I campioni dei Patriots da Trump, senza Brady e molti altri compagni

La superstar assente per motivi familiari; molti compagni, invece, boicotteranno la cerimonia perché non amano il presidente degli Stati Uniti
Shutterstock

Donald Trump riceve oggi, alla Casa Bianca, i New England Patriots, la squadra di football americano che ha vinto l'ultimo campionato Nfl. Questa mattina, il quarterback Tom Brady, la superstar della squadra, ha annunciato che non parteciperà all'incontro con il presidente degli Stati Uniti, diventando il settimo giocatore a mancare alla cerimonia; al contrario di alcuni suoi compagni, Brady ha detto che la sua assenza non ha nulla a che vedere con Trump, ma è giustificata da motivi personali.

La Casa Bianca ha detto a Fox News che era già a conoscenza dell'assenza di Brady; il giocatore non ha specificato il motivo della sua mancata presenza, ma è di pubblico dominio la malattia di sua madre, che ha il cancro. Brady, negli ultimi mesi spesso definito "amico" e "sostenitore" del presidente, non ha mai parlato apertamente del suo rapporto con il presidente, che ha sempre cercato di minimizzare, forse per non entrare nel dibattito politico. Sua moglie, la modella Gisele Bundchen, ha invece apertamente detto di non essere una sostenitrice del presidente. Brady aveva già rinunciato, in passato, alla cerimonia alla Casa Bianca con il presidente Barack Obama, citando "problemi di agenda". Brady, 40 anni ad agosto, ha vinto cinque campionati Nfl.

Almeno altri sei giocatori dei Patriots salteranno la cerimonia, perché non vogliono incontrare Trump. "Non mi sento accettato alla Casa Bianca. Con un presidente con opinioni e pregiudizi cos" forti, credo che certe persone potrebbero sentirsi accettate e altre no" ha commentato Devin McCourty, che ha deciso di non andare alla Casa Bianca "prima ancora di vincere".

Saranno sicuramente assenti anche Martellus Bennett, Chris Long, che sarà l'unico giocatore bianco a saltare l'incontro, LaGarrette Blount, Don't'a Hightower e Alan Branch. Il proprietario dei Patriots, Robert Kraft, sostenitore di Trump, ha commentato: "Questa è l'America. Siamo liberi di fare quello che è meglio per noi".

Altri Servizi

La settimana economica e politica in America

Lunedì ci sarà l'attesissimo incontro alla Casa Bianca tra Donald Trump e alcuni amministratore della Silicon Valley. E poi ci sono i dati sulle case e ancora i discorsi di due presidenti della Fed
AP

Nonostante l'amministrazione Trump continui ad avere problemi interni enormi e fatichi a assumere funzionari per le posizioni più strategiche (ne abbiamo parlato qui), lunedì ci sarà un appuntamento fondamentale. Alla Casa Bianca infatti si incontreranno gli amministratori delegati delle aziende tecnologiche che per la seconda volta cercheranno di discutere con il presidente americano le politiche che potrebbe adottare nei prossimi mesi.

Afghanistan, la Casa Bianca non ha una strategia chiara

Donald Trump ha dato pieni poteri al Pentagono che vorrebbe inviare 3.000-5.000 nuovi militari nel Paese
AP

Quando il presidente americano Donald Trump ha preso la sua prima più grande decisione sulla guerra in Afghanistan, non ha fatto alcun annuncio televisivo della Casa Bianca o un discorso a West Point. Invece ha fatto comunicare la svolta al Pentagono, che in un pomeriggio ha pubblicato un comunicato stampa firmato da James Mattis: il segretario alla Difesa ha annunciato di avere l'autorità di inviare migliaia di soldati nel Paese, dopo che gli Stati Uniti sono in guerra da 16 anni e hanno di stanza 8.800 soldati in totale.

McDonald's e Olimpiadi chiudono partnership storica 3 anni in anticipo

La catena di fast food e il Comitato Olimpico Internazionale erano legati dal 1976
AP

McDonald's non sponsorizzerà più le Olimpiadi. Tre anni prima della scadenza naturale del contratto, il colosso americano del fast-food e il Comitato Olimpico Internazionale (Cio) hanno "di comune accordo" messo fine con effetto immediato alla loro storica partnership commerciale, che andava avanti dal 1976. Lo hanno annunciato con un comunicato congiunto sul sito del Cio. “Come parte del nostro piano di crescita globale, stiamo riconsiderando tutti gli aspetti del nostro business e abbiamo preso questa decisione per concentrarci su priorità differenti d'accordo con il Cio", ha detto il direttore marketing globale di McDonald's, Silvia Lagnado. "Nello scenario di business globale, che evolve velocemente, prendiamo atto della volontà McDonald's di concentrarsi su priorità differenti. Per queste ragioni, abbiamo deciso di comune accordo di andare ognuno per la sua strada", ha dichiarato Timo Lumme, il managing director dei servizi televisivi e di marketing del Cio. La catena di fast food farà un'eccezione: sponsorizzerà i giochi olimpici di Pyeongchang 2018, in Corea del Sud. Il Cio ha aggiunto che non ha "piani immediati" per trovare un sostituto a uno dei suoi sponsor principali. McDonald's è l'ultimo marchio Usa ad avere abbandonato la sponsorizzazione delle Olimpiadi negli ultimi due anni. Lo hanno già fatto Budweiser, Citi, Hilton e AT&T.

Continua il recupero di Wall Street, va verso nuovi record

Pochi i dati macro di oggi, attenzione alla trimestrale di FedEx dopo la chiusura.
AP

Trump ai Ceo della Silicon Valley, aggiorniamo i sistemi informatici obsoleti del governo

Riunione alla Casa Bianca con 18 AD. Il presidente: risparmieremo oltre mille miliardi in 10 anni con la "rivoluzione tech". Kushner: al Pentagono si usano ancora i floppy disk. Cook (Apple): gli Usa siano il governo più moderno al mondo

Nonostante l'amministrazione Trump continui ad avere problemi interni enormi e fatichi ad assumere funzionari per le posizioni più strategiche, ha avuto un appuntamento attentamente monitorato. Alla Casa Bianca infatti si sono incontrati 18 amministratori delegati di aziende tecnologiche come Amazon, Apple, Ibm, Microsoft e Google con una capitalizzazione complessiva di 3.500 miliardi di dollari. L'obiettivo era quello di gettare le basi per aiutare il presidente Donald Trump a riorganizzare e modernizzare il governo, a prescindere dalle diverse vedute politiche. Questo perché come Barack Obama, Trump crede che Washington continui a essere troppo lenta nell'adattarsi ai cambiamenti dell'era digitale.

Usa, Georgia al voto: spese record per un test su Trump

Elezioni speciali per un seggio alla Camera, attenzione nazionale. Spesi oltre 50 milioni di dollari: una cifra senza precedenti per un seggio a Capitol Hill
Ap

I democratici di tutti gli Stati Uniti attendono con ansia e grandi aspettative il voto previsto domani in Georgia per assegnare il seggio alla Camera del sesto distretto, lasciato libero da Tom Price, diventato segretario alla Salute e ai Servizi umani dell'amministrazione Trump.

Wall Street da record

Nessun dato macroeconomico in agenda. Il presidente Donald Trump incontra gli amministratori delegati della Silicon Valley
AP

Fca: la West Virginia University trova discrepanze in test su emissioni

Monta la pressione sul gruppo, accusato dalle autorità Usa di avere violato gli standard con quasi 104.000 tra Ram e Grand Cherokee. L'azienda: risultati fuorvianti
Chrysler

I ricercatori della West Virginia University - la stessa istituzione che aiutò a scoprire lo scandalo dieselgate che colpì Volkswagen nel settembre 2015 - hanno trovato delle discrepanze nelle emissioni di vetture diesel di Fiat Chrysler Automobiles a seconda che siano misurate su strada o in laboratorio.

Wall Street, continuano a soffrire i titoli tech

Nuovo record per il Dow Jones, che archivia la quarta settimana di fila in rialzo
AP

È morto il cittadino americano detenuto 17 mesi in Corea del Nord

Otto Warmbier era stato liberato il 13 giugno e si trovava in coma, forse da più di un anno. Pyongyang detiene altri tre cittadini americani

È morto Otto Warmbier, il cittadino americano di 22 anni liberato la settimana scorsa dal regime della Corea del Nord. Si trovava in coma dal marzo del 2016 secondo quando ha fatto sapere il regime di Pyongyang. La famiglia - che ha diffuso la notizia - aveva detto che aveva gravi danni neurologici. Warmbier, 22 anni, era stato liberato la settimana scorsa dopo 17 mesi di detenzione: si trovava in Corea del Nord come turista quando era stato arrestato il 2 gennaio 2016 e poi condannato a 15 anni di lavori forzati per aver cercato di rubare un cartellone della propaganda del regime in un albergo. Il giovane, dopo un processo per direttissima di solo un'ora, era stato condannato con l'accusa di "atto ostile contro lo stato".