Caso Khashoggi: Trump promette una "punizione severa" se Riad coinvolta

Il giornalista saudita critico del suo Paese, scomparso dal 2 ottobre. Il presidente Usa vuole comunque salvare la vendita di armi
AP

Una "punizione severa". E' quella che Donald Trump ha promesso all'Arabia Saudita se la scomparsa del giornalista Jamal Khashoggi, un saudita critico del suo Paese, fosse associata a Riad. Ma il 45esimo presidente non intende mettere a repentaglio i contratti di vendita di armi da 100 miliardi di dollari siglati tra la nazione saudita e i colossi dell'aerospazio e della difesa americani come Boeing, Lockheed Martin e Raytheon. Farlo, è la sua tesi, sarebbe da "pazzi" perché metterebbe a repentaglio l'occupazione. "Ci sono altri modi per punire", ha garantito Trump.

In un'intervista a "60 Minutes", trasmissione di Cbs News la cui messa in onda è prevista per domenica notte, il 45esimo presidente americano ha spiegato che "nessuso sa" se funzionari sauditi siano coinvolti. "Lo negano con forza". Di certo "ne saremmo molto delusi e arrabbiati, se così fosse".

Trump ha promesso di "arrivare alla fine del caso" per scoprire i responsabili della scomparsa del reporter che scriveva storie per il Washington Post e che era da un anno circa in auto-esilio in Virginia temendo per la sua sicurezza; è entrato nel consolato saudita a Istanbul il 2 ottobre scorso per ottenere un documento legato al suo imminente matrimonio ma - stando alla fidanzata - non ne è mai uscito. Secondo lei, lui temeva di andare al consolato ma credeva che nulla gli sarebbe successo su suolo turco. "Potrebbero essere loro? Sì", ha detto Trump riferendosi ai sauditi.

La Turchia ha accusato l'Arabia Saudita di averlo ucciso nella sede consolare e di averlo fatto a pezzi. L'Arabia Saudita sostiene che il giornalista lasciò il consolato subito dopo esserci entrato ma il Washington Post ha riferito che il governo turco ha detto a quello americano di avere video e audio che provano che sia stato torturato dentro il consolato. Trump ha detto di volere vedere quei video.

Ankara sta cercando l'appoggio di Washington nella sua battaglia contro Riad e per ottenerlo, sabato 12 ottobre ha liberato il pastore evangelico Andrew Brunson, detenuto da oltre due anni in Turchia con accuse di attività terroristiche. Il presidente americano ha spiegato che la liberazione è sono una "coincidenza totale" e non è legata al caso Khashoggi. Dalla Casa Bianca, dove ha accolto il pastore evangelico tornato in patria, Trump ha detto di avere "invitato" la fidanza del giornalista scomparso e che nel giro di 24 ore avrebbe chiamato il re saudita.

Tuttavia, ci vorrà forse tempo prima che venga meno l'esitazione di Trump nel reagire con forza contro il regno saudita visto il suo stretto legame con il principe Mohammed bin Salman, l'uomo che di fatto manda avanti il suo Paese. Inoltre, la Casa Bianca ha continuano ad appoggiare la campagna saudita di bombardamenti contro i ribelli houthi in Yemen, con i quali sono stati uccisi migliaia di civili. Come? Fornendo armi e supporto logistico. Quanto Trump continua a volere fornire all'Arabia Saudita, una nazione da cui sempre più aziende si stanno nel frattempo allontanando dopo il caso. Alla cosiddetta Davos nel deserto, prevista a Riad il 23 ottobre, Uber non ci andrà come nemmeno i principali media inclusi Financial Times e Cnbc tranne Fox (il canale preferito di Trump). Il segretario americano al Tesoro, Steven Mnuchin, ha detto che "a questo punto intende andarci". Il presidente della Banca Mondiale, Jim Yong Kim, non ci andrà.

 

 

 

Altri Servizi

Elezioni di Midterm, in Florida si ricontano i voti

Ancora in bilico le sfide per le nomine del governatore e al Senato

A oltre quattro giorni dalla chiusura dei seggi in Florida e dopo le accuse reciproche di frode tra democratici e repubblicani è stato ordinato un riconteggio dei voti. La decisione è stata presa dal segretario di stato della Florida, Ken Detzner, quando nel Sunshine State l’assegnazione della poltrona da senatore e la carica di governatore sono ancora in ballo con margini davvero ristretti tra i vari candidati.

Wall Street, pesa la volatilità del petrolio

Attesa per il dato sull'inflazione
iStock

"Presidential Medal of Freedom", Trump nomina Elvis, Babe Ruth e Antonin Scalia

Si tratta della più alta onorificenza civile che un presidente Usa può assegnare. Assieme a loro anche altre quattro personalità

Il prossimo 16 novembre Donald Trump conferirà a sette persone la "Presidential Medal Freedom" la più alta onorificenza civile che un presidente degli Stati Uniti può assegnare a un cittadino americano. Tra le sette personalità che verranno insignite quest’anno ci sono quattro assegnazioni postume: il Re del Rock’n Roll Elvis Presley, il campione di baseball e icona dello sport americano, Babe Ruth, conosciuto come "The Great Bambino", il celebre giudice della Corte Suprema, Antonin Scalia, scomparso due anni fa, e Miriam Adelson, moglie del miliardario Sheldon, finanziatori del partito repubblicano.

Elezioni Usa, vittoria democratica più netta a una settimana dal voto

Il conteggio va avanti ed è sempre più favorevole ai democratici. Il Congresso diviso, però, sarà un'arma in più per il presidente Trump
Ap

Non è stata un'onda blu, ma a una settimana dalle elezioni di metà mandato negli Stati Uniti (qui il pezzo sui risultati parziali; questo il commento, il giorno dopo), i contorni del risultato dei democratici si fanno più nitidi, mentre si continuano a contare i voti ed emergono i vincitori.

Amazon

Dopo le indiscrezioni, sono arrivate le conferme. Amazon ha scelto di dividere tra due città il suo secondo quartier generale. Dopo quello di Seattle (nello Stato di Washington) il colosso americano del commercio elettronico investirà 5 miliardi di dollari creando oltre 50mila posti di lavoro tra New York City (a Long Island City, la località del Queens separata da Manhattan dall'East River) e Arlington (Virginia).

Dopo Parigi Trump tornerà in Usa, improbabile che sia a conferenza su Libia

Il premier Conte, a fine luglio, aveva incassato dal presidente Usa il ricnoscimento della leadership dell'Italia nella stabilizzazione della nazione africana
AP

Il presidente americano, Donald Trump, sabato e domenica prossimi sarà a Parigi per partecipare alle celebrazioni del centesimo anniversario dell'armistizio che ha messo fine alla Prima guerra mondiale. Già domenica il leader Usa rientrerà negli Stati Uniti, proprio alla vigilia della conferenza internazionale sulla Libia di Palermo, a cui dunque non dovrebbe partecipare.

Wall Street, attenzione rivolta al petrolio

L'Arabia Saudita ha annunciato un taglio della produzione per alzare i prezzi
AP

Afghanistan, anno record per bombe lanciate dagli Usa

Tra gennaio e settembre, lanciati 5.213 ordigni; superato il record di 5.101 del 2010. Con Tump, cambiate le regole d'ingaggio

Gli Stati Uniti non hanno mai lanciato così tante bombe sull'Afghanistan com nel 2018. È quanto emerge dai dati resi noti dallo U.S. Air Forces Central Command, ripresi da Forbes. Diciassette anni dopo la presa di Kabul da parte delle forze statunitensi e alleate, metà dell'Afghanistan è sotto il controllo dei talebani e la guerra è ancora lontana da una conclusione, con 14.000 soldati statunitensi ancora nel Paese.

La minaccia di dazi americani su auto importate negli Stati Uniti si è riaccesa. Il presidente americano, Donald Trump, oggi dovrebbe incontrare il suo team di esperti in ambito commerciale per discutere se procedere o meno con queste tariffe doganali da tempo ventilate. Stando a Bloomberg, alla Casa Bianca sta circolando una bozza di uno studio del dipartimento del Commercio di cui sono però sconosciute le conclusioni.