Becky Hammon, la vice di Popovich che vuole diventare la prima allenatrice nella storia dell'Nba

Ex giocatrice, dal 2014 è tra gli assistenti del coach dei San Antonio Spurs. È stata la prima a diventare 'assistant coach' nella lega maschile e ora punta al grande obiettivo
Ap

Becky Hammon è stata una pioniera, diventando la prima donna 'assistant coach' nella Nba, ottenenendo il ruolo nei San Antonio Spurs, nel 2014. Molti commentatori sportivi, ora, credono che sia pronta per infrangere un'altra barriera, diventando la prima 'head coach' della lega.

Lo scorso mese, il Commissioner della Nba, Adam Silver, ha detto alla Espn che è una sua responsabilità assicurare che una donna diventi allenatrice capo al più presto e il coach degli Spurs, Gregg Popovich, tra i più conosciuti ed esperti, ha detto che Hammon è pronta per assumere il massimo incarico da allenatrice. Al momento, lei si concentra sulla stagione in corso, con gli Spurs che hanno battuto i Memphis Grizzlies nel primo turno dei playoff e ora affronteranno gli Houston Rockets nelle semifinali della Western Conference.

Ex stella del basket femminile statunitense, al college e nella Wnba - la lega professionistica – Hammon, 40 anni, non ha la statura tipica di una giocatrice, visti i suoi 170 centimetri di altezza, ma ha sempre praticato questo sport, di cui il padre era un allenatore a livello amatoriale.

Ha sviluppato l'aspetto mentale e strategico del gioco, consapevole dei suoi limiti fisici, avvicinandosi già da giocatrice alle caratteristiche tipicamente da allenatore. Dopo essere diventata la giocatrice più decorata nella storia della Colorado State University, ha firmato il suo primo contratto da professionista nel 1999, per la New York Liberty. Il suo inizio tra le professioniste, però, non è stato facile. Nel 2007, poi, il trasferimento alle San Antonio Stars, dove le è stato dato il soprannome “Big Shot Becky”, per la sua capacità di segnare canestri decisivi nei momenti fondamentali delle partite.

Negli anni seguenti, ha fatto scalpore la sua decisione di diventare cittadina russa per giocare alle Olimpiadi del 2008, alle quali vinse il bronzo, in un'edizione vinta, come sempre, dagli Stati Uniti (oro alle ultime sei edizioni). Avrebbe naturalmente preferito giocare per il suo Paese di nascita, ma non le era mai stata offerta una possibilità. “Arrivi a un punto in cui, per qualsiasi ragione, la porta è semplicemente chiusa e non avevo modo di aprire quella porta” ha commentato al Wall Street Journal. “Così ho guardato dall'altra parte e la porta era aperta, e l'ho attraversata”. Hammon ha poi giocato per la nazionale russa anche alle Olimpiadi del 2012.

Nel 2013, complice un serio infortunio, ha cominciato a seguire gli allenamenti degli Spurs, offrendo i propri consigli a Popovich, un allenatore dai metodi inusuali. L'anno dopo, Popovich le ha offerto l'incarico di assistente, spingendo Hammon a lasciare la Wnba; lavora con altri cinque assistenti, tra cui l'italiano Ettore Messina. Tra i suoi incarichi, c'è quello di studiare le caratteristiche dei giocatori delle altre squadre, “ma non solo dei migliori sette – ha sottolineato - ma anche dei numero 14 e 15 in panchina”.

Ora non è più la sola 'assistant coach' donna nella Nba, visto che nel 2015 i Sacramento Kings hanno assunto un'altra ex giocatrice della Wnba, Nancy Lieberman. I pregiudizi nei confronti delle donne, però, restano: un conduttore radiofonico, Mike Francesa, ha scatenato polemiche dopo aver detto che non crede che vedrà mai un'allenatrice capo nella Nba o in un altro sport professionistico maschile, aggiungendo che Hammon “non ha alcuna possibilità di farcela”.

Hammon non è entrata nel dibattito, ma di certo punta in alto. Recentemente, ha rifiutato di diventare l'allentatrice della squadra femminile di basket dell'Università della Florida, un incarico certamente appetibile. “Il mio viaggio nella Nba non è ancora finito”.

Altri Servizi

La settimana economica e politica in America

Lunedì ci sarà l'attesissimo incontro alla Casa Bianca tra Donald Trump e alcuni amministratore della Silicon Valley. E poi ci sono i dati sulle case e ancora i discorsi di due presidenti della Fed
AP

Nonostante l'amministrazione Trump continui ad avere problemi interni enormi e fatichi a assumere funzionari per le posizioni più strategiche (ne abbiamo parlato qui), lunedì ci sarà un appuntamento fondamentale. Alla Casa Bianca infatti si incontreranno gli amministratori delegati delle aziende tecnologiche che per la seconda volta cercheranno di discutere con il presidente americano le politiche che potrebbe adottare nei prossimi mesi.

Afghanistan, la Casa Bianca non ha una strategia chiara

Donald Trump ha dato pieni poteri al Pentagono che vorrebbe inviare 3.000-5.000 nuovi militari nel Paese
AP

Quando il presidente americano Donald Trump ha preso la sua prima più grande decisione sulla guerra in Afghanistan, non ha fatto alcun annuncio televisivo della Casa Bianca o un discorso a West Point. Invece ha fatto comunicare la svolta al Pentagono, che in un pomeriggio ha pubblicato un comunicato stampa firmato da James Mattis: il segretario alla Difesa ha annunciato di avere l'autorità di inviare migliaia di soldati nel Paese, dopo che gli Stati Uniti sono in guerra da 16 anni e hanno di stanza 8.800 soldati in totale.

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

Continua il recupero di Wall Street, va verso nuovi record

Pochi i dati macro di oggi, attenzione alla trimestrale di FedEx dopo la chiusura.
AP

Trump ai Ceo della Silicon Valley, aggiorniamo i sistemi informatici obsoleti del governo

Riunione alla Casa Bianca con 18 AD. Il presidente: risparmieremo oltre mille miliardi in 10 anni con la "rivoluzione tech". Kushner: al Pentagono si usano ancora i floppy disk. Cook (Apple): gli Usa siano il governo più moderno al mondo

Nonostante l'amministrazione Trump continui ad avere problemi interni enormi e fatichi ad assumere funzionari per le posizioni più strategiche, ha avuto un appuntamento attentamente monitorato. Alla Casa Bianca infatti si sono incontrati 18 amministratori delegati di aziende tecnologiche come Amazon, Apple, Ibm, Microsoft e Google con una capitalizzazione complessiva di 3.500 miliardi di dollari. L'obiettivo era quello di gettare le basi per aiutare il presidente Donald Trump a riorganizzare e modernizzare il governo, a prescindere dalle diverse vedute politiche. Questo perché come Barack Obama, Trump crede che Washington continui a essere troppo lenta nell'adattarsi ai cambiamenti dell'era digitale.

Usa, Georgia al voto: spese record per un test su Trump

Elezioni speciali per un seggio alla Camera, attenzione nazionale. Spesi oltre 50 milioni di dollari: una cifra senza precedenti per un seggio a Capitol Hill
Ap

I democratici di tutti gli Stati Uniti attendono con ansia e grandi aspettative il voto previsto domani in Georgia per assegnare il seggio alla Camera del sesto distretto, lasciato libero da Tom Price, diventato segretario alla Salute e ai Servizi umani dell'amministrazione Trump.

Wall Street da record

Nessun dato macroeconomico in agenda. Il presidente Donald Trump incontra gli amministratori delegati della Silicon Valley
AP

Fca: la West Virginia University trova discrepanze in test su emissioni

Monta la pressione sul gruppo, accusato dalle autorità Usa di avere violato gli standard con quasi 104.000 tra Ram e Grand Cherokee. L'azienda: risultati fuorvianti
Chrysler

I ricercatori della West Virginia University - la stessa istituzione che aiutò a scoprire lo scandalo dieselgate che colpì Volkswagen nel settembre 2015 - hanno trovato delle discrepanze nelle emissioni di vetture diesel di Fiat Chrysler Automobiles a seconda che siano misurate su strada o in laboratorio.

Wall Street, continuano a soffrire i titoli tech

Nuovo record per il Dow Jones, che archivia la quarta settimana di fila in rialzo
AP

È morto il cittadino americano detenuto 17 mesi in Corea del Nord

Otto Warmbier era stato liberato il 13 giugno e si trovava in coma, forse da più di un anno. Pyongyang detiene altri tre cittadini americani

È morto Otto Warmbier, il cittadino americano di 22 anni liberato la settimana scorsa dal regime della Corea del Nord. Si trovava in coma dal marzo del 2016 secondo quando ha fatto sapere il regime di Pyongyang. La famiglia - che ha diffuso la notizia - aveva detto che aveva gravi danni neurologici. Warmbier, 22 anni, era stato liberato la settimana scorsa dopo 17 mesi di detenzione: si trovava in Corea del Nord come turista quando era stato arrestato il 2 gennaio 2016 e poi condannato a 15 anni di lavori forzati per aver cercato di rubare un cartellone della propaganda del regime in un albergo. Il giovane, dopo un processo per direttissima di solo un'ora, era stato condannato con l'accusa di "atto ostile contro lo stato".