Bezos (Amazon): torniamo sulla Luna, per restarci

Il Ceo del colosso americano dell'e-commerce e della startup Blue Origin vuole ampliare le sue ambizioni nello spazio. Secondo lui, dovremo lasciare la Terra

Jeff Bezos vuole riportare gli esseri umani sulla Luna, questa volta per restarci. L'amministratore delegato di Amazon e della startup aerospaziale Blue Origin - la rivale di SpaceX di Elon Musk, Ceo di Tesla - ha descritto i suoi piani per l'esplorazione e la colonizzazione lunare nel corso di una conferenza che si è svolta a Los Angeles. "Si tratta di qualcosa che dobbiamo fare, non che potremmo scegliere di fare", ha detto suggerendo un'esigenza per la sopravvivenza umana. Per lui, infatti, le generazioni future non saranno in grado di sopravvivere sulla Terra senza andare in altre parti del sistema solare. Per questo, è la sua tesi, l'esplorazione della Luna è la premessa per il trasporto di esseri umani su Marte.

"L'alternativa è la stasi" e senza insediamenti nello spazio, le società dovranno "smettere di crescere" a causa di limiti ambientali e di altro tipo. "Questo non è il futuro che voglio per i miei nipoti o per i nipoti dei miei nipoti".

Come spiegato dal Wall Street Journal, presente all'incontro annuale della National Space Society (gruppo no profit che promuove la colonizzazione dello spazio) Bezos non ha fornito i dettagli sulla prossima generazione di razzi, navicelle spaziali e altri veicoli che saranno necessari per creare degli insediamenti sulla Luna. Ma il Ceo di Amazon ha sottolinato quanto sia importante spingere sui viaggi spaziali privati, proprio come sta facendo Musk. Per Bezos, gli sforzi della sua Blue Origin "sono la cosa più importante a cui mi sto dedicando".

Il numero uno di Amazon da tempo parla dell'infrastruttura che sarà potenzialmente necessaria per trasferire milioni di persone nello spazio e per rendere una routine il lancio di razzi. Quanto dichiarato all'evento di Los Angeles, scrive il Wsj, si è spinto oltre. "Dovremo lasciare questo pianeta", ha detto Bezos. "Non abbiamo molto tempo" per definire una strategia, a cominciare dalla riduzione dei costi per il lancio di razzi. "Non saranno realizzati da una sola azienda o dalla Nasa", ha continuato, ma richiederanno "migliaia di gruppi che lavorano insieme nell'arco di decenni".

L'approccio di Bezos si sposa con quello di Trump, che insiste su una collaborazione tra pubblico e privato per l'esplorazione dello spazio, per la costruzione di navicelle che atterrino sulla Luna per fare esperimenti e per riportarci gli astronauti. "Dobbiamo tornate sulla Luna, e questa volta per restarci", ha detto il top manager senza fare riferimento ai ripetuti attacchi ricevuti dal 45esimo presidente americano, convinto che Amazon stia facendo perdere alle Poste Usa miliardi di dollari con la consegna dei suoi pacchi. Per Bezos, sarebbe inutile portare direttamente gli esseri umani su Marte. "Ci sarebbe una parata e poi 50 anni di niente", come successo con gli astronauti del programma Apollo che misero piede sulla Luna tra il luglio 1969 e il dicembre 1972, gli ultimi a farlo.

Altri Servizi

Negli Stati Uniti è il Presidents' Day. Le priorità di Trump: "Dio, famiglia e Paese"

Il presidente Usa è stato ieri alla Daytona 500 del campionato Nascar: c'è da difendere la Florida, a novembre
Ap

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, è stato ieri in Florida per assistere alla Daytona 500, corsa del campionato Nascar, poi rinviata a oggi per il maltempo. Un appuntamento a cui non è voluto mancare per questioni elettorali: è consapevole dell'importanza della Florida, Stato che nel 2016 conquistò con un lieve margine e dove mantiene un tasso di approvazione del 49 per cento. I fan della Nascar, che sono diversi milioni, sono storicamente conservatori, secondo i sondaggi. "I sostenitori della Nascar non dimenticano mai che, a prescindere da chi vince la gara, quello che conta di più sono Dio, la famiglia e il Paese" ha detto Trump, davanti a un autodromo pieno. Tornato ieri sera a Washington, è stato tra gli ospiti del matrimonio del suo consigliere Stephen Miller, l'architetto delle sue politiche contro l'immigrazione.

Pelosi con Trump: "Non vi avvicinate a Huawei"

La speaker della Camera Usa avverte gli alleati: "Non mettete le vostre comunicazioni in mano a un governo autocratico che non condivide i nostri valori"
Ap

"Questa è la più insidiosa forma di aggressione, avere le comunicazioni, la 5G, dominate da un governo autocratico che non condivide i nostri valori". L'attacco è contro Huawei, il colosso cinese delle telecomunicazioni accusato dagli Stati Uniti di essere al servizio del governo di Pechino per spiare l'Occidente, ma l'autore non è, come potrebbe sembrare, il presidente Donald Trump, bensì la democratica Nancy Pelosi, la speaker della Camera, che per una volta, almeno, è della stessa opinione della Casa Bianca.

Oltre mille procuratori americani hanno chiesto le dimissioni di William Barr

Il procuratore generale accusato insieme a Trump di "interferenze nell’amministrazione della Giustizia"
Wikipedia

Più di 1.100 ex procuratori e funzionari del Dipartimento di giustizia, tanto democratici quanto repubblicani, hanno chiesto al procuratore generale William Barr di dimettersi per come ha gestito il caso Stone. La richiesta è arrivata in una lettera aperta in cui sono state condannate "in modo energico le interferenze del presidente Trump e del procuratore generale Barr nell'amministrazione della Giustizia" americana.

Le calciatrici della nazionale Usa chiedono 66 milioni in danni per discriminazione

A maggio comincerà il processo contro la federcalcio Usa
Ap

Wall Street, l'attenzione resta sul coronavirus

Aumenta il numero di contagiati
AP

Afghanistan, accordo tra Usa e talebani per una riduzione delle violenze

Si tratta del primo passo verso un accordo tra talebani e governo afgano e il ritiro delle truppe statunitensi
AP

Roger Stone (amico di Trump) condannato a 40 mesi di carcere

Condannato per aver ostacolato le indagini sulle ingerenze della Russia nelle elezioni del 2016
Ap

Sanders voleva candidarsi contro Obama nel 2012

Lo scrive The Atlantic. Il senatore fu fermato dal leader della maggioranza in Senato, Harry Reid
AP

Wall Street ottimista, nonostante il coronavirus

Dai verbali della Fed buone notizie per l'economia Usa, anche se il coronavirus è una minaccia per l'outlook globale
AP

Usa 2020, Bloomberg si affida a un esercito di mercenari social

Una portavoce al Wsj: "È il futuro delle campagne politiche". L'esperimento in California potrebbe essere ripetuto a livello nazionale