Battaglia sulle dichiarazioni dei redditi, Trump si rivolge alla Corte Suprema

Il presidente, dopo aver perso nei primi due gradi di giudizio, andrà davanti al massimo tribunale, che potrebbe definire in modo più accurato i limiti del potere presidenziale
ap

Gli avvocati del presidente statunitense Donald Trump hanno annunciato la volontà di rivolgersi alla Corte Suprema entro il 14 novembre contro la decisione di un tribunale inferiore di costringere il capo di Stato a consegnare otto anni di dichiarazioni dei redditi a un gran giur" di New York.

Giorni fa, una corte d'appello federale ha respinto il ricorso di Trump, che sta cercando di bloccare un mandato di consegna nel tentativo di tenere segrete le sue dichiarazioni dei redditi. In estate, i procuratori di Manhattan hanno spiccato un mandato di consegna documenti nei confronti della società Mazars Usa, in possesso delle dichiarazioni dei redditi personali e societarie di Trump. La procura sta indagando sui rimborsi all'ex avvocato di Trump, Michael Cohen, per i pagamenti con cui è stato comprato, durante la scorsa campagna elettorale presidenziale, il silenzio della pornostar Stormy Daniels su un presunto rapporto sessuale tra lei e l'attuale presidente.

Gli avvocati di Trump hanno sostenuto, in primo grado e in appello, che il presidente non può essere soggetto né all'arresto, né a un'azione penale fino al termine del suo mandato, "neanche se sparasse a qualcuno sulla Fifth Avenue a New York City". In primo grado, il giudice aveva affermato che la tesi difensiva "contraddice i valori costituzionali e le strutture governative della nazione". Il presidente, i suoi familiari e i suoi affari non sono al di sopra della legge, aveva aggiunto.

Per la prima volta, dunque, la Corte Suprema sarà chiamata a pronunciarsi sull'argomentazione legale tenuto dagli avvocati di Trump, cioè che il presidente sia immune dalle indagini penali finché in carica, e potrebbe "produrre una sentenza di primaria importanza sui limiti del potere presidenziale" ha notato il New York Times.

Altri Servizi

Usa: -701.000 posti di lavoro a marzo, la disoccupazione sale al 4,4%

Primi effetti del coronavirus, ma i dati si riferiscono solo fino al 12 marzo, all'inizio dell'applicazione delle misure restrittive per contenere la diffusione della pandemia

Wall Street, attesa per il rapporto sull'occupazione

Petrolio in rialzo dopo il diffuso ottimismo sul taglio della produzione
AP

Usa, effetto coronavirus: 10 milioni di disoccupati in due settimane

La scorsa settimana, 6,6 milioni di nuove richieste di sussidi di disoccupazione, il doppio della settimana precedente
Ap

Wall Street, attenzione alle richieste di disoccupazione

In programma anche il deficit della bilancia commerciale
AP

Coronavirus, Pence: "Situazione Usa comparabile a quella dell'Italia"

Il vicepresidente Usa: "Il futuro è nelle nostre mani". I casi negli Stati Uniti sono 189.633, i morti 4.081

Wall Street riparte dopo il primo trimestre peggiore della sua storia

Oggi atteso il dato sull'occupazione nel settore privato
AP

Trump allenta gli standard ambientali per le auto

Le nuove norme, che cancellano le misure volute da Obama, saranno subito portate in tribunale da Stati e gruppi ambientalisti

Cuomo: "Coronavirus sottovalutato". Nello Stato di New York, 75.795 casi e 1.550 morti

I positivi aumentati del 14% in un giorno, i morti del 27,2%
iStock

Wall Street, resta l'agitazione per coronavirus e petrolio

Dati in programma: indice dei prezzi e fiducia dei consumatori
AP

Coronavirus, Trump: picco a Pasqua, il numero di morti calerà molto entro giugno

Il presidente Usa intervistato da Fox News: "Se non avessi fatto nulla, avremmo rischiato 2,2 milioni di morti; avremo fatto un buon lavoro se saranno al massimo 200.000"
Ap