Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

L'amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, ha deciso di donare 33 milioni di dollari in mille borse di studio destinate ai cosiddetti Dreamers, le persone entrate quando erano bambine negli Stati Uniti e che tutt'ora sono prive di un permesso di soggiorno.

Forse l'esperienza personale dell'uomo più ricco del mondo ha una valenza nella sua scelta: Bezos ha spiegato in un comunicato che suo padre (non quello biologico ma l'uomo con cui la madre si risposò) arrivò in Usa da solo all'età di 16 anni e senza essere in grado di parlare inglese; fu parte di "Operation Pedro Pan", un programma - il più grande esodo di minori non accompagnati nell'emisfero occidentale - che tra il 1960 e il 1962 portò in Usa oltre 14.000 bambini dall'Avana.

In una nota diffusa da TheDream - US, no-profit cofondata nel 2014 dall'ex proprietario del Washington Post Don Graham, che ha venduto il quotidiano a Bezos nel 2013 -  il Ceo di Amazon ha fatto riferimento al padre adottivo dicendo: "Con molto coraggio e determinazione, e l'aiuto di organizzazioni fenomenali in Delaware, mio padre divenne un cittadino straordinario e continua a rendere il favore al Paese che lo ha benedetto in modi diversi".

A godere delle borse di studio saranno studenti delle scuole superiori. La donazione, firmata da Bezos e dalla moglie MacKenzie, verrà spalmata in quattro anni ed è stata fatta mentre al Congresso i legislatori stanno trattando per trovare una soluzione sullo status dei Dreamers. Nel peggiore dei casi, rischiano l'espulsione. Oltre 100 Ceo hanno scritto una lettera facendo pressing su Capitol Hill affinché si legiferi in fretta e in loro favore.

Nel comunicato diffuso da TheDream.US, la no-profit che ha annunciato la donazione di Bezos e la cui missione è garantire un'istruzione universitaria ai Dreamers, il Ceo di Amazon ha detto: "Mio padre giunse in Usa quando aveva 16 anni come parte dell'Operation Pedro Pan". Si tratta di un programma che tra il 1960 e il 1962 portò in Usa oltre 14.000 bambini dall'Avana (Cuba); quello fu il più grande esodo di minori non accompagnati nell'emisfero occidentale. "Con molto coraggio e determinazione - e l'aiuto di organizzazioni fenomenali in Delaware - mio padre divenne un cittadino straordinario e continua a rendere il favore al Paese che lo ha benedetto in modi diversi", ha aggiunto Bezos.

Colui che nel 1994 in un garage fondò Amazon - originariamente un rivenditore online di libri diventato un colosso del commercio elettronico che sta aumentando la sua presenza nel settore retail tradizionale e magari anche in quello farmaceutico - non ha spiegato i dettagli relativi al padre. Fu Brad Stone, di Bloomberg Businessweek, a gettare luce in un libro su Amazon e sulla storia famigliare di Bezos. Il padre biologico, Ted Jorgensen, aveva 18 anni quando mise incinta Jacklyn Gise, 17enne. I due si sposarono prima della nascita del figlio ma il matrimonio durò solo 17 mesi. Tre anni dopo il divorzio, Gise sposò un altro uomo, Miguel Bezos, il cubano che imparò da solo l'inglese e che finì per laurearsi ed essere assunto dal colosso petrolifero Exxon Mobil. Miguel adottò Jeff, dandogli il suo cognome.

In una intervita alla rivista Wired nel 1999, Bezos disse di "non avere mai visto" Jorgensen anche se l'inizio della sua vita fu con lui. "Per quel che mi riguarda", disse, "mio padre [Bezos] è il mio papà naturale. L'unica occasione in cui ci devo pensare è quando devo compilare un modulo dal dottore". Non sorprende dunque che nel comunicato il Ceo di Amazon abbia fatto riferimento a un solo padre senza troppe spiegazioni. D'altra parte quello biologico non sapeva nemmeno che il figlio fosse diventato un imprenditore di successo quando Stone lo trovò a Glendale, Arizona, come proprietario di un negozio di biciclette. "Non fui un bravo padre né un bravo marito", disse al giornalista.

Altri Servizi

Dazi, la Cina cancella la ripresa dei negoziati commerciali con gli Usa

Washington e Pechino continuano a fronteggiarsi a colpi di imposte, ma la Cina "ha finito i proiettili". Colpire le aziende statunitensi nel Paese sarebbe un rischio troppo grande per la Repubblica popolare, che tiene aperta la porta a futuri colloqui
Ap

La Cina ha cancellato l'appuntamento per la ripresa dei colloqui commerciali con gli Stati Uniti, in programma nei prossimi giorni, dopo l'inasprimento delle tensioni, dovute ai nuovi dazi che entreranno in vigore lunedì 24 settembre. Lo riporta il Wall Street Journal, citando fonti dell'amministrazione statunitense.

Ciberspazio, la strategia all'attacco di Trump promossa (con riserva) dagli esperti

In attesa dei dettagli, il documento sembra prendere ampiamente spunto dalle raccomandazioni dell'amministrazione Obama. Non a caso, due alti responsabili della cibersicurezza con il precedente presidente hanno dato la loro approvazione
Ap

Molti esperti del settore e parlamentari di entrambi i campi approvano (con riserva) la nuova strategia nazionale di sicurezza nel ciberspazio, firmata dal presidente Donald Trump e presentata dal consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton, che offre maggiori possibilità di andare all'attacco nel quinto dominio (come è stato definito dalla Nato, aggiungendosi così ad aria, terra, mare e spazio) per fermare attori malevoli e interferenze straniere.

Airbnb sogna di premiare padroni di casa migliori con titoli del gruppo

Chiede all'autorità di borsa Usa un cambiamento delle regole sullo stock-sharing

Airbnb "non sarebbe nulla" senza le persone che mettono a disposizione le proprie case per affitti di breve durata. Per questo il gruppo che mette in contatto chi offre e chi cerca una sistemazione vuole che i padroni di casa "più fedeli" siano soci dell'azienda americana. Brian Chesky, Ceo di Airbnb, ha spiegato al sito Axios che affinché ciò sia possibile "le regole devono cambiare".

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock

Nafta: Usa e Canada tornano a trattare

Sembra difficile che un accordo possa essere raggiunto entro la scadenza del 30 settembre
AP

A Washington sono ripresi i negoziati tra Usa e Canada per riscrivere il North American Free Trade Agreement (Nafta), l'accordo di libero scambio siglato nel 1994 e che include anche il Messico. E' stato il presidente americano, Donald Trump, a spingere affinché il Nafta - giudicato "l'accordo peggiore di sempre" - fosse rivisto.

Wall Street: nel giorno delle "quattro streghe" solo il Dow da record

Scaduti future e opzioni. Per gli indici S&P, la maggiore riclassificazione dal 1999. Fed verso il terzo rialzo dei tassi del 2018. Nafta in bilico
AP

All'indomani di una seduta in cui il Dow Jones Industrial Average aveva messo a segno il primo record dal 26 gennaio scorso e l'S&P 500 il primo dal 29 agosto, a Wall Street c'è stata un po' di volatilità. L'indice delle 30 blue chip ha messo a segno il secondo record di fila, il tredicesimo del 2018 e il 101esimo da quando, nel novembre 2016, Donald Trump vinse alle elezioni presidenziali americane. Il listino benchmark ha raggiunto nuovi massimi intraday salvo poi annullare tutti i guadagni giornalieri. Partito in rialzo, il Nasdaq Composite ha invece sofferto.

Google si fa strada nel settore auto. Intenzionata a replicare nelle quattro ruote il successo avuto nel mercato degli smartphone dal suo sistema operativo Android, la controllata di Alphabet ha siglato una partnership con l'alleanza franco-giapponese formata da Renault, Nissan e Mitsubishi nel 1999 e che nel 2017 ha venduto in tutto il mondo oltre 10,6 milioni di vetture (più di qualsiasi altra alleanza).

AP

Vendite illecite di armi, consegne di carburanti fatte di nascosto, transazioni finanziarie proibite. L'Onu sostiene di avere a disposizione nuove prove che dimostrano come, attraverso le attività citate, la Corea del Nord stia continuando a violare le sanzioni internazionali. Lo scrive il Wall Street Journal citando il contenuto di un nuovo rapporto ancora top secret preparato da un organismo del Palazzo di vetro che monitora la compliance delle sanzioni.

Tentato stupro, Kavanaugh e la sua accusatrice testimonieranno lunedì in Senato

Il giudice nominato dal presidente Trump per la Corte Suprema sarà ascoltato in commissione Giustizia, così come la professoressa di psicologia che lo accusa
Ap

Il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, e Christine Blasey Ford, la donna che lo ha accusato di aver tentato di stuprarla quando erano adolescenti, negli anni '80, testimonieranno il 24 settembre davanti alla commissione Giustizia del Senato, a porte aperte. Commissione che, il 20 settembre, avrebbe dovuto votare sulla conferma della nomina.

Visa, Mastercard e alcune banche americane che emettono carte di credito hanno siglato il più grande patteggiamento legato a una class action e siglato nell'ambito di un caso antitrust. Esso riguarda le commissioni pagate dai commercianti - pari in Usa a oltre 90 miliardi di dollari l'anno - quando accettano pagamenti effettuati con carte di credito. Il valore dell'intesa è pari a 6,2 miliardi di dollari.