Blue Origin: Bezos presenta New Glenn, il razzo che ci porterà nello spazio

Entro la fine del decennio. NASA riapre sogno di andare su Marte
Blue Origin

Era il 1972 quando Elton John scriveva uno dei suoi brani più famosi. Rocket Man racconta la storia di un astronauta che parte per una missione spaziale, una canzone che ha fatto sognare i bambini - ma anche gli adulti - di tutto il mondo. Rimasto per decenni accessibile solo agli uomini della NASA - e ai russi della RKA -, lo spazio presto potrebbe diventare una meta per tutti. Lo ha detto il numero uno di Blue Origin, Jeff Bezos, spiegando che New Glenn, il nuovo razzo presentato oggi, sarà in orbita entro la fine del decennio. Il missile, realizzato in due versioni e riutilizzabile dopo ogni viaggio, sarà in grado di trasportare uomini e satelliti nello spazio, sulla Luna e in futuro anche su Marte, contenendo i costi. "La nostra idea è che milioni di persone lavoreranno e vivranno nello spazio, e New Glenn rappresenta un passo molto importante", ha detto Bezos.

Sin dalle prime missioni, alla fine degli anni Cinquanta, la possibilità di esplorare il cosmo si era imposta come un’opportunità a portata di mano. Finita l’epoca d’oro della corsa allo spazio e la Guerra fredda, le missioni sono diminuite sempre più e il turismo spaziale - di fatto accessibile solo ai ricchi - ha portato in orbita solo sette uomini dal 2001. Il prezzo del biglietto? Decine di milioni di dollari. Un costo che, stando a quanto detto in questi giorni da Blue Origin, sarà destinato a diminuire molto presto. L’azienda di Jeff Bezos, già fondatore di Amazon e proprietario del Washington Post, ha infatti definito New Glenn come il razzo che “implementerà la vita nello spazio e migliorerà quella sulla Terra”. Realizzato in due versioni differenti - la più grande misurerà 95 metri di altezza per 7 di diametro - il missile si chiama così in onore di John Glenn, il primo americano ad andare in orbita attorno alla Terra.

New Glenn sarà in grado di atterrare dopo ogni viaggio e potrà essere riutilizzato per una nuova missione. Una tecnologia altamente rivoluzionaria, che permetterà di contenere i costi: immaginate quanto bisognerebbe pagare un biglietto Londra-New York se l’aereo fosse ogni volta distrutto e ricostruito. Blue Origin, che insieme a SpaceX di Elon Musk è una delle poche società private a fornire servizi di trasporto spaziale, aveva già scommesso su questo settore col razzo New Shepard, lanciato dal Texas lo scorso novembre e capace di portare i suoi passeggeri a un’altitudine di 100 chilometri. Il “Very Big Brother” - così Bezos chiamava New Glenn prima di presentarlo al pubblico - sarà grande come Saturn V, il “nonno” usato dalla NASA dal 1966 al 1973. Le dimensioni del velivolo sarebbero tali da ospitare un maggior numero di viaggiatori, cosa che aiuterebbe a contenere il prezzo del biglietto. I fortunati che saranno a bordo potranno fare brevi viaggi nello spazio e sperimentare per qualche minuto l’assenza di gravità.

“Questo esperimento è utile anche per chi vive sulla Terra - spiega al New York Times Charles Miller, presidente della società NexGen Space LLC ed ex dipendente NASA -. I satelliti, lanciati più facilmente grazie a questi nuovi razzi, sarebbero in grado di fornire una connessione a internet globale, migliorare le previsioni meteo e monitorare più facilmente le fonti di carbonio e l’energia solare”. Ma tra i clienti di Blue Origin non ci sarebbero solo aziende tech e privati. La NASA, infatti, potrebbe “approfittare” dei viaggi per realizzare il suo progetto più ambizioso: portare l'uomo su Marte.

Blue Origin
Altri Servizi

Le promesse di Trump si scontrano con la realtà

Il presidente alle prese con le difficoltà di essere alla Casa Bianca. La sconfitta più netta è quella sull'Obamacare

Ogni presidente ha fatto promesse che non poteva rispettare, ma sono pochi quelli che le hanno fatte con la stessa spontaneità (e superficialità) di Donald Trump. Quello che il 45esimo capo di Stato sta velocemente imparando è che guidare la Casa Bianca non è come condurre un'azienda e alcune delle 'sparate' in campagna elettorale non possono reggere alla realtà di Washington. Axios ha controllato a che punto sono alcune di queste promesse.

Russiagate, proposto a Trump un accordo con Assange?

L'ipotesi sostenuta dal Wall Street Journal. Il piano sarebbe stato presentato da un deputato repubblicano al capo di gabinetto della Casa Bianca
Ap

Il perdono per Julian Assange in cambio di un aiuto a Donald Trump sul cosiddetto Russiagate. Sarebbe questa, in sostanza, la proposta presentata dal deputato repubblicano Dana Rohrabacher alla Casa Bianca, in una telefonata con il capo di gabinetto, John Kelly. Il deputato avrebbe proposto un "accordo" - parola pronunciata durante la conversazione - che prevederebbe, da parte di Assange, la consegna delle prove sull'estraneità della Russia nella diffusione delle e-mail di esponenti del partito democratico, pubblicate da WikiLeaks durante la campagna elettorale, che danneggiò la candidatura di Hillary Clinton. A scriverlo è il Wall Street Journal, che cita una fonte vicina alla presidenza. Importante anche ricordare che, in passato, il quotidiano ha pubblicato editoriali a favore di una extraordinary rendition, un'azione illegale e segreta per catturare Assange e portarlo negli Stati Uniti.

Wall Street, occhi puntati sul Fomc

Inizia la riunione del Federal Open Market Committee della Federal Reserve, che si concluderà domani
AP

Mercoledì è il giorno del Fed. Ma non è atteso un rialzo dei tassi

L'attenzione è tutta dedicata all'inflazione e al taglio del budget da 4.500 miliardi di dollari

Questa settimana, oltre all'apertura della settantaduesima assemblea generale dell'Onu, ci sarà l'incontro dei governatori della Federal Reserve. Mercoledì non è atteso alcun rialzo dei tassi, visto che la banca centrale americana vuole procedere con il terzo e ultimo taglio più avanti, entro la fine del 2017. Gli investitori guarderanno soprattutto a come la Fed parlerà di inflazione e all'inizio del programma di taglio del budget che negli ultimi anni ha raggiunto 4.500 miliardi di dollari.

Gli elettori di Trump: "Dica all'Onu che l'America viene prima"

I sostenitori del presidente vogliono che mantenga le promesse fatte in campagna elettorale e che riduca gli interventi all'estero. "Basta essere i poliziotti del mondo, pensiamo a noi".

Vogliono che cancelli l'accordo dell'era Obama sul nucleare iraniano, che riporti a casa i militari statunitensi, che smetta di spendere soldi per aiutare gli altri Paesi. In altre parole, i sostenitori di Donald Trump vogliono sentirgli dire, ai leader mondiali riuniti a New York per l'apertura dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, che "l'America viene prima", come ripeteva lo slogan dell'attuale presidente degli Stati Uniti in campagna elettorale.

Si apre l'assemblea generale dell'Onu: ecco i temi più importanti

Corea del Nord, Myanmar, Iran, ma anche clima e ovviamente il debutto di Donald Trump

Questa settimana i leader mondiali si incontrano a New York per l'apertura della settantaduesima assemblea generale della Nazioni Unite. Il dibattito inizierà martedì, con l'intervento del presidente americano Donald Trump (il grande atteso di quest'anno) che arriverà per quarto, dopo quelli del segretario generale dell'Onu, Antonio Guterres, del presidente dell'assemblea, Miroslav Lajcak, e del presidente brasiliano, Michel Temer. Di seguito una lista dei principali temi che saranno al centro delle discussioni di quest'anno.

I leader mondiali alle Nazioni Unite per l'apertura dell'assemblea. Occhi puntati su Trump

Ci si chiede come si comporterà il presidente americano. Il discorso di Trump è atteso martedì mattina e dovrebbe essere incentrato sulla Corea del Nord e sulla riforma dell'Onu. E pare che gli Usa riapriranno sull'accordo di Parigi
AP

Quest'anno l'apertura della assemblea generale dell'Onu, che questo martedì a New York darà il via alla sua settantaduesima sessione, non sarà solo il momento per ritornare a parlare delle crisi mondiali, della Corea del Nord, del terrorismo e dei cambiamenti climatici. Infatti, uno dei dubbi che preoccupano i vertici delle Nazioni Unite, e allo stesso tempo i leader mondiali, è quale sarà il comportamento di Donald Trump. Storicamente il presidente americano è colui che fa gli onori di casa, parlando davanti all'assemblea subito dopo il segretario generale delle Nazioni Unite.

Alfano dall'Onu: il generale Haftar abbia un ruolo nel futuro della Libia

Confermata la visita a Roma del generale. Il ministro degli Esteri: serve riconoscimento delle istituzioni. Italia non chiuderà occhi su quanto succede nei centri di migranti nella nazione nordafricana. Pressing per ritorno di UNHCR e Oim
Farnesina

Puntare su una Libia unita, cosa che richiede anche il coinvolgimento del generale Khalifa Haftar. Promuovere la presenza nella nazione delle organizzazioni internazionali e magari di ONG italiane per garantire il rispetto dei diritti umani in loco. Perché il nostro Paese non chiuderà gli occhi sui diritti umani riguardo i centri in cui vengono trattenuti i migranti in Libia. E' questa la linea italiana presentata da Angelino Alfano, che ha confermato la visita a Roma di Haftar, rappresentante del governo di Tobruk ossia quello non riconosciuto dall'Onu come lo è invece quello di Fayez al-Sarraj.

Trump: nessun accordo sui Dreamers, il muro "verrà dopo"

Il presidente statunitense lavora a un'intesa con i democratici per proteggere i quasi 800.000 giovani immigrati arrivati illegalmente da bambini
iStock

"Il muro verrà dopo". Con questa frase, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha ammesso che l'accordo su cui sta lavorando con i democratici per trovare una soluzione per i Dreamers non prevede la costruzione del muro con il Messico. Parlando pochi istanti prima della partenza per la Florida, dove visiterà i luoghi colpiti dal passaggio dell'uragano Irma, Trump ha detto che "il muro sarà costruito, ma sarà finanziato un pochino più avanti".

Gli Stati Uniti potrebbero chiudere la loro ambasciata a Cuba

Lo ha detto il segretario di Stato Usa, Rex Tillerson. L'annuncio dopo i casi di perdita dell'udito da parte di alcuni diplomatici americani all'Avana

Il segretario di Stato americano, Rex Tillerson, ha detto che gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di chiudere la loro ambasciata a Cuba. Un cambiamento di prospettive importante dopo la storica apertura voluta da Barack Obama nel 2015, che è anche una risposta diretta a un giallo che resta senza spiegazioni e su cui Washington ha aperto una indagine: 21 funzionari Usa impiegati all'Avana hanno avuto seri problemi di salute a causa di un misterioso dispositivo che avrebbe creato - in alcuni casi - danni irreversibili al loro udito.