Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Secondo una fonte al ministero dell'Interno, la lista del Primo ministro, lo sciita moderato Haider al Abadi, appoggiata dall'Occidente, è tallonata da quella degli ex combattenti di Hashd al Shaabi, le 'unità di mobilitazione popolare', che sostengono l'ex premier Nuri al Maliki, legate a doppio filo ai Pasdaran iraniani. La notizia del loro successo, se confermata, non farà piacere a Washington, che non hanno intenzione di lasciare il Paese sotto l'influenza di Teheran e che considera il voto come un test della sua decisione di abbandonare l'accordo sul nucleare iraniano. In una nota pubblicata dopo la chiusura dei seggi, il dipartimento del Tesoro statunitense ha incoraggiato i prossimi rappresentanti a formare un governo velocemente, "in modo che l'Iraq possa continuare ad andare avanti verso un futuro più sicuro, prospero e luminoso". "Gli Stati Uniti - sono state le parole del segretario di Stato, Mike Pompeo - sono pronti a collaborare con i leader iracheni per continuare a costruire un rapporto di lungo periodo".


I rischi degli Usa

In Iraq, gli Stati Uniti stanno addestrando e condividendo informazioni d'intelligence con ex membri di milizie sciite appoggiate dall'Iran, che una volta combattevano e uccidevano soldati statunitensi.  Lo scorso anno, il Congresso statunitense ha approvato lo stanziamento di 3,6 miliardi di dollari per l'addestramento e l'equipaggiamento delle forze di sicurezza irachene, con una priorità garantita alle unità sotto il ministro dell'Interno, Qassim al-Araji, detenuto due volte, per un totale di 23 mesi, nella prigione statunitense di Camp Bucca durante la guerra, perché accusato di contrabbando di bombe che hanno poi ucciso soldati statunitensi.

I fondi sono indirizzati anche alle guardie al confine con la Siria, dove Stati Uniti e Iraq temono l'Isis e che l'Iran considera come un corridoio per spostare combattenti e armi verso Siria e Libano. Per molti di questi ex miliziani, le forze statunitensi devono restare. "Tutti abbiamo fatto degli errori, gli americani e anche noi" ha commentato Hadi al-Ameri, leader dell'Organizzazione Badr, la più grande tra le milizie sciite che ha partecipato alla lotta contro l'Isis e capo dell'alleanza politica degli ex membri, conosciuta come Fatah. "Abbiamo bisogno del loro aiuto".

Negli Stati Uniti, non tutti sono d'accordo con questa collaborazione. "È una follia" ha detto Michael Pregent, ufficiale dell'intelligence militare in pensione, con un passato in Iraq. "Gli americani ora siedono con un vice di Qassim Suleimani", il leader delle Guardie della rivoluzione islamica, considerata un'organizzazione terroristica dal governo degli Stati Uniti, da cui questi ex miliziani iracheni venivano addestrati, finanziati e armati.

La scorsa settimana, gli Stati Unii hanno annunciato la chiusura del comando per le forze di terra in Iraq, attivo dal 2014. Questa mossa dovrebbe portare alla riduzione del numero di soldati nel Paese, che sono attualmente circa cinquemila; durante il massimo sforzo, nel 2007, la presenza statunitense era di circa 170.000 soldati.

Altri Servizi

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Trump ottimista: un accordo tra Usa e Cina è possibile ma restano ostacoli

Toni incoraggianti anche da Xi, che il presidente Usa potrebbe vedere a marzo. Lighthizer cauto. Ross: presto per lo champagne. Mnuchin: raggiunto accordo su valute ma mancano dettagli

Ci sono buone probabilità che gli Stati Uniti e la Cina raggiungano un accordo visto che i negoziati commerciali fino ad ora stanno andando bene. E' il presidente americano, Donald Trump, ad avere rilasciato commenti incoraggianti sulle trattative che si sono tenute negli ultimi giorni a Washington dopo quelle della settimana scorsa a Pechino.

Trump apre alla Cina: Usa vincano competendo, non bloccando tecnologie avanzate

Mentre proseguono i negoziati commerciali, il presidente Usa sembra sminuire le preoccupazioni degli esperti americani sui rischi associati all'uso di attrezzature Huawei
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sembra offrire un ramo d'ulivo alla Cina e la suo colosso delle tlc Huawei, accusato dagli Stati Uniti di sfruttare le sue attrezzature per spiare sui clienti per conto di Pechino. Il tutto mentre le due maggiori potenze economiche mondiali stanno trattando per trovare un accordo commerciale che eviterebbe una guerra a colpi di dazi.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

AP

Le banche americane hanno chiuso un 2018 con utili record. Stando alla Federal Deposit Insurance Corporation (Fdic), l'agenzia americana indipendente che garantisce i depositi bancari, gli utili netti sono saliti sul 2017 di 72,4 miliardi di dollari o del 44,1% a 236,7 miliardi.

Usa-Cina: i negoziati commerciali di alto livello entrano nel vivo

Bloomberg: Pechino si impegna a comprare 30 miliardi di dollari addizionali di materie prime agricole americane. Reuters: al lavoro su sei memorandum

Dopo due giornate preparatorie, a Washington iniziano oggi i negoziati commerciali di alto livello tra Usa e Cina. Le due parti stanno delineando i contenuti di un memorandum of understanding iniziale di cui si parlava già la settimana scorsa quando a Pechino era finito il sesto round di trattative.

Gli Usa allenteranno le regole per vendere droni armati ai Paesi arabi

Washington al momento non li vende a causa di una ferrea politica sulle esportazioni di tecnologia militare. Ma ora vuole contrastare la Cina

Gli Stati Uniti non forniscono i propri droni armati agli alleati del Golfo a causa di regole ferree sulle esportazioni di tecnologia militare. Di fronte agli investimenti record per la difesa dei Paesi dell'area e all'ingresso della Cina nel mercato militare mediorientale, Washington cambierà presto politica.

Wall Street, segnali positivi dai negoziati Usa-Cina

Le due potenze mondiali cominciano a delineare l'accordo per porre fine alla guerra commerciale
iStock

Bernie Sanders ci riprova: in un video annuncia candidatura a presidenziali 2020

Lo rivela Politico ma non è chiaro se e quando verrà diffuso
AP

Bernie Sanders scenderà di nuovo in campo per correre verso la Casa Bianca. Secondo il sito Politico, il senatore indipendente del Vermont ha registrato un video in cui dice che si candiderà alle elezioni presidenziali americane del 2020. Non è tuttavia chiaro se e quando il video sarà diffuso.

Mueller chiede per Manafort fino a 24,4 anni in carcere per frodi fiscali

Il procuratore che sta indagando sul Russiagate vuole anche una multa pari a un massimo di 24 milioni di dollari. Le sorti dell'ex presidente della campagna Trump nelle mani di un giudice in Virginia

Fino a un quarto di secolo. Tanto l'ex presidente della campagna elettorale di Donald Trump dovrebbe trascorrere in prigione. E' questa la raccomandazione fatta da Robert Mueller per Paul Manafort. Il procuratore speciale che sta indagando sul Russiagate di fatto crede che Manafort, 69 anni, debba trascorrere il resto della sua vita dietro le sbarre per avere commesso frodi fiscali e bancarie commesse mentre dal 2010 al 2014 mentre lavorava come consulente di politici ucraini pro-Russia. L'uomo fu giudicato colpevole di otto capi di imputazione lo scorso agosto in un processo ad Alexandria, Virginia.