Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

L'amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, ha deciso di donare 33 milioni di dollari in mille borse di studio destinate ai cosiddetti Dreamers, le persone entrate quando erano bambine negli Stati Uniti e che tutt'ora sono prive di un permesso di soggiorno.

Forse l'esperienza personale dell'uomo più ricco del mondo ha una valenza nella sua scelta: Bezos ha spiegato in un comunicato che suo padre (non quello biologico ma l'uomo con cui la madre si risposò) arrivò in Usa da solo all'età di 16 anni e senza essere in grado di parlare inglese; fu parte di "Operation Pedro Pan", un programma - il più grande esodo di minori non accompagnati nell'emisfero occidentale - che tra il 1960 e il 1962 portò in Usa oltre 14.000 bambini dall'Avana.

In una nota diffusa da TheDream - US, no-profit cofondata nel 2014 dall'ex proprietario del Washington Post Don Graham, che ha venduto il quotidiano a Bezos nel 2013 -  il Ceo di Amazon ha fatto riferimento al padre adottivo dicendo: "Con molto coraggio e determinazione, e l'aiuto di organizzazioni fenomenali in Delaware, mio padre divenne un cittadino straordinario e continua a rendere il favore al Paese che lo ha benedetto in modi diversi".

A godere delle borse di studio saranno studenti delle scuole superiori. La donazione, firmata da Bezos e dalla moglie MacKenzie, verrà spalmata in quattro anni ed è stata fatta mentre al Congresso i legislatori stanno trattando per trovare una soluzione sullo status dei Dreamers. Nel peggiore dei casi, rischiano l'espulsione. Oltre 100 Ceo hanno scritto una lettera facendo pressing su Capitol Hill affinché si legiferi in fretta e in loro favore.

Nel comunicato diffuso da TheDream.US, la no-profit che ha annunciato la donazione di Bezos e la cui missione è garantire un'istruzione universitaria ai Dreamers, il Ceo di Amazon ha detto: "Mio padre giunse in Usa quando aveva 16 anni come parte dell'Operation Pedro Pan". Si tratta di un programma che tra il 1960 e il 1962 portò in Usa oltre 14.000 bambini dall'Avana (Cuba); quello fu il più grande esodo di minori non accompagnati nell'emisfero occidentale. "Con molto coraggio e determinazione - e l'aiuto di organizzazioni fenomenali in Delaware - mio padre divenne un cittadino straordinario e continua a rendere il favore al Paese che lo ha benedetto in modi diversi", ha aggiunto Bezos.

Colui che nel 1994 in un garage fondò Amazon - originariamente un rivenditore online di libri diventato un colosso del commercio elettronico che sta aumentando la sua presenza nel settore retail tradizionale e magari anche in quello farmaceutico - non ha spiegato i dettagli relativi al padre. Fu Brad Stone, di Bloomberg Businessweek, a gettare luce in un libro su Amazon e sulla storia famigliare di Bezos. Il padre biologico, Ted Jorgensen, aveva 18 anni quando mise incinta Jacklyn Gise, 17enne. I due si sposarono prima della nascita del figlio ma il matrimonio durò solo 17 mesi. Tre anni dopo il divorzio, Gise sposò un altro uomo, Miguel Bezos, il cubano che imparò da solo l'inglese e che finì per laurearsi ed essere assunto dal colosso petrolifero Exxon Mobil. Miguel adottò Jeff, dandogli il suo cognome.

In una intervita alla rivista Wired nel 1999, Bezos disse di "non avere mai visto" Jorgensen anche se l'inizio della sua vita fu con lui. "Per quel che mi riguarda", disse, "mio padre [Bezos] è il mio papà naturale. L'unica occasione in cui ci devo pensare è quando devo compilare un modulo dal dottore". Non sorprende dunque che nel comunicato il Ceo di Amazon abbia fatto riferimento a un solo padre senza troppe spiegazioni. D'altra parte quello biologico non sapeva nemmeno che il figlio fosse diventato un imprenditore di successo quando Stone lo trovò a Glendale, Arizona, come proprietario di un negozio di biciclette. "Non fui un bravo padre né un bravo marito", disse al giornalista.

Altri Servizi

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Microsoft chiede la Congresso di regolare il riconoscimento facciale

In un post sul blog del colosso, il presidente Brad Smith chiede un intervento della politica
AP

Microsoft vuole che il governo degli Stati Uniti inizi a pensare a quali limiti dovrebbero essere impostati sull'uso della tecnologia di riconoscimento facciale. In un post sul suo blog,  Microsoft ha anche affermato di essere in contatto con gruppi esterni per definire le proprie politiche su come utilizzerà e venderà questa tecnologia.

L'ultimo Blockbuster d'America

Si trova a 120 chilometri da Portland, in Oregon. Tra poco - quando chiuderanno i due negozi dell'Alaska - rimarrà solo.

Il negozio Blockbuster a Bend, in Oregon, ha una strategia chiara: vuole resistere e fare da argine all'espansione dei servizi di streaming digitale come Netflix e HBO, che permettono ai clienti di non alzarsi dal divano per vedere un film. Ma è rimasto solo.

La settimana americana (ovvero, Trump incontra Putin)

Lunedì sarà il giorno dei giorni. Il presidente americano incontra quello russo. Poi è tutto in discesa, con tantissime trimestrali a Wall Street, la Fed e Facebook al Congresso
AP

Lunedì sarà il giorno più atteso degli ultimi mesi per la politica internazionale. Donald Trump incontra Vladimir Putin a Helsinki, in Finlandia. La Casa Bianca ha detto che i due presidenti discuteranno di Medio Oriente, Ucraina e di interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Uno dei punti fondamentali è l'annessione russa della Crimea, che gli Stati Uniti non hanno riconosciuto e su cui Trump ha lasciato una apertura: "Vedremo". Tra l'arto, il presidente Usa insiste nel voler affrontare parte del colloquio da solo con Putin, cosa che sta preoccupando molto l'amministrazione Usa, visto che Putin è un ex agende del Kgb, con decenni di formazione alle spalle. 

Sanzioni all'Iran, gli Usa non concederanno esenzioni alle società europee

Washington respinge la richiesta di Regno Unito, Francia e Germania. "Faremo una pressione finanziaria senza precedenti sul regime iraniano"

Gli Stati Uniti hanno respinto l'appello di Regno Unito, Francia e Germania, che chiedevano ampie esenzioni alle aziende europee per fare affari con l'Iran, e andranno avanti con la loro volontà di imporre sanzioni per esercitare pressioni economiche "senza precedenti" sul regime di Teheran. Lo hanno detto funzionari statunitensi ed europei a Nbc News.

Trump a May: su Brexit fate come volete, basta che poi facciamo affari

Solito show del presidente Usa nella conferenza stampa con la premier del Regno Unito. Smentisce le critiche e definisce la sua intervista al Sun una 'Fake News'
AP

"Qualsiasi approccio sceglierete per la Brexit mi andrà bene, sta a voi, fate solo in modo di essere sicuri di poter fare accordi commerciali con gli Stati Uniti, che è quello che conta". La conferenza stampa con la premier del Regno Unito, Theresa May, è il solito show del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che smentisce la sua intervista al tabloid Sun, definita 'Fake News' (ma l'audio conferma quanto riportato dal giornalista, ndr) e sottolinea che "gli Stati Uniti vogliono fare affari con il Regno Unito, e il Regno Unito vuole fare affari con noi".

Donald Trump contro l'Europa: è un nemico

In una intervista a Cbs il presidente americano contro l'Unione europea a pochi giorni dalla sua visita ufficiale
©AP

Il presidente americano, Donald Trump, ha definito l'Unione europea un "nemico" degli Stati Uniti in un'intervista a seguito di un incontro controverso la scorsa settimana con gli alleati della NATO.

Messico, la prossima crisi arriverà da Sud

Il presidente eletto Lopez Obrador potrebbe entrare in contrasto con Donald Trump sull'immigrazione. Il rischio è che ne esca perdente
iStock

Dopo la vittoria di Andres Manuel Lopez Obrador alle elezioni presidenziali messicane, i mercati si sono concentrati sulle prospettive economiche di un Paese che rischia la crisi finanziaria. Eppure, il primo e più grande problema della futura amministrazione, in carica dal primo dicembre, potrebbe essere l'immigrazione dall'America Centrale, come scritto da Shannon O'Neil, senior fellow per gli Studi sull'America Latina del Council on Foreign Relations.

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Vertice Nato, Trump chiede agli alleati un nuovo obiettivo: il 4% del Pil alla difesa

Gli alleati faticano ad avvicinarsi al 2%, come promesso nel 2014 (entro 10 anni)
Ap

Vertice Nato,Trump chiede nuovo obiettivo: 4% Pil alla difesa Lo ha riferito il presidente bulgaro New York, 11 lug - Il presidente statunitense, Donald Trump, ha formalmente chiesto agli alleati della Nato di alzare al 4% la percentuale del Pil da dedicare alle spese per la difesa, nonostante la maggior parte degli alleati sia ancora lontana dall'obiettivo del 2%, fissato nel 2014 per il 2024. A renderlo noto è stato il presidente bulgaro, Rumen Radev.