Brexit, Cina, petrolio e Trump: i responsabili delle altalene di Wall Street nel 2016

Il 2016 è stato un anno volatile per il mercato azionario americano che, come anche le piazze internazionali, ha risentito, nel bene e nel male, di una serie di eventi che hanno determinato forti ribassi e repentini aumenti

Il 2016 è stato un anno particolarmente volatile per il mercato azionario americano che, come anche le piazze internazionali, ha risentito, nel bene e nel male, di una serie di eventi che hanno determinato forti ribassi (come a gennaio sulla scia dei timori di rallentamento della crescita cinese) e altrettanto repentini aumenti, come nella fase attuale, con i listini di Wall Street arrivati a livelli record dopo l'elezione di Donald Trump alla Casa Bianca. Ripercorrendo il 2016, sono almeno quattro gli eventi che hanno maggiormente influenzato i mercati, ovvero le sorti dell'economia cinese e dello yuan, il voto sulla Brexit di giugno, l'andamento del petrolio e le decisioni dell'Opec e le elezioni americane per la Casa Bianca.

Guardando indietro, gennaio è stato un mese pessimo per gli investitori: dopo soli dieci giorni di contrattazioni i mercati globali avevano perso oltre 4.000 miliardi di valore, a causa del crollo determinato dai timori sul rallentamento della congiuntura cinese e sul deprezzamento dello yuan. Viceversa, il mercato obbligazionario aveva puntato verso l'alto, complice la corsa agli investimenti più sicuri, cosa che aveva fatto finire i rendimenti dei bond ai minimi storici: i rendimenti dei titoli di Stato decennali americani, benchmark del settore, erano calati attorno all'1,5% a inizio anno, salvo poi risalire progressivamente ai valori attuali, attorno al 2,6%.

A inizio anno un altro fattore che aveva inciso sui forti ribassi di Wall Street era stata la debolezza dei prezzi del petrolio: tra gennaio e febbraio il barile era sceso sotto i 30 dollari, a un minimo di 27,10 dollari, trascinando a fondo con sé anche i titoli del comparto energetico. L'Arabia Saudita aveva definito un valore attorno a 30 dollari al barile come "irrazionale", ma all'epoca i Paesi Opec avevano rifiutato di intervenire per riequilibrare i prezzi, cosa invece successa a dicembre, quando i Paesi del cartello e quelli che non ne fanno parte hanno concordato un taglio della produzione che ha fatto risalire il barile con decisione, riportandolo al di sopra della soglia dei 50 dollari, dove si trova ora.

Sempre a gennaio a penalizzare i mercati era stata anche la decisione della Banca centrale del Giappone, che aveva scosso banche e listini avviando una politica di tassi di interesse negativi: le ripercussioni erano state immediate, con una fuga dai titoli bancari e finanziari e una corsa degli investitori giapponesi verso il debit a più alto rendimento di Eurozona, Regno Unito e Stati Uniti.

Un altro shock, che si è rivelato poi di portata minore, se non altro in termini di durata, è stato quello provocato dal referendum sull'uscita del Regno Unito dall'Unione europea: il verdetto delle urne ha colto di sopresa tutti, compresi i mercati, visto che i sondaggi davano in vantaggio il fronte del "remain" e un addio di Londra all'Ue era considerato improbabile. La Brexit, e il successivo Qe lanciato dalla Banca centrale europea, hanno dato ulteriore sostegno all'obbligazionario: ad agosto, i rendimenti dei benchmark globali erano ai minimi storici, con il Gilt decennale allo 0,51% e quelli dei bond svizzeri finiti per un breve periodo sotto lo zero. Nell'estate, l'universo del debito con rendimenti negativi era volato a 13.400 miliardi di dollari di valore.

Dall'estate in poi, Wall Street ha guardato anche all'Italia, prima per la crisi del settore bancario e poi con il referendum costituzionale di dicembre, che a dicembre ha visto trionfare i "no" alla riforma e ha portato alle dimissioni di Matteo Renzi dalla carica di presidente del Consiglio. A fare puntare nuovamente verso l'alto Wall Street nel finale di anno è stata l'elezione di Donald Trump, che a sorpresa ha sconfitto l'ex first lady Hillary Clinton: lo shock negativo, temuto alla vigilia del voto, in realtà non c'è stato (nel premercato, subito dopo l'annuncio dell'esito del voto, i future dei listini erano arrivati a cedere più del 5%, ma già in apertura avevano recuperato e poi virato in positivo nel corso della seduta), anzi Dow Jones, Nasdaq e S&P 500 hanno inanellato una serie di record.

Le Blue Chip marciano ora verso la soglia psicologica dei 20.000 punti, mai toccata prima. La scommessa dei mercati è che la politica economica e fiscale di Trump, se attuata, possa sostenere l'economia, grazie in particolare alle azioni a favore della produttività e per la riduzione della pressione fiscale alle aziende. Ulteriori passi avanti dell'economia potranno spingere la Federal Reserve ad alzare ancora il costo del denaro, aumentato una sola volta nel 2016 a un range tra lo 0,50 e lo 0,75%: l'istituto guidato da Janet Yellen ha anticipato altri tre rialzi nel 2017, ma le strette saranno dipendenti dall'andamento della congiuntura.

Altri Servizi

Fmi: scelta per la Bce, Lagarde dà dimissioni, al via ricerca successore

Il d.g. ad interim resta per il momento David Lipton
World Bank

L'era Christine Lagarde al Fondo monetario internazionale è ufficialmente finita. L'ex ministro francese delle Finanze ha dato le sue dimissioni definitive dall'istituto di Washington che guidava dal 2011 e che lascerà il prossimo 12 settembre.

Tutti gli occhi su Libra: chi dovrà regolarla?

La Sec sta studiando la criptovaluta di Facebook per capire se debba essere trattata come un Etf. Intanto Trump chiede regole per evitare che le valute virtuali facilitino attività illegali

La Securities and Exchange Commission (Sec), l'ente statunitense che equivale all'italiana Consob, sta valutando la possibilità che Libra, la criptovaluta che Facebook vorrebbe lanciare, debba ricadere sotto la sua supervisione, una possibilità che renderebbe più complicato il progetto di Mark Zuckerberg, già criticato dal presidente Donald Trump e da molti deputati.

Dopo il governatore della Federal Reserve, anche il segretario americano al Tesoro fa pressione sul Congresso affinché alzi il tetto al debito per evitare che gli Stati Uniti si ritrovino da inizio settembre senza i fondi per finanziare le loro spese e onorare i propri impegni con i creditori.

Trump ancora contro 4 deputate Usa, dopo il precedente attacco razzista

Ieri, il presidente aveva invitato le quattro parlamentari a tornare "da dove vengono"
Ap

Nessun passo indietro, anzi: il presidente statunitense Donald Trump, come nel suo stile, ha rilanciato i suoi attacchi contro quattro deputate, espressione di una società multietnica, invitate ieri "a tornare nei loro Paesi d'origine"; la loro colpa è quella di aver denunciato le pessime condizioni nei centri di detenzione per migranti che si trovano al confine con il Messico e di essere tra le voci più critiche nei confronti del presidente e degli alleati israeliani.

Caso Epstein: si dimette Acosta, segretario al Lavoro Usa

Lo ha annunciato il presidente Trump, che aveva sempre difeso il suo ministro

Il segretario al Lavoro statunitense, Alexander Acosta, si è dimesso. Lo ha annunciato il presidente Donald Trump, lasciando questa mattina la Casa Bianca, sottolineando che è stata una decisione di Acosta, che gli ha telefonato per annunciargli la sua decisione. "È un brav'uomo e ci mancherà" ha detto Trump. Le dimissioni sono il frutto delle polemiche sul rinvio a giudizio per sfruttamento sessuale di minorenni del miliardario Jeffrey Epstein, che un decennio fa aveva ottenuto un patteggiamento molto favorevole per le stesse accuse grazie ad Acosta, allora procuratore federale.

Caso scarpe con bandiera schiavista, Nike costruirà fabbrica in Arizona

Il governatore dello Stato ha negato incentivi fiscali dopo lo stop alla vendita delle calzature ritenute offensive
AP

Nike costruirà la fabbrica che aveva promesso in Arizona, con cui creerà 500 posti di lavoro a tempo pieno e investimenti per almeno 184 milioni di dollari. E questo nonostante la minaccia del governatore dello stato di cancellare incentivi fiscali pari a un miliardo di dollari.

Usa-Iran, Trump uscì dall'accordo nucleare per "fare un dispetto a Obama"

Il Mail on Sunday ha pubblicato nuove rivelazioni dai messaggi dell'ex ambasciatore britannico a Washington Kim Darroch
AP

Continua a fuga di notizie che ha causato le dimissioni dell'ambasciatore britannico negli Stati Uniti, Kim Darroch. Il The Mail on Sunday ha pubblicato nuovi messaggi relativi a un memo scritto dall’ambasciatore di Londra nel quale si dice che il presidente Donald Trump decise di uscire dall'accordo sul nucleare iraniano, nel maggio del 2018, "per fare un dispetto" al suo predecessore, Barack Obama, che lo aveva firmato nel 2015.

Google ascolta le conversazioni tra utenti e la sua assistente vocale

Scoop di una TV belga. Il gruppo si difende: ascoltato solo lo 0,2% dei "frammenti audio". Cosa "necessaria per sviluppare la tecnologia legata al linguaggio e per creare prodotti come Google Assistant"

Alphabet arruola persone nel mondo per ascoltare alcune delle conversazioni che la gente ha con l'assistente vocale del gruppo, disponibile sulle casse Google Home e sui dispositivi dotati di sistema operativo Android. Lo ha ammesso il gruppo stesso in un blog post dopo le indiscrezioni della televisione pubblica belga VRT NWS, secondo cui quanto ascoltato potrebbe violare la privacy delle persone, di cui si potrebbero venire a sapere nomi e indirizzi. L'emittente ha anche detto che in alcuni casi Google registra la voce degli utenti anche quando non utilizzano la Google Assistant.

Geraci al governo Trump: i dazi Usa per punire Airbus colpiscono l'Italia

Impatto potenziale su 4,3 miliardi di euro l'anno, pari al 10% dell'export italiano. L'amministrazione "rivedrà i suoi numeri". Il sottosegretario in quota Lega: non si è parlato di presunti fondi russi a Salvini
A24

I dazi minacciati dal governo americano contro la Ue nell'ambito della lunga battaglia legata ai sussidi tra il gruppo americano Boeing e l'arcirivale europeo Airbus finiscono per penalizzare l'Italia. Parola del sottosegretario allo Sviluppo Economico, Michele Geraci.

Migranti, Corte costituzionale del Guatemala blocca il possibile accordo con gli Usa

Washington vuole lasciare ai centroamericani i richiedenti asilo provenienti da El Salvador e Honduras
AP

La Corte costituzionale del Guatemala ha emesso un'ordinanza per impedire al presidente Jimmy Morales di firmare un controverso accordo sull'immigrazione con il presidente statunitense Donald Trump. L'accordo, se firmato, costringerebbe i migranti provenienti da El Salvador e Honduras a chiedere asilo in Guatemala, invece che negli Stati Uniti, il Paese dove vorrebbero dirigersi.