Caso Kavanaugh, Christine Blasey Ford ha accettato di testimoniare giovedì

La donna che ha accusato di tentato stupro il giudice nominato da Trump per la Corte Suprema parlerà davanti alla commissione Giustizia del Senato
Ap

Christine Blasey Ford, la donna che ha accusato di tentato stupro il giudice Brett Kavanaugh, nominato dal presidente statunitense Donald Trump per la Corte Suprema, ha accettato di testimoniare davanti alla commissione Giustizia del Senato giovedì. La sua legale, Debra Katz, aveva inviato un'e-mail allo staff della commissione, dando la disponibilità a trattare per una testimonianza da rendere nel corso della settimana, dopo la deadline  imposta dal presidente della commissione, Charles Grassley, per accettare o rifiutare di testimoniare.

"La dottoressa Ford - si legge nella e-mail - ha accettato la richiesta della commissione di fornire le informazioni di prima mano sulle molestie sessuali di Brett Kavanaugh la prossima settimana. Anche se molti aspetti della proposta inviata via e-mail il 21 settembre sono fondamentalmente in contrasto con la promessa della commissione di un'indagine giusta e imparziale sulle sue accuse, e noi siamo contrariati per le fughe di notizie e le minacce che hanno rovinato il processo, speriamo di poter raggiungere un accordo sui dettagli. Possiamo fissare un'ora per portare avanti le nostre negoziazioni?". Più tardi, è stato reso noto che un accordo di massima è stato raggiunto per una testimonianza da fornire giovedì in commissione.

 

Trump all'attacco

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per giorni moderato nella difesa del giudice, è passato venerdì a un tono più aggressivo e, su Twitter, ha messo in dubbio il racconto dell'accusatrice, chiedendole di mostrare la denuncia fatta alla polizia per sostenere le sue accuse, che riguardano fatti che sarebbero avvenuti nel 1982.

"Non ho dubbi che, se l'aggressione ai danni della dottoressa Ford è stata brutta come dice, le accuse saranno state immediatamente presentate alle forze dell'ordine locali, da lei o dai suoi amorevoli genitori. Chiedo che ci presenti quella denuncia, in modo che si sappiano data e luogo!" ha scritto su Twitter. "Gli avvocati della sinistra radicale vogliono che l'Fbi sia coinvolta ORA. Perché nessuno ha chiamato l'Fbi 36 anni fa?" ha aggiunto.

Poco prima, sempre su Twitter, Trump aveva scritto: "Il giudice Brett Kavanaugh è un brav'uomo, con una reputazione impeccabile, che è sotto l'assalto dei politici della sinistra radicale che nn vogliono conoscere le risposte, vogliono solo distruggere e rinviare. I fatti non sono importanti. Mi succede con loro ogni singolo giorno a Washington".

Più tardi, Trump ha accusato duramente i democratici, chiedendo di procedere con il voto per la conferma. "La senatrice Feinstein e i democratici hanno tenuto nascosta la lettera per mesi (la lettera con le accuse di Christine Blasey Ford al giudice, ndr), per poi renderla nota di colpo dopo che le audizioni erano FINITE - fatto intenzionalmente per intralciare, resistere e rimandare. Lasciate che [Ford] testimoni, o no, e VOTATE!".

La lettera con i dettagli delle accuse è stata consegnata a mano alla senatrice Feinstein lo scorso 30 luglio, ricorda la Cnn, ma la rappresentante californiana l'ha tenuta per sé fino a pochi giorni fa, perché Ford le avrebbe chiesto di non divulgarla; solo dopo che la notizia è divenuta di dominio pubblico, Feinstein ha consegnato la lettera all'Fbi.

 

Il rinvio della testimonianza

Giovedì, Christine Blasey Ford - 51 anni, ricercatrice in psicologia - aveva detto di essere "pronta a testimoniare la prossima settimana" davanti alla commissione Giustizia del Senato, a determinate condizioni, secondo quanto riferito dalla sua legale. L'avvocata, in una lettera ai senatori, aveva scritto che la testimonianza "non sarà possibile lunedì, come fissato dalla commissione per l'accusatrice e l'accusato, e aveva ribadito che la sua assistita preferirebbe che ci fosse, prima del suo intervento, un'indagine dell'Fbi.

Ford accusa Kavanaugh di aver tentato di stuprarla a una festa liceale, nel 1982, quando lei aveva 15 anni e lui 17; il giudice ha categoricamente respinto le accuse e si è detto pronto a testimoniare. "È un'accusa completamente falsa. Non ho mai fatto niente di simile né all'accusatrice, né a qualsiasi altra persona" ha dichiarato Kavanaugh. "Visto che non è mai successo, non avevo idea di chi potesse aver fatto questa accusa, finché non è uscita allo scoperto". Il voto della commissione sulla conferma della nomina di Kavanaugh era originariamente in programma giovedì 20 settembre; considerando l'esigua maggioranza dei repubblicani in Senato (51-49), la conferma di Kavanaugh sembra comunque a rischio.

 

Il sostegno a Kavanaugh

Il presidente statunitense, Donald Trump, aveva più volte difeso il giudice, definito "una delle persone migliori che abbia mai conosciuto", senza mai eccedere nei toni e, soprattutto, senza mai mettere in dubbio la parola dell'accusatrice. Lo scontro tra repubblicani e democratici, giovedì sera, aveva già vissuto un momento molto teso, quando un amico e sostenitore di Kavanaugh, Ed Whelan, avvocato e presidente dell'Ethics and Public Policy Center, aveva detto di sapere chi potrebbe veramente aver assaltato Christine Blasey Ford: su Twitter, aveva pubblicato nome, foto di scuola e indirizzo della casa - corredato di foto - dove viveva il presunto colpevole, che somiglierebbe al giudice accusato.

Una scelta, quella di accusare in maniera così esplicita - seppur non diretta - una persona, fortemente criticata da tutti e pericolosa a livello legale, tanto che, venerdì mattina, Whelan - dopo aver cancellato i tweet sulle accuse al compagno di scuola - ha scritto di aver fatto "un errore di giudizio spaventoso e senza scuse, pubblicando quei tweet [...] Mi prendo la totale responsabilità di quell'errore e mi scuso profondamente". La sera prima, la stessa Ford aveva commentato la tesi di Whelan, con un comunicato: "Li conoscevo entrambi", riferendosi a Kavanaugh e al compagno individuato da Whelan, "non ci sono possibilità che li abbia confusi".

 

Altri Servizi

R.Kelly si è consegnato alla polizia dopo le accuse di molestie

Nei confronti del cantante sono stati formulati dieci capi d’accusa per abusi. Il processo inizierà il prossimo 8 marzo

Il rapper R. Kelly si è consegnato alla polizia di Chicago ed è stato arrestato dopo essere stato incriminato con dieci capi d'accusa per abusi sessuali su quattro donne. Tre delle presunte vittime, che lo hanno denunciato per episodi risalenti a diversi anni fa e che vanno dal 1998 al 2010, erano minorenni all'epoca fatti e avevano tra i 13 e i 16 anni.

Wall Street fiduciosa sulla trattativa Usa-Cina

Oggi, il presidente Usa Donald Trump incontra il vicepremier cinese Liu He
AP

Trump attacca i 16 stati Usa che vogliono bloccare il suo muro

Hanno fatto causa: dichiarare l'emergenza nazionale per costruire il muro, come ha fatto il presidente, è inconstituzionale
White House

In una serie di tweet mattutini, il presidente americano ha attaccato i 16 stati americani che ieri hanno unito le forze chiedendo a un tribunale federale di impedire a Donald Trump di procedere con i suoi piani per costruire il muro tra gli Stati Uniti e il Messico. Venerdì scorso il leader statunitense aveva invocato l'emergenza nazionale al confine meridionale del Paese, mossa pensata per aggirare il Congresso e dirottare al muro fondi già destinati ad altri progetti.

Fed: tensioni commerciali e Brexit minacciano stabilità, outlook fiscale Italia "deteriorato"

Pubblicato il rapporto che anticipa la testimonianza semestrale al Congresso del governatore Powell

La Federal Reserve ha messo in guardia sui potenziali rischi che potrebbero intaccare la stabilità finanziaria internazionale: tra di essi la banca centrale americana cita "una frenata dell'economia globale, incertezze politiche, un intensificarsi delle tensioni commerciali e un aumento dello stress a cui sono sottoposte le economie dei mercati emergenti".

I fondi che Trump voleva usare per il muro non ci sono più

Più di un terzo è stato già speso; il Pentagono cerca alternative, ma servirà l'approvazione del Congresso
Ap

Usa, i fondi che Trump voleva usare per il muro non ci sono più Più di un terzo è stato già speso; il Pentagono cerca alternative New York, 22 feb - Più di un terzo dei fondi federali che il presidente statunitense, Donal Trump, vorrebbe reindirizzare per costruire nuovi muri al confine con il Messico, grazie all'emergenza nazionale dichiarata, non è più disponibile, perché già speso. Lo scrive il sito Roll Call.

Trump nomina Kelly Knight Craft ambasciatrice all'Onu


Dopo l’incarico in Canada prenderà il posto di Nikki Haley

Il Presidente americano Donald Trump ha scelto l'ambasciatrice in Canada, Kelly Knight Craft, come nuova rappresentante permanente all'Onu, al posto della dimissionaria Nikki Haley. Non si tratta in realtà di una prima scelta visto che la prima opzione del Tycoon era l’ex consigliera Dina Powell, che ha però rinunciato all’incarico, e la seconda, Heather Nauert, è stata costretta a ritirarsi dopo che si è scoperto che aveva assunto una babysitter giamaicana illegale.

Democratici pronti a bloccare il muro di Trump

Alla Camera sarà votata una risoluzione contro l'emergenza nazionale al confine tra Usa e Messico invocata dal presidente americano
AP

La Camera americana, controllata dai democratici, la settimana prossima (forse martedì 26 febbraio) metterà al voto una risoluzione per fermare l'emergenza nazionale invocata il 15 febbraio dal presidente Donald Trump e avente l'obiettivo di bypassare il Congresso per costruire il muro tra Usa e Messico.

Negli Stati Uniti si festeggia il Giorno dei presidenti. Proteste contro Trump

Manifestazioni contro la decisione di dichiarare lo stato d'emergenza nazionale per aggirare il Congresso e finanziare la costruzione di muri al confine con il Messico

È il terzo lunedì di febbraio, il giorno in cui gli Stati Uniti festeggiano il Presidents' Day, ovvero il Giorno dei presidenti. Donald Trump, il 45esimo presidente, ha trascorso il weekend nel suo resort in Florida e oggi, prima di tornare a Washington, andrà a Miami per incontrare la comunità venezuelana.

I legislatori Gb contro Facebook: ha "intenzionalmente" violato le leggi

In un rapporto da 108 pagine, i parlamentari GB accusato il social network di compostarsi come un 'gangster digitale'. Chiesta stretta regolatoria su privacy e antitrust. Al via altre inchieste. Il gruppo: siamo cambiati ma c'è molto da fare
AP

Facebook ha "intenzionalmente e consapevolmente" violato leggi per la tutela della privacy e leggi antitrust nel Regno Unito, infischiandosene della tutela degli utenti come parte degli sforzi volti a massimizzare i ricavi generati dai dati loro associati. E' questa l'accusa pesante lanciata dai legislatori britannici domenica 17 febbraio. E' stato chiesto il lancio di un'inchiesta sulle pratiche dell'azienda americana, che ha risposto negando di avere violato le leggi e sostenendo di avere fatto tanti cambiamenti: "Sebbene ci sia ancora molto da fare, non siamo la stessa azienda di anni fa", ha detto Karim Palant, che lavora per il gruppo nel Regno Unito.

Trump ottimista: un accordo tra Usa e Cina è possibile ma restano ostacoli

Toni incoraggianti anche da Xi, che il presidente Usa potrebbe vedere a marzo. Lighthizer cauto. Ross: presto per lo champagne. Mnuchin: raggiunto accordo su valute ma mancano dettagli

Ci sono buone probabilità che gli Stati Uniti e la Cina raggiungano un accordo visto che i negoziati commerciali fino ad ora stanno andando bene. E' il presidente americano, Donald Trump, ad avere rilasciato commenti incoraggianti sulle trattative che si sono tenute negli ultimi giorni a Washington dopo quelle della settimana scorsa a Pechino.