Becky Hammon, la vice di Popovich che vuole diventare la prima allenatrice nella storia dell'Nba

Ex giocatrice, dal 2014 è tra gli assistenti del coach dei San Antonio Spurs. È stata la prima a diventare 'assistant coach' nella lega maschile e ora punta al grande obiettivo
Ap

Becky Hammon è stata una pioniera, diventando la prima donna 'assistant coach' nella Nba, ottenenendo il ruolo nei San Antonio Spurs, nel 2014. Molti commentatori sportivi, ora, credono che sia pronta per infrangere un'altra barriera, diventando la prima 'head coach' della lega.

Lo scorso mese, il Commissioner della Nba, Adam Silver, ha detto alla Espn che è una sua responsabilità assicurare che una donna diventi allenatrice capo al più presto e il coach degli Spurs, Gregg Popovich, tra i più conosciuti ed esperti, ha detto che Hammon è pronta per assumere il massimo incarico da allenatrice. Al momento, lei si concentra sulla stagione in corso, con gli Spurs che hanno battuto i Memphis Grizzlies nel primo turno dei playoff e ora affronteranno gli Houston Rockets nelle semifinali della Western Conference.

Ex stella del basket femminile statunitense, al college e nella Wnba - la lega professionistica – Hammon, 40 anni, non ha la statura tipica di una giocatrice, visti i suoi 170 centimetri di altezza, ma ha sempre praticato questo sport, di cui il padre era un allenatore a livello amatoriale.

Ha sviluppato l'aspetto mentale e strategico del gioco, consapevole dei suoi limiti fisici, avvicinandosi già da giocatrice alle caratteristiche tipicamente da allenatore. Dopo essere diventata la giocatrice più decorata nella storia della Colorado State University, ha firmato il suo primo contratto da professionista nel 1999, per la New York Liberty. Il suo inizio tra le professioniste, però, non è stato facile. Nel 2007, poi, il trasferimento alle San Antonio Stars, dove le è stato dato il soprannome “Big Shot Becky”, per la sua capacità di segnare canestri decisivi nei momenti fondamentali delle partite.

Negli anni seguenti, ha fatto scalpore la sua decisione di diventare cittadina russa per giocare alle Olimpiadi del 2008, alle quali vinse il bronzo, in un'edizione vinta, come sempre, dagli Stati Uniti (oro alle ultime sei edizioni). Avrebbe naturalmente preferito giocare per il suo Paese di nascita, ma non le era mai stata offerta una possibilità. “Arrivi a un punto in cui, per qualsiasi ragione, la porta è semplicemente chiusa e non avevo modo di aprire quella porta” ha commentato al Wall Street Journal. “Così ho guardato dall'altra parte e la porta era aperta, e l'ho attraversata”. Hammon ha poi giocato per la nazionale russa anche alle Olimpiadi del 2012.

Nel 2013, complice un serio infortunio, ha cominciato a seguire gli allenamenti degli Spurs, offrendo i propri consigli a Popovich, un allenatore dai metodi inusuali. L'anno dopo, Popovich le ha offerto l'incarico di assistente, spingendo Hammon a lasciare la Wnba; lavora con altri cinque assistenti, tra cui l'italiano Ettore Messina. Tra i suoi incarichi, c'è quello di studiare le caratteristiche dei giocatori delle altre squadre, “ma non solo dei migliori sette – ha sottolineato - ma anche dei numero 14 e 15 in panchina”.

Ora non è più la sola 'assistant coach' donna nella Nba, visto che nel 2015 i Sacramento Kings hanno assunto un'altra ex giocatrice della Wnba, Nancy Lieberman. I pregiudizi nei confronti delle donne, però, restano: un conduttore radiofonico, Mike Francesa, ha scatenato polemiche dopo aver detto che non crede che vedrà mai un'allenatrice capo nella Nba o in un altro sport professionistico maschile, aggiungendo che Hammon “non ha alcuna possibilità di farcela”.

Hammon non è entrata nel dibattito, ma di certo punta in alto. Recentemente, ha rifiutato di diventare l'allentatrice della squadra femminile di basket dell'Università della Florida, un incarico certamente appetibile. “Il mio viaggio nella Nba non è ancora finito”.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali

Tra i conti in programma, quelli di Morgan Stanley e Goldman Sachs
AP

Airbus si aggiudica jet Bombardier, nuova sfida per Boeing (e Trump)

Senza esborso di denaro, al colosso europeo va una quota di maggioranza nel programma C-Series del rivale canadese. Gli aerei per il mercato Usa verranno assemblati in Alabama; così si punta ad aggirare le tariffe
Bombardier

Airbus ha un nuovo alleato nella battaglia storica contro il rivale americano Boeing: il canadese Bombardier, che così spera di potere agirare le tariffe recentemente ventilate dagli Stati Uniti di Donald Trump.

Utile Goldman Sachs sale e batte le stime, nonostante rallentamento trading

L'istituto ha visto salire utile e fatturato, battendo le stime degli analisti, senza risentire troppo del rallentamento delle attività "core", ovvero quelle di trading.

Sale a Wall Street il titolo di Goldman Sachs, ultima delle grandi banche americane a pubblicare i conti del terzo trimestre. L'istituto ha visto salire utile e fatturato, battendo le stime degli analisti, senza risentire troppo del rallentamento delle attività "core", ovvero quelle di trading.

Amico di Trump inietta capitali in Weinstein Company

Il miliardario Tom Barrack tratta per comprare tutta o parte della società di produzione travolta dagli scandali sessuali del suo co-fondatore, silurato dal club degli Oscar
AP

The Weinstein Company, la società di produzione cinematografica travolta dagli scandali sessuali riguardanti il suo cofondatore Harvey Weinstein, ha raggiunto un accordo preliminare per una immediata iniezione di capitali. A concerderli è Colony Capital, società di investimento di Tom Barrack (amico di lunga data del presidente americano Donald Trump). A comunicarlo è stata l'azienda stessa, che ha iniziato un periodo di negoziati che potrebbe portare Colony Capital a comprare tutto o parte del gruppo che - tra gli altri - ha prodotto film come "Lion" e che ha distribuito "The Hateful Eight" di Quentin Tarantino.

Wall Street, settimana di trimestrali

A mercati chiusi è arrivata quella, superiore alle stime, di Netflix
AP

Gli Usa lasciano l'Unesco: non piace la politica "a favore della Palestina"

Washington lamenta un sentimento anti-israeliano dell'agenzia delle Nazioni Unite, a cui aveva già tagliato i fondi nel 2011

Gli Stati Uniti lasceranno l'Unesco alla fine del 2018, dopo aver ripetutamente criticato le risoluzioni dell'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di educazione, scienza e cultura, che Washington considera contro Israele. Gli Stati Uniti avevano smesso di finanziare l'Unesco dopo la sua decisione di includere la Palestina come membro nel 2011, pur decidendo di mantenere il proprio ufficio nel quartier generale di Parigi per cercare di continuare ad avere un peso politico sulle decisioni.

Ecco la startup di New York che porta nel cloud il guardaroba a noleggio

Con 89 dollari al mese, Rent the Runway permette di scegliere quattro capi. Lanciato il primo spot con cui preannuncia la fine delle cabine armadio
Rent the runway

Già considerata una sorta di airbnb delle passerelle, una startup americana punta a rivoluzionare il mondo della moda. Rent the Runway, questo il suo nome, ha ampliato la sua offerta: tra i capi di abbigliamento che mette a disposizione a noleggio non ci sono più solo quelli dedicati a cerimonie ma anche alla vita di tutti i giorni. E infatti, con la sua prima campagna pubblicitaria appena lanciata, domanda a varie donne cosa faranno con le loro cabine armadio una volta che inizieranno a usare il servizio del gruppo. "A Rent the Runway non pensiamo che [la cabina armadio] esisterà in futuro", ha spiegato a Cnbc Jenn Hyman, Ceo nonché una delle cofondatrici.

Forbes: Bill Gates si conferma l'uomo più ricco d'America, Trump più 'povero'

Sul podio restano Jeff Bezos e Warren Buffett. Il patrimonio del presidente come quello del fondatore di Snapchat. Mark Zuckerberg, al quarto gradino, è quello che in un anno ha visto crescere più di tutti la sua fortuna

Bill Gates si è confermato per il 24esimo anno di fila l'uomo più ricco degli Stati Uniti. Con un patrimonio di 89 miliardi di dollari, il fondatore di Microsoft svetta nella classica Forbes dei 400 miliardari d'America nel 2017. Il patrimonio complessivo dei 400 ha raggiunto i 2.700 miliardi di dollari, un record; nel 2016 era inferiore di 300 miliardi. Ma la classifica fa notizia per la diminuzione della fortuna di Donald Trump, passato al 248esimo dal 156esimo posto, ben lontana dai 10 miliardi di dollari vantati da lui durante la campagna elettorale per le presidenziali Usa del 2016.

Casa Bianca: taglio aliquote aziendali sosterrà i salari. I democratici: matematica fake

I consiglieri economici di Trump sostengono che riducendola al 20% dal 35%, i redditi delle famiglie saliranno almeno di 4mila dollari l'anno
AP

La Casa Bianca torna a difendere la riforma fiscale presentata a grandi linee alla fine di settembre e che Donald trump conta di portare a casa entro la fine del 2017.

Bannon va in guerra contro l'establishment repubblicano e predice: "Trump trionferà nel 2020"

Per l'ex stratega della Casa Bianca, il presidente "vincerà con 400 voti elettorali". "Faremo la guerra a tutti i repubblicani in carica, tranne Cruz"
AP

Donald Trump vincerà le elezioni del 2020 con "400 voti elettorali". La previsione è dell'ex stratega del presidente degli Stati Uniti, Stephen Bannon, che ha parlato al Values Voter Summit, un evento organizzato dai conservatori sociali a Washington. Si è trattato di una risposta a un articolo di Vanity Fair, secondo cui Bannon avrebbe detto in una conversazione privata che il presidente avrebbe solo "il 30%" di possibilità di finire il primo mandato. Per conquistare la Casa Bianca, servono 270 dei 538 voti elettorali (o 'grandi elettori') e, alle ultime elezioni, Trump ne ha ottenuti 304. Un altro ex componente della squadra di Trump, Sebastian Gorka, si è spinto oltre: gli otto anni di Trump saranno seguiti da "otto anni sotto il presidente [Mike] Pence", l'attuale vicepresidente.