Cadette afroamericane alzano il pugno a West Point, parte un'inchiesta

Immortalato in una fotografia, è associato al movimento Black Lives Matter: violerebbe il codice di condotta. E se fosse solo un simbolo di unità?
AP

Sedici cadette afroamericane in divisa hanno alzato il pugno, immortalato in una fotografia ampiamente circolata sul web. Un'inchiesta è stata aperta. E' successo a West Poit, l'accademia militare americana forse più importante dove ora si cerca di capire se quel gesto viola le restrizioni sull'attività politica. Non è chiaro quanto l'indagine durerà ed è troppo presto per sapere quali conseguenze potrebbero esserci per le ragazze pronte a diplomarsi il 21 maggio prossimo. C'è il dubbio che con quei pugni abbiano espresso il loro sostegno a Black Lives Matter, il movimento emerso in Usa con le proteste contro l'uccisione da parte di agenti di polizia di afroamericani disarmati. Se così fosse, avrebbero violato quanto previsto dal dipartimento della Difesa laddove recita che "membri in servizio non devono essere coinvolti in attività politiche di parte" fatta eccezione per il voto.

A difesa delle ragazze si è schierata Mary Tobin, loro mentore a sua volta diplomata a West Point. Secondo lei le studentesse stavano semplicemente festeggiando il loro imminente diploma così come fanno i membri di una squadra sportiva alzando al cielo i loro caschi. "Era un segno di unità. Non stavano indicando implicitamente un'alleanza ad alcun movimento", ha detto Tobin al Guardian. Lei, diplomata nel 2003, ha spiegato di avere parlato con loro: isolate in un ambiente competitivo come quello a West Point, non si aspettavano che il loro gesto avrebbe sollevato le polemiche.

Cadette di colore sono rare a West Poin, dove il 70% circa degli studenti è bianco e l'80% è rappresentato da uomini.

Quella di scattare fotografie in uniforme in accademia è un atto tradizionale ma non con il pugno alzato, visto come simbolo di una resistenza per vari movimenti politici. Quel gesto creò un acceso dibattito quando a farlo durante la cerimonia di premiazione alle olimpiadi di Città del Messico nel 1968 furono Tommie Smith e John Carlos, atleti Usa afroamericani arrivati primo e terzo nella corsa sui 200 metri. Il loro pugno, con guanto nero, restò alzato dall'inizio alla fine dell'inno americano e fu definito da Smith "un saluto ai diritti umani" e non al "Black Power".

Altri Servizi

Operazioni sospette di Trump e Kushner, Deutsche Bank ignorò l'allerta antiriciclaggio

Il New York Times: i vertici della banca ignorarono le segnalazioni dei dipendenti nel 2016-2017
AP

Venezuela, Usa al lavoro per tenere fuori Russia e Cuba

Ue e Gruppo di Lima, intanto, lavorano a un negoziato tra Maduro e l'opposizione
AP

Trump vuole graziare dei militari condannati o accusati di crimini di guerra

Lo sostiene il New York Times, secondo cui il presidente vorrebbe i documenti pronti per il Memorial Day (27 maggio)
US Departement of Defence

Trump pro vita, ma contro le leggi in Alabama e Missouri

Il presidente su Twitter: "Sono fortemente pro vita, con tre eccezioni: stupro, incesto e per proteggere la vita della madre. La stessa posizione di Ronald Reagan". L'offensiva dei repubblicani punta alla Corte Suprema e a cancellare il diritto all'aborto
ap

Biden lancia ufficialmente la sua campagna con un duro attacco a Trump: "Vomita odio"

L’ex vicepresidente americano, a Philadelphia per il primo grande comizio verso Usa 2020, ha lanciato l'appello all'unità
Ap

Boeing, completato l'aggiornamento del software: i 737 max sono pronti a volare

La ho annunciato la società in una nota in cui ha dichiarato di aver effettuato test su 207 voli, per oltre 360 ore
Ap

Usa2020, Obama lancia un fondo per finanziare la nomination democratica

L’ex presidente sosterrà i candidati del partito dell’asinello attraverso il "Democratic Unity Fund"

Marco Glaviano: il fotografo delle top model con la passione per il jazz

Fino al 15 giugno 2019, le sue opere esposte alla Space Gallery St Barth/Soho a New York. Il suo lavoro più bello? Ritratti di jazzisti in un libro ancora da pubblicare
Space Gallery St Barth/Soho

Stormy Daniels rinuncia all'ultima causa contro l'ex legale di Trump

La pornostar aveva accusato Micheal Cohen di collusione con il legale che la rappresentava all’epoca dell’accordo da 130mila dollari per il silenzio sui rapporti con il tycooon
Ap