Bitcoin da record: bolla pronta a esplodere?

Il Nasdaq, come CME Group, pensa al lancio di future della criptovaluta. Per McAfee arriverà a un milione di dollari nel 2020. Per il premio Nobel all'economia Stiglitz è una bolla. La Fed valuta una sua valuta digitale

Una corsa che ha tutto il sapore di una bolla pronta a esplodere. Potrebbe essere quella di Bitcoin, che nel giro di meno di 24 ore ha conquistato per la prima volta nei suoi nove anni di storia i 10mila dollari prima e gli 11mila dollari poi. Passata da una mera curiosità a un asset sempre più popolare tra gli investitori, la criptovaluta ha guadagnato oltre il 1000% da inizio 2017, cominciato a 968,23 dollari. Si tratta di un rally che non ha eguali: nello stesso arco temporale il Dow Jones Industrial Average è salito di quasi il 21%, l'S&P 500 è cresciuto del 17%, il Nasdaq Composite ha aggiunto il 26% e l'oro circa il 13%.

Dalla reputazione controversa, Bitcoin sembra avere superato i problemi reputazionali alimentati dal Ceo di JP Morgan, secondo cui è una frode pronta a esplodere. La pensa così anche il principe saudita Alwaleed bin Talal, convinto che farà la fine di Enron, la società energetica collassata nel 2001 e diventata simbolo di uno dei peggiori scandali contabili degli Usa. Per Jordan Belfort, il "lupo di Wall Street" a cui si è ispirato il regista Martin Scorsese nel 2013, è "la più grande truffa di sempre". Stando a William Dudley, il presidente della Federal Reserve di New York, Bitcoin è ancora "un'attività speculativa".

Nonostante questi giudizi, i trader sembrano apprezzare la tecnologia sottostante alla valuta digitale ma anche la sua volatilità (praticamente assente nel resto dei mercati finanziari). E se ancora è prematuro pensare che Bitcoin sostuirà un giorno l'oro o le valute di riserva come forma di investimento, sempre più gruppi finanziari si preparano a cavalcare l'onda. Importanti istituzioni finanziarie pensano intanto se lanciare una criptovaluta propria. Lo aveva anticipato Christine Lagarde, direttore generale del Fondo monetario internazionale, durante gli incontro autunnali dell'istituto di Washington a ottobre. Lo ha detto oggi Dudley in merito alla intenzioni della banca centrale Usa.

Non solo. Dopo CME Group e Chicago Board Options Exchange, anche il gruppo Nasdaq e il broker Cantor Fitzgerald stanno valutando se lanciare future di Bitcoin. L'operatore di borsa di Chicago vorrebbe farlo entro fine anno (manca il via libera regolatorio). Quello di New York punterebbe a farlo nella prima metà del 2018, come riferito dai media Usa. Cantor ha detto di avere una tempistica simile.

Il rischio è che nel mercato nessuno stia accarezzando la possibilità di una correzione di Bitcoin. Basterebbe un rinnovato cambiamento della percezione nei confronti della valuta digitale, che potrebbe essere innescato da commenti negativi da parte di istituzioni o investitori famosi. Una stretta da parte dei governi potrebbe a sua volta pesare. Se in Giappone, Bitcoin è considerato un metodo di pagamento legittimo, in Corea del Sud si teme che la caccia a facili guadagni potrebbe costare cara e incoraggiare i crimini. La parola determinante l'avranno forse le banche centrali.

Per ora John McAfee, il pioniere degli anti-virus, ha detto su Twitter che secondo lui Bitcoin arriverà a valere un milione di dollari entro la fine del 2020. E' d'accordo l'ex hedge fund manager americano James Altucher. Joseph Stiglitz, premio Nobel all'economia, sostiene invece che sia "una bolla" che non ha alcuna funzione nella società: "Bitcoin ha successo solo per via dell'assenza di supervisione".

Altri Servizi

Wall Street cauta dopo l'incontro Trump-Kim

Nella notte italiana, lo storico incontro tra il presidente Usa e il leader nordcoreano
iStock

Trump stringe la mano a Kim: avremo una magnifica relazione

Un nuovo capitolo per i rapporti tra Stati Uniti e Corea del Nord

L'incontro tra Donald Trump e il leader della Corea del Nord, Kim Jong Un, si è aperto a Singapore con una stretta di mano e un colloquio bilaterale durato circa quaranta minuti. "Sono veramente felice, avremo un'ottima discussione e credo sarà un successo. Credo sarà veramente positivo e la nostra relazione sarà magnifica, non ho dubbi", ha detto il presidente americano. Kim ha risposto: "Non è stato facile arrivare fino a qui, ci sono stati ostacoli ma li abbiamo superati per essere qui".

Kim si impegna per la denuclearizzazione, Trump: "Solo dopo rimuoveremo le sanzioni"

Lo storico incontro si è concluso positivamente, ma gli interrogativi restano

La completa denuclerarizzazione della penisola coreana, promessa dal presidente nordcoreano, Kim Jong Un, "sarà verificata e dovrà iniziare immediatamente". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa a conclusione del vertice con il leader nordcoreano a Singapore, sottolineando che "le sanzioni saranno rimosse quando saremo sicuri che il nucleare non sarà più un fattore rilevante". Detto questo, gli Stati Uniti sono "ansiosi di poterle eliminare".

Dimon e Buffett contro le guidance trimestrali sugli utili delle aziende Usa

I numeri uno, rispettivamente, di JPM e Berkshire Hathaway fanno pressing: il focus suia sul lungo termine

Con l'intento di spostare l'attenzione verso la crescita di lungo termine, James Dimon e Warren Buffett stanno facendo pressing sulle aziende americane affinché valutino se smettere di fornire le guidance trimestrali sui rispettivi conti. Per il Ceo di JP Morgan e il numero uno di Berkshire Hathaway, quella pratica incoraggia a concentrarsi in modo "non salutare" sui profitti di breve termine.

Fed: Powell potrebbe segnalare una recessione all'orizzonte

Mercoledì atteso un rialzo dei tassi. Possibili quattro strette nel 2018, Focus sulla curva dei rendimenti e sulla rapidità con cui la disoccupazione continuerà a calare
AP

Dopo soli quattro mesi dal suo arrivo al vertice della Federal Reserve, il governatore Jerome Powell potrebbe ritrovarsi questa settimana nella posizione scomoda di dovere segnalare una recessione all'orizzonte. Lo scrive il Wall Street Journal in vista della riunione della banca centrale, che inizierà domani e si concluderà mercoledì 13 giugno con un quasi certo rialzo dei tassi di 25 punti base all'1,75-2%. Si tratterebbe del settimo aumento del costo del denaro dal dicembre 2015, quando fu annunciata la prima stretta dal giugno 2006.

AT&T e Time Warner: la decisione sulle nozze condizionerà l'M&A

L'annuncio di un giudice federale atteso il 12 giugno intorno alle 22 italiane. Ricadute per la sfida di Comcast a Disney e l'acquisto di Aetna da parte di CVS

E' iniziato il conto alla rovescia per la decisione di un giudice federale sulle nozze da 85,4 miliardi di dollari tra AT&T e Time Warner. Da quella decisione, attesa martedì 12 giugno, dipenderanno accordi di fusione e acquisizione che sono destinati a rivoluzione il settore delle tlc e quello dei media. 

Argentina: accordo con Fmi per aiuti da 50 miliardi di dollari

Piano in tre anni. Buenos Aires vuole accere alla prima tranche e trattare il resto del prestito come precauzione. In cambio, riduzione più rapida del deficit, autonomia banca centrale e target "realistici" inflazione

Il Fondo monetario internazionale è pronto a concedere all'Argentina fino a 50 miliardi di dollari di aiuti in tre anni. Un accordo tra l'istituzione di Washington e la nazione sudamericana è stato annunciato nella notte. Esso è giunto più rapidamente delle attese, che erano per un'intesa in arrivo entro sei settimane dall'8 maggio scorso, la data in cui il presidente argentino Mauricio Macri comunicò di avere chiesto sostegno al Fondo.

Morto suicida lo chef superstar Anthony Bourdain

Era a Strasburgo, in Francia, per la prossima puntata del suo programma tv; aveva 61 anni

Anthony Bourdain, chef statunitense conosciuto in tutto il mondo anche per i suoi libri e i programmi televisivi che lo hanno visto protagonista, è morto oggi; aveva 61 anni. Secondo la Cnn, si sarebbe suicidato.

Miss America rinuncia al costume: "Non giudicheremo l'aspetto"

La rivoluzione al via con la nuova presidente dell'organizzazione, Gretchen Carlson, ex conduttrice di Fox News e vincitrice del concorso nel 1989

Le concorrenti di Miss America non dovranno più sfilare in costume. Lo ha annunciato la presidente del concorso, affermando che "non vi giudicheremo più per il vostro aspetto esteriore". La Miss America Organization, dopo lo scandalo scoppiato mesi fa e la campagna #MeToo contro le molestie sessuali, ha annunciato che la novità sarà introdotta al prossimo concorso, in programma a settembre.

Ocse ottimista sugli Usa nel breve termine, poi rischi "notevoli"

Gurria: la crescita è destinata a continuare per i prossimi due anni. Preoccupazioni da politiche commerciali

L'economia americana sta vivendo una delle espansioni più lunghe della storia (è giunta al nono anno) ma "le ferite" lasciate dalla crisi del 2008 così come le sfide poste dalla globalizzazione e dall'automazione "restano visibili" negli Stati Uniti. E' quanto emerge da un nuovo rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse).