Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Christine Blasey Ford, la donna che ha accusato di tentato stupro il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, ha accettato di testimoniare davanti alla commissione Giustizia del Senato giovedì. La sua legale, Debra Katz, aveva inviato un'e-mail allo staff della commissione, dando la disponibilità a trattare per una testimonianza da rendere nel corso della settimana, dopo la deadline  imposta dal presidente della commissione, Charles Grassley, per accettare o rifiutare di testimoniare.

"La dottoressa Ford - si legge nella e-mail - ha accettato la richiesta della commissione di fornire le informazioni di prima mano sulle molestie sessuali di Brett Kavanaugh la prossima settimana. Anche se molti aspetti della proposta inviata via e-mail il 21 settembre sono fondamentalmente in contrasto con la promessa della commissione di un'indagine giusta e imparziale sulle sue accuse, e noi siamo contrariati per le fughe di notizie e le minacce che hanno rovinato il processo, speriamo di poter raggiungere un accordo sui dettagli. Possiamo fissare un'ora per portare avanti le nostre negoziazioni?". Più tardi, è stato reso noto che un accordo di massima è stato raggiunto per una testimonianza da fornire giovedì in commissione.

 

Trump all'attacco

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per giorni moderato nella difesa del giudice, è passato venerdì a un tono più aggressivo e, su Twitter, ha messo in dubbio il racconto dell'accusatrice, chiedendole di mostrare la denuncia fatta alla polizia per sostenere le sue accuse, che riguardano fatti che sarebbero avvenuti nel 1982.

"Non ho dubbi che, se l'aggressione ai danni della dottoressa Ford è stata brutta come dice, le accuse saranno state immediatamente presentate alle forze dell'ordine locali, da lei o dai suoi amorevoli genitori. Chiedo che ci presenti quella denuncia, in modo che si sappiano data e luogo!" ha scritto su Twitter. "Gli avvocati della sinistra radicale vogliono che l'Fbi sia coinvolta ORA. Perché nessuno ha chiamato l'Fbi 36 anni fa?" ha aggiunto.

Poco prima, sempre su Twitter, Trump aveva scritto: "Il giudice Brett Kavanaugh è un brav'uomo, con una reputazione impeccabile, che è sotto l'assalto dei politici della sinistra radicale che nn vogliono conoscere le risposte, vogliono solo distruggere e rinviare. I fatti non sono importanti. Mi succede con loro ogni singolo giorno a Washington".

Più tardi, Trump ha accusato duramente i democratici, chiedendo di procedere con il voto per la conferma. "La senatrice Feinstein e i democratici hanno tenuto nascosta la lettera per mesi (la lettera con le accuse di Christine Blasey Ford al giudice, ndr), per poi renderla nota di colpo dopo che le audizioni erano FINITE - fatto intenzionalmente per intralciare, resistere e rimandare. Lasciate che [Ford] testimoni, o no, e VOTATE!".

La lettera con i dettagli delle accuse è stata consegnata a mano alla senatrice Feinstein lo scorso 30 luglio, ricorda la Cnn, ma la rappresentante californiana l'ha tenuta per sé fino a pochi giorni fa, perché Ford le avrebbe chiesto di non divulgarla; solo dopo che la notizia è divenuta di dominio pubblico, Feinstein ha consegnato la lettera all'Fbi.

 

Il rinvio della testimonianza

Giovedì, Christine Blasey Ford - 51 anni, ricercatrice in psicologia - aveva detto di essere "pronta a testimoniare la prossima settimana" davanti alla commissione Giustizia del Senato, a determinate condizioni, secondo quanto riferito dalla sua legale. L'avvocata, in una lettera ai senatori, aveva scritto che la testimonianza "non sarà possibile lunedì, come fissato dalla commissione per l'accusatrice e l'accusato, e aveva ribadito che la sua assistita preferirebbe che ci fosse, prima del suo intervento, un'indagine dell'Fbi.

Ford accusa Kavanaugh di aver tentato di stuprarla a una festa liceale, nel 1982, quando lei aveva 15 anni e lui 17; il giudice ha categoricamente respinto le accuse e si è detto pronto a testimoniare. "È un'accusa completamente falsa. Non ho mai fatto niente di simile né all'accusatrice, né a qualsiasi altra persona" ha dichiarato Kavanaugh. "Visto che non è mai successo, non avevo idea di chi potesse aver fatto questa accusa, finché non è uscita allo scoperto". Il voto della commissione sulla conferma della nomina di Kavanaugh era originariamente in programma giovedì 20 settembre; considerando l'esigua maggioranza dei repubblicani in Senato (51-49), la conferma di Kavanaugh sembra comunque a rischio.

 

Il sostegno a Kavanaugh

Il presidente statunitense, Donald Trump, aveva più volte difeso il giudice, definito "una delle persone migliori che abbia mai conosciuto", senza mai eccedere nei toni e, soprattutto, senza mai mettere in dubbio la parola dell'accusatrice. Lo scontro tra repubblicani e democratici, giovedì sera, aveva già vissuto un momento molto teso, quando un amico e sostenitore di Kavanaugh, Ed Whelan, avvocato e presidente dell'Ethics and Public Policy Center, aveva detto di sapere chi potrebbe veramente aver assaltato Christine Blasey Ford: su Twitter, aveva pubblicato nome, foto di scuola e indirizzo della casa - corredato di foto - dove viveva il presunto colpevole, che somiglierebbe al giudice accusato.

Una scelta, quella di accusare in maniera così esplicita - seppur non diretta - una persona, fortemente criticata da tutti e pericolosa a livello legale, tanto che, venerdì mattina, Whelan - dopo aver cancellato i tweet sulle accuse al compagno di scuola - ha scritto di aver fatto "un errore di giudizio spaventoso e senza scuse, pubblicando quei tweet [...] Mi prendo la totale responsabilità di quell'errore e mi scuso profondamente". La sera prima, la stessa Ford aveva commentato la tesi di Whelan, con un comunicato: "Li conoscevo entrambi", riferendosi a Kavanaugh e al compagno individuato da Whelan, "non ci sono possibilità che li abbia confusi".

 

Altri Servizi

Come previsto, la Federal Reserve ha lasciato invariati i tassi al 2,25-2,5%, il livello a cui furono portati lo scorso dicembre quando la banca centrale Usa realizzò la quarta stretta del 2018, la nona da quando nel dicembre 2015 l'allora governatrice Janet Yellen annunciò il primo rialzo del costo del denaro dal giugno del 2006. La decisione è stata annunciata dal Federal Open Market Committee (FOMC), il braccio di politica monetaria della Fed, nel comunicato pubblicato al termine della quarta riunione del 2019, iniziata ieri.

Omicidio Khashoggi, indagine Onu: Arabia Saudita colpevole, indagare sul principe MbS

"Un'esecuzione deliberata e premeditata". Da capire il ruolo di Mohammed bin Salman nell'uccisione del giornalista dissidente
Ap

Wall Street, occhi sulla decisione della Fed

Oggi, il Fomc dovrebbe lasciare i tassi invariati, ma è sempre più possibile un taglio a luglio
AP

Zuckerberg presenta Libra: "Usare denaro sarà facile come condividere foto"

 La criptovaluta disponibile dalla prima metà del 2020

Wall Street attende le decisioni della Fed

Oggi inizia la riunione del Fomc, il braccio monetario della Banca centrale
AP

Attese a Washington oltre 300 aziende per dire no ai dazi di Trump contro la Cina

Parteciperanno ad audizioni sui dazi del 25% proposti da Trump su 300 miliardi di dollari. Ross: presidente pronto ad adottarli

Sotheby's venduta al fondatore di Altice per 3,7 mld di dollari

Il magnate delle tlc Patrick Drahi compra la casa d'aste attraverso la sua BidFair Usa. La transazione risulterà nel delisting del gruppo dopo 31 anni trascorsi come azienda quotata al New York Stock Exchange

Wall Street attende le decisioni della Fed

Gli analisti credono che, per ora, i tassi resteranno invariati
AP

Trump in svantaggio contro cinque democratici: ora lo afferma anche un sondaggio di Fox News

Il presidente aveva definito una "Fake News" i precedenti sondaggi negativi per la sua rielezione
Ap