Brandi Chastain, l'icona del calcio Usa che donerà il cervello alla ricerca

Per gli studi sulla Cte, una malattia neurodegenerativa comune tra gli atleti. La calciatrice famosa per il rigore decisivo nella finale mondiale del 1999
Brandi Chastain esulta dopo il rigore decisivo nella finale mondiale del 1999 Ap

Brandi Chastain, una delle giocatrici di calcio più famose nella storia statunitense, ha annunciato che, alla sua morte, il suo cervello sarà donato alla Concussion Legacy Foundation, per essere studiato dal programma della Boston University che si occupa di encefalopatia traumatica cronica (Cte), una malattia neurodegenerativa comune tra gli atleti di alcuni sport, provocata da colpi violenti ricevuti alla testa, diagnosticata solo dopo la morte.

"Prima di tutto, non ne avrò bisogno alla fine della mia vita" ha detto in un'intervista telefonica a Usa Today. "Poi, spero che guardare il cervello di una come me, che ha giocato a calcio per la maggior parte della sua vita, possa aiutare dottori e scienziati ad affermare che, prima dei 14 anni, non è una buona idea colpire il pallone con la testa". Chastain, ora, allena squadre giovanili ed è una sostenitrice della Safer Soccer Initiative, che sostiene la necessità di impedire che i minori di 14 anni colpiscano il pallone con la testa.

Milioni di sportivi ricordano Chastain per la sua esultanza dopo il rigore decisivo calciato nella finale dei Mondiali del 1999, quando si tolse la maglia: un'immagine che finì anche sulla copertina di Newsweek, Time e Sports Illustrated. Chastain, che ha 47 anni, ha detto di aver subito due traumi quando giocava al college, ma di non aver avuto effetti collaterali e di essere subito tornata in campo, e di non aver mai evitato di colpire il pallone di testa, nei 40 anni passati a giocare. "Non ho mai ricevuto una diagnosi ufficiale di commozione cerebrale nella mia carriera - ha detto - ma quando diventi più grande, certe volte ti capita di pensare: 'Sto perdendo la memoria? Potrebbe essere l'inizio di qualcosa?'". "È importante proteggere la prossima generazione e quelle dopo. Ora siamo molto distanti da dove eravamo quando ero una bambina in termini di ingenuità su questi temi".

Sono poche le donne che hanno deciso di donare il proprio cervello alla ricerca. Dei 307 cervelli ricevuti dalla 'banca del cervello' della Boston University School of Medicine e del dipartimento degli Affari per i veterani, solo sette appartenevano a donne e in nessun caso è stata diagnosticata la Cte. Oltre a Chastain, hanno deciso di donare il proprio cervello anche Cindy Parlow Cone, sua ex compagna di squadra nella nazionale statunitense di calcio, e l'ex nuotatrice olimpionica Jenny Thompson. Ann McKee, direttrice del programma sulla Cte della Boston University, ha detto che è importante poter studiare anche il cervello delle donne. "Attualmente sappiamo poco sulla differenza tra uomo e donna nella risposta ai traumi - ha detto - e per questo il suo impegno è un importante passo avanti per migliorare le nostre conoscenze".

Il problema della Cte è particolarmente sentito tra i giocatori di football americano. I cervelli di Ken Stabler, Dave Duerson e Andre Waters, tra gli altri, sono stati esaminati dalla Boston University, che nei loro casi ha diagnosticato la Cte.

Altri Servizi

Trump, nuova strategia in Afghanistan per battere i terroristi

L'annuncio sarà dato in diretta tv. Il Pentagono ha già ricevuto l'approvazione per l'invio di altri 3.900 soldati

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha preso una decisione sulla nuova strategia da adottare in Afghanistan e la presenterà questa sera (alle 21, le 3 di domattina mattina in Italia) in un discorso in diretta televisiva dalla base militare di Fort Myer, a sud-ovest di Washington. Il nuovo piano, probabilmente, darà il via libera all'invio di migliaia di altri soldati statunitensi nel Paese invaso nel 2001.

Il Village Voice sarà solo online

Lo storico settimanale newyorchese distribuito gratuitamente dal 1996 abbandona la versione cartacea

The Village Voice, lo settimanale alternativo newyorchese, ha deciso di dire addio al formato cartaceo. E' la fine di un'era: nei piccoli distributori in giro per la città non si troverà più il magazine fondato nel 1955 e distribuito gratuitamente dal 1996, quando si ritrovò a fare i conti con la competizione di riviste rivali come Time Out New York. La leggendaria voce del Greenwich Village che ha lanciato la carriera di molti giornalisti e scrittori d'ora in poi sarà solo online.

Wall Street, Dow e S&P verso un secondo giorno di rialzi

Ieri chiusura mista, per il Nasdaq terza chiusura in rosso consecutiva
AP

Ford vuole conquistare la Cina con auto totalmente elettriche

Il gruppo Usa tratta per la creazione di una joint venture con la cinese Anhui Zotye Automobile

Ford Motor vuole lanciare auto totalmente elettriche in Cina. Per centrare l'obiettivo il produttore di auto di Detroit (Michigan) ha siglato un Memorandum of Understanding con Anhui Zotye Automobile, il principale produttore cinese di veicoli elettrici a zero emissioni.

Il Los Angeles Times ha un nuovo Ceo

Gli investitori apprezzano la decisione della controllante Tronc, che possiede anche il Chicago Tribune e che punta su un esperto di media digitali
AP

Il "Los Angeles Times" ha un nuovo Ceo. Il gruppo editoriale Tronc, che controlla il quotidiano, ha reclutato un manager con una lunga esperienza nel settore dei media e di internet per ricoprire quel ruolo. Il mercato sembra apprezzare visto che il titolo tronc corre a Wall Strett.

Lo stratega Bannon fuori dalla Casa Bianca

L'annuncio è stato dato dalla portavoce del presidente Trump, dopo le voci sul licenziamento; secondo altre fonti, sarebbe stato lo stratega a dimettersi
AP

Steve Bannon lascia l'amministrazione Trump. Lo stratega del presidente, fondamentale in campagna elettorale, trascorrerà oggi il suo ultimo giorno di lavoro alla Casa Bianca. A comunicarlo, con una breve dichiarazione, è stata la portavoce della Casa Bianca, Sarah Huckabee Sanders: "Il capo di gabinetto, John Kelly, e Steve Bannon hanno deciso di comune accordo che oggi sarà l'ultimo giorno di Steve. Siamo grati per il suo servizio e gli auguriamo il meglio".

Passi avanti sulla riforma fiscale

La squadra di governo di Trump e i leader al Congresso hanno trovato un accordo su come finanziare i tagli alle aliquote. La partita è però ancora aperta
Ap

L'amministrazione Trump sta facendo passi avanti per mettere a punto una riforma fiscale il cui iter, stando a quanto detto ieri dal segretario al Tesoro Steven Mnuchin, dovrebbe iniziare il mese prossimo.

Google lancia Oreo, ultima versione del sistema operativo Android

Come da tradizione, il nome si ispira a un dolce. La vera sfida del gruppo è aumentare il numero di utenti che la utilizza visto che ancora dominano quelle vecchie
Google

Google ha lanciato la versione 8.0 di Android, il suo sistema operativo per dispositivi mobili. E come da tradizione, il suo nome si ispira a un dolce. Dopo Nougat (torrone), è la volta di Oreo che altro non è che un marchio di biscotti tra i più amati dagli americani (parte del colosso alimentare Mondelez International). Prima ancora c'erano state la versioni Marshmallow, Lollipop (lecca lecca) e - nel 2013 - KitKat. Come in passato, la sfida per la controllata di Alphabet sta nel fare in modo che chiunque sia dotato di un dispositivo Android scarichi l'ultimissima versione.

Il Plaza Hotel a New York è in vendita (anche Trump ne fu proprietario)

Il proprietario indiano ha arruolato un agente per cercare acquirenti di un immobile che ha ospitato Marilyn Monroe e i Beatles
bigstockphoto

La saga legata all'acquisto di uno dei più celebri alberghi di New York City sta forse per finire. Il proprietario indiano del Plaza Hotel ha arruolato un agente per vendere l'immobile, che si trova all'angolo tra la Fifth Avenue e la 59esima strada e che si affaccia su Central Park. Potrebbe essere una delle cessioni più costose di sempre con un valore stimato di oltre 500 milioni di dollari. Secondo il Wall Street Journal la conglomerata indiana Sahara Group, che vanta il controllo della maggioranza del hotel, ha reclutato JLL Hotels and Hospitality Group per trovare un compratore. Il gruppo comprò nel 2012 un quota di maggioranza nell'immobile valutandolo 575 milioni.

George e Amal Clooney donano 1 milione di dollari per lotta all'odio

La risposta della celebre coppia alle violenze di Charlottesville. Mossa simile a quella di James Murdoch e JPM

Si allunga l'elenco di persone o aziende che hanno deciso di fare donazioni a favore di gruppi che lottano contro l'odio e l'intolleranza negli Stati Uniti.