Bezos dona 33 milioni di dollari per studenti Dreamers: mio padre (adottivo) arrivò in Usa da minore e solo

Il Ceo di Amazon ricorda il caso personale: il secondo marito della madre atterrò in America da Cuba come parte del più grande esodo di minori non accompagnati dell'emisfero occidentale

L'amministratore delegato di Amazon, Jeff Bezos, ha deciso di donare 33 milioni di dollari in mille borse di studio destinate ai cosiddetti Dreamers, le persone entrate quando erano bambine negli Stati Uniti e che tutt'ora sono prive di un permesso di soggiorno.

Forse l'esperienza personale dell'uomo più ricco del mondo ha una valenza nella sua scelta: Bezos ha spiegato in un comunicato che suo padre (non quello biologico ma l'uomo con cui la madre si risposò) arrivò in Usa da solo all'età di 16 anni e senza essere in grado di parlare inglese; fu parte di "Operation Pedro Pan", un programma - il più grande esodo di minori non accompagnati nell'emisfero occidentale - che tra il 1960 e il 1962 portò in Usa oltre 14.000 bambini dall'Avana.

In una nota diffusa da TheDream - US, no-profit cofondata nel 2014 dall'ex proprietario del Washington Post Don Graham, che ha venduto il quotidiano a Bezos nel 2013 -  il Ceo di Amazon ha fatto riferimento al padre adottivo dicendo: "Con molto coraggio e determinazione, e l'aiuto di organizzazioni fenomenali in Delaware, mio padre divenne un cittadino straordinario e continua a rendere il favore al Paese che lo ha benedetto in modi diversi".

A godere delle borse di studio saranno studenti delle scuole superiori. La donazione, firmata da Bezos e dalla moglie MacKenzie, verrà spalmata in quattro anni ed è stata fatta mentre al Congresso i legislatori stanno trattando per trovare una soluzione sullo status dei Dreamers. Nel peggiore dei casi, rischiano l'espulsione. Oltre 100 Ceo hanno scritto una lettera facendo pressing su Capitol Hill affinché si legiferi in fretta e in loro favore.

Nel comunicato diffuso da TheDream.US, la no-profit che ha annunciato la donazione di Bezos e la cui missione è garantire un'istruzione universitaria ai Dreamers, il Ceo di Amazon ha detto: "Mio padre giunse in Usa quando aveva 16 anni come parte dell'Operation Pedro Pan". Si tratta di un programma che tra il 1960 e il 1962 portò in Usa oltre 14.000 bambini dall'Avana (Cuba); quello fu il più grande esodo di minori non accompagnati nell'emisfero occidentale. "Con molto coraggio e determinazione - e l'aiuto di organizzazioni fenomenali in Delaware - mio padre divenne un cittadino straordinario e continua a rendere il favore al Paese che lo ha benedetto in modi diversi", ha aggiunto Bezos.

Colui che nel 1994 in un garage fondò Amazon - originariamente un rivenditore online di libri diventato un colosso del commercio elettronico che sta aumentando la sua presenza nel settore retail tradizionale e magari anche in quello farmaceutico - non ha spiegato i dettagli relativi al padre. Fu Brad Stone, di Bloomberg Businessweek, a gettare luce in un libro su Amazon e sulla storia famigliare di Bezos. Il padre biologico, Ted Jorgensen, aveva 18 anni quando mise incinta Jacklyn Gise, 17enne. I due si sposarono prima della nascita del figlio ma il matrimonio durò solo 17 mesi. Tre anni dopo il divorzio, Gise sposò un altro uomo, Miguel Bezos, il cubano che imparò da solo l'inglese e che finì per laurearsi ed essere assunto dal colosso petrolifero Exxon Mobil. Miguel adottò Jeff, dandogli il suo cognome.

In una intervita alla rivista Wired nel 1999, Bezos disse di "non avere mai visto" Jorgensen anche se l'inizio della sua vita fu con lui. "Per quel che mi riguarda", disse, "mio padre [Bezos] è il mio papà naturale. L'unica occasione in cui ci devo pensare è quando devo compilare un modulo dal dottore". Non sorprende dunque che nel comunicato il Ceo di Amazon abbia fatto riferimento a un solo padre senza troppe spiegazioni. D'altra parte quello biologico non sapeva nemmeno che il figlio fosse diventato un imprenditore di successo quando Stone lo trovò a Glendale, Arizona, come proprietario di un negozio di biciclette. "Non fui un bravo padre né un bravo marito", disse al giornalista.

Altri Servizi

Senato Usa conferma nomina Powell, sarà il nuovo governatore Fed

Prenderà il posto di Janet Yellen dal 3 febbraio
AP

E' ufficiale: Jerome Powell sarà il 16esimo governatore della Federal Reserve. Il già membro del board della banca centrale Usa dal 2012 prenderà il posto di Janet Yellen dal 3 febbraio, quando il mandato triennale di lei scadrà.

Patron

La tequila Patron finisce sotto lo stesso tetto della vodka Grey Goose e dello scotch Dewar in un'operazione da 5,1 miliardi di dollari. Lo ha annunciato Bacardi, che prenderà il controllo del 100% di Patron Spirits International e del suo marchio PATRÓN, considerato tra i più venduti per la tequila di alta gamma.

News Corp: Murdoch a Facebook e Google, pagate gli editori per garantire qualità

Secondo il proprietario del Wall Street Journal, le soluzioni proposte dai due gruppi sono inadeguate dal punto di vista commerciale, sociale e giornalistico
AP

Cresce la frustrazione tra il mondo dell'editoria e quello dei social media. Mentre Facebook e Google hanno rivisto le loro strategie per rispondere alle critiche di chi li ha accusati di avere contribuito alla circolazione delle fake news, il magnate dei media Rupert Murdoch ha mandato loro un messaggio chiaro: paghino per i contenuti che i loro utenti pubblicano e condividono online.

Netanyahu, May e aziende europee: l'agenda di Trump a Davos

Il presidente americano mercoledì parte per il World Economic Forum. Sarà il primo presidente Usa da Bill Clinton a fare visita al forum. Parlerà di America First ma anche di investimenti negli Stati Uniti con alcune aziende europee
AP

Oggi Donald Trump partirà per Davos, in Svizzera, dove parteciperà al World Economic Forum. Sarà il primo presidente americano a visitare il forum dal 2000 quando ci fu l'intervento di Bill Clinton. La sua agenda è molto fitta e inizierà gioved": incontrerà il premier britannico Theresa May con la quale discuterà di lotta all'Isis, denuclearizzazione della Corea del Nord e dell'accordo sul nucleare con l'Iran. Lo stesso giorno Trump incontrerà il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, per discutere di sicurezza in Medio Oriente e di lotta all'espansione dell'Iran.

Fmi a San Marino: il settore bancario deve essere rafforzato

La Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino va ristrutturata, deve cambiare modello di business e ridurre costi operativi

Ristabilire la tenuta del settore bancario e mantenere la stabilità finanziaria restano le principali priorità per San Marino. Lo sostiene il Fondo monetario internazionale, il cui staff ha concluso la sua missione nel Paese. Facendo notare che la rotta del debito pubblico dipenderà dal costo fiscale finale della riparazione del sistema bancario, l'istituto di Washington consiglia riforme strutturali, inclusa la riduzione della burocrazia, per aiutare una riorganizzazione dell'economia. Anche perché, sostiene l'Fmi, "l'agenda delle riforme è faticosa e richiede un forte impegno da parte di tutti".

Facebook rafforza i team dedicati a intelligenza artificiale e realtà virtuale

Ha reclutato uno degli scienziati dietro al lancio di Watson (Ibm) e uno dei pionieri della VR
Facebook

Facebook continua a scommettere sull'intelligenza artificiale (AI) e sulla realtà virtuale (VR). Il social network ha infatti reclutato uno degli scienziati dietro al lancio di Watson (Ibm) e uno dei pionieri della realtà virtuale.

Tesla: compensi del Ceo Musk legati a target ambiziosi

Il gruppo punta a una capitalizzazione di 650 miliardi di dollari
AP

Tesla ha rivisto il modo in cui calcola i compensi complessivi da elargire al suo amministratore delegato; essi saranno legati a target aziendali particolamente ambiziosi, come il raggiungimento di una capitalizzazione da 650 miliardi di dollari (un miraggio visto che attualmente il valore di mercato del produttore di auto elettriche è di 59,3 miliardi di dollari).

Amazon apre il negozio senza casse

Da domani a Seattle apre Amazon Go, permette di entrare nel negozio, prendere ciò che vogliamo e uscire senza pagare. Lo fanno in automatico una app del colosso e centinaia di telecamere

Con un anno di ritardo lunedì a Seattle apre Amazon Go, il primo negozio in cui è possibile entrare, prendere i prodotti che vogliamo e uscire senza dover passare da una cassa o dover passare sotto uno scanner il codice a barre del nostro articolo.

Donald Trump continua la sua battaglia commerciale contro la Cina. Questa volta l'amministrazione del presidente Usa ha posto nuovi dazi per proteggere la produzione americana di pannelli solari e di lavatrici: inizia così un 2018 di azioni dure, soprattutto contro la Cina e contro il suo potere di penetrazione nei mercati internazionali.