Bill Ford: Trump comprende il nostro business, è "ben informato"

Parla il vicepresidente del gruppo auto fondato dal bisnonno Henry Ford

Bill Ford, il vicepresidente esecutivo di Ford, parla "spesso" con il presidente eletto Donald Trump, che secondo lui è un "buon ascoltatore", che "fa domande buone" e che è molto "reattivo": "Se chiami, risponde. Ma chiama anche quando gli pare".

Parlando nella serata americana del 10 gennaio, a un evento organizzato da Automotive News a margine del salone dell'auto di Detroit il pronipote di Henry Ford - il fondatore del gruppo auto a cui ha dato il nome - ha spiegato che il miliardario di New York lo aveva chiamato dopo la sua vittoria alle elezioni presidenziali Usa dello scorso otto novembre per continuare parlare di temi che sono spaziati "dalle tasse alla manipolazione di valute fino alle questioni commerciali".

Durante la campagna elettorale Trump aveva ripetutamente preso di mira Ford per produrre vetture in Messico. E il 3 gennaio scorso l'azienda guidata da Mark Fields ha annunciato di non volere più investire 1,6 miliardi di dollari in una nuova fabbrica in Messico optando invece per un investimento da 700 milioni di dollari in Usa. Come l'amministratore delegato Fields, anche il vicepresidente esecutivo del gruppo ieri ha spiegato che non si può semplificare la questione dicendo che Ford si è piegata a Trump. "Non è così semplice. Era una decisione giusta per noi" quella di puntare sugli Usa e di decidere di produrre l'auto Focus - che comunque verrà trasferita in Messico - in un impianto esistente della nazione dell'America centrale.

Secondo Bill Ford, Trump è un "businessman" che comprende le logiche di un'azienda e "la complessità di questo business ma le tecnicalità condizionano poi la vita delle famiglie lavoratrici". Certo, ha aggiunto, il presidente eletto "è stato contento" dell'investimento in Usa, "ma lo sono stato anche io".

Altri Servizi

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock

Come funziona la riforma delle prigioni che Trump promette di approvare?

Migliorerà le condizioni dei detenuti, dovrebbe liberare 4.000 carcerati federali, ma per il Senato non risolve il problema, visto che non diminuisce le pene per i reati minori

Cuba: cade un aereo, oltre 100 morti. Solo tre sopravvissuti

A bordo quasi solo turisti e una donna naturalizzata italiana. Negli anni '90 la compagnia aerea Cubana de Aviacion è stata coinvolta in diversi incidenti con decine di morti