Beretta porta alla maratona di New York la sua tecnologia smart

Il progetto del produttore di armi italiano si chiama i-Protect Personal ed è un sistema per tracciare i parametri vitali del corridore e comunicare in modo immediato col personale medico

La tecnologia italiana sviluppata da Beretta arriva alla maratona di New York. Il produttore di armi ha infatti sviluppato all’interno del suo laboratorio (il Beretta Research and Innovation Center) un sistema in grado di tracciare l'attività fisica dei corridori e allo stesso tempo di garantire la massima sicurezza. La squadra di Beretta - composta da cinque corridori italiani dipendenti del gruppo, a cui si sono uniti altri cinque atleti americani appartenenti alla non profit Project ALS - ha raccontato la sua esperienza con il nuovo sistema alla Beretta Gallery di Manhattan.

Si tratta del sistema i-Protect Personal e proprio grazie a una serie di indumenti intelligenti manterrà il controllo sui parametri vitali nel corso della gara della metropoli americana. “Siamo partiti lavorando sulla sicurezza della polizia per poi passare a quella dei cittadini. Adesso stiamo cercando di implementare le funzioni anche dal punto di vista sportivo”, racconta Eugenio Righi, l’ingegnere a capo del progetto.

In pratica il sistema oltre che a controllare l’attività fisica, attraverso un indumenti speciale e uno smartwatch è capace di riconoscere se un atleta ha un problema nel corso del suo allenamento: in modo autonomo invia un allarme al personale medico che può raggiungere la persona.

“Abbiamo iniziato di recente un progetto pilota con la Croce bianca di Brescia - dice Righi - con dieci persone. Ma l’idea è quella di sviluppare un servizio a cui è possibile abbonarsi e avere un controllo automatizzato delle proprie funzioni vitali”, continua Righi ricordando come le applicazioni di health care stia diventando un importante alleato della medicina.

“Il sistema funziona in tutto il mondo e stiamo cercando di continuare a testarlo per comprende al meglio come migliorare la sua applicazione nello sport”, aggiunge Marco Basso, ingegnere di Beretta ma anche corridore della squadra del gruppo. Righi spiega come il sistema si sia evoluto dall’utilizzo con le forze dell’ordine: il programma è stato testato da carabinieri. In alcune situazioni difficili può essere impiegato per controllare dalla centrale operativa le azioni di un agente e in questo modo di guidarlo o comunicare con lui in tempo reale.

Altri Servizi

Il rischio di un'uscita dell'Italia dall'Eurozona "resta molto basso". Lo dice Moody's. In un rapporto pubblicato il 14 febbraio, l'agenzia di rating spiega tuttavia che nel nostro Paese "un sentimento anti-euro sta crescendo così come altrove nell'Area euro".

Il Calendario Pirelli 2017: Peter Lindbergh e l'emozione della bellezza

Durante la settimana della moda di New York, una serata per celebrare "The Cal" con il fotografo tedesco e Steve McCurry, Jessica Chastain, Fran Lebowitz e Derek Blasberg

Non c'è concetto che sia insieme più chiaro eppure più indefinibile della bellezza: non quella data da un'emozione e nemmeno quella interiore, ma la bellezza oggettiva. Che cos'è? Ha a che fare con l'armonia dei tratti del volto? Con l'equilibrio? Con la simmetria? Nessuno è davvero capace di dirlo, eppure resta un fatto: quando c'è, mette tutti d'accordo. Dall'antica Grecia a oggi, passando per ogni altra epoca, possono essere cambiati gli archetipi, le caratteristiche che ci fanno dire di un corpo "è bello", eppure c'è una cosa che non cambia mai: l'inevitabilità della bellezza. La chiarezza con cui, di epoca in epoca, di un viso o un corpo che è bello riusciamo a dire solo che è bello.

Kraft Heinz fa un passo indietro, ritirata l’offerta di acquisto per Unilever

L’operazione, valutata 143 miliardi di dollari avrebbe creato un colosso da

Kraft Heinz, gruppo agroalimentare statunitense, ha accettato "amichevolmente" di ritirare la sua offerta d'acquisto per il gigante anglo-olandese Unilever. L’annuncio è stato dato dai due gruppi in un comunicato congiunto.

"La vita è una campagna", il ritorno di Donald Trump alla sua "comfort zone"

Il presidente americano ha arringato i suoi sostenitori in Florida sullo stile della sua campagna elettorale

"La vita è una campagna" così come lo è "rendere l’America di nuovo grande". Parole di Donald Trump che si è espresso in questo modo davanti ai giornalisti al suo seguito sull’Air Force One che l’ha portato in Florida, dove sta trascorrendo il suo terzo weekend in quattro settimane da quando si è insediato alla Casa Bianca. Prima di dirigersi nel suo resort di Mar-a-Lago, a Palm Beach, il presidente americano ha però arringato una folla di un migliaio di sostenitori riunitisi in un hangar all’aeroporto di Melbourne, in Florida, dove l’aereo presidenziale è atterrato, con la verve e con i toni che hanno contraddistinto la sua campagna elettorale.

McCain difende la stampa e attacca ancora Trump: "È così che iniziano i dittatori"

Il senatore repubblicano è stato intervistato a Meet the Press, su Nbc

Il senatore repubblicano, John McCain, è intervenuto in difesa della stampa e ha attaccato nuovamente Donald Trump che, dopo i vari scontri delle ultime settimane con i giornalisti, aveva definito su Twitter i media statunitensi "nemici degli americani". Parole durissime, che hanno creato spaccature anche fra i suoi uomini con il segretario alla Difesa, John Mattis, che ha preso le distanze dal presidente. ''Sono preoccupato'', ha invece dichiarato McCain che ha poi tuonato sostenendo che è cos" che iniziano e hanno iniziato tutti i dittatori.

Wall Street chiusa per il Presidents' Day

La settimana scorsa nuovi record per il Dow Jones. Primo calo dopo sette giornate in rialzo per S&P 500 e Nasdaq
AP

Gli Usa dicono addio a Norma McCorvey, l'attivista "accidentale" che aprì la strada alla legalizzazione dell'aborto

Nota come Jane Roe, si è spenta all’età di 69 anni per un problema al cuore

Il 18 febbraio è morta per un problema al cuore a Katy, in Texas, Norma Leah McCorvey, la cameriera texana che ha contribuito a cambiare il corso dei diritti delle donne statunitensi. McCorvey divenne famosa negli anni settanta con lo pseudonimo Jane Roe, usato in uno dei più famosi e importanti processi andati in scena nei tribunali americani negli ultimi decenni (Roe contro Wade) e che si concluse, con una sentenza emessa il 22 gennaio del 1973 che sancì di fatto il diritto all’aborto.

Il profumo di Ivanka Trump è al primo posto su Amazon

Dopo la decisione di Nordstrom di non vendere più i prodotti della figlia del presidente Usa, sono aumentati gli acquisti sul sito di e-commerce

Ivanka Trump Eau de Parfum, il profumo prodotto dalla figlia del presidente degli Stati Uniti, è il più venduto su Amazon da almeno tre giorni. Effetto della decisione della catena Nordstrom di non vendere più i vestiti e i profumi di Ivanka Trump nei suoi grandi magazzini di lusso. Altri prodotti Trump stanno ottenendo grande successo su Amazon, anche perché, come si legge in una recensione sul sito di e-commerce, "questo prodotto, prima, lo compravo da Nordstrom".

Incontrare o non incontrare Trump? Il nuovo dubbio per i campioni dello sport

Sei giocatori dei New England Patriots hanno già detto che non andranno alla Casa Bianca. Il problema se lo stanno già ponendo all'Università del Connecticut, visto che la squadra di basket femminile potrebbe vincere il quinto titolo consecutivo
Il 44esimo presidente degli Usa, Barack Obama, riceve la canottiera delle Huskies e un pallone commemorativo

Un viaggio alla Casa Bianca, con la cerimoniale consegna di una maglia al presidente, è da tempo un riconoscimento per i campioni dello sport e delle squadre vincitrici di un campionato. Ma la frattura senza precedenti che si è creata negli Stati Uniti con l'elezione alla presidenza di Donald Trump ha stimolato una partecipazione di atleti e allenatori ai movimenti di protesta come non si vedeva dai tempi della guerra in Vietnam.

La Cina pronta a lavorare con Trump. E dalla stampa locale arrivano le prime lodi

Faccia a faccia Wang-Tillerson al vertice dei ministri degli Esteri a Bonn. Da un'analisti del Global Times, testata cinese dell'ala conservatrice del Partito comunista, emerge la soddisfazione di Pechino

La Cina è pronta a lavorare con l'amministrazione Trump. È quanto emerge dal primo faccia a faccia tra le due amministrazioni, che si sono incontrate alla riunione dei ministri degli Esteri del G20 a Bonn, in Germania.