Bill Ford: Trump comprende il nostro business, è "ben informato"

Parla il vicepresidente del gruppo auto fondato dal bisnonno Henry Ford

Bill Ford, il vicepresidente esecutivo di Ford, parla "spesso" con il presidente eletto Donald Trump, che secondo lui è un "buon ascoltatore", che "fa domande buone" e che è molto "reattivo": "Se chiami, risponde. Ma chiama anche quando gli pare".

Parlando nella serata americana del 10 gennaio, a un evento organizzato da Automotive News a margine del salone dell'auto di Detroit il pronipote di Henry Ford - il fondatore del gruppo auto a cui ha dato il nome - ha spiegato che il miliardario di New York lo aveva chiamato dopo la sua vittoria alle elezioni presidenziali Usa dello scorso otto novembre per continuare parlare di temi che sono spaziati "dalle tasse alla manipolazione di valute fino alle questioni commerciali".

Durante la campagna elettorale Trump aveva ripetutamente preso di mira Ford per produrre vetture in Messico. E il 3 gennaio scorso l'azienda guidata da Mark Fields ha annunciato di non volere più investire 1,6 miliardi di dollari in una nuova fabbrica in Messico optando invece per un investimento da 700 milioni di dollari in Usa. Come l'amministratore delegato Fields, anche il vicepresidente esecutivo del gruppo ieri ha spiegato che non si può semplificare la questione dicendo che Ford si è piegata a Trump. "Non è così semplice. Era una decisione giusta per noi" quella di puntare sugli Usa e di decidere di produrre l'auto Focus - che comunque verrà trasferita in Messico - in un impianto esistente della nazione dell'America centrale.

Secondo Bill Ford, Trump è un "businessman" che comprende le logiche di un'azienda e "la complessità di questo business ma le tecnicalità condizionano poi la vita delle famiglie lavoratrici". Certo, ha aggiunto, il presidente eletto "è stato contento" dell'investimento in Usa, "ma lo sono stato anche io".

Altri Servizi

Wall Street, settimana di trimestrali

A mercati chiusi è arrivata quella, superiore alle stime, di Netflix
AP

Amico di Trump inietta capitali in Weinstein Company

Il miliardario Tom Barrack tratta per comprare tutta o parte della società di produzione travolta dagli scandali sessuali del suo co-fondatore, silurato dal club degli Oscar
AP

The Weinstein Company, la società di produzione cinematografica travolta dagli scandali sessuali riguardanti il suo cofondatore Harvey Weinstein, ha raggiunto un accordo preliminare per una immediata iniezione di capitali. A concerderli è Colony Capital, società di investimento di Tom Barrack (amico di lunga data del presidente americano Donald Trump). A comunicarlo è stata l'azienda stessa, che ha iniziato un periodo di negoziati che potrebbe portare Colony Capital a comprare tutto o parte del gruppo che - tra gli altri - ha prodotto film come "Lion" e che ha distribuito "The Hateful Eight" di Quentin Tarantino.

Cook: "La realtà aumentata cambierà la nostra vita, ma gli occhiali smart non sono ancora pronti"

L'amministratore delegato di Apple, intervistato dall'Independent, non parla solo di tecnologia: "La vita sarebbe così tanto più facile se solo trattassimo tutti con dignità e rispetto"
iStock

La realtà aumentata (AR) cambierà la nostra vita. Ne è convinto Tim Cook, l'amministratore delegato di Apple, che ha rilasciato un'intervista all'Independent. La società di Cupertino ha realizzato ArKit, una piattaforma che "offre un'opportunità commerciale a tutti i progetti basati sull'AR; senza questa opportunità non ci sarebbero 15 milioni di persone pronte a sviluppare le proprie passioni con la realtà aumentata".

Il Ceo di Blackrock: Bitcoin un "indice del riciclaggio di denaro"

Laurence Fink si unisce a James Dimon, numero uno di JP Morgan, nel criticare la criptovaluta. Lagarde non esclude che l'Fmi possa arrivare a svilupparne una sua

"Un indice del riciclaggio del denaro". Così il Ceo di Blackrock ha definito Bitcoin. E' stato Laurence Fink, l'uomo a capo del più grande gruppo di asset management al mondo, a lanciare l'ultimo attacco contro la criptovaluta già definita una "frode" dall'amministratore delegato di JP Morgan, che dopo l'ennesima critica sulla valuta digitale ha promesso che non si pronuncerà più sull'argomento.

Netflix: gli iscritti al di fuori degli Usa spingono i conti

Nel terzo trimestre conquistati 5,3 milioni di nuovi abbonati di cui 85mila in Usa e 4,45 milioni all'estero. Utili +150% a 130 milioni di dollari; ricavi +30,3% a 2,98 miliardi. Anche l'outlook superara le stime degli analisti
AP

Ecco la startup di New York che porta nel cloud il guardaroba a noleggio

Con 89 dollari al mese, Rent the Runway permette di scegliere quattro capi. Lanciato il primo spot con cui preannuncia la fine delle cabine armadio
Rent the runway

Casa Bianca: taglio aliquote aziendali sosterrà i salari. I democratici: matematica fake

I consiglieri economici di Trump sostengono che riducendola al 20% dal 35%, i redditi delle famiglie saliranno almeno di 4mila dollari l'anno
AP

Haley, il falco dietro la scelta di Trump sull'Iran: "Gli Usa rimarranno nell'accordo sul nucleare solo se migliorato"

L'ambasciatrice alle Nazioni Unite ha spinto il presidente a non certificare il rispetto dell'intesa da parte di Teheran. "Ora cambiamo in meglio l'intesa, nell'interesse americano"
Ap

L'ansia, un disturbo sempre più diffuso tra gli adolescenti americani

È la storia di copertina dell'ultimo numero del New York Times Magazine ed è la più letta della settimana sul sito nytimes.com

Amazon sbarcherà nel mercato dell'abbigliamento sportivo (con il proprio marchio)

Lo rivela Bloomberg. La società di Bezos starebbe già lavorando con alcuni produttori di Taiwan