Casa Bianca valuta Mester come numero due della Fed

Dal 2014 presidente della sede regionale della banca centrale Usa a Cleveland, è considerata un "falco" moderato. Sarebbe la prima donna a essere nominata da Trump nel board della Fed

La Casa Bianca sta valutando se affidare a Loretta Mester il secondo incarico più importante nella Federal Reserve, quello della vicepresidenza del suo Board. Lo scrive il Wall Street Journal secondo cui una nomina per quel ruolo non sembra imminente e un candidato in pole position ancora non c'è. Mester dal 2014 è presidente della sede regionale della banca centrale Usa a Cleveland. Prima di quell'incarico, lei ha trascorso quasi 30 anni come economista nella Fed di Philadelphia.

Mester è considerata un "falco" moderato. Questo significa che rispetto ad altri colleghi, è più propensa a favorire un rialzo dei tassi per contenere l'inflazione. Per anni ha lavorato sotto le dipendenze di Charles Plosser, quando quest'ultimo era il numero uno della Fed di Philadelphia e quando votò ripetutamente contro gli stimoli monetari della Fed; era convinto che l'economia Usa non avesse bisogno di così tanto sostegno dalla banca centrale Usa. Nelle riunioni del settembre e novembre 2016, Mester votò contro la decisione di lasciare i tassi invariati allo 0,25-0,5%; avrebbe voluto un aumento di 25 punti base. Il mese scorso ha però votato in linea al resto del braccio di politica monetaria della Fed per confermare i tassi all'1,25-15%.

In un discorso, Mester il 13 febbraio ha detto che se fosse per lei i tassi in Usa nel 2018 dovrebbero salire a un passo simile a quello del 2017 (quando ci furono tre strette, tante quante quelle previste dalla Fed nel dicembre 2017; le nuove stime arriveranno al termine della riunione del 20 e 21 marzo); per l'economista, la recente volatilità osservata nei mercati finanziari non ha fatto deragliare l'outlook economico solido e il rialzo dei rendimenti dei Treasury - recentemente associato a un sell-off di Wall Street - non è altro che il riflesso delle buone prospettive della congiuntura.

Se selezionata, Mester sarebbe la prima donna a essere scelta per andare a sedersi attorno a un tavolo a cui sono chiamati a riunirsi sette individui ma che ancora ha quattro posti vuoti. Il presidente americano Donald Trump ne ha nominati tre, tutti uomini, di cui due sono stati confermati.

Uno è Jerome Powell, membro del board della Fed dal 2012 e da inizio mese anche governatore al posto di Janet Yellen (il cui mandato quadriennale è terminato senza rinnovo su volere di Trump). L'altro è Randal Quarles, a capo delle attività di supervisione della banca centrale dallo scorso ottobre. Il terzo, Marvin Goodfriend (professore di economia alla Carnegie Mellon University) deve essere ancora confermato al Senato, dove la maggioranza in suo favore è risicata.

La ricerca dell'amministrazione Trump, giunta al quarto mese, comprende oltre a Mester altri economisti i cui nomi circalano da un po' tra cui quelli di Richard Clarida, Mohamed El-Erian e John Williams. Clarida è uno dei managing director di Pimco, rispettato e ben visto dal partito repubblicano; quando nel 2002 gli fu affidato un ruolo di alto livello al Tesoro Usa, la sua nomina non ricevette alcuna opposizione al Senato. El-Erian, ex Ceo di Pimco ora capo consigliere economico di Allianz, porterebbe con sé una vasta esperienza internazionale nei mercati ma non ha legami a Washington. Williams nel 2011 assunse l'incarico attuale di presidente della Fed di San Francisco, ereditato da Janet Yellen; lui soddisferebbe la voglia dell'amministrazione Trump di dare l'incarico di vicepresidente del board della Fed a qualcuno che è riconosciuto come esperto di politica economica monetaria.

Altri Servizi

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Uber segue Lyft e si prepara all’Ipo nel 2019

Potrebbe essere un anno record per i collocamenti azionari iniziali a Wall Street

Uber ha depositato la documentazione confidenziale per la sua offerta pubblica iniziale presso la Securities and Exchange Commission, la Consob americana, accelerando così i tempi di un suo sbarco in borsa. Lo scrive il Wall Street Journal, che cita fonti vicine alla vicenda, sottolineando come si tratti di una mossa che segue di poche ore quella della rivale Lyft che giovedì aveva effettuato lo stesso passo, e che di fatto crea un’ulteriore competizione tra i due colossi della mobilità alternativa su chi sarà il primo a sbarcare in borsa.