Budget Usa, Trump propone -31% all'Ambiente, +10% alla Difesa

A vincere sono solo i dipartimenti legati alla sicurezza e alle forze armate, che guadagnano 59,5 miliardi; tagli pesanti al dipartimento di Stato
U.S. Department of Defense

Tagli consistenti all'Ambiente, al dipartimento di Stato e all'Agricoltura; più fondi per la Difesa, la Sicurezza interna e il dipartimento dei Veterani. Questa, in estrema sintesi, è la proposta di budget da 1.100 miliardi di dollari presentata dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che per la prima volta ha cercato di trasformare in priorità di spesa le sue promesse elettorali. Aveva promesso di ridurre di almeno il 25% i soldi all'Agenzia per la protezione ambientale (Epa), ma nella proposta il taglio è del 31%; in rosso anche il dipartimento di Stato e le agenzie per lo sviluppo (-29%) e l'Agricoltura (-21%). A uscire vincenti sono, come atteso, il dipartimento della Difesa (+10%), quello per la Sicurezza interna (7%) e dei Veterani (+6%).

Il documento è stato pubblicato sul sito della Casa Bianca alle 7 di questa mattina (le 12 in Italia): si tratta della prima proposta di budget per rifare grande l'America ("Make America Great Again"), mettendo naturalmente l'America prima di tutto, prima degli altri ("America First"), i due slogan principali della campagna elettorale di Trump. Ogni dollaro dei tagli proposti servirà per finanziare la Difesa e le forze di sicurezza, per garantire la potenza militare degli Stati Uniti e il massimo controllo del confine con il Messico. Le politiche di Trump, per la prima volta, sono state "tradotte in numeri", come ha spiegato Mick Mulvaney, direttore dell'Office of Management and Budget, l'ufficio preposto alla realizzazione della proposta di budget del presidente, parlando con Politico.

Guardando l'elenco dei fondi destinati ai vari dipartimenti e agenzie, emerge subito che a vincere è stata solo la Difesa, visto che gli unici aumenti sono previsti per il Pentagono, la Sicurezza interna e i Veterani. Per consentire l'aumento del 10% dei fondi al Pentagono, pari a 52,3 miliardi di dollari, Trump ha sacrificato tutto il resto, con tagli molto pesanti all'Epa, che vede ridurre i suoi fondi, per l'anno fiscale 2018, da 8,2 a 5,7 miliardi di dollari (-31%), e al dipartimento di Stato e ai programmi per lo sviluppo, che passerebbero da 38 a 27,1 miliardi di dollari (-29%), con la cancellazione totale dei fondi per le iniziative legate al cambiamento climatico alle Nazioni Unite e la drastica riduzione, nel complesso, dei fondi al Palazzo di Vetro; salvati, invece, i 3,1 miliardi di dollari in aiuti militari a Israele. Un taglio inferiore a quello ipotizzato inizialmente, ma molto pesante per il segretario Rex Tillerson, già messo ai margini all'interno dell'amministrazione.

Proseguendo nell'elenco, ci sono l'Agricoltura e il Lavoro che perderebbero il 21%, la Giustizia il 20%, la Salute e i servizi umani e il dipartimento del Commercio il 16%, l'Istruzione il 14%, i Trasporti il 13%, la Casa e lo sviluppo urbano e il dipartimento dell'Interno (territorio e ambiente naturale) il 12%, l'Energia il 6%, il Tesoro il 4% e, infine, la Nasa, che perderebbe solo l'1% dei fondi, rispetto all'anno fiscale 2017. Alla Sicurezza interna, invece, Trump vuole garantire il 7% in più, ovvero 2,8 miliardi; circa 2,6 miliardi sarebbero dedicati alle tecnologie e alle infrastrutture per la sicurezza ai confini, comprese le prime fasi della costruzione del muro con il Messico.

Così come proposto, sottolinea Politico, il budget di Trump quasi certamente non supererà l'esame del Congresso. Troppi parlamentari, inclusi molti repubblicani, hanno dichiarato che la proposta arriva "già morta". Il documento, però, rappresenta un'importante 'road map' per un presidente senza esperienza politica, che avrà almeno quattro anni per raggiungere i suoi obiettivi. È l'espressione più pratica di quella che il consigliere più importante del presidente, Steve Bannon, ha definito la "decostruzione dello Stato amministrativo" e della sua agenda votata al "nazionalismo economico".

Altri Servizi

Uber fa concessioni per riottenere la licenza a Londra

La City rappresenta il mercato europeo più grande per il gruppo
BigStock

Uber fa promesse al fine di riottenere la licenza per operare a Londra, il suo più grande mercato europeo.

Wall Street, prosegue il momento positivo

Indici verso la migliore settimana in oltre un anno
iStock
AP

Non c'erano dubbi ma il 19enne che nel giorno di San Valentino ha aperto il fuoco e ucciso 17 persone nel suo ex liceo in Florida ha ammesso di essere lui l'autore di quella che è stata una delle peggiori sparatorie avvenute dentro un istituto scolastico della storia moderna americana. Dopo essere stato catturato, Nikolas Cruz ha detto agli agenti di polizia di avere "iniziato a sparare agli studenti che vedeva nei corridoi e intorno alla scuola" una volta arrivato sul posto. E' quanto è emerso dal rapporto del suo arresto, pubblicato ieri nel tardo pomeriggio americano.

Mueller: la Russia ha condotto una guerra informatica contro gli Usa

Lo scopo: favorire Trump e Sanders con migliaia di troll, pubblicità e interferenze nella campagna elettorale. Facebook e Twitter chiudono in rosso a Wall Street
AP

Quello di venerdì è stato il quinto rinvio a giudizio per cittadini o società russe accusate di aver influenzato le elezioni presidenziali americane del 2016. Tuttavia si tratta del primo del procuratore speciale, Robert Mueller, che dal maggio del 2017 sta indagando sul Russiagate e sulle possibili connessioni tra il Cremlino e alcuni membri del comitato elettorale di Donald Trump.

McMaster contro Iran, Siria e Russia alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco

Il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense chiede di "agire contro Teheran". Assad "usa ancora armi chimiche" contro la popolazione, mentre le prove sulle interferenze di Mosca nelle elezioni presidenziali sono "incontrovertibili"
Ap

L'Iran sta costruendo e armando una rete sempre più potente di alleati che combattono 'per procura' in Medio Oriente contro i governo locali. Lo ha detto il consigliere per la sicurezza nazionale statunitense, l'ammiraglio H.R. McMaster, intervenendo all'annuale Conferenza internazionale sulla sicurezza di Monaco di Baviera, in Germania. "Ciò che è particolarmente preoccupante è che questa rete sta diventando sempre più capace e l'Iran continua a seminare...armi distruttive tra questi network" ha detto McMaster. "Per questo è il momento, credo, di agire contro l'Iran".

Il piano infrastrutturale di Trump

Previsti progetti da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni ma il governo federale ce ne mette solo 200 miliardi. L'amministrazione Usa conta su stati, municipalità e privati
iStock

Lo aveva promesso sin dalla notte della sua vittoria elettorale nel novembre 2016. Oltre un anno dopo, il presidente americano Donald Trump ha finalmente presentato un piano per progetti infrastrutturali da 1.500 miliardi di dollari in 10 anni, che rischia però di deludere. Il governo federale è pronto a impegnarsi a investire solo 200 miliardi di dollari. Inoltre, l'iniziativa ha di fronte a sé un futuro incerto al Congresso, che deve trovare i fondi per finanziarla e deve legiferare in materia.

Google: il browser Chrome blocca le pubblicità "intrusive"

L'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - è rendere la navigazione in rete più semplice. Ma i critici insorgono: selezione arbitraria dei contenuti, l'azienda vuole fare solo i suoi interessi

A partire dal 15 febbraio, il browser Chrome di Google - usato da oltre il 59% degli internauti - bloccherà automaticamente alcuni tipi di pubblicità online con l'obiettivo - dice la controllata di Alphabet - di rendere la navigazione in rete più semplice. Google ha descritto il cambiamento come uno sforzo collettivo del settore per liberare internet da spam e pop-up rendendo invece altre tipologie di pubblicità più attraenti per gli utenti.

Bridgewater sempre più pessimista sull'Europa. Scommesse contro l'azionario a 22 miliardi di dollari

Il più grande hedge fund al mondo ha iniziato le sue posizioni short dall'Italia, arrivate a 3 miliardi di dollari
Ray Dalio, Bridgewater AP

Il più grande hedge fund al mondo, quello che negli ultimi tre mesi ha triplicato le sue scommesse contro banche e gruppi assicurativi italiani in vista delle elezioni del 4 marzo, ha ulteriormente alzato le sue scommesse ribassiste contro le più grandi aziende europee.

Facebook perde utenti giovani: preferiscono Snapchat

E' quanto emerge da uno studio di eMarketer secondo cui nel 2018, il gruppo guidato da Zuckerberg perderà 2 milioni di iscritti al di sotto dei 25 anni, mentre Snapchat ne attrarrà 1,9 milioni intorno a quell'età.

Facebook sta perdendo giovani utenti, che preferiscono Snapchat. E' quanto emerge da uno studio di eMarketer, secondo cui nel 2018 meno della metà dei ragazzi americani tra i 12 e i 17 anni userà il social network più grande al mondo almeno una volta al mese. La società di ricerca sostiene che il gruppo guidato da Mark Zuckerberg quest'anno perderà 2 milioni di utenti con un'età inferiore ai 25 anni, mentre Snapchat ne attrarrà 1,9 milioni intorno a quell'età. Secondo lo stesso studio, Facebook non potrà più contare su Instagram - altro social network della galassia fb - per "adescare" i giovani utenti. (Instragram nel 2018 acquisirà 1,6 milioni di iscritti tra i 12 e i 24 anni).

Strage in Florida: Trump ancora una volta non parla di controllo delle armi

Il presidente americano ha proposto maggiore sicurezza nelle scuole e più impegno per la salute mentale dei cittadini americani. L'Fbi era stata avvertita della pericolosità di Cruz nel settembre del 2017

Ancora una volta Donald Trump non fa riferimento a leggi più severe sul controllo delle armi, commentando la strage avvenuta mercoledì in una scuola a Parkland, in Florida, in cui sono morte 17 persone. Il presidente americano ha parlato dell'importanza di nuove misure di sicurezza nelle scuole e dei problemi di salute mentale negli Stati Uniti. Un'ora prima, il segretario alla Giustizia, Jeff Sessions, ha seguito la stessa linea, promettendo maggiori controlli, parlando di problemi mentali e infine incolpando le gang.