Bezos vince la battaglia per il dominio ".amazon", America Latina sconfitta

Lo scontro era iniziato nel 2012. La decisione è stata presa dall'Icann, visto che la società di Seattle e i governi non hanno trovato un accordo
AP

La società Amazon ha ottenuto provvisoriamente il diritto di usare il dominio internet ".amazon", dopo una battaglia che va avanti da diversi anni contro otto governi latinoamericani che fanno parte di un'organizzazione per la tutela del bacino amazzonico. L'Internet Corporation for Assigned Names and Numbers (Icann), l'ente preposto a supervisionare i protocolli e gli indirizzi sul web, si è schierato a favore della società di Jeff Bezos, l'uomo più ricco del mondo, contro l'Amazon Cooperation Treaty Organisation (Acto), una coalizione di governi latinoamericani che reclamavano il diritto di usare il dominio ".amazon" in virtù della foresta amazzonica che si estende sui loro territori. La decisione dell'Icann, di cui parla il Financial Times, è ora sottoposta a un mese di commenti pubblici.

L'Icann si è detto soddisfatto dei compromessi proposti dal gruppo di Seattle, visto che le due parti non hanno saputo trovare "una soluzione accettabile per entrambi". Il gruppo ha promesso di non includere nei nomi dei domini associati ad .amazon delle parole che facciano riferimento alla cultura e all'eredità della regione dell'Amazzonia (bloccherà fino a 1.500 parole). Ai membri dell'organizzazione latinoamericana saranno assegnati nove domini a scopi non commerciali, "per evidenziare la cultura e l'eredità della regione"; non avranno, però, il diritto di veto sui nomi scelti da Amazon, perché farlo "darebbe loro l'autorità di decidere su nuovi prodotti e servizi Amazon ancora non lanciati". Ad aprile, il ministro degli Esteri brasiliano aveva detto che la proposta di Bezos "non affrontava delle importanti preoccupazioni" sollevate dall'Acto.

Amazon aveva richiesto l'uso del dominio nel 2012, quando l'Icann cominciò a permettere alle società di richiedere, a pagamento, delle estensioni personalizzate, da aggiungere a quelli nazionali (come .it per l’Italia) e che si andassero ad aggiungere a domini come .com, .edu e .org.

I Paesi amazzonici obiettarono. La decisione dell'Icann è una sconfitta per l'Acto, che aveva parlato di "monopolio di una società" e di "appropriazione" di "nomi geografici di Stati, senza il loro consenso". Durante i negoziati per trovare un accordo, Amazon avrebbe offerto ai governi di Brasile e Perù, che informalmente guidavano la resistenza della coalizione, Kindle e Amazon Web Services per un valore di 5 milioni di dollari. L'ambasciatore dell'Ecuador negli Stati Uniti, a marzo, disse che la coalizione "non sta cercando una compensazione finanziaria".

Altri Servizi

Governo Usa: detenzione "illimitata" per i bambini irregolari

Washington ha presentato le norme che dovrebbero sostituire l'accordo Flores, che negli ultimi 22 anni ha protetto i minorenni
AP

Il dipartimento per la Sicurezza nazionale ha presentato una nuova serie di norme per consentire la detenzione dei migranti bambini e delle loro famiglie, entrati irregolarmente negli Stati Uniti, a tempo illimitato. Le nuove norme metterebbero fine alle protezioni in vigore da oltre 20 anni, conosciute come 'l'accordo Flores'.

Wall Street rimbalza con il settore retail

Le minute della Fed: rotta tassi non è predefinita
AP

Fed, Trump: Powell come un giocatore di golf incapace di tirare in buca

Conto alla rovescia per il discorso del governatore a Jackson Hole
Ap

Il presidente americano, Donald Trump, è tornato ad attaccare la Federal Reserve e il suo governatore, paragonato a un giocatore di golf praticamente incapace di tirare in buca. In un tweet Trump ha scritto: "Le cose vanno alla grande con la Cina e altri accordi commerciali. L'unico problema è Jay Powell, e la Fed. E' come un giocatore di golf che incapace di realizzare un putt, non ha tatto. [Ci sarebbe] una netta crescita in Usa se facesse la cosa giusta, un grande taglio [dei tassi] ma non contiamo su di lui. Fino ad ora si è sbagliato e ci ha deluso".

I ragazzi di Parkland presentano un piano per il controllo delle armi

L'obiettivo è influenzare il dibattito in vista delle elezioni e spingere i giovani ad andare a votare

March for Our Lives, il gruppo di attivisti che si è formato dopo la sparatoria di massa avvenuta lo scorso anno in una scuola di Parkland, in Florida, ha presentato oggi un piano per il controllo delle armi. Chiamato il "piano di pace per un'America più sicura", comprende proposte come la creazione di un registro nazionale, la messa al bando di armi d'assalto e di caricatori ad alta capacità, la creazione di un programma obbligatorio di riacquisto delle armi detenute dai civili da parte delle autorità e l'istituzione di un direttore nazionale per la prevenzione della violenza compiuta con armi da fuoco.

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Trump dà dei "pazzi" ai gruppi auto contrari a norme meno stringenti

Ford Motor, Volkswagen of America, Honda e BMW si sono già schierate con la California. Per il NYT, anche Mercedes-Benz potrebbe unirsi a loro e forse un altro gruppo tra Toyota, Fiat Chrysler e General Motors

Il presidente americano, Donald Trump, critica i produttori di auto contrari all'allentamento regolatorio da lui pianificato. "La mia proposta alle aziende d'auto politicamente corrette abbasserebbe il prezzo medio di un veicolo per i consumatori di oltre 3.000 dollari, e allo stesso tempo renderebbe le vetture molto più sicure. I motori funzionerebbero in modo migliore. Ci sarebbe un impatto molto limitato sull'ambiente! Executive pazzi!".

Scomparso Andrea Zamperoni, capo chef di Cipriani Dolci a New York

 L'uomo, italiano, 33 anni, è irrintracciabile da sabato notte

Andrea Zamperoni, 33 anni, capo chef italiano di Cipriani Dolci, noto ristorante di New York, negli Stati Uniti, è scomparso dalla notte tra sabato e domenica. Lo riportano i media statunitensi, che citano la polizia e i suoi colleghi. I suoi colleghi non lo vedono da sabato sera, dalla fine del turno di lavoro, alle 22. Lunedì non si è presentato al lavoro e il suo capo, non riuscendo a entrare in contatto con lui, ne ha denunciato la scomparsa.

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.