Billy Graham toglie il mormonismo dalla lista delle sette religiose

Nessun endorsement ufficiale, ma il famoso predicatore battista sostiene Romney

La visita di Mitt Romney a Billy Graham è servita. Sul sito del popolare predicatore battista, che la scorsa settimana ha incontrato il candidato repubblicano, è stato rimosso il mormonismo dall'elenco delle sette religiose, ovvero “tutte quelle dottrine e credenze che fuorviano la fede cristiana dal messaggio biblico”. Tra i culti citati figurano i Testimoni di Geova, la Chiesa dell’Unificazione, l'Unitarianesimo, gli Spiritualisti e Scientology.

“Quello che sta maggiormente a cuore alla Billy Graham Evangelistic Association - si legge sul sito della Abc - è sempre stato divulgare il verbo di Gesù Cristo” ha dichiarato Ken Barun, a capo dello staff dell’associazione, aggiungendo in una dichiarazione ufficiale: “Abbiamo eliminato quell’informazione dal sito perché non vogliamo prendere parte a un dibattito teologico su un argomento che è stato politicizzato durante questa campagna elettorale”.

Billy Graham, in passato, non ha mai appoggiato alcun candidato, ma è stato consigliere spirituale di alcuni presidenti repubblicani, come Dwight Eisenhower e Richard Nixon. Questa volta si è sbilanciato, invitando - sulle pagine del Wall Street Journal - a votare per Romney. Nell’annuncio pubblicitario, Graham dichiarava: “Mi sto avvicinando al mio 94esimo compleanno e mi rendo conto che questa potrebbe essere la mia ultima campagna elettorale. Credo che sia di vitale importanza appoggiare i candidati che basano le proprie decisioni sui principi cristiani e supportano la nazione di Israele. Vi esorto a votare coloro che proteggono la santità della vita e la definizione biblica del matrimonio tra uomo e donna”. Indiretto, ma chiaro, il riferimento a Romney, contrario a molti casi di aborto e al matrimonio tra omosessuali.

Altri Servizi

Wall Street, i negoziati Usa-Cina nell'incertezza

Non è chiaro se le due potenze arriveranno a un accordo entro la fine dell'anno
AP

Wall Street verso nuovi record

Prosegue la fiducia sui mercati, in attesa di un accordo tra Usa e Cina
AP

Sondland conferma il 'do ut des' con l'Ucraina: "Trump ordinò di fare pressioni"

L'ambasciatore in audizione davanti alla commissione Intelligence della Camera, che indaga per il possibile impeachment del presidente Usa. "Tutti erano al corrente", a partire dal vice Pence e dal segretario di Stato, Pompeo

Gordon Sondland, l'ambasciatore statunitense presso l'Unione europea, ha confermato l'esistenza di una richiesta di 'do ut des' del presidente Donald Trump all'omologo ucraino, Volodymyr Zelensky, durante la sua audizione alla commissione Intelligence della Camera, che indaga per il possibile impeachment del presidente. E ha messo davanti alle loro responsabilità non solo il presidente Trump e il suo avvocato Rudy Giuliani, che ha guidato la politica 'ombra' in Ucraina, ma tutti gli altri massimi componenti dell'amministrazione, a partire dal vicepresidente Mike Pence e dal segretario di Stato, Mike Pompeo: "Tutti erano al corrente. Non era un segreto". 

Sacha Baron Cohen contro Mark Zuckerberg: "Aprirebbe un profilo anche a Hitler"

L’attore e comico attacca i giganti della tecnologia definendoli "la più grande macchina di propaganda della storia”
Wikipedia

Impeachment Trump, nuovi documenti rivelano contatti tra Giuliani e Pompeo

Il dipartimento di Stato ha rilasciato 100 pagine che mostrano ripetuti contatti tra l’avvocato del presidente americano e il segretario di Stato

Amazon fa causa al Pentagono per l'appalto da 10mld assegnato a Microsoft

Secondo l’azienda di Jeff Bezos nella procedura ci sono state "chiare deficienze, errori e innegabili pregiudizi"

Usa 2020, Bloomberg ha speso 30mln per una settimana di spot tv

Secondo il New York Times si tratta di ritratti biografici di 60 secondi che verranno trasmessi su 100 emittenti in una ventina di Stati
iStock

Impeachment, Trump sfida i democratici: "Voglio il processo in Senato"

Il presidente all'attacco su Fox News. La Camera potrebbe votare la sua messa in stato d'accusa prima di Natale

Impeachment Trump, i repubblicani studiano l'opzione del processo lampo

Incontro tra funzionari della Casa Bianca e senatori sulla strategia da adottare, dopo due settimane di audizioni pubbliche alla Camera
Ap

Impeachment Trump, Pelosi: "Prove chiare contro il presidente Usa"

Molti deputati chiedono di procedere: non servono altri testimoni. Hill: "I repubblicani hanno diffuso fake news russe"; Holmes: "Aiuti all'Ucraina bloccati per spingere Zelensky a indagare su Biden"
Ap