Bloccata anche la seconda versione del 'muslim ban'. Trump attacca

Lo ha decisio un giudice federale delle Hawaii. Viola la Costituzione praticando di fatto una discriminazione religiosa. Per il presidente è un abuso di potere senza precedenti. Prepara la battaglia per portare il caso alla Corte Suprema

Doveva entrare in vigore quando in Italia erano le cinque del mattino di oggi, 16 marzo, e invece la seconda versione del 'muslim ban' voluta dal presidente americano Donald Trump è stata bloccata a livello nazionale da un giudice federale delle Hawaii. L'idea è che la sospensione per almeno 90 giorni degli ingressi in Usa di cittadini di sei nazioni prevalentemente musulmane (Libia, Iran, Somalia, Sudan, Siria e Yemen) non è altro che una discriminazione religiosa che viola la Costituzione americana. La mossa del giudice Derrick Wats - eletto dal 44esimo presidente Usa Barack Obama - è temporanea ma rappresenta un colpo duro per l'amministrazione Trump. Anche questa volta non è escluso un braccio di ferro tra giudici e presidente.

La reazione di Trump
La reazione di Trump non si è fatta infatti attendere: la decisione del giudice delle Hawaii è secondo lui un "abuso di potere senza precedenti". Per questo il presidente intende portare il caso fino alla Corte Suprema (ma prima deve garantirsi l'elezione del giudice mancante che vuole lui): "Vinceremo, credetemi", ha detto in un comizio a Nashville pensato per intensificare la battaglia per l'abrogazione della "orribile e disatrosa" Obamacare, la riforma sanitaria voluta da Obama nel 2010.

Trump non ha fatto altro che ribadire la linea della sua amministrazione: "Nella Costizione c'è scritto che un presidente - sia uomo o donna, basta che non sia Hillary Clinton - usi il suo potere quando lo ritiene necessario per proteggere il Paese". Per questo, è la tesi, lui può arrivare a decidere di vietare a certi stranieri di entrare nella nazione. "Non credete la decisione del giudice sia stata presa per ragioni politiche? Questa decisione ci fa sembrare deboli, ma non lo siamo più con me. Porteremo il caso alla Corta Suprema e vinceremo. Terremo al sicuro il popolo, credetemi".

Stando al miliardario di New York diventato leader Usa "il modo migliore per tenere lontani i terroristi è impedire loro di attaccare il nostro Paese è smetterla di permettere loro di metterci piede". Per questo ha promesso ai suoi fedeli che "non smetterò di lottare per la vostra sicurezza". Trump ha persino detto: "Torneremo al primo ordine esecutivo, è quello che volevo sin dall'inizio".

La decisione del giudice
L'ordine esecutivo del 6 marzo scorso con cui la Casa Bianca ha detto di volere garantire la sicurezza nazionale è stato bocciato per gli stessi motivi con cui anche la sua prima versione - quella del 27 gennaio - era stata sospesa da un giudice di Seattle (Stato di Washington) dando il via a una battaglia legale arrivata alla Corte d'Appello di San Francisco (che confermò temporaneamente quella decisione). Piuttosto che intensificare lo scontro sui banchi di tribunale, l'amministrazione Trump decise di correggere il tiro e modificare il decreto.

Il nuovo ordine esecutivo aveva rimosso l'Iraq dalla lista dei Paesi presi di mira per timore di un peggioramento delle relazioni con una nazione alleata nella lotta contro l'Isis; aveva deciso di trattare i rifugiati siriani come tutti gli altri (originariamente per loro l'ingresso in Usa era negato a tempo indeterminato e non solo per 120 giorni); precisava che il 'muslim ban' non si applicava alle persone dotate di visto o che sono residenti permanenti negli Stati Uniti. Dal testo, era stato anche eliminato il riferimento a un possibile trattamento speciale previsto per i cristiani.

Il giudice Wats non ha comunque creduto alla linea della Casa Bianca, secondo cui così come è scritto il nuovo ordine esecutivo non rappresenta un test religioso per chi è diretto negli Stati Uniti da buona parte del Medio Oriente. "State dicendo che dobbiamo chiudere gli occhi e fingere di non avere sentito la serie di dichiarazioni fatte in passato?", Wats ha chiesto retoricamente ai legali del governo nel corso di un'audizione avvenuta ieri prima della decisione.

Un nuovo attacco alla magistratura rende particolarmente difficile la conferma della nomina da lui voluta di Neil Gorsuch a giudice della Corte Suprema. L'iter inizierà il 20 marzo prossimo. Di lui ha bisogno per avere una maggioranza conservatrice nel massimo organo giudiziario degli Stati Uniti.

Altri Servizi

Accordo nucleare con l'Iran, Trump di nuovo contro Obama

Il presidente americano accusa ancora il suo predecessore via Twitter e ritorna a parlare del Russiagate
AP

Nuovo weekend di cinguettii al vetriolo da parte del presidente americano Donald Trump. Dopo aver attaccato l’Fbi per la strage in Florida e aver corretto il generale McMaster, reo di non essersi espresso bene sul Russiagate il sabato sera, il tycoon ha deciso di tornare a puntare il dito contro l’accordo sul nucleare iraniano firmato da Barack Obama prima e di parlare ancora dell[interferenza russa nelle elezioni americane poi.

Casa Bianca: Trump favorevole a maggiori controlli per l'acquisto di armi

Dopo l'ultima strage in Florida, si moltiplicano gli appelli ad agire per evitare che fatti simili continuino a ripetersi

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha espresso il proprio sostegno per uno sforzo bipartisan per migliorare il sistema nazionale di controlli sui precedenti di chi intende acquistare un'arma, sulla scia dell'ultima sparatoria in una scuola in Florida, che ha provocato 17 morti.

Strage in Florida, Trump attacca l'Fbi su Twitter

Il presidente americano accusa il Bureau investigativo: "Troppo tempo perso a dimostrare la collusione russa con la campagna Trump". Poi risponde anche al generale McMaster

Il presidente americano Donald Trump ha attaccato l’Fbi definendo "molto triste" il fatto che abbia ignorato gli avvertimenti che avrebbero poi portato alla strage di studenti nel liceo della Florida, dove hanno perso la vita 17 persone. Il tycoon ha usato, come è ormai prassi, il suo account Twitter per scagliarsi contro il bureau investigativo: "Sta trascorrendo troppo tempo nel tentativo di dimostrare la collusione russa con la campagna di Trump. Non c'è nessuna collusione. Ricominci daccapo e ci renda tutti orgogliosi".

Immobiliare, esperti e costruttori avvisano: "Crisi in arrivo"

Si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili. Le famiglie con un reddito medio-basso spendono proporzionalmente di più per l'affitto

La costruzione di nuove case negli Stati Uniti procede a spron battuto, ma in questa crescita - secondo alcuni esperti del settore immobiliare sentiti da Cnbc - ci sono criticità che prima o poi porteranno a una "profonda crisi". Il problema principale è che si costruiscono molte case di lusso e pochi alloggi a prezzi accessibili, tendenzialmente i più richiesti.

Wall Street, prosegue il momento positivo

Indici verso la migliore settimana in oltre un anno
iStock

Immigrazione, scontro tra California e amministrazione Trump

Le autorità locali non collaborano nella lotta contro gli irregolari, Washington lancia un'operazione nell'area di Los Angeles: 212 immigrati arrestati
Immigration and Customs Enforcement

Mentre in Senato stanno fallendo tutti i tentativi di arrivare a un accordo che tuteli i Dreamers, gli immigrati senza documenti arrivati da bambini e protetti dal Daca, il programma voluto da Barack Obama e cancellato da Donald Trump, i federali portano avanti le loro operazioni contro l'immigrazione irregolare in California, dove è ormai evidente lo scontro tra Washington e le autorità locali.

Negli Stati Uniti, si festeggia il giorno dei presidenti

Ogni terzo lunedì di febbraio, il Paese celebra i suoi leader. In origine, era solo una festa per commemorare Washington, il primo presidente

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, lo trascorrerà a West Palm Beach, dove è arrivato venerdì, e giocherà a golf; in serata, farà ritorno alla Casa Bianca. Su Twitter, in mattinata, ha augurato "un grande, ma riflessivo, Presidents' Day!". 

SpaceX rimanda il lancio di Falcon9

Partirà mercoledì dalla base di Vanderberg e darà il via all'esperimento con cui Musk spera di portare la connessione a banda larga in tutto il mondo
AP

SpaceX ha deciso di rimandare il lancio del suo prossimo razzo Falcon 9, inizialmente previsto per oggi, a mercoledì 21 febbraio così da consentire un ultimo controllo del nuovo cono del muso del razzo.

Gli studenti americani scendono in piazza contro le armi

La strage nel liceo di Parkland in Florida ha rimesso al centro del dibattito la legge sulle armi

Gli studenti americani stanno pianificando nuovi scioperi e nuove proteste all’indomani della strage alla Marjory Stoneman Douglas High School di Parkland, in Florida, in cui hanno perso la vita 17 persone. A riportarlo sono diversi media americani che sottolineano come l’eccidio compiuto da Nikolas Cruz ha portato nuovamente al centro del dibattito la legge sul controllo delle armi.

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.