Bill Gates: meglio il nucleare, uccide meno del carbone

Il fondatore di Microsoft impegnato nel settore delle fonti rinnovabili

Il nucleare? Più sicuro del carbone, se si contano le vittime per kilowattora. Parola di Bill Gates, che in questo tipo di energia sta già investendo una parte del suo immenso patrimonio. Il fondatore di Microsoft ha staccato la spina da qualche anno dal mondo dei pc ma i progressi tecnologici continuano ad interessarlo. Nella conferenza organizzata dal settimanale tecnologico Wired, questa mattina a New York, l’ex ragazzo d’oro dei computer si è dichiarato a favore del nucleare nonostante le possibili ripercussioni in casi di incidenti: “Se li si paragona al numero di persone uccise dal carbone per kilowattora, è molto, molto meno” ha detto. “Il carbone uccide meno persone per volta, ecco perché i politici lo preferiscono”.

Secondo quanto riporta il sito di informazione tecnologica Techcrunch, Gates ha messo tre paletti nella sua ricerca dell’energia del futuro: “Se non è troppo costosa, se non c’è in qualunque momento il rischio di un blackout e se non distrugge il pianeta, è okay”. Per questo motivo non è impegnato finanziariamente solo sul fronte del nucleare (ha investito nella nuova società di un amico, Terrapower, al lavoro su un reattore nucleare all’avanguardia, capace di produrre un millesimo delle scorie nucleari dei normali reattori). Anzi, ha investito anche nell’energia solare e nell’eolico. “Dovremmo portare avanti la ricerca in tutti questi campi” ha dichiarato. “La quantità di menti al lavoro sull’energia al giorno d’oggi, e gli strumenti di cui disponiamo, sono come il giorno e la notte se paragonati a quelli di vent’anni fa”. La vera differenza la farà l’energia più economica: “Nell’80% del mondo sarà acquistata dove conviene di più. Bisogna aiutare il resto del mondo affinché abbia energia a un prezzo ragionevole”.