Casa Bianca organizza vertice sul clima a margine dell'assemblea Onu

Nel gruppo ristretto di invitati l'Italia c'è, stando al ministero dell'Ambiente
AP

La Casa Bianca ha organizzato un vertice sul clima a margine dell'assemblea generale dell'Onu, che entrerà nel vivo la settimana prossima. A riunire ministri e funzionari per una colazione di lavoro prevista lunedì 18 settembre a New York sarà Gary Cohn, il consigliere economico del presidente americano Donald Trump.

La riunione - a cui sono state invitate le principali economie del mondo tra cui l'Italia, come riferito da un portavoce del ministero dell'Ambiente - è pensata come una "opportunità per ministri chiave con responsabilità su queste questioni di essere coinvolti in uno scambio informale di vedute e discussioni su come andare avanti nel modo più produttivo possibile". Così recita l'invito, riferisce il New York Times secondo cui il numero di partecipanti sarà ristretto; saranno presenti solo funzionari a livello ministeriale.

L'appuntamento arriva dopo la devastazione provocata dagli uragani Harvey e Irma, che hanno colpito rispettivamente il Texas il 25 agosto scorso e la Florida il 10 settembre. E' inoltre organizzato dopo la decesione - annunciata lo scorso giugno - dell'amministrazione Trump di volere uscire dallo storico accordo di Parigi sul clima che impegna quasi 200 nazioni a ridurre le emissioni di gas serra e ad aiutare le nazioni più vulnerabili a fare i conti con condizioni climatiche estreme.

Un segnale chiaro della volontà di Washington di affrontare il problema dato dal cambiamento climatico sarebbe un segnale interpretato positivamente. Formalmente, la Casa Bianca vuole trovare un modo per realizzare una delle tante promesse del presidente Usa: ridurre le emissioni senza ledere l'economia Usa. Perché l'America viene prima di tutto, come recita il motto caro a Trump "America First".

Sebbene gli Usa vogliano abbandonare l'accordo sul clima di Parigi, il governo ha presentato alle Nazioni Unite una lettera datata quattro agosto. In essa viene segnalata la possibilità che la prima economia al mondo - e la principale fonte di emissioni insieme alla Cina - resti nel patto. L'amministrazione Trump, si legge, "intende esercitare il suo diritto di ritirarsi dall'accordo a meno che gli Usa identifichino termini giudicati accettabili di un rinnovato coinvolgimento". Tecnicamente, nessuna nazione può formalmente ritirarsi dall'accordo fino al novembre 2020.

Altri Servizi

Trump: Putin è sincero, nessuna interferenza nelle elezioni americane

Sull'Air Force One, il presidente Usa ha parlato con i reporter in viaggio con lui in Asia. La Cia non cambia posizione: Putin è colpevole. E poi tra i due spunta un accordo per la pace in Siria.
AP

Le Ivy League e il denaro nei paradisi fiscali

I Paradise Papers hanno rivelato un giro di miliardi off-shore per non pagare le tasse. E adesso il Congresso vuole iniziare a tassare anche le donazioni, dopo anni di opposizione da parte dei repubblicani
iStock

Una seconda ginnasta olimpionica denuncia gli abusi sessuali subiti

Aly Raisman, dopo McKayla Maroney, accusa l'ex medico della nazionale statunitense, Larry Nassar

Pirelli riparte da Alice nel Paese delle Meraviglie per tornare a farci sognare

Ventotto immagini di Tim Walker per raccontare la storia di Lewis Carroll solo con modelli, attori e artisti neri. Tronchetti Provera: “Vogliamo parlare di libertà di espressione e di libertà in ogni senso, portare questo messaggi"

Russiagate, spunta un presunto piano per consegnare Gulen a Erdogan

Il procuratore speciale Mueller indaga sull'eventuale ruolo di Flynn, ex consigliere di Trump

Russiagate, Papadopoulos avrebbe mentito per proteggere Trump

Lo rivela una fonte di Abc News. Intanto, ha un nome la "nipote di Putin" (che non lo è) citata dall'ex consigliere in alcune e-email

News Corp torna all'utile, al lavoro con Google e Facebook per attirare abbonati

Nel suo primo trimestre fiscale, profitti superiori alle stime. Bene anche i ricavi. Il Wall Street Journal contava 1,318 milioni di utenti digitali attivi quotidianamente nei tre mesi al 30 settembre
iStock

Walt Disney: i conti deludono, annuncia nuova trilogia di Guerre Stellari

Ricavi sotto le stime. Pesa un forte calo della divisione cinematografica; si salva quella dei parchi e dei resort nonostante l'effetto negativo sulle attività in Florida dato dall'uragano Irma. No comment su trattative con 21st Century Fox
AP

Ceo di AT&T: regolatori Usa non hanno mai chiesto vendita Cnn

Fonte del governo conferma: mai forzata una tale cessione. Washington preferirebbe che il deal saltasse
iStock

Riforma fiscale: Gop al Senato non taglia aliquota aziendale fino al 2019

Si tratta di un anno dopo il piano della Camera. L'approvazione della legislazione diventa complicata
Shutterstock