Carne di cavallo: perchè in America mangiarla è tabù

Gli americani seguono inorriditi lo scandalo "europeo" della carne equina nascosta nei cibi confezionati di alcune multinazionali. Ma perché provano tanta repulsione all'idea di mangiare cavallo?

E’ per ora uno “scandalo europeo” quello dell’utilizzo non dichiarato di carne equina nei prodotti di alcune grandi aziende (prima gli hamburger di Burger King in Irlanda, poi in Francia il ragù delle lasagne surgelate Findus, e da ultimo il ripieno dei ravioli Buitoni, sempre della Findus e quindi della svizzera Nestlé) che da qualche settimana non cessa di occupare i notiziari. Eppure i media americani, di solito non esattamente ossessionati da ciò che accade all'estero, lo stanno seguendo con costante attenzione. E a volte con ironia: "La prossima volta che vi capita di mangiare in Irlanda, prendete solo le patate" scherza ad esempio una cronista di Businessweek. Perché tanto clamore anche oltreoceano? A parte l’ovvia questione della corretta informazione e dei controlli sanitari, cosa c’è di male nel mangiare carne di cavallo?

Nulla, da un punto di vista prettamente nutrizionale: la carne equina fa benissimo. E nemmeno sotto il profilo gastronomico: è molto buona. Eppure, negli Stati Uniti la gente non la pensa così. L’ultima volta che la carne di cavallo venne proposta come prodotto alimentare di massa sul mercato americano, fu durante la Seconda Guerra Mondiale, per far fronte alla scarsità di quella bovina. Ma si trattava di un surrogato di ripiego. Oggi in alcuni Stati è addirittura vietato per legge servire carne di cavallo nei ristoranti: ad esempio in California, lo Stato più popoloso dell’Unione, dove il divieto venne introdotto per referendum nel 1998. Lo stesso divieto vige in Oklahoma, e anche in Mississippi (mentre nessuno si scompone per il fatto che nei migliori ristoranti di New Orleans viene comunemente servita la carne di alligatore). Alcuni Stati, come il Texas, vietano la vendita della carne di cavallo ma non la sua macellazione; altri, come l’Illinois, fanno l’esatto contrario: si può macellarlo, ma solo per esportarlo (Chicago, storicamente, è la “macelleria d’America”).

A livello federale venne introdotto nel 2006 un divieto di macellazione degli equini, per bloccare una produzione che di fatto era destinata solo a mercati esteri (Canada e Messico, principalmente); l’amministrazione Obama lo ha però abrogato nel 2011 prendendo atto che l’unico risultato era stato quello di far spostare la macellazione oltreconfine, e di far venir meno i doverosi controlli sanitari sui cavalli destinati al macello. Ma a tenere la carne di cavallo fuori dal mercato alimentare a stelle e strisce è la mentalità diffusa, più della normativa. E non si tratta delle ritrosie di chi vive nella provincia più retrograda delle proverbiali comunictà rurali (dove spesso ancora oggi si viva con attorno i cavalli e li si usa per spostarsi nei grandi spazi). L'anno scorso nella liberal e cosmopolita New York lo chef del nuovo ristorante del MOMA fu costretto a furor di popolo a rinunciare a mettere in menu una tartare di cavallo, per via delle proteste che subito montarono, con tanto di petizioni e mobilitazioni.

Il problema è solo culturale. Gli americani hanno ereditato dagli inglesi l’abitudine di non mangiare carne di cavallo; poi, il ruolo centrale che questo animale ha avuto nella società americana fino ad un secolo fa non ha potuto che acuire questa tradizione. Che però non sottende nulla di razionale: solo un antico preconcetto. “Cameriere c’è un cavallo nelle mie lasagne” scherza per sdrammatizzare un recente articolo del Daily Beast che tenta di aiutare il lettore a spogliarsi dell’inutile pregiudizio. Ma in questi giorni l’irrazionalità di questa tradizione viene evidenziata persino sul sito della conservatrice Fox News.

In realtà da anni gli intellettuali americani esprimono sufficienza rispetto alla irrazionalità del tabù che oltreoceano colpisce la ippofagia. Sono però riflessioni di una elite. Per la stragrande maggioranza degli americani, l’idea di cibarsi di un cavallo suona orribile, quasi come quella di mangiare un cane. E’ così, e basta. Anche se in America pochi posseggono un cavallo, nell’immaginario collettivo esso è ancora considerato un pet, un animale d’affezione. Mangiarlo è quindi un atto disgustoso – mentre non lo è mangiare carne di bisonte, che viene fieramente servita ad esempio nei ristoranti della catena Ted’s Montana Grill creata dal fondatore della CNN Ted Turner.

Altri Servizi

Zuckerberg presenta Libra: "Usare denaro sarà facile come condividere foto"

 La criptovaluta disponibile dalla prima metà del 2020

"Con Libra, usare denaro sarà facile come condividere foto". Questo il messaggio con cui il Ceo Mark Zuckerberg ha presentato la criptovaluta di Facebook, che sarà disponibile dalla prima metà del 2020 e con cui spera di rivoluzionare il mondo dei pagamenti. "La missione di Libra è creare una semplice infrastruttura finanziaria globale per miliardi di persone in tutto il mondo. Aspiriamo a rendere facile per tutti inviare e ricevere denaro proprio come si usano le nostre app per condividere istantaneamente messaggi e foto" ha scritto Zuckerberg, in un post sul suo profilo Facebook.

La Fed non taglierà i tassi a giugno. Ecco perché

Probabilmente, ci sarà più di una riduzione dei tassi nel 2019. Ma il summit del G20, la volontà di resistere alle pressioni e la riluttanza nel rendere un errore il rialzo di dicembre spingono il Fomc ad attendere
AP

Tutti sono ormai convinti che la Fed, prima o poi, taglierà i tassi nel corso dell'anno: il mercato crede che potrebbero esserci fino a tre tagli nel 2019 e spinge per una riduzione al più presto. La Banca centrale, però, avrebbe intenzione di lasciare invariati i tassi ala prossima riunione del Federal Open Market Committee, il braccio monetario della Banca centrale, in programma il 18 e 19 giugno.

Alla Casa Bianca (da Pence) arriva Salvini, il leader europeo più simile a Trump

Due giorni a Washington per il ministro dell'Interno, che incontrerà il vicepresidente e Mike Pompeo, il segretario di Stato. Non è da escludere un breve incontro con il presidente Trump, secondo Bloomberg
AP

Se c'è qualcuno, in Europa occidentale, che politicamente somigli al presidente statunitense Donald Trump, questi è Matteo Salvini, scrive il Washington Post. Nei suoi comizi parla contro le frontiere aperte, di mettere "prima gli italiani"; fa un uso frenetico dei social media, su cui parla della minaccia portata dagli immigrati, e presenta il suo taglio alle tasse come una cura "alla Trump" contro la stagnazione.

Attese a Washington oltre 300 aziende per dire no ai dazi di Trump contro la Cina

Parteciperanno ad audizioni sui dazi del 25% proposti da Trump su 300 miliardi di dollari. Ross: presidente pronto ad adottarli

Centinaia di aziende sono arrivate a Washington per dire no ai dazi del 25% ventilati da Donald Trump su 300 miliardi di dollari di importazioni cinesi. Insieme, la Corporate America sosterrà che le tariffe doganali proposte dal presidente Usa fanno male al business. Esse potrebbero essere adottate dopo il G20 di fine mese in Giappone; Trump ha infatti più volte minacciato la loro entrata in vigore se il presidete cinese Xi Jinping non lo incontrerà al summit di Osaka in calendario dal 28 al 29 giugno.

Il sindacato non entra nello stabilimento Volkswagen in Tennessee

I lavoratori della fabbrica di Chattanooga hanno votato contro lo Uaw
Ap

Lo United Auto Workers (Uaw) ha subito un'altra pesante sconfitta nello stabilimento Volkswagen di Chattanooga, in Tennessee, dove i lavoratori hanno respinto per la seconda volta gli sforzi del sindacato statunitense per entrare nella fabbrica e organizzare i colletti blu.

In tribunale, Facebook dà la colpa agli utenti: "Avete distrutto voi la vostra privacy"

Pubblicamente, Zuckerberg dà molta importanza alla difesa della privacy degli iscritti, ma in tribunale si difende affermando che sul social network la riservatezza non esiste
AP

Nell'aprile 2018, il Ceo di Facebook, Mark Zuckerberg, si sedette davanti ai membri delle due Camere statunitensi, a cui disse che la sua società rispettava la privacy dei circa due miliardi di utenti. Zuckerberg menzionò la privacy più di due decine di volte, come quando disse alle commissioni di Giustizia e del Commercio del Senato che "abbiamo una responsabilità più ampia sulla protezione della privacy delle persone, che va oltre" le regole stabilite dall'autorità per la difesa della riservatezza. Davanti alla commissione Energia e Commercio della Camera, dichiarò: "Crediamo che tutti, nel mondo, abbiano diritto al controllo della privacy". Un anno dopo, Zuckerberg ha affermato in alcune interviste di voler ricostruire la sua società intorno alla difesa della riservatezza.

Mattel non vuole le nozze tra Barbie e Bratz

Il produttore di giocattoli ha responto per la terza volta dal 2015 la proposta di MGA Entertainment

Il matrimonio tra Barbie e Bratz non s'ha da fare. Almeno secondo Mattel, che ha respinto per l'ennesima volta le avance di MGA Entertainment. E il titolo corre al Nasdaq dell'8,8% a 11,76 dollari.

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, il braccio monetario della Banca centrale
AP

Wall Street attende le decisioni della Fed

Gli analisti credono che, per ora, i tassi resteranno invariati
AP

KKR lancia Opa su Axel Springer, valutato 6,8 miliardi di euro

La vedova del fondatore del gruppo proprietario del sito Business Insider e del giornale Bild favorevole. Si punta al delisting

Il fondo americano di private equity KKR ha lanciato un'offerta per comprare i titoli in circolazione del gruppo media tedesco Axel Springer, proprietario del sito Business Insider e del giornale Bild. KKR ha messo sul piatto 63 euro ad azione, cosa che valuta il gruppo 6,8 miliardi di euro. Si tratta di un premio del 40% sui 45,10 euro a cui il titolo Axel aveva chiuso la seduta il 29 maggio scorso, prima che iniziassero a circolare voci si una possibile transazione.