati di traffico illecito di oppiacei

Si chiamano Luca Sartini, 58 anni, e Luigi Palma, 51. Entrambi sono di Roma. Arrestati nella capitale italiana

In Usa è scattato lo shutdown: cosa è e cosa comporta

Per la prima volta dall'ottobre 2013, il governo federale subisce una paralisi parziale. La Casa Bianca accusa i democratici

JP Morgan: per il Ceo Dimon, compensi 2017 per 29,5 milioni di dollari

Sono saliti del 5,4% sul 2016 ma restano sotto il record da 30 milioni del 2007. Salario di base fermo a 1,5 milioni; a lui azioni vincolate per 23 milioni di dollari
Wikimedia Commons