Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Christine Blasey Ford, la donna che ha accusato di tentato stupro il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, ha accettato di testimoniare davanti alla commissione Giustizia del Senato giovedì. La sua legale, Debra Katz, aveva inviato un'e-mail allo staff della commissione, dando la disponibilità a trattare per una testimonianza da rendere nel corso della settimana, dopo la deadline  imposta dal presidente della commissione, Charles Grassley, per accettare o rifiutare di testimoniare.

"La dottoressa Ford - si legge nella e-mail - ha accettato la richiesta della commissione di fornire le informazioni di prima mano sulle molestie sessuali di Brett Kavanaugh la prossima settimana. Anche se molti aspetti della proposta inviata via e-mail il 21 settembre sono fondamentalmente in contrasto con la promessa della commissione di un'indagine giusta e imparziale sulle sue accuse, e noi siamo contrariati per le fughe di notizie e le minacce che hanno rovinato il processo, speriamo di poter raggiungere un accordo sui dettagli. Possiamo fissare un'ora per portare avanti le nostre negoziazioni?". Più tardi, è stato reso noto che un accordo di massima è stato raggiunto per una testimonianza da fornire giovedì in commissione.

 

Trump all'attacco

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per giorni moderato nella difesa del giudice, è passato venerdì a un tono più aggressivo e, su Twitter, ha messo in dubbio il racconto dell'accusatrice, chiedendole di mostrare la denuncia fatta alla polizia per sostenere le sue accuse, che riguardano fatti che sarebbero avvenuti nel 1982.

"Non ho dubbi che, se l'aggressione ai danni della dottoressa Ford è stata brutta come dice, le accuse saranno state immediatamente presentate alle forze dell'ordine locali, da lei o dai suoi amorevoli genitori. Chiedo che ci presenti quella denuncia, in modo che si sappiano data e luogo!" ha scritto su Twitter. "Gli avvocati della sinistra radicale vogliono che l'Fbi sia coinvolta ORA. Perché nessuno ha chiamato l'Fbi 36 anni fa?" ha aggiunto.

Poco prima, sempre su Twitter, Trump aveva scritto: "Il giudice Brett Kavanaugh è un brav'uomo, con una reputazione impeccabile, che è sotto l'assalto dei politici della sinistra radicale che nn vogliono conoscere le risposte, vogliono solo distruggere e rinviare. I fatti non sono importanti. Mi succede con loro ogni singolo giorno a Washington".

Più tardi, Trump ha accusato duramente i democratici, chiedendo di procedere con il voto per la conferma. "La senatrice Feinstein e i democratici hanno tenuto nascosta la lettera per mesi (la lettera con le accuse di Christine Blasey Ford al giudice, ndr), per poi renderla nota di colpo dopo che le audizioni erano FINITE - fatto intenzionalmente per intralciare, resistere e rimandare. Lasciate che [Ford] testimoni, o no, e VOTATE!".

La lettera con i dettagli delle accuse è stata consegnata a mano alla senatrice Feinstein lo scorso 30 luglio, ricorda la Cnn, ma la rappresentante californiana l'ha tenuta per sé fino a pochi giorni fa, perché Ford le avrebbe chiesto di non divulgarla; solo dopo che la notizia è divenuta di dominio pubblico, Feinstein ha consegnato la lettera all'Fbi.

 

Il rinvio della testimonianza

Giovedì, Christine Blasey Ford - 51 anni, ricercatrice in psicologia - aveva detto di essere "pronta a testimoniare la prossima settimana" davanti alla commissione Giustizia del Senato, a determinate condizioni, secondo quanto riferito dalla sua legale. L'avvocata, in una lettera ai senatori, aveva scritto che la testimonianza "non sarà possibile lunedì, come fissato dalla commissione per l'accusatrice e l'accusato, e aveva ribadito che la sua assistita preferirebbe che ci fosse, prima del suo intervento, un'indagine dell'Fbi.

Ford accusa Kavanaugh di aver tentato di stuprarla a una festa liceale, nel 1982, quando lei aveva 15 anni e lui 17; il giudice ha categoricamente respinto le accuse e si è detto pronto a testimoniare. "È un'accusa completamente falsa. Non ho mai fatto niente di simile né all'accusatrice, né a qualsiasi altra persona" ha dichiarato Kavanaugh. "Visto che non è mai successo, non avevo idea di chi potesse aver fatto questa accusa, finché non è uscita allo scoperto". Il voto della commissione sulla conferma della nomina di Kavanaugh era originariamente in programma giovedì 20 settembre; considerando l'esigua maggioranza dei repubblicani in Senato (51-49), la conferma di Kavanaugh sembra comunque a rischio.

 

Il sostegno a Kavanaugh

Il presidente statunitense, Donald Trump, aveva più volte difeso il giudice, definito "una delle persone migliori che abbia mai conosciuto", senza mai eccedere nei toni e, soprattutto, senza mai mettere in dubbio la parola dell'accusatrice. Lo scontro tra repubblicani e democratici, giovedì sera, aveva già vissuto un momento molto teso, quando un amico e sostenitore di Kavanaugh, Ed Whelan, avvocato e presidente dell'Ethics and Public Policy Center, aveva detto di sapere chi potrebbe veramente aver assaltato Christine Blasey Ford: su Twitter, aveva pubblicato nome, foto di scuola e indirizzo della casa - corredato di foto - dove viveva il presunto colpevole, che somiglierebbe al giudice accusato.

Una scelta, quella di accusare in maniera così esplicita - seppur non diretta - una persona, fortemente criticata da tutti e pericolosa a livello legale, tanto che, venerdì mattina, Whelan - dopo aver cancellato i tweet sulle accuse al compagno di scuola - ha scritto di aver fatto "un errore di giudizio spaventoso e senza scuse, pubblicando quei tweet [...] Mi prendo la totale responsabilità di quell'errore e mi scuso profondamente". La sera prima, la stessa Ford aveva commentato la tesi di Whelan, con un comunicato: "Li conoscevo entrambi", riferendosi a Kavanaugh e al compagno individuato da Whelan, "non ci sono possibilità che li abbia confusi".

 

Altri Servizi

Cohen, ecco perché il silenzio comprato è una donazione illegale a Trump

L' ex avvocato del presidente ha violato una legge federale sui finanziamenti elettorali. E lo ha fatto per proteggere la candidatura del suo capo
AP

Michael Cohen, ex avvocato, amico e faccendiere del presidente statunitense, Donald Trump, è stato condannato a tre anni di carcere per una serie di reati, alcuni dei quali legati al suo lavoro per Trump, tra cui quello di aver violato la legge sui finanziamenti elettorali. Violazione compiuta comprando il silenzio di due donne che sostengono di aver avuto rapporti sessuali con il presidente.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Dati: oggi in programma l'indice dei prezzi al consumo e le scorte di petrolio
iStock

Facebook non è più il posto migliore dove lavorare negli Stati Uniti

Per la quarta volta in 11 anni, Bain & Co torna a svettare in classifica. Il social network slitta dal primo al settimo posto

Facebook non è messo sotto pressione soltanto dagli investitori, che da inizio anno si sono liberati del titolo del gruppo (in calo del 22%). Il gruppo alle prese con scandali vari legati alla privacy e con intrusioni hacker è messo alla prova anche dai suoi dipendenti. Lo dimostra la classifica annuale di Glassdoor sulle migliori aziende dove lavorare.

Google: il Ceo si prepara al debutto (in ritardo) al Congresso Usa

Il gruppo anticipa ad aprile la chiusura del social network Google+. Trovato un bug che mette a rischio informazioni di 52 milioni di utenti

Il Ceo di Google, Sundar Pichai, domani farà il suo debutto al Congresso Usa. E lo farà in ritardo visto che a settembre aveva sollevato le ire dei legislatori americani per non essersi presentato a testimoniare insieme alla direttrice operativa di Facebook e il Ceo di Twitter.

Wall Street, ottimismo sul dialogo Usa-Cina

Oggi, atteso il dato sui sussidi di disoccupazione
iStock

Slitta la decisione sul rilascio su cauzione della Cfo di Huawei

L'udienza riprende oggi alle 19 italiane
Ap

Due giorni non sono bastati per decidere il destino immediato di Meng Wanzhou. Il giudice canadese chiamato a decidere se rilasciare su cauzione la direttrice finanziaria di Huawei, arrestata l'1 dicembre scorso su richiesta degli Stati Uniti mentre cambiava aerei a Vancouver, ha rimandato a oggi una decisione. Anche venerdì scorso non era riuscito a giungere a una conclusione.

Automobili Lamborghini e The Wolfsonian–Florida International University, museo di Miami (Florida), hanno unito le forze per celebrare la cultura italiana. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese è stato protagonista di un evento dedicato al design e all'eccellenza italiana.

Lamborghini: nel 2019 raddoppierà le vendite in Usa grazie al super Suv Urus

Il 2018 sarà l'ottavo anno da record. Il Ceo Domenicali: nuove possibilità per il marchio e i clienti. Il responsabile delle Americhe: il 70% dei clienti è nuovo per il gruppo
Lamborghini

Palm Springs - Effetto Urus su Automobili Lamborghini. Il gruppo di Sant'Agata Bolognese si prepara a chiudere un altro anno record (l'ottavo di fila) in termini di vendite e di crescita grazie anche al contributo del suo primo 'Super Utility Vehicle', il Suv consegnato a partire dalla scorsa estate in Europa e a ottobre in Nord America (dove costa a partire da 200mila dollari).

Wall Street messa a tappeto da timori sulla crescita economica mondiale

I dati cinesi sotto le attese preoccupano gli investitori. Male anche quelli dell'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

Wall Street torna sui livelli di aprile, si teme frenata dell'economia mondiale

Tutti e tre gli indici principali in correzione. Dati deludenti dalla Cina e dall'Europa. Sale l'attesa per la riunione della Fed
AP

I timori di un rallentamento dell'economia globale hanno messo a tappeto gli indici a Wall Street, che hanno archiviato una seduta con cali vicini al 2%. Per la prima volta dal marzo 2016 tutti e tre gli indici principali sono finiti in correzione, status definito da un calo di almeno il 10% rispetto ai massimi recenti. I listini sono per altro protagonisti del peggiore inizio di dicembre dal 1980.