Becky Hammon, la vice di Popovich che vuole diventare la prima allenatrice nella storia dell'Nba

Ex giocatrice, dal 2014 è tra gli assistenti del coach dei San Antonio Spurs. È stata la prima a diventare 'assistant coach' nella lega maschile e ora punta al grande obiettivo
Ap

Becky Hammon è stata una pioniera, diventando la prima donna 'assistant coach' nella Nba, ottenenendo il ruolo nei San Antonio Spurs, nel 2014. Molti commentatori sportivi, ora, credono che sia pronta per infrangere un'altra barriera, diventando la prima 'head coach' della lega.

Lo scorso mese, il Commissioner della Nba, Adam Silver, ha detto alla Espn che è una sua responsabilità assicurare che una donna diventi allenatrice capo al più presto e il coach degli Spurs, Gregg Popovich, tra i più conosciuti ed esperti, ha detto che Hammon è pronta per assumere il massimo incarico da allenatrice. Al momento, lei si concentra sulla stagione in corso, con gli Spurs che hanno battuto i Memphis Grizzlies nel primo turno dei playoff e ora affronteranno gli Houston Rockets nelle semifinali della Western Conference.

Ex stella del basket femminile statunitense, al college e nella Wnba - la lega professionistica – Hammon, 40 anni, non ha la statura tipica di una giocatrice, visti i suoi 170 centimetri di altezza, ma ha sempre praticato questo sport, di cui il padre era un allenatore a livello amatoriale.

Ha sviluppato l'aspetto mentale e strategico del gioco, consapevole dei suoi limiti fisici, avvicinandosi già da giocatrice alle caratteristiche tipicamente da allenatore. Dopo essere diventata la giocatrice più decorata nella storia della Colorado State University, ha firmato il suo primo contratto da professionista nel 1999, per la New York Liberty. Il suo inizio tra le professioniste, però, non è stato facile. Nel 2007, poi, il trasferimento alle San Antonio Stars, dove le è stato dato il soprannome “Big Shot Becky”, per la sua capacità di segnare canestri decisivi nei momenti fondamentali delle partite.

Negli anni seguenti, ha fatto scalpore la sua decisione di diventare cittadina russa per giocare alle Olimpiadi del 2008, alle quali vinse il bronzo, in un'edizione vinta, come sempre, dagli Stati Uniti (oro alle ultime sei edizioni). Avrebbe naturalmente preferito giocare per il suo Paese di nascita, ma non le era mai stata offerta una possibilità. “Arrivi a un punto in cui, per qualsiasi ragione, la porta è semplicemente chiusa e non avevo modo di aprire quella porta” ha commentato al Wall Street Journal. “Così ho guardato dall'altra parte e la porta era aperta, e l'ho attraversata”. Hammon ha poi giocato per la nazionale russa anche alle Olimpiadi del 2012.

Nel 2013, complice un serio infortunio, ha cominciato a seguire gli allenamenti degli Spurs, offrendo i propri consigli a Popovich, un allenatore dai metodi inusuali. L'anno dopo, Popovich le ha offerto l'incarico di assistente, spingendo Hammon a lasciare la Wnba; lavora con altri cinque assistenti, tra cui l'italiano Ettore Messina. Tra i suoi incarichi, c'è quello di studiare le caratteristiche dei giocatori delle altre squadre, “ma non solo dei migliori sette – ha sottolineato - ma anche dei numero 14 e 15 in panchina”.

Ora non è più la sola 'assistant coach' donna nella Nba, visto che nel 2015 i Sacramento Kings hanno assunto un'altra ex giocatrice della Wnba, Nancy Lieberman. I pregiudizi nei confronti delle donne, però, restano: un conduttore radiofonico, Mike Francesa, ha scatenato polemiche dopo aver detto che non crede che vedrà mai un'allenatrice capo nella Nba o in un altro sport professionistico maschile, aggiungendo che Hammon “non ha alcuna possibilità di farcela”.

Hammon non è entrata nel dibattito, ma di certo punta in alto. Recentemente, ha rifiutato di diventare l'allentatrice della squadra femminile di basket dell'Università della Florida, un incarico certamente appetibile. “Il mio viaggio nella Nba non è ancora finito”.

Altri Servizi

Russiagate: Giuliani, ex sindaco di NY, si unisce al team di legali di Trump

Il presidente: "è fantastico", amici da tanto tempo. Lui: "un onore"
AP

L'ex sindaco di New York City, Rudy Giuliani, entra a fare parte del team di avvocati personali di Donald Trump. Da sempre un sostenitore di colui che è diventato il 45esimo presidente americano, l'ex primo cittadino newyorchese si unirà alla squadra di legali che rappresenta l'inquilino della Casa Bianca nell'inchiesta sul cosiddetto Russiagate.

I democratici fanno causa a Russia, Trump e WikiLeaks

Il Comitato nazionale democratico li accusa di aver cospirato contro Clinton alle elezioni presidenziali dello scorso anno
Hillary Clinton

Il partito democratico statunitense ha deciso di fare causa alla Russia, allo staff elettorale di Donald Trump e a WikiLeaks, che avrebbero cospirato contro Hillary Clinton alle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

Trump ancora contro Comey: Flynn distrutto, lui fa i soldi

Il presidente interviene su Twitter dopo la pubblicazione dei memo dell'ex capo dell'Fbi

"Così la vita del generale Michael Flynn può essere totalmente distrutta, mentre James 'il Losco' Comey può far uscire notizie e bugie e fare un sacco di soldi con un libro di terza categoria (che non avrebbe mai dovuto essere scritto). Questo è davvero il modo in cui la vita in America deve funzionare? Non credo!". Questo il tweet del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, dedicato a James Comey, in seguito alle notizie diffuse dai media sui memo scritti dall'allora capo dell'Fbi all'inizio della presidenza Trump, ora consegnati dal dipartimento di Giustizia al Congresso e in parte resi accessibili.

Wall Street, attenzione rivolta agli Spring Meetings dell'Fmi

Tra i dati in programma oggi, le richieste dei sussidi di disoccupazione
iStock

Dopo 2 anni di indagini, nessun accusato per la morte di Prince

Le autorità: "Non ci sono prove sufficienti". L'artista morto per un'overdose "accidentale", dovuta all'assunzione di farmaci contraffatti. "Prince non aveva idea che stesse mettendo a rischio la sua vita"

Dopo due anni di indagini, nessuno sarà accusato penalmente per la morte di Prince. Ad annunciare l'archiviazione del caso è stato Mark Metz, procuratore della contea di Carver, che nell'ultimo mese ha valutato il rapporto stilato dall'Ufficio dello sceriffo. "Semplicemente, non abbiamo prove sufficienti per accusare qualcuno di un crimine relativo alla morte di Prince" ha detto. "Non ci sono prove che la pillola o le pillole che hanno ucciso Prince fossero state prescritte da un dottore" ha aggiunto. Il cantante è morto per un'overdose di fentanyl il 21 aprile 2016; aveva 57 anni.

Lagarde: troppo potere nelle mani dei colossi tech? Spezzatino non è soluzione

Per il d.g. del Fond monetario, serve pensare a un "nuovo paradigma"
Facebook

Non crede che uno spezzatino di colossi tecnologici come Amazon, Facebook o Google sia "la risposta giusta" al loro crescente potere. "In passato poteva essere una soluzione" ma ora i legislatori devono "pensare in modo nuovo, e rapidamente". Christine Lagarde, il direttore generale del Fondo monetario internazionale, è convinta che anche su questo, come nel commercio, serva la cooperazione delle istituzioni.

Bloomberg intervistato da Lagarde: tra golf e lotta alle guerre commerciali

In un'altra vita, l'ex sindaco di NY avrebbe voluto fare il professionista di golf
iStock

E' a capo di un impero dell'informazione finanziaria che porta il suo nome. E' stato tre volte sindaco di New York City e nel 2016 ha pensato a scendere in campo per correre verso la Casa Bianca. Ma a Michael Bloomberg sarebbe piaciuto essere un golfista professionista. "Avrei vinto tutti i Master".

Padoan al prossimo governo: la strada delle riforme è quella giusta

Lagarde (Fmi): sfruttare la finestra ancora aperta, nuvole all'orizzone. Conteno (Eurogruppo): ottomista sull'Eurozona. Scholtz (finanze tedesche): contro gli euroscettici, avanti con riforme
AP

Da Washington, Pier Carlo Padoan ha rivendicato il lavoro fatto al ministero delle Finanze dal febbraio 2014 a oggi. E preparandosi a dire addio al suo incarico, ha lanciato un messaggio al prossimo governo (che fatica a prendere forma): "Non ci sono scorciatoie, la strada intrapresa [delle riforme] è quella giusta". Su questo è d'accordo il Fondo monetario internazionale, che ci chiede un piano "credibile e ambizioso" per portare avanti un consolidamento fiscale. Perché è vero che l'istituto guidato da Christine Lagarde ha rivisto leggermente al rialzo le stime di crescita dell'Italia. Ed è vero che il debito sta migliorando, ma resta alto mettendo l'Italia tra i Paesi che - come ha avvertito il d.g. del Fondo Christine Lagarde - "potrebbero essere colpiti di più se le condizioni di mercato", ora favoravoli, "cambiano".

La conferma di Pompeo a segretario di Stato Usa a rischio in Senato

Al direttore della Cia servirà il voto di almeno un democratico. La sua visita in Corea del Nord un ulteriore ostacolo verso il voto
Ap

La conferma del direttore della Cia, Mike Pompeo, come nuovo segretario di Stato non è scontata, al Senato statunitense. Nessun democratico ha finora dichiarato di sostenerlo e, con il repubblicano Rand Paul contrario e il collega John McCain tornato in Arizona per portare avanti la sua difficile battaglia contro il cancro, al Grand Old Party servirebbe il voto di un democratico, nel caso gli altri 49 repubblicani in Senato si schierassero con l'uomo scelto dal presidente Donald Trump per prendere il posto di Rex Tillerson.

Fmi: Gaspar, ecco come l'Italia deve gestire entrate e spesa pubblica

Ridurre cuneo fiscale e sgravi, alzare l'Iva, riformare il catasto, contenere la spesa pensionistica e migliorare l'efficienza di quella sanitaria