Becky Hammon, la vice di Popovich che vuole diventare la prima allenatrice nella storia dell'Nba

Ex giocatrice, dal 2014 è tra gli assistenti del coach dei San Antonio Spurs. È stata la prima a diventare 'assistant coach' nella lega maschile e ora punta al grande obiettivo
Ap

Becky Hammon è stata una pioniera, diventando la prima donna 'assistant coach' nella Nba, ottenenendo il ruolo nei San Antonio Spurs, nel 2014. Molti commentatori sportivi, ora, credono che sia pronta per infrangere un'altra barriera, diventando la prima 'head coach' della lega.

Lo scorso mese, il Commissioner della Nba, Adam Silver, ha detto alla Espn che è una sua responsabilità assicurare che una donna diventi allenatrice capo al più presto e il coach degli Spurs, Gregg Popovich, tra i più conosciuti ed esperti, ha detto che Hammon è pronta per assumere il massimo incarico da allenatrice. Al momento, lei si concentra sulla stagione in corso, con gli Spurs che hanno battuto i Memphis Grizzlies nel primo turno dei playoff e ora affronteranno gli Houston Rockets nelle semifinali della Western Conference.

Ex stella del basket femminile statunitense, al college e nella Wnba - la lega professionistica – Hammon, 40 anni, non ha la statura tipica di una giocatrice, visti i suoi 170 centimetri di altezza, ma ha sempre praticato questo sport, di cui il padre era un allenatore a livello amatoriale.

Ha sviluppato l'aspetto mentale e strategico del gioco, consapevole dei suoi limiti fisici, avvicinandosi già da giocatrice alle caratteristiche tipicamente da allenatore. Dopo essere diventata la giocatrice più decorata nella storia della Colorado State University, ha firmato il suo primo contratto da professionista nel 1999, per la New York Liberty. Il suo inizio tra le professioniste, però, non è stato facile. Nel 2007, poi, il trasferimento alle San Antonio Stars, dove le è stato dato il soprannome “Big Shot Becky”, per la sua capacità di segnare canestri decisivi nei momenti fondamentali delle partite.

Negli anni seguenti, ha fatto scalpore la sua decisione di diventare cittadina russa per giocare alle Olimpiadi del 2008, alle quali vinse il bronzo, in un'edizione vinta, come sempre, dagli Stati Uniti (oro alle ultime sei edizioni). Avrebbe naturalmente preferito giocare per il suo Paese di nascita, ma non le era mai stata offerta una possibilità. “Arrivi a un punto in cui, per qualsiasi ragione, la porta è semplicemente chiusa e non avevo modo di aprire quella porta” ha commentato al Wall Street Journal. “Così ho guardato dall'altra parte e la porta era aperta, e l'ho attraversata”. Hammon ha poi giocato per la nazionale russa anche alle Olimpiadi del 2012.

Nel 2013, complice un serio infortunio, ha cominciato a seguire gli allenamenti degli Spurs, offrendo i propri consigli a Popovich, un allenatore dai metodi inusuali. L'anno dopo, Popovich le ha offerto l'incarico di assistente, spingendo Hammon a lasciare la Wnba; lavora con altri cinque assistenti, tra cui l'italiano Ettore Messina. Tra i suoi incarichi, c'è quello di studiare le caratteristiche dei giocatori delle altre squadre, “ma non solo dei migliori sette – ha sottolineato - ma anche dei numero 14 e 15 in panchina”.

Ora non è più la sola 'assistant coach' donna nella Nba, visto che nel 2015 i Sacramento Kings hanno assunto un'altra ex giocatrice della Wnba, Nancy Lieberman. I pregiudizi nei confronti delle donne, però, restano: un conduttore radiofonico, Mike Francesa, ha scatenato polemiche dopo aver detto che non crede che vedrà mai un'allenatrice capo nella Nba o in un altro sport professionistico maschile, aggiungendo che Hammon “non ha alcuna possibilità di farcela”.

Hammon non è entrata nel dibattito, ma di certo punta in alto. Recentemente, ha rifiutato di diventare l'allentatrice della squadra femminile di basket dell'Università della Florida, un incarico certamente appetibile. “Il mio viaggio nella Nba non è ancora finito”.

Altri Servizi

Apple: dall’iPhone al glucometro senza ago?

Il Ceo Cook visto testare un dispositivo connesso all’Apple Watch. Il target di riferimento: non solo diabetici ma chi vuole essere in salute
iStock

Apple sta forse pensando a mettere piede nel settore della sanità. Il produttore dell’iPhone sembra stia lavorando allo sviluppo di un apparecchio in grado di monitorare i livelli di zucchero nel sangue. L’amministratore delegato Tim Cook è stato avvistato nel quartiere generale del gruppo a Cupertino, California, mentre testava il prototipo di un dispositivo connesso all’Apple Watch e in grado di tenere traccia delle variazioni della glicemia nel sangue a seconda di fattori quali cibo ed esercizio fisico.

Wall Street archivia peggiore seduta del 2017: agenda Trump a rischio?

Il caos che ha travolto la Casa Bianca preoccupa: si teme che il taglio alle tasse ritardi o non si materializzi. Si parla anche di impeachment. Vix in volata. Fuga verso i porti sicuri di Treasury e oro
AP

Wall Street ha messo a segno la seduta peggiore dallo scorso settembre. Il sell-off è stato provocato da Donald Trump, il presidente americano che spesso si è vantato della performance dell'azionario successiva alla sua vittoria alle elezioni presidenziali americane dell'8 novembre scorso ma su cui oggi, come il suo portavoce, ha evitato di commentare. Gli indici hanno registrato cali superiori all'1,6% con il Nasdaq Composite che dopo due sedute record ha ceduto il 2,6%. I guadagni del mese di maggio sono stati annullati

Trump chiese al direttore dell'Fbi di chiudere inchiesta su Flynn

E' quanto emerge da un memo scritto a febbraio da James Comey, silurato il 9 maggio scorso. Il generale fu costretto a dimettersi da consigliere per la Sicurezza nazionale per avere fuoriviato l'amministrazione su funzionario russo

Donald Trump sembra avere avuto tutte le intenzioni di influenzare l'inchiesta dell'Fbi sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali Usa e sui possibili contatti tra la campagna dell'allora candidato repubblicano alla Casa Bianca e funzionari russi. A rendere sempre più concreto il sospetto è stato il New York Times, secondo cui il 45esimo presidente americano chiese espressamente al capo dell'Fbi poi silurato di archiviare l'indagine sul suo primo consigliere alla sicurezza nazionale, Michael Flynn (nella foto).

AP

L'ipotesi che esistano registrazioni in cui si sente il presidente brasiliano approvare l'esborso di tangenti per comprare il silenzio di un ex alleato ha mandato in tilt i mercati finanziari brasiliani mentre quelli americani sono rimasti a guardare: sono rimbalzati all'indomani del peggiore sell-off del 2017 ma si sono sbarazzati di titoli legati alla nazione sudamericana.

Trump punisce il suo portavoce: gli toglie le conferenze alla Casa Bianca

Pare che il presidente voglia ridurre le apparizioni pubbliche di Sean Spicer, chiamato a difendere il messaggio dell'amministrazione ma spesso contraddetto dal suo leader

Donald Trump potrebbe togliere al suo portavoce Sean Spicer il compito di gestire la conferenza stampa quotidiana con la stampa riunita alla Casa Bianca. Pare che il presidente americano voglia ridurre le apparizioni pubbliche di colui che teoricamente è chiamato a spiegare - e a difendere - i suoi messaggi. E' quanto riporta Politico secondo cui il miliardario di New York diventato leader degli Usa sta pensando anche di riorganizzare il team dedicato alla comunicazione.

I poteri di Mueller, procuratore speciale (ma non indipendente)

Figura più debole del vecchio 'special prosecutor', visto che dipende dal dipartimento di Giustizia. Avrà comunque ampi poteri

La decisione del dipartimento di Giustizia statunitense di affidare all'ex direttore dell'Fbi, Robert Mueller, l'incarico di indagare sui possibili legami tra lo staff del presidente Donald Trump e la Russia è senza dubbio una vittoria per i democratici, un nuovo (grosso) problema per la Casa Bianca e un chiaro segnale che lo scandalo che ha rallentato l'amministrazione non farà altro che ampliarsi nelle prossime settimane. Non è solo la decisione di incaricare un procuratore speciale a preoccupare la Casa Bianca, ma è anche l'uomo scelto per assumere l'incarico: Mueller ha guidato l'Fbi dal 2001 al 2013, è una figura considerata al di sopra delle parti ed è, anche, un grande amico di James Comey, il direttore del Federal Bureau licenziato la scorsa settimana da Trump.

La vendetta di Rosenstein, l'uomo che mette nei guai Trump

Il vicesegretario alla Giustizia ha incaricato un procuratore speciale di indagare sui legami tra lo staff del presidente e la Russia, avvisando la Casa Bianca solo a decisione presa

La scorsa settimana, era stato 'l'eroe' della Casa Bianca, l'uomo che aveva permesso al presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, di licenziare il capo dell'Fbi, James Comey. Rod Rosenstein, vicesegretario alla Giustizia, non aveva però apprezzato di essere dipinto come il maggiore responsabile della decisione di Trump e, secondo le fonti del Washington Post, aveva persino minacciato le dimissioni. Ieri, ha preso una decisione contro la Casa Bianca, in autonomia, portando il 'caso Russia' a un nuovo livello, molto pericoloso per Trump, con l'affidamento delle indagini sull'interferenza di Mosca nelle elezioni presidenziali statunitensi e sui possibili legami tra lo staff del presidente e funzionari del Cremlino a un procuratore speciale, Robert Mueller III, capo dell'Fbi dal 2001 al 2013.

Fca punta a soluzione "giusta" del caso emissioni in Usa

Secondo Bloomberg, la Giustizia americana potrebbe fare causa al gruppo questa settimana se i negoziati non portassero a una soluzione. L'azienda: "Sarebbe controproducente". Un'analista: sarebbe uno sviluppo inatteso
AP

Una causa legale ancora non è stata depositata dal governo Usa e, salvo sorprese, non ci sono indicazioni che lo sarà a breve nei confronti di Fiat Chrysler Automobiles. C'è chi interpreta così, ridimensionandole, le indiscrezioni di Bloomberg che ieri hanno provocato un calo del 3,7% del titolo Fca nel dopo mercato a Wall Street, ampliando la flessione registrata nel corso della seduta (-3,11% a 10,59 dollari) in una giornata per altro in cui la Commissione europea aveva annunciato l'apertura di una procedura di infrazione contro l'Italia per il mancato adempimento degli obblighi derivanti dalla normativa Ue in materia di omologazione dei veicoli. Secondo Bloomberg, il dipartimento di Giustizia Usa già questa settimana potrebbe fare causa al gruppo guidato da Sergio Marchionne se - e solo se - dovessero fallire i negoziati da tempo in corso sulla violazione presunta delle leggi americane sulle emissioni. Fca punta a una soluzione "giusta" del caso.

Russiagate: arriva il procuratore speciale chiesto dai democratici

Robert Mueller, il predecessore del capo dell'Fbi silurato dal presidente Usa, guiderà l'inchiesta sull'interferenza di Mosca nelle elezioni Usa. Trump: avanti con l'indagine, nessuna collusione tra mia campagna e "soggetti stranieri"
Fbi

Dopo tante polemiche, i democratici hanno ottenuto quello che volevano ma che la Casa Bianca reputava non necessario: il dipartimento americano di Giustizia ha scelto un procuratore speciale a cui affidare la guida delle indagini sull'interferenza della Russia nelle elezioni presidenziali americane e sui possibili legami tra la campagna di Trump e funzionari russi.

Cisco annuncia altri 1.100 esuberi

Il gruppo ha chiuso un trimestre migliore del previsto ma l'outlook sui ricavi ha deluso. Tonfo dell'8% del titolo nel dopo mercato

Cisco Systems ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili e ricavi superiori alle stime degli analisti fornendo però un outlook deludente. Inoltre, il gruppo che fornisce soluzioni di rete ha detto che eliminerà altri 1.100 posti di lavoro, che vanno ad aggiungersi ai 5.500 posti già annunciati in un piano di ristrutturazione lo scorso agosto.