Billy Graham toglie il mormonismo dalla lista delle sette religiose

Nessun endorsement ufficiale, ma il famoso predicatore battista sostiene Romney

La visita di Mitt Romney a Billy Graham è servita. Sul sito del popolare predicatore battista, che la scorsa settimana ha incontrato il candidato repubblicano, è stato rimosso il mormonismo dall'elenco delle sette religiose, ovvero “tutte quelle dottrine e credenze che fuorviano la fede cristiana dal messaggio biblico”. Tra i culti citati figurano i Testimoni di Geova, la Chiesa dell’Unificazione, l'Unitarianesimo, gli Spiritualisti e Scientology.

“Quello che sta maggiormente a cuore alla Billy Graham Evangelistic Association - si legge sul sito della Abc - è sempre stato divulgare il verbo di Gesù Cristo” ha dichiarato Ken Barun, a capo dello staff dell’associazione, aggiungendo in una dichiarazione ufficiale: “Abbiamo eliminato quell’informazione dal sito perché non vogliamo prendere parte a un dibattito teologico su un argomento che è stato politicizzato durante questa campagna elettorale”.

Billy Graham, in passato, non ha mai appoggiato alcun candidato, ma è stato consigliere spirituale di alcuni presidenti repubblicani, come Dwight Eisenhower e Richard Nixon. Questa volta si è sbilanciato, invitando - sulle pagine del Wall Street Journal - a votare per Romney. Nell’annuncio pubblicitario, Graham dichiarava: “Mi sto avvicinando al mio 94esimo compleanno e mi rendo conto che questa potrebbe essere la mia ultima campagna elettorale. Credo che sia di vitale importanza appoggiare i candidati che basano le proprie decisioni sui principi cristiani e supportano la nazione di Israele. Vi esorto a votare coloro che proteggono la santità della vita e la definizione biblica del matrimonio tra uomo e donna”. Indiretto, ma chiaro, il riferimento a Romney, contrario a molti casi di aborto e al matrimonio tra omosessuali.

Altri Servizi

Suicidio in carcere per il finanziere Epstein

Stava aspettando l'inizio del processo. Era accusato di avere reclutato e sfruttato sessualmente una "rete di vittime" giovanissime. Fbi e Giustizia indagano. Focus sulle procedure di sicurezza nel centro di detenzione

Probabilmente suicidio. Il finanziere newyorchese che per anni ha sfruttato sessualmente minori anche solo di 14 anni è stato trovato morto nella cella del carcere dove si trovava in attesa che iniziasse il processo a suo carico. Se fosse stato giudicato colpevole, avrebbe dovuto trascorrere il resto della sua vita in carcere visto che la pena sarebbe stata di 45 anni.

Tsai (Alibaba) compra Brooklyn Nets e Barclays Arena per 3,5 mld $

Finisce l'era del russo Mikhail Prokhorov, artefice dello spostamento dal New Jersey a New York
Ap

I Brooklyn Nets hanno un nuovo proprietario. Il vicepresidente esecutivo di Alibaba Group, Joe Tsai, ha esercitato l'opzione di acquisto per le quote della società non ancora in suo possesso (il 51%), mettendo fine all'era di Mikhail Prokhorov, il magnate russo che aveva spostato la franchigia Nba - il massimo campionato professionistico di pallacanestro di Stati Uniti e Canada - dal New Jersey a New York.

Per il re del "Big Short", proteste Hong Kong una minaccia per economia globale

Steve Eisman teme che possano diventare un "cigno nero"

Le proteste a Hong Kong potrebbero mettere a repentaglio un qualsiasi accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina e potrebbero pesare sull'economia globale. Per questo, quelle proteste sono la principale preoccupazione per Steve Eisman, l'investitore reso celebre anche fuori dagli ambienti di Wall Street grazie al film "The Big short".

Wall Street, pesano le tensioni internazionali

Dalla guerra commerciale tra Usa e Cina alle proteste a Hong Kong
AP

GE rimbalza: Ceo compra 2 mln $ di azioni dopo accusa di frode in stile Enron

Ieri il tonfo maggiore da 11 anni dopo la diffusione di un rapporto redatto da colui che aveva avvertito sullo schema Ponzi creato da Bernie Madoff

La Fda rilancia la lotta per mettere immagini choc sui pacchetti di sigarette

L'agenzia federale perse la battaglia legale contro le multinazionali nel 2012

Wall Street, focus sul commercio e sui segnali di recessione

Dati in programma: avvio di nuovi cantieri e fiducia dei consumatori
AP

Huawei ha aiutato i governi di Uganda e Zambia a spiare oppositori politici (Wsj)

Il colosso cinese, che domina i mercati africani, ha respinto ogni accusa
AP

Hong Kong, la Cina accusa gli Usa di fomentare il caos

Pechino biasima soprattutto Pelosi e McConnell