Capire l'intelligenza. Ecco la missione di Tomaso Poggio, uno scienziato italiano a Boston.

"Investire nella ricerca è fondamentale per l'economia di una nazione"

Tomaso Poggio non ha dubbi: capire l’intelligenza è il più grande problema della scienza. Comprendere il funzionamento del cervello porterebbe alla risoluzione di grandi questioni scientifiche e tecnologiche, così come di altri problemi più pratici in campo socio-economico. Ecco perchè al recente World Economic Forum di Davos, in Svizzera, c’era anche lui.
Da trent’anni neuroscienziato al MIT, il Massachusetts Institute of Technology di Boston, dove attualmente è a capo del Center for biological and computational learning, Poggio studia come riprodurre l’intelligenza umana su macchine e computer. “È più che altro per provare di aver capito come funziona, è una forma di controllo sulla comprensione del meccanismo” spiega. Ma intanto la sua ricerca è stata determinante per alcune delle più straordinarie scoperte nel campo della visione computerizzata. Un esempio su tutti: da un suo studio degli anni Novanta è stato possibile sviluppare la funzione, ormai presente in quasi tutte le macchine fotografiche digitali, di riconoscimento e messa a fuoco dei volti umani.
"Ritengo che l'investimento nella scienza e nella ricerca sia fondamentale per lo sviluppo e l'economia di una nazione" racconta a proposito del meeting di Davos. "Basti vedere cosa accade nel mondo negli ultimi 15 anni: le nazioni in crescita sono quelle che hanno investito di più nella ricerca. La lista comincia con Israele, e continua con Singapore, Svezia, Finlandia e Norvegia. Poi seguono la Svizzera e la Germania, che si piazza un po' meglio della media europea. Gli Stati Uniti, in questo momento, sono sotto la Germania". Parlando dell'America, nonostante l'amministrazione Obama stia puntando anche sulla formazione di insegnanti in materie scientifiche, Poggio non è troppo ottimista. "Il futuro degli Stati Uniti non è molto incoraggiante, vive ancora degli investimenti fatti decenni fa". Diverso è il caso di Israele e Singapore, "due Paesi piccoli, senza risorse naturali. Ma ora Singapore è una specie di super Svizzera in Asia, mentre Israele, che conta appena 5 milioni di abitanti, ha più società quotate al Nasdaq che qualsiasi altra nazione, e investe 4-5 volte l'Italia nella ricerca". E le grandi università statunitensi? Che ruolo hanno? "Continuerannno a fare bene per un po' perchè sono indipendenti, e frequentate da studenti per lo più educati all'estero. Attualmente direi che il 50 per cento dei nuovi iscritti al MIT viene dall'Asia. Ci sono anche diversi studenti italiani che lavorano con me, molto bravi. Al di là degli investimenti, in Italia ci sono persone capaci. Ma per la crescita della nazione, in una prospettiva a lungo termine, non bastano poche persone eccezionali". Anche perchè, come Poggio, poi finiscono a Boston.
Dopo essersi formato come fisico teorico a Genova, la sua città natale, Poggio si è trasferito a Tubinga, vicino a Stoccarda, dove per quasi dieci anni ha lavorato all'Istituto Max Plank. "In Germania l'oggetto dei miei studi era come funzionava il sistema visivo della mosca" spiega Poggio. "Se la mosca ha circa un milione di neuroni, la nostra corteccia, per dare un'idea, è circa un milione di mosche". Da Tubinga ha poi cominciato a lavorare con dei ricercatori del MIT di Boston, tra cui il neuroscienziato David Marr, "purtroppo scomparso molto giovane". Nel 1980 è arrivata poi dal MIT "un'offerta che, come si suol dire, non potevo rifiutare. E da trent'anni sono lì, anche se torno spesso in Italia per piacere e per la mia famiglia. Adesso ho poi avviato anche una collaborazione con l'Università e l'Istituto Italiano di Tecnologia di Genova".
"Al momento stiamo cercando di sviluppare una teoria che sembra quasi troppo bella per essere vera” racconta Poggio. “Si tratta di uno studio sullo sviluppo cognitivo dei bambini che permetterebbe di capire come la loro mente impara dall’esperienza”, come per esempio si acquisisce il linguaggio o si interpretano i gesti altrui. È uno studio sull’apprendimento, “sui principi che regolano certe proprietà della corteccia visiva”. Ci sono infatti parti del cervello specializzate in determinate attività "intelligenti", come il riconoscimento degli oggetti, che si sviluppano e funzionano in maniera indipendente dalle qualità misurate nell IQ test. La grande ironia nel campo dell'intelligenza artificiale, racconta Poggio, è che le funzioni che ci sembrano più semplici e spontanee, come apprendere una lingua e provare emozioni, sono quelle più difficile da riprodurre nelle macchine, che invece possono essere programmate per effettuare operazioni e calcoli molto difficili per il cervello umano.
Ma non si prova alcun timore all'idea che l'intelligenza umana possa essere riprodotta in una macchina? "La scienza e la tecnologia possono fare paura, basti pensare alle implicazioni etiche di certe ricerche nel campo della genomica e della genetica - spiega - quasi ogni braccio della ricerca può rivelarsi pericoloso, ma sembra che per ora il discorso non valga per la neuroscienza. Tutto poi dipende chiaramente dall'uso che ne fanno gli scienziati. Personalmente non trovo inconcepibile che macchine più intelligenti di noi possano essere il prossimo passo dell'evoluzione".

Altri Servizi

Wall Street, pesano i ribassi dei titoli tech

Si prospetta altra giornata in calo. Borse asiatiche giù
iStock

Wall Street, l'attenzione resta sulla guerra commerciale Usa-Cina

Tensioni al vertice Apec, ora si aspetta il G20 di fine mese
AP

Commercio, Trump: "La Cina vuole un accordo, penso che lo troveremo"

Il presidente Usa: "Ma serve commercio reciproco: la Cina è così oggi grazie a noi"

"La Cina vuole un accordo commerciale" con gli Stati Uniti e "penso che lo troveremo". Con queste parole, il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha espresso il proprio ottimismo sui rapporti tra le due principali potenze mondiali, parlando con i giornalisti alla Casa Bianca.

Petrolio: Arabia Saudita vs Usa

Alla riunione dell'Opec del 6 dicembre, Riad punta a tagliare la produzione per sostenere i prezzi. Washington contraria. Tensioni tra i due alleati, uniti nell'indebolire l'Iran

Uniti sul piano geopolitico nel contrastare l'Iran, Stati Uniti e Arabia Saudita sono sempre più divisi sul fronte petrolifero. Riad vuole ridurre la produzione di greggio per sostenere i prezzi, scesi di oltre il 20% dai massimi di quattro anni di inizio ottobre. Washington è invece contraria a un taglio dell'output e insiste nel volere prezzi più bassi. La diversa strategia sta creando tensioni da un lato tra Arabia Saudita e Russia, impegnati dal gennaio 2017 a riequilibrare il mercato petrolifero, e dall'altro tra Arabia Saudita e Usa, due alleati la cui relazione è già messa alla prova dal caso Jamal Khashoggi, il giornalista saudita ucciso il 2 ottobre scorso non appena mise piede nel consolato del suo Paese a Istanbul (Turchia); un'inchiesta condotta dal Paese del Golfo ha esonerato da ogni responsabilità il principe erede al trono  Mohammed bin Salman (Mbs), che invece per la Cia ha ordinato l'assassinio del reporter da un anno in auto-esilio in Usa (almeno stando a quanto riferito dal Washington Post).

Buffett scommette su Jpm, annuncia quota da 4 miliardi di dollari

L'uomo a capo di Berkshire Hathaway è ottimista sul settore bancario Usa. Punta anche su Oracle. Esce da Walmart
AP

Warren Buffett scommette su JP Morgan e il settore bancario americano in generale. Berkshire Hathaway, la conglomerata controllata dal celebre investitore, ha annunciato una partecipazione nella banca di Jamie Dimon con cui all'inizio del 2018 aveva unito le forze insieme ad Amazon per lanciare una joint venture volta a ridurre i costi sanitari per i rispettivi dipendenti.

Usa e Cina: è scontro per influenzare l'Asia. L'Apec finisce senza comunicato

Con un duello di dichiarazioni, Pence e Xi hanno messo in evidenza le tensioni non solo commerciali tra le due potenze mondiali

Per la prima volta nei 29 anni di storia dell'Asia Pacific Economic Cooperation (Apec), il summit che si è svolto nel fine settimana in Papua Nuova Guinea si è chiuso di domenica senza un comunicato. Colpa degli scontri tra Cina e Stati Uniti, protagonisti non solo di una guerra commerciale portata avanti a colpi di dazi ma anche di una sfida per esercitare la maggiore influenza economica e politica tra le nazioni che si affacciano sul Pacifico.

Facebook respinge le accuse del Nyt sul tentativo di nascondere gli scandali: "Semplicemente false"

Zuckerberg e Sandberg rispondono al quotidiano, secondo cui i due manager avrebbero cercato di non far emergere le prove contro la società, spargendo poi informazioni false su rivali e critici
Facebook

Mark Zuckerberg e Sheryl Sandberg, amministratore delegato e direttrice operativa di Facebook, hanno respinto le accuse lanciate dal New York Times, che in un articolo ha sostenuto che i due manager avrebbero nascosto le prove sul Russiagate e sullo scandalo Cambridge Analytica per non danneggiare la società. Zuckerberg ha detto che l'articolo è "semplicemente falso" e ha difeso Sandberg, affermando che nessuno dei due era a conoscenza della collaborazione con Definers Public Affairs, una società di comunicazione politica di stampo conservatore, che sarebbe stata usata per screditare rivali come Google e Apple e critici di Facebook come il miliardario George Soros. Dopo la pubblicazione dell'articolo del New York Times, Facebook ha rescisso il contratto con Definers.

La Fda limita la vendita di e-cigarette aromatizzate, vuole il divieto sulle sigarette al mentolo

Battaglia dell'ente regolatorio statunitense contro "l'incredibile" aumento dell'uso delle sigarette elettroniche tra gli adolescenti. La dipendenza dalle sigarette al mentolo più pericolosa di quella dalle sigarette tradizionali

La Food and Drug Administration (Fda) ha annunciato che limiterà la vendita delle sigarette elettroniche aromatizzate, vietando la gran parte degli aromi disponibili sul mercato, e che ha intenzione di vietare la vendita delle sigarette al mentolo.

Terrorismo, Trump potrebbe aggiungere il Venezuela alla lista nera

Caracas potrebbe finire in compagnia di Corea del Nord, Iran, Sudan e Siria. A spingere per l'inserimento nella blacklist è un gruppo di parlamentari repubblicani, guidato dal senatore Marco Rubio
AP

L'amministrazione Trump si prepara ad aggiungere il Venezuela alla lista statunitense dei Paesi che sostengono il terrorismo. Lo scrive il Washington Post - citando e-mail governative e funzionari - secondo cui si tratterebbe di una drammatica escalation contro il governo socialista di Nicolas Maduro.

Elezioni Usa, cinque seggi al Congresso ancora da assegnare a due settimane dal voto

Risolti i casi più spinosi, in Georgia e Florida, ci sono ancora un posto in Senato e quattro alla Camera in bilico
Ap

Nei giorni scorsi, sono stati decisi tutti i confronti elettorali che animavano il dibattito politico negli Stati Uniti: in Georgia, il repubblicano Brian Kemp ha sconfitto la democratica Stacey Abrams per la carica di governatore; in Florida, hanno vinto i repubblicani Ron DeSantis per la carica di governatore e Rick Scott per un seggio in Senato. A due settimane dalle elezioni di metà mandato, però, cinque confronti restano ancora senza un vincitore: in ciascun caso, è un repubblicano a difendere il seggio.