Casa Bianca valuta Mester come numero due della Fed

Dal 2014 presidente della sede regionale della banca centrale Usa a Cleveland, è considerata un "falco" moderato. Sarebbe la prima donna a essere nominata da Trump nel board della Fed

La Casa Bianca sta valutando se affidare a Loretta Mester il secondo incarico più importante nella Federal Reserve, quello della vicepresidenza del suo Board. Lo scrive il Wall Street Journal secondo cui una nomina per quel ruolo non sembra imminente e un candidato in pole position ancora non c'è. Mester dal 2014 è presidente della sede regionale della banca centrale Usa a Cleveland. Prima di quell'incarico, lei ha trascorso quasi 30 anni come economista nella Fed di Philadelphia.

Mester è considerata un "falco" moderato. Questo significa che rispetto ad altri colleghi, è più propensa a favorire un rialzo dei tassi per contenere l'inflazione. Per anni ha lavorato sotto le dipendenze di Charles Plosser, quando quest'ultimo era il numero uno della Fed di Philadelphia e quando votò ripetutamente contro gli stimoli monetari della Fed; era convinto che l'economia Usa non avesse bisogno di così tanto sostegno dalla banca centrale Usa. Nelle riunioni del settembre e novembre 2016, Mester votò contro la decisione di lasciare i tassi invariati allo 0,25-0,5%; avrebbe voluto un aumento di 25 punti base. Il mese scorso ha però votato in linea al resto del braccio di politica monetaria della Fed per confermare i tassi all'1,25-15%.

In un discorso, Mester il 13 febbraio ha detto che se fosse per lei i tassi in Usa nel 2018 dovrebbero salire a un passo simile a quello del 2017 (quando ci furono tre strette, tante quante quelle previste dalla Fed nel dicembre 2017; le nuove stime arriveranno al termine della riunione del 20 e 21 marzo); per l'economista, la recente volatilità osservata nei mercati finanziari non ha fatto deragliare l'outlook economico solido e il rialzo dei rendimenti dei Treasury - recentemente associato a un sell-off di Wall Street - non è altro che il riflesso delle buone prospettive della congiuntura.

Se selezionata, Mester sarebbe la prima donna a essere scelta per andare a sedersi attorno a un tavolo a cui sono chiamati a riunirsi sette individui ma che ancora ha quattro posti vuoti. Il presidente americano Donald Trump ne ha nominati tre, tutti uomini, di cui due sono stati confermati.

Uno è Jerome Powell, membro del board della Fed dal 2012 e da inizio mese anche governatore al posto di Janet Yellen (il cui mandato quadriennale è terminato senza rinnovo su volere di Trump). L'altro è Randal Quarles, a capo delle attività di supervisione della banca centrale dallo scorso ottobre. Il terzo, Marvin Goodfriend (professore di economia alla Carnegie Mellon University) deve essere ancora confermato al Senato, dove la maggioranza in suo favore è risicata.

La ricerca dell'amministrazione Trump, giunta al quarto mese, comprende oltre a Mester altri economisti i cui nomi circalano da un po' tra cui quelli di Richard Clarida, Mohamed El-Erian e John Williams. Clarida è uno dei managing director di Pimco, rispettato e ben visto dal partito repubblicano; quando nel 2002 gli fu affidato un ruolo di alto livello al Tesoro Usa, la sua nomina non ricevette alcuna opposizione al Senato. El-Erian, ex Ceo di Pimco ora capo consigliere economico di Allianz, porterebbe con sé una vasta esperienza internazionale nei mercati ma non ha legami a Washington. Williams nel 2011 assunse l'incarico attuale di presidente della Fed di San Francisco, ereditato da Janet Yellen; lui soddisferebbe la voglia dell'amministrazione Trump di dare l'incarico di vicepresidente del board della Fed a qualcuno che è riconosciuto come esperto di politica economica monetaria.

Altri Servizi

Duck boat, una trappola mortale per turisti

La morte di 13 persone in un incidente nel 1999 portò alla pubblicazione di una serie di raccomandazioni per gli operatori sulla sicurezza. Ma poco è cambiato, fino all'incidente di giovedì notte, in cui sono morte 17 persone
Ap

Quasi 20 anni fa, una duck boat chiamata Miss Majestic affondò nel lago Hamilton vicino a Hot Springs, in Arkansas, provocando la morte di 13 persone. La tragedia del 1999 fu dovuta all'inadeguata manutenzione dell'imbarcazione anfibia, secondo il National Transportation Safety Board (Ntsb); in un rapporto del 2002 sull'incidente, l'agenzia federale pubblicò una serie di raccomandazioni per gli operatori di duck boat, in modo da rendere più sicure le imbarcazioni.

Trump: "Russiagate ridicolo, nessuna interferenza russa". Con Putin "è solo l'inizio"

Incontro tra i due presidenti a Helsinki: "Ci incontreremo spesso, in futuro. I nostri rapporti non erano mai stati peggiori, ma le cose ora sono cambiate"
AP

"Io e Putin ci incontreremo spesso, in futuro. Sono state ore molto costruttive". Lo ha detto il presidente statunitense, Donald Trump, durante la conferenza stampa congiunta con l'omologo russo, Vladimir Putin, organizzata dopo il loro bilaterale al palazzo presidenziale di Helsinki, in Finlandia. Secondo Trump, il summit odierno "è solo l'inizio".

Wall Street, attenzione alle trimestrali

Ancora una giornata significativa per la pubblicazione di dati societari
iStock

Los Angeles: è morto Jonathan Gold, critico gastronomico da Pulitzer

Aveva 57 anni, a ucciderlo è stato un cancro al pancreas
Wikipedia

È morto all'eta' di 57 anni, stroncato da un cancro al pancreas, Jonathan Gold, uno dei più famosi critici gastronomici di Los Angeles e di tutti gli Stati Uniti, considerato un titano nel suo campo. "Era l'anima di questa città e di tutti i suoi incredibili sapori", ha twittato il sindaco, Eric Garcetti, aggiungendo che "non ci sarà mai un altro come lui”.

Trump - Clinton, nuovo botta e risposta sul Russiagate

Per la democratica Mosca tornerà all’attacco durante le elezioni di Midterm, per il tycoon ad essere spiata è stata proprio la sua campagna
Ap

Dazi, l'amministrazione Trump si divide sulle auto Ue

Mercoledì la visita di Juncker alla Casa Bianca
Shutterstock

Trump, avvertimento da Rouhani: "La guerra con l’Iran è la madre di tutte le guerre"

Il presidente iraniano ammonisce il tycoon sul perseguimento di politiche ostili contro Teheran
AP

Mnuchin: Usa pronti a togliere le sanzioni al gigante russo Rusal

Il secondo produttore al mondo di alluminio colpito per 'colpa' di Deripaska, il tycoon vicino a Putin coinvolto nelle indagini sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi

Gli Usa dicono no al referendum nell'Ucraina orientale e stanziano 200 milioni in aiuti per la difesa di Kiev

Putin aveva chiesto a Trump il sostegno per l'organizzazione di un voto nelle regioni separatiste, ma Washington ha respinto l'ipotesi. Gli Stati Uniti, invece, continuano ad appoggiare il governo centrale

Tregua tra Nfl e giocatori sull'inno, sospeso l'obbligo di stare in piedi

A maggio, l'annuncio della nuova regola, una 'vittoria' per Trump; ora, la lega e l'associazione che rappresenta gli atleti cercano un accordo. Il presidente insorge: "Ancora si discute, non posso crederci!"
AP