Bloccata anche la seconda versione del 'muslim ban'. Trump attacca

Lo ha decisio un giudice federale delle Hawaii. Viola la Costituzione praticando di fatto una discriminazione religiosa. Per il presidente è un abuso di potere senza precedenti. Prepara la battaglia per portare il caso alla Corte Suprema

Doveva entrare in vigore quando in Italia erano le cinque del mattino di oggi, 16 marzo, e invece la seconda versione del 'muslim ban' voluta dal presidente americano Donald Trump è stata bloccata a livello nazionale da un giudice federale delle Hawaii. L'idea è che la sospensione per almeno 90 giorni degli ingressi in Usa di cittadini di sei nazioni prevalentemente musulmane (Libia, Iran, Somalia, Sudan, Siria e Yemen) non è altro che una discriminazione religiosa che viola la Costituzione americana. La mossa del giudice Derrick Wats - eletto dal 44esimo presidente Usa Barack Obama - è temporanea ma rappresenta un colpo duro per l'amministrazione Trump. Anche questa volta non è escluso un braccio di ferro tra giudici e presidente.

La reazione di Trump
La reazione di Trump non si è fatta infatti attendere: la decisione del giudice delle Hawaii è secondo lui un "abuso di potere senza precedenti". Per questo il presidente intende portare il caso fino alla Corte Suprema (ma prima deve garantirsi l'elezione del giudice mancante che vuole lui): "Vinceremo, credetemi", ha detto in un comizio a Nashville pensato per intensificare la battaglia per l'abrogazione della "orribile e disatrosa" Obamacare, la riforma sanitaria voluta da Obama nel 2010.

Trump non ha fatto altro che ribadire la linea della sua amministrazione: "Nella Costizione c'è scritto che un presidente - sia uomo o donna, basta che non sia Hillary Clinton - usi il suo potere quando lo ritiene necessario per proteggere il Paese". Per questo, è la tesi, lui può arrivare a decidere di vietare a certi stranieri di entrare nella nazione. "Non credete la decisione del giudice sia stata presa per ragioni politiche? Questa decisione ci fa sembrare deboli, ma non lo siamo più con me. Porteremo il caso alla Corta Suprema e vinceremo. Terremo al sicuro il popolo, credetemi".

Stando al miliardario di New York diventato leader Usa "il modo migliore per tenere lontani i terroristi è impedire loro di attaccare il nostro Paese è smetterla di permettere loro di metterci piede". Per questo ha promesso ai suoi fedeli che "non smetterò di lottare per la vostra sicurezza". Trump ha persino detto: "Torneremo al primo ordine esecutivo, è quello che volevo sin dall'inizio".

La decisione del giudice
L'ordine esecutivo del 6 marzo scorso con cui la Casa Bianca ha detto di volere garantire la sicurezza nazionale è stato bocciato per gli stessi motivi con cui anche la sua prima versione - quella del 27 gennaio - era stata sospesa da un giudice di Seattle (Stato di Washington) dando il via a una battaglia legale arrivata alla Corte d'Appello di San Francisco (che confermò temporaneamente quella decisione). Piuttosto che intensificare lo scontro sui banchi di tribunale, l'amministrazione Trump decise di correggere il tiro e modificare il decreto.

Il nuovo ordine esecutivo aveva rimosso l'Iraq dalla lista dei Paesi presi di mira per timore di un peggioramento delle relazioni con una nazione alleata nella lotta contro l'Isis; aveva deciso di trattare i rifugiati siriani come tutti gli altri (originariamente per loro l'ingresso in Usa era negato a tempo indeterminato e non solo per 120 giorni); precisava che il 'muslim ban' non si applicava alle persone dotate di visto o che sono residenti permanenti negli Stati Uniti. Dal testo, era stato anche eliminato il riferimento a un possibile trattamento speciale previsto per i cristiani.

Il giudice Wats non ha comunque creduto alla linea della Casa Bianca, secondo cui così come è scritto il nuovo ordine esecutivo non rappresenta un test religioso per chi è diretto negli Stati Uniti da buona parte del Medio Oriente. "State dicendo che dobbiamo chiudere gli occhi e fingere di non avere sentito la serie di dichiarazioni fatte in passato?", Wats ha chiesto retoricamente ai legali del governo nel corso di un'audizione avvenuta ieri prima della decisione.

Un nuovo attacco alla magistratura rende particolarmente difficile la conferma della nomina da lui voluta di Neil Gorsuch a giudice della Corte Suprema. L'iter inizierà il 20 marzo prossimo. Di lui ha bisogno per avere una maggioranza conservatrice nel massimo organo giudiziario degli Stati Uniti.

Altri Servizi

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

Elezioni Congresso Usa: Trump festeggia, democratici demoralizzati

Risultati al di sopra delle aspettative per la minoranza, che non è però riuscita a conquistare nemmeno uno dei quattro seggi alla Camera in mano al Gop e in gioco in queste elezioni speciali
Ap

I democratici hanno ottenuto un risultato molto migliore nelle elezioni speciali per il Congresso in questa primavera di quello ipotizzabile dai più ottimisti solo pochi mesi fa. Alla fine, però, hanno perso in tutti e quattro i distretti che erano in mano ai repubblicani e in cui si è votato, compreso l'atteso sesto distretto della Georgia, in un'elezione fortemente in bilico e che sarà ricordata per essere stata la più cara nella storia della Camera statunitense (oltre 50 milioni di dollari), con molti fondi arrivati da altri Stati del Paese.

Come aprire una Corporation: un'introduzione

Focus sul metodo di tassazione e sulle forme societarie statunitensi
Unsplash

Come abbiamo visto nella nostra guida ad aprire una filiale italiana, l’impresa straniera che vuole investire produttivamente negli Stati Uniti e beneficiare al massimo delle opportunità che offre il mercato americano deve muovere una serie di passi ben definiti e avere ben chiare determinate nozioni.

Incontri segreti tra Corea del Nord e Usa per liberare prigionieri e aprire un canale diplomatico

Si sarebbero intensificati con l'elezione di Donald Trump. Poi la notizia delle condizioni del cittadino Usa Otto Warmbier li hanno bloccati
AP

Per più di un anno i diplomatici americani hanno avuto colloqui segreti a Pyongyang e in alcune città europee con negoziatori nucleari della Corea del Nord, nel tentativo di liberare i prigionieri Usa e di stabilire un canale diplomatico per fermare i programmi nucleari e missilistici del Paese.

Wall Street attende i risultati degli stress test

Tra i dati macro, in programma le richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione
AP

I senatori repubblicani svelano il loro 'Trumpcare', molto simile alla versione della Camera

Dovrebbe approdare in Aula la prossima settimana. La sua approvazione non è scontata: già Rand Paul ha detto che non voterà a favore della proposta di legge

I repubblicani del Senato statunitense, che da sete anni promettono di cancellare l'Obamacare, hanno compiuto un passo importante verso il loro obiettivo, presentando una prosa di legge che taglia drasticamente il Medicaid, il programma di assistenza sanitaria per i poveri, e mette fine all'obbligo per gli statunitense di acquistare una polizza assicurativa, introdotto da Barack Obama. Nel complesso, la versione del Senato appare molto simile a quella della Camera, che avrebbe dovuto cambiare da cima a fondo. La proposta di legge approderà in Aula probabilmente la prossima settimana. 

Russiagate, Trump: "Non ho le registrazioni delle conversazioni con Comey"

Il presidente Usa lo ha ammesso su Twitter. L'ex direttore dell'Fbi ha detto che Trump gli chiese "lealtà" e di "lasciar correre", quindi di chiudere, l'inchiesta su Michael Flynn

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ammesso su Twitter di non avere le registrazioni delle conversazioni con l'ex direttore dell'Fbi, James Comey. In giornata, Bloomberg aveva già anticipato la notizia, citando una fonte. "Con tutte le recenti notizie su sorveglianza elettronica, intercettazioni e fughe di notizie illegali, non ho idea se ci siano 'nastri' o registrazioni delle mie conversazioni con James Comey, ma non ho fatto, e non ho, tali registrazioni".

Usa: fallisce il test del missile che dovrebbe 'fermare' la Corea del Nord

Sviluppato con il Giappone; il primo test era stato positivo. Secondo Foreign Policy, Pyongyang potrebbe presto testare un missile capace di colpire New York
Missile Defense Agency

È fallito l'ultimo test del missile intercettore SM-3 Block IIA da parte della Marina degli Stati Uniti. Lo ha reso noto la U.S. Missile Defense Agency, agenzia del dipartimento della Difesa. Il cacciatorpediniere John Paul Jones, dotato del sistema da combattimento Agis Baseline 9.C2, non è riuscito a intercettare un missile balistico a medio raggio lanciato dalla Pacific Missile Range Facility che si trova a Kauai, alle Hawaii.

New York: Italia grande protagonista del Summer Fancy Food Show 2017

Trecento imprese alla fiera dedicata a specialità food e beverage. Verso numero record di visitatori

Conto alla rovescia per la 63esima edizione del Summer Fancy Food Show, la fiera dedicata alle specialità alimentari e alle bevande più grande del Nord America e in programmazione dal 25 al 27 giugno 2017 presso il Jacob Javits Center di New York. Ancora una volta l'Italia sarà protagonista con un suo padiglione dove, alla presenza di 300 imprese, ci si aspetta un nuovo record di presenze. La prima novità di quest'anno sta negli stand, con un design nuovo e moderno pensato per espositori e visitatori che troveranno gli spazi ancora più orientati al business. L'altra novità il lancio della prima edizione dell'Italian Food Awards USA 2017, premio dedicato alle eccellenze italiane che operano negli Usa che fino ad ora si è svolto in Europa; questa edizione del premio è stato istituito dalla rivista Italianfood.net, in collaborazione con Universal Marketing e il sostegno di Specialty Food Association (Sfa) e l'agenzia ICE. Nel corso della cerimonia di premiazione, Marco de Ceglie - Ceo Usa dell’azienda olearia Filippo Berio, che quest'anno celebra i suoi 150 anni di attività - consegnerà il Premio speciale “Welcome to USA‟. "Siamo felici, perché anche quest’anno il famoso talento italiano per l'innovazione e per lo stile sarà in mostra al Summer Fancy Food Show", ha dichiarato Phil Kafarakis, presidente della Specialty Food Association, che in una nota si è detta "molto lieta di presentare Italian Food Awards durante il salone di quest’anno. Sarà la prima volta che il premio sarà presentato in America. L'Italia rappresenta la più grande presenza internazionale nel nostro Show, è il primo evento che riunisce i produttori italiani e buyer americani. L’Italian Food Awards certamente aggiunge novità e innovazione al nostro Salone".

Trump: "Niente welfare agli immigrati per 5 anni". Ma la norma esiste già

Primo comizio in Iowa dall'importante vittoria a novembre. Il presidente Usa ha poi spacciato per sua l'idea del muro con i pannelli solari, presentata da un'azienda