Candidati Dem a caccia di voti in New Hampshire

La convention statale è stata una vetrina per i pretendenti meno conosciuti e l'occasione, per tutti, di presentarsi come l'anti-Trump
Ap

Le elezioni del 2020 saranno un referendum sul tipo di Paese che gli Stati Uniti vogliono essere. Ne sono convinti i candidati alle primarie democratiche, accorsi in New Hampshire per la convention statale, dove hanno chiesto il sostegno delle migliaia di attivisti presenti, promettendo, ciascuno di loro, di essere il candidato capace di unire il partito e battere il presidente Donald Trump.

Tutti d'accordo nell'accusare Trump di seminare odio e minacciare la democrazia. "Il presidente ha liberato le forze più oscure di questa nazione. Non possiamo e non lasceremo che quest'uomo sia rieletto" ha detto l'ex vicepresidente Joe Biden, il favorito per la nomination democratica. Ciascuno di loro, però, ha cercato naturalmente di presentarsi come il volto nuovo, o quello rassicurante, necessario per galvanizzare la base e vincere le elezioni.

Il New Hampshire ha da sempre un ruolo fondamentale nelle primarie, dato che è il primo Stato a organizzarle (dopo i caucus dell'Iowa), indirizzando quindi elettori e donazioni per il prosieguo della corsa elettorale. Alla convention, 19 candidati alla nomination si sono dati il cambio sul palco, per un discorso, ciascuno, di 10 minuti.

I sondaggi mostrano un vantaggio ridotto di Biden sul senatore Bernie Sanders, che vinse le primarie del 2016 con il 60% dei voti, e sulla senatrice Elizabeth Warren. Tra leader del partito e candidati, comunque, c'è la consapevolezza che tutta possa ancora succedere, prima del voto di febbraio; candidati come il sindaco di South Bend, Pete Buttigieg, e l'ex ministro Julian Castro sono convinti che ci sia voglia di facce nuove. "Abbiamo bisogno di una nuova generazione di leader" ha detto Castro, aggiungendo di poter riportare alle urne la coalizione di giovani, minoranze ed elettori non frequenti che fecero vincere Barack Obama nel 2008 e 2012.

La convention è arrivata in un momento cruciale, tra l'ultimo weekend di vacanze estive, quello del Labor Day, che segna l'inizio di una campagna politica più intensa, e il terzo dibattito democratico, che si terrà a Houston il 12 settembre e vedrà la partecipazione di 10 candidati. Per gli altri, la convention è stata un'opportunità fondamentale per farsi conoscere.


Verso il terzo dibattito

Secondo la media dei sondaggi di Real Clear Politics, Biden è in testa in New Hampshire con il 21%, seguito da Sanders (19,3%) e Warren (14,7%); più staccati la senatrice Kamala Harris con il 9% e Buttigieg con il 7%. A livello nazionale, Biden è in testa con il 30,1%, seguito da Warren (17,6%) e Sanders (16,9%); poi Harris (6,7%) e Buttigieg (4,4%). Oltre a questi cinque candidati, al terzo dibattito parteciperanno i senatori Cory Booker e Amy Klobuchar, l'ex ministro Castro, l'ex deputato Beto O'Rourke e l'imprenditore Andrew Yang. Per partecipare, era necessario ottenere il 2% in almeno quattro sondaggi e donazioni da 130.000 persone. Per i primi due dibattiti, invece, si erano qualificati 20 candidati, costringendo il partito a dividerli in due serate. I qualificati per il dibattito di settembre si qualificano automaticamente per quello di ottobre, a cui comunque potranno partecipare anche i candidati non qualificatisi per il prossimo dibattito, se raggiungeranno i requisiti richiesti. Al momento, ci sono 20 candidati alla nomination democratica: dopo la mancata qualificazione al terzo dibattito, la senatrice Kirsten Gillibrand ha annunciato il ritiro.

Altri Servizi

Wall Street, giornata di trimestrali e Fed

L'attenzione resta anche sulla diffusione del coronavirus
AP

Wall Street preoccupata dal coronavirus

Dati in programma: vendite di case nuove, indice manifatturiero Fed di Dallas
AP

Wall Street vuole ripartire dopo la peggiore seduta da ottobre

Giornata di trimestrali e dati macro. Attesa anche per il piano di pace in Medio Oriente di Trump
AP

Terzo caso di coronavirus in Usa; i morti in Cina salgono a 56

Oltre 2.000 i casi accertati in tutto il mondo
U.S. Department of Defense

Gli Stati Uniti hanno confermato la presenza di una terza persona infetta dal coronavirus proveniente dalla Cina e che continua a diffondersi pericolosamente in tutto il mondo. Si tratterebbe di una persona in California che e’ stato a Wuhan, la citta’ della Cina centrale da dove si crede abbia origine il virus.

Trump: "I palestinesi reagiranno male, ma l'accordo di pace è positivo per loro"

Il presidente Usa svelerà nei prossimi giorni il suo piano
Ap

"Sono sicuro che forse reagiranno negativamente in un primo momento, ma in realtà è molto positivo per loro. Hanno un sacco di incentivi". Questo il commento del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, sulla possibile reazione dei palestinesi all'accordo di pace in Medio Oriente; l'amministrazione statunitense sta lavorando da tempo a un piano.

Inizia la difesa di Trump nel processo di impeachment al Senato

Difesa avra' 3 giorni a disposizione per presentare i propri argomenti
AP

Dopo i tre giorni concessi all’accusa per le argomentazioni iniziali nel processo di impeachment contro il presidente statunitense Donald Trump, oggi e’ il turno della difesa. Ad inaugurare i tre giorni a disposizione della difesa ci ha pensato il consigliere della Casa Bianca, Pat Cipollone.

Primarie e caucus, breve guida al processo di scelta dei candidati presidenziali Usa

I pretendenti alla nomination si sfidano in ogni Stato, tra l'inverno e la primavera, per ottenere la maggioranza dei delegati, che eleggeranno il candidato durante la convention di partito. Si parte il 3 febbraio in Iowa
Ap

Ogni quattro anni, i candidati alle presidenziali statunitensi competono nei singoli Stati del Paese per guadagnare la nomination del proprio partito, nel processo politico più complesso, lungo e costoso al mondo. In gioco, in ogni Stato, c'è un determinato numero di delegati, ovvero di persone che lo rappresenteranno alla convention nazionale del partito e che saranno obbligati a votare - almeno al primo scrutinio - per un determinato candidato (pledged delegates), in base al voto degli elettori e al sistema elettorale; la selezione e l'assegnazione dei delegati, a livello locale e statale, sono piuttosto complesse. Il candidato che ottiene la maggioranza dei delegati nel corso delle primarie e dei caucus, organizzati tra l'inverno e la primavera precedenti alle elezioni, sarà il candidato del partito alle presidenziali di novembre.

Commercio, Trump firma l'Usmca: "Mettiamo fine all'incubo Nafta"

Si tratta dell'accordo con Messico e Canada. Democratici decisivi per l'approvazione, ma non invitati alla cerimonia alla Casa Bianca
Ap

 "Finalmente stiamo mettendo fine all'incubo Nafta. Questa è una colossale vittoria per i nostri agricoltori, allevatori, operai e tutti i lavoratori americani in tutti e 50 gli Stati". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, alla cerimonia per la firma sull'Usmca, l'accordo commerciale con Messico e Canada che sostituirà il Nafta.

Wall Street, preoccupa il coronavirus

Si teme l'emergenza sanitaria mondiale
AP

Wall Street, l'Oms rassicura sul coronavirus

Lo considera un'emergenza sanitaria in Cina, non nel. mondo
AP