Breitbart valuta se silurare Bannon, il libro della discordia esce in anticipo

Il sito di ultra destra teme di perdere il favore della base elettorale pro Trump. L'editore Henry Holt ignora il pressing dei legali del presidente: "Fire and Fury: Inside the Trump White House" è già best seller
AP

Steve Bannon rischia il posto al vertice di Breitbart News, il sito di ultra destra che è tornato a dirigere dopo essere stato silurato dalla Casa Bianca nell'agosto 2017 ossia esattamente 12 mesi dopo il suo arrivo alla guida della campagna elettorale di Donald Trump.

Dopo la scomunica arrivata dal presidente americano del suo ex stratega per via delle dichiarazioni rilasciate a Michael Wolff, autore del libro "Fire and Fury: Inside the Trump White House", il proprietario del sito conservatore sta valutando se cacciare Bannon. Lo scrive il Wall Street Journal, secondo cui i membri del consiglio di amministrazione di Breitbart News Network stanno considerando l'opzione di cacciare il suo presidente, Bannon appunto.

Una tale mossa sarebbe apprezzata dalla Casa Bianca. Lo ha fatto capire la portavoce Sarah Sander. A lei un giornalista aveva chiesto ieri se Breitbart dovrebbe tagliare i ponti con Bannon alla luce dei suoi commenti emersi dal libro, la cui uscita nelle librerie è stata anticipata nonostante il pressing dei legali di Trump per fermarla (il testo sarò dispobile il 5 e non il 9 gennaio previsto originariamente dall'editore Henry Holt, Macmillan). Lei ha risposto: "Di certo, credo che si tratti di un'opzione a cui dovrebbero guardare e prendere in considerazione".

Mentre Trump ha reagito al contenuto del libro dicendo che Bannon "non solo ha perso il lavoro ma anche la testa", il suo ex braccio destro non ha potuto replicare con la stessa veemenza. Semplicemente perché in quanto 'volto' di Breitbart non poteva permetterselo. Farlo, avrebbe significato deludere la base elettorale di Trump andando dunque a ledere il suo impero mediatico. Sempre che Bannon non voglia ridefinire l'identità del sito (proprietà permettendo).

Per un personaggio senza peli sulla lingua che si vanta di predicare la dura verità, la strategia forse obbligata è in linea a quella fino ad ora sposata da Breitbart: dare la colpa ad altri per gli eventuali insuccessi di Trump. La scorsa estate, quando al Senato fallì il tentativo di abrogare la riforma sanitaria voluta nel 2010 da Barack Obama, il dito fu puntato contro i repubblicani. Quando a dicembre il candidato repubblicano Roy Moore fu amaramente sconfitto nelle elezioni speciali dell'Alabama per ottenere un posto al Senato Usa, l'endorsement di Trump fu giustificato come frutto di "informazioni sbagliate" a lui fornite.

Ora che ha definito "sovversivo" e "antipatriottico" l'incontro alla Trump Tower avvenuto nel giugno 2016 - in piena campagna elettorale - tra Donald Trump Jr, Jared Kushner e Paul Manafort da un lato e dall'altro russi convinti di avere informazioni compromettendi sulla candidata democratica Hillary Clinton, Bannon sembra volere sminuire "le cose bollenti" che "vengono dette" quando il pensiero di Trump viene condizionato dalla "palude" di Washington. Ore dopo l'attacco del presidente Usa, Bannon lo ha definito "un uomo grandioso" durante una trasmissione via radio satellitare di Breitbart. Ieri ha aggiunto: "Nulla si infilerà tra noi e il presidente Trump e la sua agenda". L'inquilino della Casa Bianca ha ascoltato, riconoscendo il contrasto tra quanto detto nel libro e quanto proferito nelle ultime ore: "Mi ha chiamato un uomo grandioso ieri sera (mercoledì, ndr) quindi ha chiaramenre cambiato tono in fretta".

Mentre viene descritto come la "talpa" all'origine delle fughe di notizie dalla Casa Bianca, Bannon rischia di perdere slancio. Il tutto mentre l'ultimo episodio della soap opera trasmessa in Usa - anche a colpi di tweet - da quando Trump il 20 gennaio 2017 ha giurato da presidente lede il partito repubblicano. E magari anche l'appoggio degli elettori che hanno votato per il magnate newyorchese del mattone. Lo scontro tra Trump e Bannon sta distogliendo l'attenzione dall'unica vittoria legislativa ottenuta da Trump e dal Gop: la riforma fiscale diventata legge prima di Natale. E rischia di spazientire gli americani stanchi di colpi di scena.

L'ex banchiere di Goldman Sachs con aspirazioni cinematografiche (scrisse una sceneggiatura dal titolo "La distruzione di Satana: l'ascesa del fascimo islamico in America") potrebbe perdere l'appoggio - anche finanziario - per promuovere le candidature di repubblicani nel corso dell'anno in vista delle elezioni di metà mandato di novembre.

Ora non resta che leggere quelle che la Casa Bianca considera "falsità" in un libro che altro non è che "pura fantasia". L'editore di "Fire and Fury: Inside the Trump White House" - best seller su Amazon - ha scelto di anticiparne a oggi la pubblicazione vista "la domanda senza precedenti". Per Henry Holt, il testo fornisce un "contributo straordinario al dibattito nella nostra nazione". Il suo autore, via tweet, ha detto a Trump: "Lo puoi comprare (e leggere) domani (oggi, ndr). Grazie, signor presidente".

Altri Servizi

Trump: vertice con Putin "anche meglio" di quello con la Nato

Il presidente Usa non cede di fronte alle critiche e rilancia, come sempre su Twitter
AP

Il vertice con Vladimir Putin è andato "anche meglio" di quello con gli alleati della Nato. Lo ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, rispondendo così alle critiche per il suo bilaterale con il collega russo. "Anche se ho avuto un grande incontro con la Nato, ottenendo una grande quantità di denaro, ho avuto un incontro persino migliore con Vladimir Putin. Purtroppo, non è stato riportato in questa maniera. Le Fake News stanno impazzendo!".

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali delle banche

Seguita anche la visita del presidente Trump in Europa
iStock

Obama celebra Mandela: "Viviamo in tempi strani e incerti. Attenzione all'uomo forte"

L'ex presidente Usa a Johannesburg per i 100 anni dalla nascita del leader per la lotta contro l'apartheid. "La stampa libera sotto attacco"
AP

"Viviamo in tempi strani e incerti. Ogni giorno ci sono titoli preoccupanti". Lo ha detto l'ex presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, parlando alla sedicesima conferenza annuale in ricordo di Nelson Mandela, a 100 anni dalla nascita del Nobel per la Pace e presidente sudafricano. Obama ha poi guardato al passato, rimarcando "le notevoli trasformazioni" avvenute negli ultimi cento anni. "Anche in democrazie come gli Stati Uniti, la segregazione razziale e la sistemica discriminazione erano legge in quasi la metà del Paese e la norma nell'altra metà" ha ricordato Obama, durante l'evento organizzato a Johannesburg.

Wall Street, attenzione a trimestrali e a testimonianza Powell

Il numero uno della Fed atteso in Congresso, trimestrali di Goldman Sachs e Johnson & Johnson
iStock

Wall Street, attenzione alle trimestrali e al vertice Trump-Putin

Attesi i dati di Bank of America e BlackRock prima dell'apertura dei mercati. Trimestrale di Netflix dopo la chiusura
iStock

Trump: "Credo nella Nato, gli alleati pagheranno di più". Ma Macron e Conte lo smentiscono

Il presidente Usa: "La Nato è molto più forte ora. Gli alleati aumenteranno la spesa per la difesa, e anche velocemente". Il presidente francese: "Il comunicato è chiaro: riafferma l'impegno del 2% entro il 2024"
AP

"Io credo nella Nato. La Nato è molto più forte ora di due giorni fa". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, durante la conferenza stampa alla Nato, a Bruxelles, piena di contenuti, in parte già smentiti dagli altri leader. "Alla fine, abbiamo avuto un fantastico meeting. Gli Stati Uniti non erano trattati in modo giusto, ora sì" ha detto Trump, affermando che gli alleati hanno accettato di aumentare le spese per la difesa, come da lui chiesto, "e anche velocemente".

Migranti, l'amministrazione Trump accelera per riunire 2.551 bambini ai genitori

Separati come conseguenza della 'tolleranza zero' al confine nei confronti degli irregolari
Immigration and Customs Enforcement

L'amministrazione Trump ha annunciato che riunirà ai genitori i 2.551 bambini migranti separati nelle passate settimane - dopo aver oltrepassato irregolarmente il confine tra Messico e Stati Uniti -in ottemperanza dell'ordine di un tribunale federale di farlo entro il 26 luglio. Lo riporta Politico.

Russiagate, Mueller incrimina 12 agenti dell'intelligence russa

Le accuse sono state mosse a tre giorni dall'incontro tra il presidente statunitense, Donald Trump, e l'omologo russo, Vladimir Putin
AP

Il gran giurì convocato dal procuratore speciale Robert Mueller, che indaga sulle ingerenze russe nelle elezioni presidenziali del novembre 2016, ha accusato formalmente 12 agenti dell'intelligence russa per i furti informatici ai danni del partito democratico, nel corso di quella campagna elettorale.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

Trump: "Andare d'accordo con la Russia è una buona cosa, non cattiva"

Al via il vertice con Putin a Helsinki. Il presidente russo: "È ora di affrontare i punti dolenti"
Ap