Casa Bianca valuta Mester come numero due della Fed

Dal 2014 presidente della sede regionale della banca centrale Usa a Cleveland, è considerata un "falco" moderato. Sarebbe la prima donna a essere nominata da Trump nel board della Fed

La Casa Bianca sta valutando se affidare a Loretta Mester il secondo incarico più importante nella Federal Reserve, quello della vicepresidenza del suo Board. Lo scrive il Wall Street Journal secondo cui una nomina per quel ruolo non sembra imminente e un candidato in pole position ancora non c'è. Mester dal 2014 è presidente della sede regionale della banca centrale Usa a Cleveland. Prima di quell'incarico, lei ha trascorso quasi 30 anni come economista nella Fed di Philadelphia.

Mester è considerata un "falco" moderato. Questo significa che rispetto ad altri colleghi, è più propensa a favorire un rialzo dei tassi per contenere l'inflazione. Per anni ha lavorato sotto le dipendenze di Charles Plosser, quando quest'ultimo era il numero uno della Fed di Philadelphia e quando votò ripetutamente contro gli stimoli monetari della Fed; era convinto che l'economia Usa non avesse bisogno di così tanto sostegno dalla banca centrale Usa. Nelle riunioni del settembre e novembre 2016, Mester votò contro la decisione di lasciare i tassi invariati allo 0,25-0,5%; avrebbe voluto un aumento di 25 punti base. Il mese scorso ha però votato in linea al resto del braccio di politica monetaria della Fed per confermare i tassi all'1,25-15%.

In un discorso, Mester il 13 febbraio ha detto che se fosse per lei i tassi in Usa nel 2018 dovrebbero salire a un passo simile a quello del 2017 (quando ci furono tre strette, tante quante quelle previste dalla Fed nel dicembre 2017; le nuove stime arriveranno al termine della riunione del 20 e 21 marzo); per l'economista, la recente volatilità osservata nei mercati finanziari non ha fatto deragliare l'outlook economico solido e il rialzo dei rendimenti dei Treasury - recentemente associato a un sell-off di Wall Street - non è altro che il riflesso delle buone prospettive della congiuntura.

Se selezionata, Mester sarebbe la prima donna a essere scelta per andare a sedersi attorno a un tavolo a cui sono chiamati a riunirsi sette individui ma che ancora ha quattro posti vuoti. Il presidente americano Donald Trump ne ha nominati tre, tutti uomini, di cui due sono stati confermati.

Uno è Jerome Powell, membro del board della Fed dal 2012 e da inizio mese anche governatore al posto di Janet Yellen (il cui mandato quadriennale è terminato senza rinnovo su volere di Trump). L'altro è Randal Quarles, a capo delle attività di supervisione della banca centrale dallo scorso ottobre. Il terzo, Marvin Goodfriend (professore di economia alla Carnegie Mellon University) deve essere ancora confermato al Senato, dove la maggioranza in suo favore è risicata.

La ricerca dell'amministrazione Trump, giunta al quarto mese, comprende oltre a Mester altri economisti i cui nomi circalano da un po' tra cui quelli di Richard Clarida, Mohamed El-Erian e John Williams. Clarida è uno dei managing director di Pimco, rispettato e ben visto dal partito repubblicano; quando nel 2002 gli fu affidato un ruolo di alto livello al Tesoro Usa, la sua nomina non ricevette alcuna opposizione al Senato. El-Erian, ex Ceo di Pimco ora capo consigliere economico di Allianz, porterebbe con sé una vasta esperienza internazionale nei mercati ma non ha legami a Washington. Williams nel 2011 assunse l'incarico attuale di presidente della Fed di San Francisco, ereditato da Janet Yellen; lui soddisferebbe la voglia dell'amministrazione Trump di dare l'incarico di vicepresidente del board della Fed a qualcuno che è riconosciuto come esperto di politica economica monetaria.

Altri Servizi

Wall Street, i dazi non fanno paura

Record di S&P e Dow nonostante le tensioni tra Usa e Cina
iStock

Wall Street verso nuovi record, oggi il giorno delle "quattro streghe"

Scadono future e opzioni. Per gli indici S&P, la maggiore riclassificazione dal 1999
AP

Wall Street marcia verso nuovi massimi all'indomani di una seduta in cui il Dow Jones Industrial Average ha messo a segno il primo record dal 26 gennaio scorso e l'S&P 500 il primo dal 29 agosto. Per l'indice delle 30 blue chip è stato il dodicesimo record del 2018 e il centesimo da quando, nel novembre 2016, Donald Trump vinse alle elezioni presidenziali americane.

La Cina ammette: in "difficoltà" ma no a svalutazione yuan, unilateralismo inutile

Il premier cinese Li Keqiang parla all'indomani dell'annuncio di nuovi dazi con cui Usa e Pechino si sono colpiti a vicenda

Il numero due in comando in Cina ha ammesso che la nazione si trova a fare i conti con una serie di "difficoltà" ma Pechino si sente a suo agio, anche di fronte alle tensioni commerciali con gli Usa. Lo ha spiegato il premier cinese Li Keqiang.

Bitcoin: verso standard globali contro il riciclaggio, boom di mining illecito

La Financial Action Task Force punta a un quadro normativo uniforme. La Cyber Threat Alliance lancia l'allarme sulla generazione illegale di valite digitali

Sono sempre più vicini gli standard globali contro il riciclaggio di denaro realizzato attraverso criptovalute. La Financial Action Task Force (FATF) creata a questo proposito si riunirà a ottobre e c'è ottimismo affinché venga trovata un'intesa su una serie di standard. "E' essenziale che vengano fissati degli standard globali da usare in modo uniforme", ha dichiarato Marshall Billingslea, il presidente della FATF mentre la Cyber Threat Alliance pubblicava un rapporto secondo cui gli hacker stanno generando illegalmente Bitcoin, Monero e altre valute digitali attraverso uno strumento (Eternal Blue) sviluppato presumibilmente dalla National Security Agency per sfruttare falle di un software Microsoft.

Wall Street: S&P 500 e Dj da record, Trump si congratula con gli Usa

Timori contenuti per le tensioni commerciali. Cina pronta a tagliare dazi medi sulle importazioni dai principali partner commerciali. Domani il "giorno delle quattro streghe. Facebook e Twitter fuori dal settore tech
AP

Gli indici a Wall Street festeggiano nuovi massimi. L'S&P 500 si è portato sopra i livelli record messi a segno il 29 agosto pari a 2.914,04 punti e il Dow Jones Industrial Average ha viaggiato oltre quelli a quota 26.616,71 toccati l'ultima volta il 26 gennaio. Donald Trump, il presidente americano, non ha perso un attimo per festeggiare e scrivere su Twitter "Congratulazioni Usa".

Trump mette in dubbio le accuse di Ford, difende Kavanaugh e attacca la sinistra

Il presidente statunitense, piuttosto moderato nei commenti degli ultimi giorni, è 'esploso' venerdì mattina per difendere il giudice che ha nominato alla Corte Suprema
Ap

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per giorni moderato nella difesa del giudice Brett Kavanaugh, da lui nominato per la Corte Suprema, ora accusato di tentato stupro, è passato a un tono più aggressivo e, su Twitter, ha messo in dubbio il racconto dell'accusatrice, Christine Blasey Ford, chiedendole di mostrare la denuncia fatta alla polizia per sostenere le sue accuse, che riguardano fatti che sarebbero avvenuti nel 1982.

Jack Ma 'tradisce' Trump: Alibaba non creerà più 1 mln di posti di lavoro in Usa

La promessa si fondava su "partnership amichevole tra Usa e Cina e relazioni commerciali razionali"
ap

Alla luce dell'aumento delle tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina, Alibaba non intende più creare un milione di posti di lavoro in cinque anni nell'America di Donald Trump.

Wall Street, attenzione rivolta ai dati macroeconomici

In programma i sussidi di disoccupazione, il superindice dell'economia e le vendite di case esistenti
iStock

Sky, la battaglia tra Comcast e Fox si deciderà all'asta

Lo scontro finale tra venerdì e sabato; al momento, l'offerta di Comcast è la più alta
iStock

Le autorità britanniche hanno deciso che lo scontro tra Comcast e 21st Century Fox per Sky si deciderà all'asta, che avrà al massimo tre round di offerte, nell'arco di 24 ore tra venerd" e sabato, quando poi sarà annunciata la società vincitrice. Per il momento, l'offerta di Comcast, a 14,75 sterline per azione, o 26 miliardi di sterline in totale, è superiore alle 14 sterline offerte da Fox, che danno un valore a Sky di 24,5 miliardi; l'attuale capitalizzazione di Sky è di 27 miliardi di sterline (oltre 35 miliardi di dollari). Fox possiede già il 39% del capitale del broadcaster britannico.