Budget Usa, Trump propone -31% all'Ambiente, +10% alla Difesa

A vincere sono solo i dipartimenti legati alla sicurezza e alle forze armate, che guadagnano 59,5 miliardi; tagli pesanti al dipartimento di Stato
U.S. Department of Defense

Tagli consistenti all'Ambiente, al dipartimento di Stato e all'Agricoltura; più fondi per la Difesa, la Sicurezza interna e il dipartimento dei Veterani. Questa, in estrema sintesi, è la proposta di budget da 1.100 miliardi di dollari presentata dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che per la prima volta ha cercato di trasformare in priorità di spesa le sue promesse elettorali. Aveva promesso di ridurre di almeno il 25% i soldi all'Agenzia per la protezione ambientale (Epa), ma nella proposta il taglio è del 31%; in rosso anche il dipartimento di Stato e le agenzie per lo sviluppo (-29%) e l'Agricoltura (-21%). A uscire vincenti sono, come atteso, il dipartimento della Difesa (+10%), quello per la Sicurezza interna (7%) e dei Veterani (+6%).

Il documento è stato pubblicato sul sito della Casa Bianca alle 7 di questa mattina (le 12 in Italia): si tratta della prima proposta di budget per rifare grande l'America ("Make America Great Again"), mettendo naturalmente l'America prima di tutto, prima degli altri ("America First"), i due slogan principali della campagna elettorale di Trump. Ogni dollaro dei tagli proposti servirà per finanziare la Difesa e le forze di sicurezza, per garantire la potenza militare degli Stati Uniti e il massimo controllo del confine con il Messico. Le politiche di Trump, per la prima volta, sono state "tradotte in numeri", come ha spiegato Mick Mulvaney, direttore dell'Office of Management and Budget, l'ufficio preposto alla realizzazione della proposta di budget del presidente, parlando con Politico.

Guardando l'elenco dei fondi destinati ai vari dipartimenti e agenzie, emerge subito che a vincere è stata solo la Difesa, visto che gli unici aumenti sono previsti per il Pentagono, la Sicurezza interna e i Veterani. Per consentire l'aumento del 10% dei fondi al Pentagono, pari a 52,3 miliardi di dollari, Trump ha sacrificato tutto il resto, con tagli molto pesanti all'Epa, che vede ridurre i suoi fondi, per l'anno fiscale 2018, da 8,2 a 5,7 miliardi di dollari (-31%), e al dipartimento di Stato e ai programmi per lo sviluppo, che passerebbero da 38 a 27,1 miliardi di dollari (-29%), con la cancellazione totale dei fondi per le iniziative legate al cambiamento climatico alle Nazioni Unite e la drastica riduzione, nel complesso, dei fondi al Palazzo di Vetro; salvati, invece, i 3,1 miliardi di dollari in aiuti militari a Israele. Un taglio inferiore a quello ipotizzato inizialmente, ma molto pesante per il segretario Rex Tillerson, già messo ai margini all'interno dell'amministrazione.

Proseguendo nell'elenco, ci sono l'Agricoltura e il Lavoro che perderebbero il 21%, la Giustizia il 20%, la Salute e i servizi umani e il dipartimento del Commercio il 16%, l'Istruzione il 14%, i Trasporti il 13%, la Casa e lo sviluppo urbano e il dipartimento dell'Interno (territorio e ambiente naturale) il 12%, l'Energia il 6%, il Tesoro il 4% e, infine, la Nasa, che perderebbe solo l'1% dei fondi, rispetto all'anno fiscale 2017. Alla Sicurezza interna, invece, Trump vuole garantire il 7% in più, ovvero 2,8 miliardi; circa 2,6 miliardi sarebbero dedicati alle tecnologie e alle infrastrutture per la sicurezza ai confini, comprese le prime fasi della costruzione del muro con il Messico.

Così come proposto, sottolinea Politico, il budget di Trump quasi certamente non supererà l'esame del Congresso. Troppi parlamentari, inclusi molti repubblicani, hanno dichiarato che la proposta arriva "già morta". Il documento, però, rappresenta un'importante 'road map' per un presidente senza esperienza politica, che avrà almeno quattro anni per raggiungere i suoi obiettivi. È l'espressione più pratica di quella che il consigliere più importante del presidente, Steve Bannon, ha definito la "decostruzione dello Stato amministrativo" e della sua agenda votata al "nazionalismo economico".

Altri Servizi

Wall Street incerta, attenzione rivolta ai colloqui sul commercio con la Cina

Prosegue il secondo round di colloqui ad alto livello tra Washington e Pechino
iStock

Gli Usa aprono l' ambasciata a Gerusalemme, per Israele un momento storico

Mentre israeliani e statunitensi celebrano la nuova sede, nella Striscia di Gaza si muore: almeno 52 persone sono state uccise dalle forze dello Stato ebraico. Casa Bianca: colpa di Hamas
Ap

Sessantanove anni dopo che Israele l'ha dichiarata capitale e 23 anni dopo che il Congresso statunitense ha approvato una legge per riconoscerla come tale, gli Stati Uniti hanno formalmente aperto la loro ambasciata a Gerusalemme. Mentre Usa e Israele celebravano, i soldati israeliani sparavano sulle migliaia di palestinesi che hanno protestato lungo il confine tra la Striscia di Gaza e lo stato ebraico. Almeno 52 palestinesi sono stati uccisi e - stando al ministero della Salute palestinese - oltre 1.200 sono rimasti feriti. La Casa Bianca non ha condannato l'accaduto attribuendo la colpa esclusivamente ad Hamas, l'organizzazione politica che controlla Gaza e che secondo Washington "sfrutta in modo cinico la situazione".

Bassa affluenza alle elezioni in Iraq, Usa e Iran attendono i risultati

Washington e Teheran si contendono l'influenza nel Paese
iStock

Gli iracheni hanno disertato in massa le urne facendo avanzare, secondo le prime indicazioni, le liste anti-sistema nelle prime elezioni politiche dopo la vittoria delle truppe governative sull'Isis, guardate molto da vicino da Stati Uniti e Iran. Secondo la commissione elettorale, il 44,52% degli iscritti ha votato per eleggere i 329 parlamentari. Si tratta della partecipazione più bassa registrata nel Paese dall'instaurazione delle elezioni multipartitiche nel 2005, dopo la caduta di Saddam Hussein.

Wall Street ritrova forza

Il rendimento del Treasury a 10 anni resta però sopra il 3%
iStock

Oltre la Russia. Anche alcuni paesi del Golfo offrirono aiuto a Trump

Il New York Times parla di incontri tra Trump Jr. e altri membri del comitato elettorale del presidente con funzionari dei governi del Medio Oriente e una società israeliana

Tre mesi prima delle elezioni presidenziali del 2016, un piccolo gruppo si è riunito alla Trump Tower, a Manhattan, per incontrare Donald Trump Jr., il figlio maggiore del presidente. Uno di essi era uno specialista israeliano nella manipolazione dei social media. Un altro era un emissario di due ricchi principi arabi. Il terzo era un donatore repubblicano, con un passato controverso in Medio Oriente dove si è occupato di sicurezza privata.

Dopo lo scandalo di Philadelphia, Starbucks studia nuove regole per gli "ospiti che non consumano"

Nessuno potrà più essere cacciato negli 8.000 negozi americani del gruppo
Starbucks

Starbucks ha annunciato che sta studiando una serie di regole ufficiali che consentiranno a tutti gli ospiti di entrare e usare i bar, inclusi i servizi igienici, indipendentemente dal fatto che effettuino o meno un acquisto.

Wall Street, attenzione a disoccupazione e Fed

Oggi il dato sui sussidi. Il Fondo monetario internazionale tiene il suo consueto briefing bisettimanale con la stampa alle 9:30 (le 15:30 in Italia)
iStock

Ottimismo a Wall Street, si attenuano le tensioni commerciali tra Usa e Cina

Il presidente Trump disposto a lavorare insieme all'omologo Xi per salvare ZTE
iStock

Come funziona la riforma delle prigioni che Trump promette di approvare?

Migliorerà le condizioni dei detenuti, dovrebbe liberare 4.000 carcerati federali, ma per il Senato non risolve il problema, visto che non diminuisce le pene per i reati minori

Cuba: cade un aereo, oltre 100 morti. Solo tre sopravvissuti

A bordo quasi solo turisti e una donna naturalizzata italiana. Negli anni '90 la compagnia aerea Cubana de Aviacion è stata coinvolta in diversi incidenti con decine di morti