Billy Graham toglie il mormonismo dalla lista delle sette religiose

Nessun endorsement ufficiale, ma il famoso predicatore battista sostiene Romney

La visita di Mitt Romney a Billy Graham è servita. Sul sito del popolare predicatore battista, che la scorsa settimana ha incontrato il candidato repubblicano, è stato rimosso il mormonismo dall'elenco delle sette religiose, ovvero “tutte quelle dottrine e credenze che fuorviano la fede cristiana dal messaggio biblico”. Tra i culti citati figurano i Testimoni di Geova, la Chiesa dell’Unificazione, l'Unitarianesimo, gli Spiritualisti e Scientology.

“Quello che sta maggiormente a cuore alla Billy Graham Evangelistic Association - si legge sul sito della Abc - è sempre stato divulgare il verbo di Gesù Cristo” ha dichiarato Ken Barun, a capo dello staff dell’associazione, aggiungendo in una dichiarazione ufficiale: “Abbiamo eliminato quell’informazione dal sito perché non vogliamo prendere parte a un dibattito teologico su un argomento che è stato politicizzato durante questa campagna elettorale”.

Billy Graham, in passato, non ha mai appoggiato alcun candidato, ma è stato consigliere spirituale di alcuni presidenti repubblicani, come Dwight Eisenhower e Richard Nixon. Questa volta si è sbilanciato, invitando - sulle pagine del Wall Street Journal - a votare per Romney. Nell’annuncio pubblicitario, Graham dichiarava: “Mi sto avvicinando al mio 94esimo compleanno e mi rendo conto che questa potrebbe essere la mia ultima campagna elettorale. Credo che sia di vitale importanza appoggiare i candidati che basano le proprie decisioni sui principi cristiani e supportano la nazione di Israele. Vi esorto a votare coloro che proteggono la santità della vita e la definizione biblica del matrimonio tra uomo e donna”. Indiretto, ma chiaro, il riferimento a Romney, contrario a molti casi di aborto e al matrimonio tra omosessuali.

Altri Servizi

Media: la Cina pronta a discutere un "accordo parziale" con gli Usa

Per Bloomberg e Ft, Pechino offre l'acquisto di più prodotti agricoli
Ap

La Cina è pronta a discutere "un accordo parziale" con gli Stati Uniti. Secondo Bloomberg, che cita una fonte con conoscenze dirette dei negoziati, Pechino è pronta a un possibile accordo, a condizione che il presidente Donald Trump non imponga più dazi sui prodotti cinesi, nemmeno quelli già programmati per questo mese e per dicembre. Secondo la stessa fonte, Pechino ha intenzione di offrire alcune concessioni, come l'aumento dell'acquisto di prodotti agricoli statunitensi, che però non riguardano il fulcro della contesa tra le due maggiori potenze mondiali. 

Wall Street attende i negoziati Usa-Cina

Le trattative ad alto livello riprenderanno giovedì a Washington
AP

Wall Street, si guarda ai negoziati Usa-Cina

Indizi contrastanti sul possibile esito delle trattative, che ripartono oggi a Washington
AP

Montgomery (Alabama) elegge il suo primo sindaco afroamericano

Si tratta del giudice Steven Reed, 45 anni

Montgomery, capitale dell'Alabama (Stati Uniti), ha eletto il suo primo sindaco afroamericano in 200 anni di storia. Il giudice Steven Reed, 45 anni, ha vinto il ballottaggio contro l'uomo d'affari David Woods con un ampio margine, avendo ottenuto circa il 67% dei voti.

Hunter Biden lascerà il board di un fondo di investimento cinese

Il figlio del candidato democratico si dimetterà da BHR e non lavorerà per nessuna società straniera in caso di elezione del padre alla Casa Bianca
Ap

Ucrainagate, l’ambasciatore americano nell'Ue parlerà al Congresso: "Ho avuto rassicurazioni da Trump"

Secondo il Washington Post Gordon Sondland dichiarerà che il Tycoon lo rassicurò sul fatto che non c’erano legami tra gli aiuti a Kiev e la richiesta di indagare Biden
AP

C'è anche Bill Gates tra gli amici di Jeffrey Epstein

Il miliardario fondatore di Microsoft ha sempre minimizzato il rapporto, il New York Times svela delle mail che rivelano un’amicizia non così superficiale

Pentagono invia 3.000 truppe in Arabia Saudita

Nonostante proclami per minore coinvolgimento militare nella zona
AP

Caso Ucraina, arrestati due soci di Giuliani per fondi elettorali illegali

Avrebbero violato le leggi contro l'influenza straniera nelle elezioni