BlackRock diventerà socio di maggioranza nel proprietario di Sport Illustrated

Si tratta di Authentic Brands, che controlla anche i diritti legati a Marilyn Monroe e Muhammad Ali

Il più grane asset manager al mondo scommette sul private equity. BlackRock sta per prendere la quota di controllo di Authentic Brands, gruppo con sede a New York che ha le licenze di 50 marchi tra l'intrattenimento e il lifestyle che generano ogni anno 9,3 miliardi di dollari. 

Secondo il Financial Times, BlackRock pagherà 870 milioni di dollari. Per il Wall Street Journal, la transazione valuterà Authentic Brands oltre 4 miliardi e BlackRock diventerà il più grande socio al posto di Leonard Green & Partners. Quest'ultimo e altri gruppi di private equity ridurranno la loro quota per fare spazio all'asset manager. 

Per BlackRock, si tratta della prima operazione di buyout da quando quattro mesi fa ha lanciato il suo primo fondo di private equity chiamato Long Term Private Capital. Ad aprile aveva comunicato di avere raccolto 2,75 miliardi ma punta ad arrivare a 12 miliardi. 

Authentic Brands fu fondato nel 2010 da Jamie Salter, il Ceo del gruppo che sembra continuerà a possedere una notevole quota. L'azienda è proprietaria del magazine Sport Illustrated e controlla i diritti legati a Marilyn Monroe e Muhammad Ali oltre alla maggioranza delle catene di negozi Nine West e Aeropostale. La società vanta alti margini di profitto e negli ultimi due anni a praticamente raddoppiato utili e ricavi.

André Bourbonnais, a capo di Long Term Private Capital, ha spiegato al Financial Times che "stiamo cercando di fare private equity in modo diverso per affrontare i problemi che gli investitori hanno avuto con il private equity in passato. Saremo l'unico fondo di private equity diretto dentro BlackRock".

Altri Servizi

Media: la Cina pronta a discutere un "accordo parziale" con gli Usa

Per Bloomberg e Ft, Pechino offre l'acquisto di più prodotti agricoli
Ap

La Cina è pronta a discutere "un accordo parziale" con gli Stati Uniti. Secondo Bloomberg, che cita una fonte con conoscenze dirette dei negoziati, Pechino è pronta a un possibile accordo, a condizione che il presidente Donald Trump non imponga più dazi sui prodotti cinesi, nemmeno quelli già programmati per questo mese e per dicembre. Secondo la stessa fonte, Pechino ha intenzione di offrire alcune concessioni, come l'aumento dell'acquisto di prodotti agricoli statunitensi, che però non riguardano il fulcro della contesa tra le due maggiori potenze mondiali. 

a24

Il tiramisù di Tolmezzo sarà l’ospite d’onore all’Eataly di Chicago domani 9 ottobre. Il celebre dolce sarà utilizzato per promuovere l’enogastronomia regionale del Friuli Venezia Giulia. A raccontare la ricetta del celebre dolce e la sua storia sarà Daniele Macuglia, tolmezzino e Visiting Research Fellow presso il Neubauer Collegium for Culture and Society presso l'Università di Chicago. All’evento saranno presenti anche Sergio Emidio Bini, Consigliere per gli Affari Economici della Regione Friuli Venezia Giulia, e Giovanni Da Pozzo, Presidente della Camera di Commercio di Pordenone – Udine e Promos Italia (Agenzia italiana per l'internazionalizzazione). 

Wall Street attende i negoziati Usa-Cina

Le trattative ad alto livello riprenderanno giovedì a Washington
AP

Wall Street, si guarda ai negoziati Usa-Cina

Indizi contrastanti sul possibile esito delle trattative, che ripartono oggi a Washington
AP

Montgomery (Alabama) elegge il suo primo sindaco afroamericano

Si tratta del giudice Steven Reed, 45 anni

Montgomery, capitale dell'Alabama (Stati Uniti), ha eletto il suo primo sindaco afroamericano in 200 anni di storia. Il giudice Steven Reed, 45 anni, ha vinto il ballottaggio contro l'uomo d'affari David Woods con un ampio margine, avendo ottenuto circa il 67% dei voti.

Pentagono invia 3.000 truppe in Arabia Saudita

Nonostante proclami per minore coinvolgimento militare nella zona
AP

Gli Stati Uniti invieranno nuove truppe in Arabia Saudita nonostante i proclami del presidente americano Donald Trump che vorrebbe un minore coinvolgimento militare statunitense in Medio Oriente.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino apre a "un accordo parziale", secondo Bloomberg e Ft
AP

La Cina fa guerra alla Nba: colpa di un tweet su Hong Kong

Il general manager degli Houston Rockets ha espresso sostegno ai manifestanti per la democrazia
Ap

La televisione di Stato CCTV ha deciso di sospendere la trasmissione in Cina delle partite della preseason della Nba. La decisione è frutto di uno scontro iniziato venerd" scorso, quando Daryl Morey, general manager degli Houston Rockets, squadra della Nba molto seguita in Cina, ha scritto un tweet di sostegno per le manifestazioni a favore della democrazia a Hong Kong; il tweet è stato poi cancellato, quando ormai era tardi per evitare l'ira di Pechino.

Caso Ucraina, arrestati due soci di Giuliani per fondi elettorali illegali

Avrebbero violato le leggi contro l'influenza straniera nelle elezioni

Due persone vicine a Rudy Giuliani, l'avvocato personale del presidente Donald Trump, sono state arrestate ieri sera in Virginia, con l'accusa di aver violato le leggi sui finanziamenti delle campagne elettorali. Lo scrive il Washington Post.

Siria, il presidente Trump: "Ora di tornare a casa, basta guerra senza fine"

Gli Usa danno il via libera all'attacco turco contro i curdi. "Ora ci pensi l'Europa" ha aggiunto il capo di Stato Usa

"Gli Stati Uniti dovevano restare in Siria per 30 giorni, questo molti anni fa. Siamo rimasti e siamo andati sempre più a fondo a una battaglia senza obiettivi all'orizzonte. Quando sono arrivato a Washington, l'Isis dilagava incontrollato nell'area. Abbiamo sconfitto rapidamente il 100% del califfato dell'Isis [...] I curdi hanno combattuto con noi, ma sono stati pagati con soldi e armi per farlo. Combattono i turchi da decenni. Mi sono tenuto a distanza da questa battaglia per quasi 3 anni, ma è ora per noi di uscire da queste ridicole guerre senza fine, molte delle quali tribali, e di riportare a casa i nostri soldati". Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per spiegare la decisione di lasciare il Nord della Siria, dove la Turchia ha intenzione di attaccare i curdi.