Capire l'intelligenza. Ecco la missione di Tomaso Poggio, uno scienziato italiano a Boston.

"Investire nella ricerca è fondamentale per l'economia di una nazione"

Tomaso Poggio non ha dubbi: capire l’intelligenza è il più grande problema della scienza. Comprendere il funzionamento del cervello porterebbe alla risoluzione di grandi questioni scientifiche e tecnologiche, così come di altri problemi più pratici in campo socio-economico. Ecco perchè al recente World Economic Forum di Davos, in Svizzera, c’era anche lui.
Da trent’anni neuroscienziato al MIT, il Massachusetts Institute of Technology di Boston, dove attualmente è a capo del Center for biological and computational learning, Poggio studia come riprodurre l’intelligenza umana su macchine e computer. “È più che altro per provare di aver capito come funziona, è una forma di controllo sulla comprensione del meccanismo” spiega. Ma intanto la sua ricerca è stata determinante per alcune delle più straordinarie scoperte nel campo della visione computerizzata. Un esempio su tutti: da un suo studio degli anni Novanta è stato possibile sviluppare la funzione, ormai presente in quasi tutte le macchine fotografiche digitali, di riconoscimento e messa a fuoco dei volti umani.
"Ritengo che l'investimento nella scienza e nella ricerca sia fondamentale per lo sviluppo e l'economia di una nazione" racconta a proposito del meeting di Davos. "Basti vedere cosa accade nel mondo negli ultimi 15 anni: le nazioni in crescita sono quelle che hanno investito di più nella ricerca. La lista comincia con Israele, e continua con Singapore, Svezia, Finlandia e Norvegia. Poi seguono la Svizzera e la Germania, che si piazza un po' meglio della media europea. Gli Stati Uniti, in questo momento, sono sotto la Germania". Parlando dell'America, nonostante l'amministrazione Obama stia puntando anche sulla formazione di insegnanti in materie scientifiche, Poggio non è troppo ottimista. "Il futuro degli Stati Uniti non è molto incoraggiante, vive ancora degli investimenti fatti decenni fa". Diverso è il caso di Israele e Singapore, "due Paesi piccoli, senza risorse naturali. Ma ora Singapore è una specie di super Svizzera in Asia, mentre Israele, che conta appena 5 milioni di abitanti, ha più società quotate al Nasdaq che qualsiasi altra nazione, e investe 4-5 volte l'Italia nella ricerca". E le grandi università statunitensi? Che ruolo hanno? "Continuerannno a fare bene per un po' perchè sono indipendenti, e frequentate da studenti per lo più educati all'estero. Attualmente direi che il 50 per cento dei nuovi iscritti al MIT viene dall'Asia. Ci sono anche diversi studenti italiani che lavorano con me, molto bravi. Al di là degli investimenti, in Italia ci sono persone capaci. Ma per la crescita della nazione, in una prospettiva a lungo termine, non bastano poche persone eccezionali". Anche perchè, come Poggio, poi finiscono a Boston.
Dopo essersi formato come fisico teorico a Genova, la sua città natale, Poggio si è trasferito a Tubinga, vicino a Stoccarda, dove per quasi dieci anni ha lavorato all'Istituto Max Plank. "In Germania l'oggetto dei miei studi era come funzionava il sistema visivo della mosca" spiega Poggio. "Se la mosca ha circa un milione di neuroni, la nostra corteccia, per dare un'idea, è circa un milione di mosche". Da Tubinga ha poi cominciato a lavorare con dei ricercatori del MIT di Boston, tra cui il neuroscienziato David Marr, "purtroppo scomparso molto giovane". Nel 1980 è arrivata poi dal MIT "un'offerta che, come si suol dire, non potevo rifiutare. E da trent'anni sono lì, anche se torno spesso in Italia per piacere e per la mia famiglia. Adesso ho poi avviato anche una collaborazione con l'Università e l'Istituto Italiano di Tecnologia di Genova".
"Al momento stiamo cercando di sviluppare una teoria che sembra quasi troppo bella per essere vera” racconta Poggio. “Si tratta di uno studio sullo sviluppo cognitivo dei bambini che permetterebbe di capire come la loro mente impara dall’esperienza”, come per esempio si acquisisce il linguaggio o si interpretano i gesti altrui. È uno studio sull’apprendimento, “sui principi che regolano certe proprietà della corteccia visiva”. Ci sono infatti parti del cervello specializzate in determinate attività "intelligenti", come il riconoscimento degli oggetti, che si sviluppano e funzionano in maniera indipendente dalle qualità misurate nell IQ test. La grande ironia nel campo dell'intelligenza artificiale, racconta Poggio, è che le funzioni che ci sembrano più semplici e spontanee, come apprendere una lingua e provare emozioni, sono quelle più difficile da riprodurre nelle macchine, che invece possono essere programmate per effettuare operazioni e calcoli molto difficili per il cervello umano.
Ma non si prova alcun timore all'idea che l'intelligenza umana possa essere riprodotta in una macchina? "La scienza e la tecnologia possono fare paura, basti pensare alle implicazioni etiche di certe ricerche nel campo della genomica e della genetica - spiega - quasi ogni braccio della ricerca può rivelarsi pericoloso, ma sembra che per ora il discorso non valga per la neuroscienza. Tutto poi dipende chiaramente dall'uso che ne fanno gli scienziati. Personalmente non trovo inconcepibile che macchine più intelligenti di noi possano essere il prossimo passo dell'evoluzione".

Altri Servizi

Mueller: nessuna collusione con la Russia. Trump esulta

Prove insufficienti per dimostrare il contrario ma il procuratore speciale non esclude che il presidente abbia ostacolato il corso della giustizia. E' il segretario alla Giustizia a determinare che non ha commesso alcun crimine

Tra la campagna di Donald Trump e la Russia non c'è stata collusione. E' questa la conclusione a cui è giunto Robert Mueller, il procuratore speciale che venerdì 22 marzo aveva concluso dopo 22 mesi la sua inchiesta sul cosiddetto Russiagate. Se lui non si è sentito di escludere che Trump abbia ostacolato il corso della giustizia, è stato il segretario della Giustizia ad avere deciso che su questo il 45esimo presidente non si è macchiato di alcun crimine. E così la Casa Bianca ha subito festeggiato sostenendo che il leader Usa è stato "totalmente" assolto. 

Wall Street corre con i tech guidati da Apple

Incertezze sui negoziati Usa-Cina. Si digeriscono i segnali misti giunti dalla Fed
iStock

Fca: Elkann aperto a un merger (FT)

Il produttore italo-americano di auto avrebbe avuto contatti non solo con la francese Peugeot ma anche con gruppi cinesi e coreani
Fca

Il presidente di Fiat Chrysler Automobiles, John Elkann, sarebbe disposto a riaprire il capitolo dei merger. L'erede della famiglia Agnelli, azionista principale del produttore italo-americano di auto, vorrebbe diluire la partecipazione di Exor, la cassaforte di famiglia, in Fca se il gruppo unirà le forze con un'azienda rivale. E' il Financial Times a scriverlo, due giorni dopo indiscrezioni del Wall Street Journal secondo cui all'inizio del 2019 il francese PSA Group, che controlla il marchio Peugeot, aveva contatto Fca per un merger che avrebbe creato un gruppo da 45 miliardi di di dollari; stando al Wsj, proprio gli Agnelli sarebbero stati contrari.

Shutterstock

A febbraio, il deficit di bilancio negli Stati Uniti ha raggiunto un record superando quello di sette anni fa. E' il risultato di un aumento delle spese federali e di un calo delle entrate garantite dalle tasse versate da persone e aziende. Ciò riflette la politica fiscale espansiva voluta dall'amministrazione Trump, che prima del Natale 2017 approvò la maggiore riforma fiscale (con taglio delle aliquote) dagli anni '80.

Apple punta sui servizi con video, notizie e carta di credito

Oprah Winfrey, Steven Spielberg, J.J. Abrams e Jennifer Aniston tra le personalità reclutate per produrre contenuti orginali

Quasi tre mesi dopo avere annunciato un raro taglio delle stime sui ricavi, colpa della debolezza del suo iPhone, Apple punta sui servizi. Dal Steve Jobs Theatre a Cupertino, in California, il Ceo Tim Cook ha lanciato un nuovo servizio di notizie, un nuovo sistema di pagamento con carta di credito, un servizio di abbonamento per videogiochi, una app per l'Apple TV e TV+, il tanto atteso servizio di video in streaming su abbonamento. Con contenuti originali, il colosso tech sfida Netflix, Amazon ma anche Walt Disney.

Levi Strauss torna in borsa e fa il botto

Per un giorno il Nyse fa uno strappo alla regola e consente l'uso dei jeans ai trader che popolano il floor del Nyse

Ritorno in borsa con il botto per Levi Strauss. Il titolo del produttore di jeans -  già quotato nel 1971 e poi delistato nel 1984 - ha iniziato gli scambi a 22,22 dollari, in rialzo del 30,7% sul prezzo di collocamento fissato il giorno precedente a 17 dollari. Già quello era stato un segnale della forte domanda degli investitori, visto che la forchetta precedentemente indicata era pari a 14-16 dollari. La sua prima giornata di scambi è finita in aumento di quasi il 32% a 22,41 dollari.

Russiagate: il rapporto di Mueller resta (almeno per ora) top secret

Trump stranamente silenzioso. I suoi supporter pronti a festeggiare l'assenza di nuove incriminazioni. I Dem premono per la pubblicazione del documento
Da sinistra, Robert Mueller e Adam Schiff AP

Non prima di domenica. Il contenuto del rapporto consegnato venerdì 22 marzo da Robert Mueller al segretario alla Giustizia resterà top secret almeno per un altro giorno.

Enron: dopo la truffa, l'ex Ceo lascia il carcere e ci riprova

Secondo fonti del Wall Street Journal, Jeffrey Skilling sta discutendo con ex colleghi una nuova impresa nel settore energetico
AP

Dopo oltre 12 anni di carcere, l'uomo al centro di uno dei più grandi scandali della storia aziendale americana intende tornare a mettere piede nel settore in cui è diventato simbolo di una bancarotta fraudolenta: quello energetico. L'ex Ceo di Enron, Jeffrey Skilling, ha lasciato la prigione dopo essere stato incriminato nel 2006 per frode, cospirazione e insider trading. E' sotto la sua guida che Enron è fallita nel giro di pochi mesi nel 2001 a causa di pratiche contabili tutt'altro che lecite che hanno messo fine alla società di revisione Arthur Andersen.