Bannon pronto a influenzare Trump anche da fuori la Casa Bianca

L'ex stratega del presidente torna a guidare Breitbart News, sito di ultra destra

E quattro. Tante sono le figure di alto profilo che nell'ultimo mese hanno lasciato la Casa Bianca. E si arriva a 13 se si prende in considerazione la presidenza intera di Donald Trump. Dopo il portavoce Sean Spicer, il capo di gabinetto Reince Priebus e il direttore alla comunicazione Anthony Scaramucci, l'ultima ad avere finito in modo brusco la sua carriera nell'amministrazione Trump è Steve Bannon: oggi è l'ultimo giorno al civico 1600 di Pennsylvania Avenue dello stratega di ultra destra a cui era associata la deriva economica nazionalista e la linea dura in tema di immigrazione e sicurezza nazionale del 45esimo Commander in chief.

Curiosamente, la sua uscita si verifica esattamente un anno dopo il suo arrivo alla direzione della campagna elettorale del miliardario di New York. E, altra curiosità, si verifica circa otto mesi dopo il suo arrivo alla Casa Bianca, una durata prevista dallo stesso Bannon in interviste passate.

L'addio di Bannon - secondo la Casa Bianca deciso "di comune accordo" con il neo chief of staff, l'ex generale John Kelly - era già nell'aria almeno da Ferragosto. In quel giorno Trump tenne una conferenza stampa in cui finì per paragonare i suprematisti bianchi che sabato 12 agosto avevano protestato a Charlottesville (Virginia) contro la rimozione di una statua di un leader confederato ai manifestanti scesi in strada contro il razzismo. Rispondendo a una domanda, il presidente disse: "Mi piace Bannon, è un mio amico ma è arrivato tardi" nella discesa in campo del miliardario di New York. Come a dire che - contrariamente ai fatti - la vittoria alle presidenziali non fosse merito suo essendo arrivato pochi mesi prima dell'Election Day. Unitosi a Trump quando era in netto svantaggio nei sondaggi rispetto a Hillary Clinton, è stato tuttavia Bannon a mettere fine alle conferenze stampa dell'allora candidato repubblicano e a spingere per comizi carichi di messaggi populisti che gli hanno se non garantito almeno facilitato la vittoria. "Mi piace. E' un buon uomo. Non è un razzista", aveva garantito Trump aggiungendo che Bannon era il target di una copertura mediatica "ingiusta". Eppure il leader Usa disse anche: "Vedremo cosa succederà con Bannon".

Tre giorni dopo quelle dichiarazioni, colui che si autodefinì il "Dart Fener" della Casa Bianca è fuori. E l'America cerca di capire la dinamica che ha portato al suo addio. E' stato "fired", come piaceva dire a Trump nel suo reality show "The Apprentice"? O ha dato le dimissioni il 7 agosto scorso, come Bannon ha spiegato alla radio conservatrice Circa e secondo il quale la sua uscita è stata poi posticipata dal caos legato ai commenti di Trump che sono piaciuti solo ai suprematisti bianchi?

Intanto una delle firme di punta di Breitbart, il sito di ultra destra che Bannon aveva guidato per quattro anni prima di passare alla campagna Trump, ha scritto un tweet con una sola parola "war".

E' stata dunque dichiarata guerra nello stesso giorno in cui il repubblicano Mitt Romney ha chiesto al presidente di chiedere scusa alla nazione per quanto detto su Charlottesville mentre il democratico Al Gore gli ha consigliato di dare le dimissioni. Poche pre dopo si è saputo che Bannon è tornato al ruolo che ricopriva in Breitbart, quello di presidente esecutivo. "In vari modi, penso di essere più efficace dal di fuori nel lottare per avanzare l'agenda del presidente Trump. E andremo in guerra con chiunque sarà contro".

Il primo nel mirino è colui che dovrebbe avere cantato vittoria con l'uscita di Bannon: il consigliere economico Gary Cohn, l'ex Goldman Sachs parte di quell'ala tradizionale della Casa Bianca contro cui Bannon si era scagliato in più occasioni. Ci sono anche Ivanka Trump e il marito nonché consigliere del presidente, Jared Kushner. A loro si aggiungono i leader repubblicani della Camera, Paul Ryan, e del Senato, Mitch McConnell. Raffigurato dal magazine Time come "Il Grande Manipolatore", Bannon potrebbe essere capace di influenzare Trump evitando che si sposti troppo al centro. L'America ultra conservatrice ne sarebbe grata.

Altri Servizi

Gli Usa chiedono all'Fmi di fare di più, il mondo teme guerre commerciali

Gli Spring Meetings dell'istituto di Washington terminano come erano iniziati. La linea americana non cambia. Mnuchin: il Fondo alzi la voce per ridurre gli squilibri. Lagarde: avanti con il dialogo "pacifico"
World Bank

Washington - Il Fondo monetario internazionale voleva usare i suoi lavori primaverili per "unire le nazioni" e allentare le tensioni commerciali riaccese dal braccio di ferro tra Usa e Cina. I cosiddetti Spring Meetings dell'istituto guidato da Christine Lagarde sono invece finiti come erano iniziati. Il mondo continua a temere una guerra commerciale dalla quale - è la tesi - non emergerebbe nessun vincitore mentre gli Stati Uniti continuano a volere perseguire un commercio "libero, equo e reciproco". Dunque, non resta che trattare.

Cinema, morto Verne Troyer, il "Mini me" di Austin Powers

L’annuncio sul suo profilo Facebook. Aveva 49 anni. Per Mike Myers era "un faro di positività"

Verne Troyer, l’attore americano conosciuto soprattutto per aver interpretato il ruolo di "Mini-Me" nella serie Austin Powers è morto sabato a Los Angeles all’età di 49 anni. Troyer, alto solo 81 centimetri, era affetto da nanismo e aveva raggiunto il successo sul grande schermo grazie al ruolo del perfido clone "tascabile" del cattivissimo Dottor Male, prima in 'Austin Powers: La spia che ci provava' e poi nel sequel del 2002 'Austin Powers in Goldmember'.

Usa: monta la preoccupazione per la Belt and Road Initiative cinese

Washington chiede maggiore trasparenza sull'eccesso di debito concesso a nazioni a basso reddito. Sotto sotto teme la crescente influenza di Pechino in Africa ed Eurasia
Xi Jinping AP

Gli Stati Uniti di Donald Trump hanno preso di mira la Cina, non solo sul fronte commerciale. Washington guarda con apparente preoccupazione alla "Belt and Road Initiative", l'iniziativa per lo sviluppo e le infrastrutture lanciata cinque anni fa, rivolta a una settantina di nazioni e pensata per fornire centinaia di miliardi di dollari di prestiti. La prima economia al mondo teme che la nazione asiatica e il suo presidente Xi Jinping vogliano ampliare la loro influenza nel mondo, specialmente in Africa e nell'Eurasia.

Padoan al prossimo governo: la strada delle riforme è quella giusta

Lagarde (Fmi): sfruttare la finestra ancora aperta, nuvole all'orizzone. Conteno (Eurogruppo): ottomista sull'Eurozona. Scholtz (finanze tedesche): contro gli euroscettici, avanti con riforme
AP

Da Washington, Pier Carlo Padoan ha rivendicato il lavoro fatto al ministero delle Finanze dal febbraio 2014 a oggi. E preparandosi a dire addio al suo incarico, ha lanciato un messaggio al prossimo governo (che fatica a prendere forma): "Non ci sono scorciatoie, la strada intrapresa [delle riforme] è quella giusta". Su questo è d'accordo il Fondo monetario internazionale, che ci chiede un piano "credibile e ambizioso" per portare avanti un consolidamento fiscale. Perché è vero che l'istituto guidato da Christine Lagarde ha rivisto leggermente al rialzo le stime di crescita dell'Italia. Ed è vero che il debito sta migliorando, ma resta alto mettendo l'Italia tra i Paesi che - come ha avvertito il d.g. del Fondo Christine Lagarde - "potrebbero essere colpiti di più se le condizioni di mercato", ora favoravoli, "cambiano".

L'alt nucleare della Nordcorea

Kim vuole lanciare la versione nordcoreana della glasnost sovietica di Mikhail Gorbachev?

E' certamente un "notevole progresso", come ha detto Donald Trump. Ma per esserlo, l'annuncio arrivato ieri dalla Corea del Nord di un alt ai suoi test missilistici e nucleari deve essere genuino. Per scoprirle se lo sia, serve tempo e dunque un cauto ottimismo - quello consigliato dagli osservatori - sembra necessario.

Visco: avanti con la crescita, ma senza dimenticare i vincoli

Il governatore di Banca d'Italia "fiducioso" nel senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni. Spagnoli più ricchi degli italiani? Padoan usa una metafora calcistica: le rimonte sono possibili.

Washington - E' essenziale che la crescita in Italia non subisca una battuta d'arresto. E che non si dimentichino i vincoli "formali e sostanziali" che vanno rispettati in termini di conti pubblici. E' questo il messaggio lanciato dal governatore di Banca d'Italia al futuro governo del nostro Paese, che non potrà non tenere conto del debito pubblico. Da Washington, dove si sono conclusi i lavori primaverili del Fondo monetario internazionale, Ignazio Visco si è detto "fiducioso" che nella futura classe dirigente italiana "ci sarà un grande senso di responsabilità nell'indirizzare la politica economica dei prossimi anni". La speranza è che chiunque sarà al governo prenda atto dei vincoli che "non si possono dimenticare" e di un debito che resta alto, anche se il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan si aspetta che scenda maggiormente tra il 2018 e il 2020 passando al 123,9% dal 131,8% del 2017.

Usa, 20enne sopravvive a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni

Dylan McWilliams è stato morso da uno squalo, da un orso e da un serpente

"Sono molto fortunato o molto sfortunato, dipende dai punti di vista". È questo il commento di Dylan McWilliams, 20enne originario di Grand Junction in Colorado, sopravvissuto a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni. Se non si tratta di un record poco ci manca, ciò che è certo è che la storia di Dylan sembra la sceneggiatura di un film.

Usa, 20enne sopravvive a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni

Dylan McWilliams è stato morso da uno squalo, da un orso e da un serpente

"Sono molto fortunato o molto sfortunato, dipende dai punti di vista". È questo il commento di Dylan McWilliams, 20enne originario di Grand Junction in Colorado, sopravvissuto a tre attacchi mortali negli ultimi quattro anni. Se non si tratta di un record poco ci manca, ciò che è certo è che la storia di Dylan sembra la sceneggiatura di un film.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton

Il partito democratico statunitense ha deciso di fare causa alla Russia, allo staff elettorale di Donald Trump e a WikiLeaks, che avrebbero cospirato contro Hillary Clinton alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.