Budget Usa, Trump propone -31% all'Ambiente, +10% alla Difesa

A vincere sono solo i dipartimenti legati alla sicurezza e alle forze armate, che guadagnano 59,5 miliardi; tagli pesanti al dipartimento di Stato
U.S. Department of Defense

Tagli consistenti all'Ambiente, al dipartimento di Stato e all'Agricoltura; più fondi per la Difesa, la Sicurezza interna e il dipartimento dei Veterani. Questa, in estrema sintesi, è la proposta di budget da 1.100 miliardi di dollari presentata dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che per la prima volta ha cercato di trasformare in priorità di spesa le sue promesse elettorali. Aveva promesso di ridurre di almeno il 25% i soldi all'Agenzia per la protezione ambientale (Epa), ma nella proposta il taglio è del 31%; in rosso anche il dipartimento di Stato e le agenzie per lo sviluppo (-29%) e l'Agricoltura (-21%). A uscire vincenti sono, come atteso, il dipartimento della Difesa (+10%), quello per la Sicurezza interna (7%) e dei Veterani (+6%).

Il documento è stato pubblicato sul sito della Casa Bianca alle 7 di questa mattina (le 12 in Italia): si tratta della prima proposta di budget per rifare grande l'America ("Make America Great Again"), mettendo naturalmente l'America prima di tutto, prima degli altri ("America First"), i due slogan principali della campagna elettorale di Trump. Ogni dollaro dei tagli proposti servirà per finanziare la Difesa e le forze di sicurezza, per garantire la potenza militare degli Stati Uniti e il massimo controllo del confine con il Messico. Le politiche di Trump, per la prima volta, sono state "tradotte in numeri", come ha spiegato Mick Mulvaney, direttore dell'Office of Management and Budget, l'ufficio preposto alla realizzazione della proposta di budget del presidente, parlando con Politico.

Guardando l'elenco dei fondi destinati ai vari dipartimenti e agenzie, emerge subito che a vincere è stata solo la Difesa, visto che gli unici aumenti sono previsti per il Pentagono, la Sicurezza interna e i Veterani. Per consentire l'aumento del 10% dei fondi al Pentagono, pari a 52,3 miliardi di dollari, Trump ha sacrificato tutto il resto, con tagli molto pesanti all'Epa, che vede ridurre i suoi fondi, per l'anno fiscale 2018, da 8,2 a 5,7 miliardi di dollari (-31%), e al dipartimento di Stato e ai programmi per lo sviluppo, che passerebbero da 38 a 27,1 miliardi di dollari (-29%), con la cancellazione totale dei fondi per le iniziative legate al cambiamento climatico alle Nazioni Unite e la drastica riduzione, nel complesso, dei fondi al Palazzo di Vetro; salvati, invece, i 3,1 miliardi di dollari in aiuti militari a Israele. Un taglio inferiore a quello ipotizzato inizialmente, ma molto pesante per il segretario Rex Tillerson, già messo ai margini all'interno dell'amministrazione.

Proseguendo nell'elenco, ci sono l'Agricoltura e il Lavoro che perderebbero il 21%, la Giustizia il 20%, la Salute e i servizi umani e il dipartimento del Commercio il 16%, l'Istruzione il 14%, i Trasporti il 13%, la Casa e lo sviluppo urbano e il dipartimento dell'Interno (territorio e ambiente naturale) il 12%, l'Energia il 6%, il Tesoro il 4% e, infine, la Nasa, che perderebbe solo l'1% dei fondi, rispetto all'anno fiscale 2017. Alla Sicurezza interna, invece, Trump vuole garantire il 7% in più, ovvero 2,8 miliardi; circa 2,6 miliardi sarebbero dedicati alle tecnologie e alle infrastrutture per la sicurezza ai confini, comprese le prime fasi della costruzione del muro con il Messico.

Così come proposto, sottolinea Politico, il budget di Trump quasi certamente non supererà l'esame del Congresso. Troppi parlamentari, inclusi molti repubblicani, hanno dichiarato che la proposta arriva "già morta". Il documento, però, rappresenta un'importante 'road map' per un presidente senza esperienza politica, che avrà almeno quattro anni per raggiungere i suoi obiettivi. È l'espressione più pratica di quella che il consigliere più importante del presidente, Steve Bannon, ha definito la "decostruzione dello Stato amministrativo" e della sua agenda votata al "nazionalismo economico".

Altri Servizi

Visa: conti oltre le stime grazie a "spinta economica" e Visa Europe

Il gruppo che gestisce una rete di pagamenti ha alzato l'outlook per l'intero esercizio fiscale

Grazie a un aumento dei volumi di pagamento, merio anche all'acquisizione di Visa Europe, Visa ha chiuso il suo terzo trimestre fiscale con utili in netto rialzo tanto che il gruppo che come MasterCard gestisce transazioni di carte di credito e bancomat ha alzato le stime per l'anno: i profitti sono arrivati a quota 2,06 miliardi di dollari, o 86 centesimi per azione, dai 412 milioni, o 17 centesimi per azione, dello stesso periodo dell'esercizio precedente; gli analisti si aspettavano un risultato pari a 81 centesimi per azione. I ricavi operativi sono balzati del 26% a 4,57 miliardi di dollari, sopra le previsioni per 4,36 miliardi attesi dal mercato.

Goldman Sachs batte le stime nonostante rallentamento del trading

Nei tre mesi a giugno Goldman Sachs ha riportato profitti netti sostanzialmente invariati rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, mentre l'utile per azione è aumentato del 6%.

Nei tre mesi a giugno Goldman Sachs ha riportato profitti netti sostanzialmente invariati rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, mentre l'utile per azione è aumentato del 6%. Il dato è stato superiore alle previsioni, nonostante le difficoltà nelle attività di trading. Goldman si inserisce dunque nel solco delle rivali, come JPMorgan Chase e Citigroup, che hanno visto rallentre il trading. 

Microsoft: il cloud computing spinge gli utili oltre le stime

Nel suo quarto trimestre fiscale, il gruppo informatico ha più che raddoppiato i profitti a 6,51 miliardi di dollari. LinkedIn contribuisce 1,1 miliardi.

Nel suo quarto trimestre fiscale, chiuso il 30 giugno scorso, Microsoft ha registrato utili netti per 6,51 miliardi di dollari, o 83 centesimi per azione, più del doppio rispetto ai 3,12 miliardi dello stesso periodo del 2016. Al netto di voci straordinarie, i profitti per azione sono saliti a 98 centesimi da 69 centesimi, sopra il consenso per 71 centesimi. I ricavi sono aumentati a quota 24,7 miliardi, oltre le stime per 24,27 miliardi.

Sessions risponde a Trump: resto segretario alla Giustizia

Il presidente Usa ha detto che non lo avrebbe scelto se avesse saputo che si sarebbe astenuto dal Russiagate
Ap

Poco importa se il presidente Donald Trump abbia espresso una mancanza di fiducia nei suoi confronti per essersi astenuto dal Russiagate: Jeff Sessions, reclutato dallo stesso Trump, intende restare segretario alla Giustizia.

O.J. Simpson ottiene la libertà vigilata, uscirà dal carcere a ottobre

Accusato dell’omicidio dell’ex moglie, venne assolto. Adesso è in prigione per rapina a mano armata e ha scontato nove dei 33 anni a cui è stato condannato
Ap

O.J. Simpson ha ottenuto la liberazione condizionale dopo 9 anni di carcere. L'ex giocatore di football americano e star televisiva, che ha appena compiuto 70 anni, potrà tornare libero a ottobre.

Wall Street, attenzione rivolta alla Bce

Il governatore Draghi: "pronti ad aumentare" il QE se sarà necessario
AP

Giro di vite in vista sull'immigrazione illegale, Trump studia norme più severe

Al vaglio la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione.
Immigration and Customs Enforcement

Nuovo giro di vite in vista negli Stati Uniti sull'immigrazione illegale. L'amministrazione Trump sta valutando la possibilità di introdurre leggi ancora più restrittive che darebbero al dipartimento per la Sicurezza nazionale maggiori poteri per accelerare il processo di espulsione di alcuni immigrati senza regolare permesso di soggiorno.

Trump attende, i repubblicani lontani da un'intesa sulla riforma della sanità

Il presidente vuole piegare il Congresso al suo volere, ma il partito non sembra in grado di trovare i voti necessari per l'approvazione di un piano che sostituisca l'Obamacare
Ap

Calcio: la lega italiana in roadshow fa tappa a New York

Presente anche James Pallotta, presidente della Roma: per lui "è questione di settimane per l’ok al nuovo stadio". Totti? Sarà parte della squadra "per sempre"

Alcoa torna all'utile ma taglia l'outlook

il più grande produttore di alluminio al mondo ha però alzato le previsioni sulla domanda
ap