Casa Bianca: non atteso un rinvio di Trump sulla fine dei Dreamers, ma il loro rimpatrio non sarà una priorità

Lo ha detto il capo di gabinetto, John Kelly. La scelta del presidente di metter fine al Daca, in realtà, è stata sospesa da un tribunale e una decisione finale non è attesa prima dell'estate

La fine del Daca, il programma che protegge gli immigrati arrivati senza documenti negli Stati Uniti, per gli attuali beneficiari è prevista il 5 marzo e non sarebbe intenzione del presidente Donald Trump rinviarla. A dirlo è stato il capo di gabinetto della Casa Bianca, John Kelly, parlando con i giornalisti. "Dubito molto", ha detto Kelly, che Trump voglia o possa estendere una scadenza su un programma creato da Barack Obama e considerato dall'attuale amministrazione "incostituzionale, non basato sulla legge". Il Daca (Deferred Action for Childhood Arrivals) ha garantito un permesso di due anni, rinnovabile, per motivi di studio o lavoro a centinaia di migliaia di immigrati irregolari, i cosiddetti Dreamers.

Il 5 settembre scorso, Trump ha deciso che nessun altro immigrato, da quel giorno, avrebbe potuto chiedere per la prima volta di beneficiare del Daca, dando sei mesi al Congresso, quindi fino al 5 marzo, per trovare una soluzione per i Dreamers; dal 6 marzo, gli immigrati cominceranno a perdere la protezione garantita dai permessi, visto che non potranno essere rinnovati. Chi aveva il permesso in scadenza tra il 5 settembre e il 5 marzo, però, aveva solo un mese per chiederne il rinnovo e 22.000 persone non hanno presentato la richiesta: questo vuol dire che ci sono già migliaia di immigrati rimasti senza il Daca.

La scadenza del 5 marzo è in realtà già in sospeso, visto che un tribunale ha ordinato all'amministrazione di far ripartire il Daca e di "mantenerlo su base nazionale", in attesa che si concludano le cause contro la decisione di Trump; l'amministrazione ha presentato appello, ma una decisione difficilmente sarà presa prima dell'estate. Le persone che hanno il permesso in scadenza dopo il 5 marzo potrebbero però diventare vulnerabili, visto che per ottenere il rinnovo potrebbero essere necessari dei mesi. Kelly ha però spiegato che il rimpatrio dei cosiddetti Dreamers, una volta rimasti senza permesso, "non sarebbe una priorità".

Kelly ha poi difeso il piano sull'immigrazione presentato da Trump basato su quattro pilastri: una soluzione permanente sul Daca, il rafforzamento dei controlli alle frontiere, la fine della migrazione a catena e la cancellazione della lotteria per la Green Card. Un piano "generoso", soprattutto per quanto riguarda il percorso verso la cittadinanza, che non sarebbe aperto solo agli attuali 690.000 beneficiari del Daca, ma a 1,8 milioni di giovani immigrati senza documenti arrivati negli Stati Uniti da minorenni. Ieri, la Casa Bianca ha già respinto il piano bipartisan dei senatori McCain-Coons che prevedeva di prendere in considerazione solo una soluzione per i Dreamers e il rafforzamento della sicurezza al confine.

Altri Servizi

Wall Street spera nei negoziati commerciali tra Usa e Cina

A fine mese una delegazione cinese sarà a Washington
AP

Processo a Manafort, la giuria è entrata in camera di consiglio

Il destino dell'ex direttore della campagna elettorale di Trump è nelle mani di sei uomini e sei donne. Accusato di evasione fiscale e frodi bancarie legate al suo lavoro di consulenza in Ucraina
AP

E' affidato a sei uomini e sei donne il destino di Paul Manafort, colui che dal marzo all'agosto 2016 fu presidente della campagna dell'allora candidato repubblicano alle elezioni presidenziali americane. Dopo due settimane di processo, dodici giurati hanno infatti iniziato a deliberare per decidere se l'uomo vicino a Donald Trump, il 45esimo presidente Usa, abbia davvero compiuto frodi bancarie e fiscali per il lavoro di consulenza svolto tra il 2005 e il 2014 per politici ucraini pro-russi. Il rischio è che sia condannato a trascorrere decenni dietro le sbarre.

La stampa Usa unita per dire a Trump che non è "nemica del popolo"

Su iniziativa del Boston Globe, almeno 100 organizzazioni il 16 agosto pubblicheranno editoriali per criticare la retorica del presidente Usa. Il 43% degli elettori Gop darebbe a Trump il potere di chiudere giornali "cattivi"
Ap

Ripetutamente attaccata da Donald Trump come fonte di "fake news" e considerata sin dal suo primo giorno alla Casa Bianca una "nemica della gente", la stampa americana si prepara a unire le forze in un'operazione contro il presidente americano.

iStock

Walmart è protagonista di un rally grazie a una trimestrale che ha stracciato le stime degli analisti e a un miglioramento delle guidance per l'intero esercizio. A rincuorare è l'accelerazione della divisione online ma soprattutto il passo, il più veloce da 10 anni, con cui sono cresciute le vendite negli Stati Uniti.

Tesla: cda forma comitato speciale per valutare il delisting sognato da Musk

Nelle mani di tre persone la decisione sul buyout

Il consiglio di amministrazione di Tesla ha confermato di avere formato un comitato speciale per valutare il desiderio del Ceo Elon Musk di delistare il gruppo. Il comitato - composto da tre direttori indipendenti - "non ha ancora ricevuto una proposta formale da parte di Musk" né "ha raggiunto una conclusione sulla fattibilità della transazione".

Nfl, tornano le proteste e la crociata di Trump contro gli atleti

Atleti 'contro' l'inno nazionale, Trump:"Protestate in altro modo". Il primo fu Kaepernick, rimasto senza squadra. Lega e associazione giocatori in trattativa per evitare lo scontro in tribunale sull'obbligo di seguire in piedi 'The Star-Spangled Banner'

Insieme alla Nfl, è tornata la crociata del presidente statunitense Donald Trump contro le proteste durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Ieri sera, diversi giocatori hanno poggiato un ginocchio a terra o hanno alzato un pugno durante 'The Star-Spangled Banner', prima di alcune partite amichevoli in vista del prossimo campionato di football, per protestare contro la brutalità della polizia, la diseguaglianza razziale e l'ingiustizia sociale.

I gruppi di private equity si danno ai prestiti

A fine 2017 avevano concesso oltre 500 milioni di dollari ad aziende di medie dimensioni, contro i 300 milioni del 2012

Noti per essere proprietari di aziende, i gruppi di private equity stanno sempre più diventando anche i loro principali creditori. Sono disposti a concedere prestiti laddove le banche non lo farebbero un po' per via di regolazioni più stringenti e un po' per evitare i passi falsi passati.

©Ap

Nell'ultimo tentativo di dimostrare - agli investitori e all'autorità di Borsa Usa - che con i suoi tweet controversi del 7 agosto scorso faceva sul serio, il Ceo di Tesla ha detto di avere iniziato a lavorare con gli advisor per il delisting del produtture di auto elettriche.

Trump attacca i giornali uniti per difendere la libertà di stampa: "colludono"

Quasi in 350 hanno pubblicato editoriali per dire che non sono nemici della gente, come sostenuto dal presidente Usa

Donald Trump è tornato ad attaccare i media che hanno aderito a un'iniziativa lanciata dal Boston Globe e pensata per promuovere - a colpi di editoriali - la libertà di stampa e per dimostrare che i giornali "non sono nemici della gente" come invece sostenuto dal presidente americano.