Bloccata anche la seconda versione del 'muslim ban'. Trump attacca

Lo ha decisio un giudice federale delle Hawaii. Viola la Costituzione praticando di fatto una discriminazione religiosa. Per il presidente è un abuso di potere senza precedenti. Prepara la battaglia per portare il caso alla Corte Suprema

Doveva entrare in vigore quando in Italia erano le cinque del mattino di oggi, 16 marzo, e invece la seconda versione del 'muslim ban' voluta dal presidente americano Donald Trump è stata bloccata a livello nazionale da un giudice federale delle Hawaii. L'idea è che la sospensione per almeno 90 giorni degli ingressi in Usa di cittadini di sei nazioni prevalentemente musulmane (Libia, Iran, Somalia, Sudan, Siria e Yemen) non è altro che una discriminazione religiosa che viola la Costituzione americana. La mossa del giudice Derrick Wats - eletto dal 44esimo presidente Usa Barack Obama - è temporanea ma rappresenta un colpo duro per l'amministrazione Trump. Anche questa volta non è escluso un braccio di ferro tra giudici e presidente.

La reazione di Trump
La reazione di Trump non si è fatta infatti attendere: la decisione del giudice delle Hawaii è secondo lui un "abuso di potere senza precedenti". Per questo il presidente intende portare il caso fino alla Corte Suprema (ma prima deve garantirsi l'elezione del giudice mancante che vuole lui): "Vinceremo, credetemi", ha detto in un comizio a Nashville pensato per intensificare la battaglia per l'abrogazione della "orribile e disatrosa" Obamacare, la riforma sanitaria voluta da Obama nel 2010.

Trump non ha fatto altro che ribadire la linea della sua amministrazione: "Nella Costizione c'è scritto che un presidente - sia uomo o donna, basta che non sia Hillary Clinton - usi il suo potere quando lo ritiene necessario per proteggere il Paese". Per questo, è la tesi, lui può arrivare a decidere di vietare a certi stranieri di entrare nella nazione. "Non credete la decisione del giudice sia stata presa per ragioni politiche? Questa decisione ci fa sembrare deboli, ma non lo siamo più con me. Porteremo il caso alla Corta Suprema e vinceremo. Terremo al sicuro il popolo, credetemi".

Stando al miliardario di New York diventato leader Usa "il modo migliore per tenere lontani i terroristi è impedire loro di attaccare il nostro Paese è smetterla di permettere loro di metterci piede". Per questo ha promesso ai suoi fedeli che "non smetterò di lottare per la vostra sicurezza". Trump ha persino detto: "Torneremo al primo ordine esecutivo, è quello che volevo sin dall'inizio".

La decisione del giudice
L'ordine esecutivo del 6 marzo scorso con cui la Casa Bianca ha detto di volere garantire la sicurezza nazionale è stato bocciato per gli stessi motivi con cui anche la sua prima versione - quella del 27 gennaio - era stata sospesa da un giudice di Seattle (Stato di Washington) dando il via a una battaglia legale arrivata alla Corte d'Appello di San Francisco (che confermò temporaneamente quella decisione). Piuttosto che intensificare lo scontro sui banchi di tribunale, l'amministrazione Trump decise di correggere il tiro e modificare il decreto.

Il nuovo ordine esecutivo aveva rimosso l'Iraq dalla lista dei Paesi presi di mira per timore di un peggioramento delle relazioni con una nazione alleata nella lotta contro l'Isis; aveva deciso di trattare i rifugiati siriani come tutti gli altri (originariamente per loro l'ingresso in Usa era negato a tempo indeterminato e non solo per 120 giorni); precisava che il 'muslim ban' non si applicava alle persone dotate di visto o che sono residenti permanenti negli Stati Uniti. Dal testo, era stato anche eliminato il riferimento a un possibile trattamento speciale previsto per i cristiani.

Il giudice Wats non ha comunque creduto alla linea della Casa Bianca, secondo cui così come è scritto il nuovo ordine esecutivo non rappresenta un test religioso per chi è diretto negli Stati Uniti da buona parte del Medio Oriente. "State dicendo che dobbiamo chiudere gli occhi e fingere di non avere sentito la serie di dichiarazioni fatte in passato?", Wats ha chiesto retoricamente ai legali del governo nel corso di un'audizione avvenuta ieri prima della decisione.

Un nuovo attacco alla magistratura rende particolarmente difficile la conferma della nomina da lui voluta di Neil Gorsuch a giudice della Corte Suprema. L'iter inizierà il 20 marzo prossimo. Di lui ha bisogno per avere una maggioranza conservatrice nel massimo organo giudiziario degli Stati Uniti.

Altri Servizi

Wall Street, si allentano le tensioni sulla Corea del Nord

Oggi al via la settimana dell'apertura dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite
AP

Gli elettori di Trump: "Dica all'Onu che l'America viene prima"

I sostenitori del presidente vogliono che mantenga le promesse fatte in campagna elettorale e che riduca gli interventi all'estero. "Basta essere i poliziotti del mondo, pensiamo a noi".

Vogliono che cancelli l'accordo dell'era Obama sul nucleare iraniano, che riporti a casa i militari statunitensi, che smetta di spendere soldi per aiutare gli altri Paesi. In altre parole, i sostenitori di Donald Trump vogliono sentirgli dire, ai leader mondiali riuniti a New York per l'apertura dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, che "l'America viene prima", come ripeteva lo slogan dell'attuale presidente degli Stati Uniti in campagna elettorale.

Si apre l'assemblea generale dell'Onu: ecco i temi più importanti

Corea del Nord, Myanmar, Iran, ma anche clima e ovviamente il debutto di Donald Trump

Questa settimana i leader mondiali si incontrano a New York per l'apertura della settantaduesima assemblea generale della Nazioni Unite. Il dibattito inizierà marted", con l'intervento del presidente americano Donald Trump (il grande atteso di quest'anno) che arriverà per quarto, dopo quelli del segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, del presidente dell'assemblea, Miroslav Lajcak, e del presidente brasiliano, Michel Temer. Di seguito una lista dei principali temi che saranno al centro delle discussioni di quest'anno.

Il gran finale di Cassini, dopo 13 anni si schianta su Saturno

Lanciato nel 1997, il progetto della Nasa in collaborazione con l'Esa e l'Italia ci ha fatto capire come funziona il sistema di Saturno e studiare la luna Encelado su cui ci potrebbero essere le condizioni per la vita
AP

Dopo averci raccontato Saturno e le sue lune per 13 anni, facendoci scoprire che Encelado potrebbe sostenere la vita, Cassini ha finito il suo viaggio. Oggi alle 12.30, ora italiana, la sonda si è schiantata sul pianeta entrando nell'atmosfera a una velocità di 120.000 chilometri all'ora. L'intero processo è durato pochi minuti: Cassini ha preso fuoco dopo essere entrato in contatto con l'atmosfera di Saturno e poi è sparito all'interno delle nubi presenti sul pianeta. L'ultimo segnale è arrivato in una stazione australiana alle 13.55, sempre facendo riferimento all'ora italiana, visto che le comunicazioni hanno un ritardo di un'ora e mezza, data la distanza di almeno 1,3 miliardi di chilometri.

Oracle: conti sopra le stime grazie al cloud ma l'outlook delude

Il Ceo Mark Hurd: cresciamo più rapidamente di Salesforce. Prima un record poi -4,5% nel dopo-mercato
AP

Il titolo Oracle ha raggiunto ieri nuovi record nel dopo mercato a Wall Street sulla scia di conti superiori alle stime. Ma poi ha perso quota a causa di guidance deludenti fornite durante una call.

Le promesse di Trump si scontrano con la realtà

Il presidente alle prese con le difficoltà di essere alla Casa Bianca. La sconfitta più netta è quella sull'Obamacare

Ogni presidente ha fatto promesse che non poteva rispettare, ma sono pochi quelli che le hanno fatte con la stessa spontaneità (e superficialità) di Donald Trump. Quello che il 45esimo capo di Stato sta velocemente imparando è che guidare la Casa Bianca non è come condurre un'azienda e alcune delle 'sparate' in campagna elettorale non possono reggere alla realtà di Washington. Axios ha controllato a che punto sono alcune di queste promesse.

Mercoledì è il giorno del Fed. Ma non è atteso un rialzo dei tassi

L'attenzione è tutta dedicata all'inflazione e al taglio del budget da 4.500 miliardi di dollari

Questa settimana, oltre all'apertura della settantaduesima assemblea generale dell'Onu, ci sarà l'incontro dei governatori della Federal Reserve. Mercoledì non è atteso alcun rialzo dei tassi, visto che la banca centrale americana vuole procedere con il terzo e ultimo taglio più avanti, entro la fine del 2017. Gli investitori guarderanno soprattutto a come la Fed parlerà di inflazione e all'inizio del programma di taglio del budget che negli ultimi anni ha raggiunto 4.500 miliardi di dollari.

Apple: il Senato Usa vuole spiegazioni su sicurezza Face ID nell'iPhone X

Il gruppo chiamato a rispondere a una serie di domande entro il 13 ottobre. Promette, per esempio, di non cedere i dati biometrici a scopi commerciali? E come ha catturato un miliardo di facce per lo sviluppo della funzione?
Apple

Il presidente della sottocommissione Giudiziaria del Senato dedicata a privacy e tecnologia ha scritto una lettera al Ceo di Apple chiedendo informazioni su Face ID, la funzione di riconoscimento facciale inclusa nel nuovo iPhone X da mille dollari.

Russiagate, proposto a Trump un accordo con Assange?

L'ipotesi sostenuta dal Wall Street Journal. Il piano sarebbe stato presentato da un deputato repubblicano al capo di gabinetto della Casa Bianca
Ap

Il perdono per Julian Assange in cambio di un aiuto a Donald Trump sul cosiddetto Russiagate. Sarebbe questa, in sostanza, la proposta presentata dal deputato repubblicano Dana Rohrabacher alla Casa Bianca, in una telefonata con il capo di gabinetto, John Kelly. Il deputato avrebbe proposto un "accordo" - parola pronunciata durante la conversazione - che prevederebbe, da parte di Assange, la consegna delle prove sull'estraneità della Russia nella diffusione delle e-mail di esponenti del partito democratico, pubblicate da WikiLeaks durante la campagna elettorale, che danneggiò la candidatura di Hillary Clinton. A scriverlo è il Wall Street Journal, che cita una fonte vicina alla presidenza. Importante anche ricordare che, in passato, il quotidiano ha pubblicato editoriali a favore di una extraordinary rendition, un'azione illegale e segreta per catturare Assange e portarlo negli Stati Uniti.

La Nba entra nell'era digitale: un chip nelle divise in vendita per connettere i fan alle squadre

Una rivoluzione nella fruizione della pallacanestro, che sposta anche i confini della privacy: la Nike otterrà una mole di informazioni sui clienti senza precedenti

Le immagini prepartita, la playlist del campione preferito, le azioni salienti al termine dell'incontro. Tutto grazie alle nuove divise delle squadre della Nba, da quest'anno prodotte da Nike, che ha preso il posto di Adidas (con un contratto di otto anni).