Borders non regge la concorrenza di e-book e Internet

La catena che ha rivoluzionato il modo di compare libri in amministrazione controllata
Ha cambiato radicalmente il modo in cui gli americani compravano libri, ma non è riuscita a tenere il passo con la rivoluzione digitale. Con l'imminente richiesta di amministrazione controllata, si scrive uno dei capitoli più tristi della storia di Borders Group, iniziata nel 1971 quando due fratelli, Tom e Louis Borders, aprirono un piccolo negozio di libri usati ad Ann Arbor. La favola del brutto anatroccolo diventato cigno (nel giro di un ventennio i fratelli Borders erano passati dal negozietto alla prima maxicatena americana di librerie) questa volta non ha un lieto fine: la società ha deciso di non rifinanziare il proprio debito e, con il Chapter 11, chiuderà centinaia di punti vendita (almeno un terzo degli attuali 674) e licenzierà migliaia dei suoi 19.500 dipendenti.

Eppure negli anni Novanta Borders aveva stravolto il rapporto tra libraio e cliente, introducendo l'idea che nello stesso posto si potessero trovare migliaia di titoli dei generi più disparati, le librerie fossero collegate tra loro e ovunque negli Stati Uniti si potesse avere lo stesso servizio del negozio del proprio quartiere. Ovunque negli Stati Uniti ci si sentiva a casa. Una rivoluzione copernicana, che però non ha resistito all'avvento di Internet, degli e-reader digitali, della tecnologizzazione di massa. Qualcuno dice che l'errore più grande è stato trasferire la gestione delle operazioni Internet su Amazon.com, il maggiore sito mondiale di acquisti online, accompagnato dallo scarso successo di alcuni progetti di espansione all'estero.

Borders, con l'amministrazione controllata, cercherà di evitare la liquidazione, ma per il momento è difficile cercare di indovinare il futuro della società (le passività potrebbero superare il miliardo di dollari). Nell'immediato, la catena di librerie dovrebbe ricorrere a un cosiddetto finanziamento “debtor in possession” (ha solitamente interessi alti e consente a una società in amministrazione controllata di rimanere proprietaria delle attività). Fondi per 450 milioni di dollari potrebbero arrivare da Bank of America e dalla divisione finanziaria di General Electric.

A pagare il prezzo più alto nell'amministrazione controllata saranno gli azionisti, compresi i finanzieri Bennett LeBow, amministratore delegato di Borders Group, e la Pershing Square Capital Management William Ackman i cui investimenti (rispettivamente 25 e 125 milioni di dollari) potrebbero andare completamente perduti (avevano una quota superiore al 30% alla fine dell'anno scorso).
Altri Servizi

Trump ordinò a Cohen di mentire al Congresso sugli affari in Russia

Lo scrive BuzzFeed, citando due fonti investigative
AP

Il presidente statunitense, Donald Trump, avrebbe ordinato a Michael Cohen, all'epoca il suo avvocato personale, di mentire al Congresso sui negoziati per la costruzione di una Trump Tower a Mosca, secondo due fonti investigative citate dal sito BuzzFeed. Inoltre, Trump avrebbe appoggiato il piano, ideato da Cohen, di andare in Russia durante la campagna per le presidenziali e di incontrare il presidente russo Vladimir Putin per imprimere un'accelerazione alla trattativa. Secondo le fonti, mentre Trump diceva in pubblico, durante la campagna elettorale, di non fare affari con la Russia, lui e i figli Ivanka e Donald Jr. ricevevano aggiornamenti dettagliati sul progetto immobiliare moscovita, portato avanti da Cohen. 

Wall Street, preoccupa la crescita mondiale

Gli allarmi dell'Fmi pesano sull'inizio di settimana, dopo la chiusura di ieri per il Martin Luther King Day
iStock

Nordcorea, un rapporto Usa svela una base missilistica segreta

Potrebbe diventare un ostacolo per il nuovo vertice tra Trump e Kim che dovrebbe tenersi alla fine di febbraio
AP

Una nuova rivelazione rischia di diventare un pesante ostacolo per il nuovo vertice tra il leader nordcoreano, Kim Jong Un, e il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che dovrebbe tenersi alla fine di febbraio. Un rapporto stilato da Beyond Parallel, un progetto del Centro per gli studi strategici internazionali (Csis) di Washington, ha rivelato l'esistenza di una base segreta della Corea del Nord per i missilisti strategici.

Fmi d'accordo con Bankitalia, nel 2019 l'economia italiana frenerà

L'istituto di Washington come quello di Roma ha tagliato dello 0,4% a un +0,6% le attese sul Pil contro il +1% previsto da Lega-M5S. Il nostro Paese resta fanalino di coda nell'Eurozona
AP

Il Fondo monetario internazionale ha tagliato le stime di crescita dell'economia italiana per l'anno in corso allontanandole dal +1% previsto dal governo Lega-M5S.

Wall Street: Morgan Stanley delude, il petrolio scivola

Stasera a mercati Usa chiusu i conti di American Express e Netflix
iStock

Giuliani: "Trump e Cohen parlarono del grattacielo a Mosca fino alle elezioni"

Rivelazione dell'avvocato del presidente, che inoltre ha affermato che "è possibile" e "perfettamente normale" che i due abbiano parlato prima della testimonianza in Congresso dell'avvocato
AP

"È possibile" e sarebbe da considerare "perfettamente normale" che il presidente statunitense, Donald Trump, abbia parlato con Michael Cohen, all'epoca suo legale personale, prima della sua testimonianza in Congresso. Lo ha dichiarato Rudy Giuliani, avvocato del presidente, in un'intervista alla Cnn, specificando di non sapere se tale conversazione si sia mai tenuta.

Incentivi fiscali per gli investimenti produttivi in New Jersey

Lo stato vicino a quello di New York, interessante per le start up. E' possibile ottenere un credito d'imposta per attività come sperimentazione scientifica o ingegneristica
General Electric

Il New Jersey è tra gli stati che offrono crediti d'imposta per gli investimenti per la ricerca e lo sviluppo che vanno a integrare il programma federale di incentivi per gli investimenti produttivi. In questo articolo scopriamo le opportunità e gli incentivi in New Jersey.

Gli Usa celebrano Martin Luther King (e Pence lo paragona a Trump)

Oggi è il giorno festivo dedicato al leader della lotta per i diritti civili, premio Nobel per la Pace, ucciso nel 1968

Nel 1965, le marce da Selma a Montgomery, in Alabama, furono un momento fondamentale della rivolta per i diritti civili negli Stati Uniti; diritti per cui, secondo associazioni e comunità afroamericane, è ancora necessario combattere. Per questo, ancora oggi è fondamentale celebrare Martin Luther King, il leader della lotta per l'uguaglianza razziale, premiato nel 1964, a soli 35 anni, con il Nobel per la Pace, e ucciso il 4 aprile 1968 a Memphis con un colpo di fucile alla testa.

Trump propone di proteggere i Dreamers in cambio del muro

Il presidente, per avere i 5,7 miliardi di dollari che vuole per costruire nuove barriere al confine meridionale, è pronto a estendere la protezione per i migranti irregolari arrivati (molti anni fa) da bambini
ap

Un compromesso sull'immigrazione che include i 5,7 miliardi di dollari per la costruzione di nuove barriere al confine con il Messico in cambio del Bridge Act, una legge che estenderebbe per tre anni la protezione per oltre 700.000 'Dreamers', i migranti irregolari arrivati negli Stati Uniti (molti anni fa) da bambini. È questa la proposta che il presidente statunitense, Donald Trump, ha presentato durante il suo breve discorso dalla Diplomatic Reception Room, tenutosi poco dopo le 16 (le 22 in Italia), un'ora dopo l'orario annunciato su Twitter dallo stesso capo di Stato, venerdì sera.

Le donne tornano in piazza per la Women's March, ma il movimento ha perso l'iniziale slancio contro Trump

Le accuse di antisemitismo rivolte ai vertici hanno fiaccato e diviso il movimento, che ha perso anche il sostegno del partito democratico

Donne provenienti da tutto il Paese sono tornate in piazza, a Washington, per la terza Women's March, un'iniziativa nata sull'onda dell'arrivo alla Casa Bianca di Donald Trump, ma che quest'anno è stata afflitta da accuse di antisemitismo e di finanziamenti segreti e dalle divisioni su chi debba guidare e definire l'evento.