Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Secondo una fonte al ministero dell'Interno, la lista del Primo ministro, lo sciita moderato Haider al Abadi, appoggiata dall'Occidente, è tallonata da quella degli ex combattenti di Hashd al Shaabi, le 'unità di mobilitazione popolare', che sostengono l'ex premier Nuri al Maliki, legate a doppio filo ai Pasdaran iraniani. La notizia del loro successo, se confermata, non farà piacere a Washington, che non hanno intenzione di lasciare il Paese sotto l'influenza di Teheran e che considera il voto come un test della sua decisione di abbandonare l'accordo sul nucleare iraniano. In una nota pubblicata dopo la chiusura dei seggi, il dipartimento del Tesoro statunitense ha incoraggiato i prossimi rappresentanti a formare un governo velocemente, "in modo che l'Iraq possa continuare ad andare avanti verso un futuro più sicuro, prospero e luminoso". "Gli Stati Uniti - sono state le parole del segretario di Stato, Mike Pompeo - sono pronti a collaborare con i leader iracheni per continuare a costruire un rapporto di lungo periodo".


I rischi degli Usa

In Iraq, gli Stati Uniti stanno addestrando e condividendo informazioni d'intelligence con ex membri di milizie sciite appoggiate dall'Iran, che una volta combattevano e uccidevano soldati statunitensi.  Lo scorso anno, il Congresso statunitense ha approvato lo stanziamento di 3,6 miliardi di dollari per l'addestramento e l'equipaggiamento delle forze di sicurezza irachene, con una priorità garantita alle unità sotto il ministro dell'Interno, Qassim al-Araji, detenuto due volte, per un totale di 23 mesi, nella prigione statunitense di Camp Bucca durante la guerra, perché accusato di contrabbando di bombe che hanno poi ucciso soldati statunitensi.

I fondi sono indirizzati anche alle guardie al confine con la Siria, dove Stati Uniti e Iraq temono l'Isis e che l'Iran considera come un corridoio per spostare combattenti e armi verso Siria e Libano. Per molti di questi ex miliziani, le forze statunitensi devono restare. "Tutti abbiamo fatto degli errori, gli americani e anche noi" ha commentato Hadi al-Ameri, leader dell'Organizzazione Badr, la più grande tra le milizie sciite che ha partecipato alla lotta contro l'Isis e capo dell'alleanza politica degli ex membri, conosciuta come Fatah. "Abbiamo bisogno del loro aiuto".

Negli Stati Uniti, non tutti sono d'accordo con questa collaborazione. "È una follia" ha detto Michael Pregent, ufficiale dell'intelligence militare in pensione, con un passato in Iraq. "Gli americani ora siedono con un vice di Qassim Suleimani", il leader delle Guardie della rivoluzione islamica, considerata un'organizzazione terroristica dal governo degli Stati Uniti, da cui questi ex miliziani iracheni venivano addestrati, finanziati e armati.

La scorsa settimana, gli Stati Unii hanno annunciato la chiusura del comando per le forze di terra in Iraq, attivo dal 2014. Questa mossa dovrebbe portare alla riduzione del numero di soldati nel Paese, che sono attualmente circa cinquemila; durante il massimo sforzo, nel 2007, la presenza statunitense era di circa 170.000 soldati.

Altri Servizi

Facebook respinge le accuse del Nyt sul tentativo di nascondere gli scandali: "Semplicemente false"

Zuckerberg e Sandberg rispondono al quotidiano, secondo cui i due manager avrebbero cercato di non far emergere le prove contro la società, spargendo poi informazioni false su rivali e critici
Facebook

Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg, amministratore delegato e direttrice operativa di Facebook, hanno respinto le accuse lanciate dal New York Times, che in un articolo ha sostenuto che i due manager avrebbero nascosto le prove sul Russiagate e sullo scandalo Cambridge Analytica per non danneggiare la società. Zuckerberg ha detto che l'articolo è "semplicemente falso" e ha difeso Sandberg, affermando che nessuno dei due era a conoscenza della collaborazione con Definers Public Affairs, una società di comunicazione politica di stampo conservatore, che sarebbe stata usata per screditare rivali come Google e Apple e critici di Facebook come il miliardario George Soros. Dopo la pubblicazione dell'articolo del New York Times, Facebook ha rescisso il contratto con Definers.

Wall Street soffre a causa dei titoli tech

Ieri, lo S&P in ripresa dopo 5 cali consecutivi
iStock

Wall Street, attenzione rivolta al petrolio

L'Arabia Saudita ha annunciato un taglio della produzione per alzare i prezzi
AP

Commercio, Trump: "La Cina vuole un accordo, penso che lo troveremo"

Il presidente Usa: "Ma serve commercio reciproco: la Cina è così oggi grazie a noi"

"La Cina vuole un accordo commerciale" con gli Stati Uniti e "penso che lo troveremo". Con queste parole, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha espresso il proprio ottimismo sui rapporti tra le due principali potenze mondiali, parlando con i giornalisti alla Casa Bianca.

In vigore il blocco di Trump, che impedisce ai migranti irregolari di chiedere asilo in Usa

Proclamazione presidenziale firmata dal presidente: "Le persone possono venire, ma devono farlo legalmente". Intanto, 4.000 migranti centroamericani hanno ripreso la marcia verso il confine, lasciata Città del Messico
Immigration and Customs Enforcement

È entrato in vigore la proclamazione presidenziale, firmata venerdì dal presidente statunitense Donald Trump, che sospende la concessione dell'asilo ai migranti che attraversano il confine con il Messico illegalmente; una mossa decisa per scoraggiare le migliaia di persone attualmente in marcia verso il Paese. Questo significa che i migranti dovranno presentarsi ai posti di frontiera per poter chiedere l'asilo, salvo rare eccezioni. Gli avvocati che difendono i diritti dei migranti si sono messi subito al lavoro per cercare di bloccare l'ordine in tribunale.

Commercio: è di nuovo scontro tra Usa e Cina

Botta e risposta tra il vicepresidente americano Mike Pence e il presidente cinese Xi Jinping in Papua Nuova Guinea
Ap

Almeno a parole, né gli Stati Uniti né la Cina sembrano disposti a fare un passo indietro nella guerra commerciale che li vede protagonisti, e questo anche dopo il velato ottimismo espresso dal leader americano Donald Trump. I due Paesi hanno difeso le loro rispettive posizioni durante il summit Asia-Pacific Economic Cooperation a Papua Nuova Guinea, nell'Oceania. Lo hanno fatto attraverso, rispettivamente, il vicepresidente Mike Pence e il presidente Xi Jinping (che a fine mese vedrà Trump in Argentina a margine del G20).

Levi's vuole riportare i suoi jeans in borsa

Ipo attesa all'inizio del 2019. Il gruppo punta a una valutazione di 5 miliardi di dollari

Il produttore dei primi blue jeans sta per sbarcare in borsa. Levi Strauss & Co (Levi's) punta a raccogliere tra i 600 miliardi di dollari e gli 800 miliardi attraverso una Ipo che valuterebbe l'azienda fino a 5 miliardi di dollari. Lo riferisce Cnbc citando alcune fonti secondo cui la quotazione è prevista nel primo trimestre del 2019.

Wall Street, giornata di dati macro

Tra quelli in programma, sussidi di disoccupazione, prezzi all'importazione e vendite al dettaglio
AP

Buffett scommette su Jpm, annuncia quota da 4 miliardi di dollari

L'uomo a capo di Berkshire Hathaway è ottimista sul settore bancario Usa. Punta anche su Oracle. Esce da Walmart
AP

Warren Buffett scommette su JP Morgan e il settore bancario americano in generale. Berkshire Hathaway, la conglomerata controllata dal celebre investitore, ha annunciato una partecipazione nella banca di Jamie Dimon con cui all'inizio del 2018 aveva unito le forze insieme ad Amazon per lanciare una joint venture volta a ridurre i costi sanitari per i rispettivi dipendenti.

Nyt: Facebook ha cercato di insabbiare gli scandali

Il social network ha cercato di nascondere le prove su Russiagate e scandalo Cambridge Analytica; poi, ha lanciato una campagna per screditare i critici, a partire da Soros
AP

I massimi dirigenti di Facebook hanno a lungo negato e nascosto le prove sul Russiagate e sullo scandalo Cambridge Analytica. A Menlo Park, sapevano che degli hacker russi stavano usando il social network per cercare di influenzare le elezioni presidenziali statunitensi nel 2016 e conoscevano bene anche gli errori commessi nella gestione della privacy degli utenti. Poi, una volta finiti al centro dello scandalo, hanno lanciato una campagna di lobbying per combattere i critici e screditarli, a partire dal miliardario George Soros, e spostare l'attenzione sulle società tech rivali, su cui hanno fatto uscire articoli negativi.