Perché WikiLeaks vuole il licenziamento di un giornalista di The Intercept?

Il gruppo sostiene - come il dipartimento di Giustizia - che il reporter del quotidiano online abbia permesso al governo di arrestare la talpa, Reality Leigh Winner, che ha fornito le informazioni per un articolo sull'attacco hacker russo alle elezioni

WikiLeaks ha offerto 10.000 dollari per iniziare una campagna che porti all'identificazione e al licenziamento di un giornalista di The Intercept, in seguito all'arresto del collaboratore della Nsa che ha consegnato il materiale classificato al quotidiano online americano. Ieri il dipartimento di Giustizia Usa ha annunciato l'arresto di Reality Leigh Winner, 25 anni, accusato di essere la talpa dietro alla fuga di notizie con cui The Intercept ha scritto un articolo dimostrando come gli hacker russi abbiano cercato di entrare nei sistemi informatici di gestione delle elezioni americane.

Secondo il dipartimento di Giustizia il 25enne sarebbe stato arrestato grazie al reporter di The Intercept che ha mostrato ad alcuni funzionari del governo i documenti ricevuti da Reality Leigh Winner. Secondo WikiLeaks il reporter non avrebbe eliminato una serie di elementi che hanno permesso al governo di rintracciare l'identità della talpa. Non è chiaro per quale motivo il reporter di The Intercept abbia mostrato i file al governo.

La storia apparsa ieri sul sito di The Intercept è firmata da quattro giornalisti: Matthew Cole, Richard Esposito, Sam Biddle, Ryan Grim. Mostra come un gruppo di hacker collegati al governo russo abbiano attaccato una società in possesso di informazioni sul software che gestisce le elezioni americane.

Questo a pochi giorni dal voto. Allo stesso tempo i pirati hanno inviato mail di spear-phishing a 100 funzionari locali coinvolti nelle elezioni. Diversi media hanno citato la storia di The Intercept sostenendo che il documento provasse l'attacco hacker e l'accesso dei pirati nel sistema elettorale Usa.

The Intercept è stato fondato nel 2014 da Glenn Greenwald, Jeremy Scahill e Laura Poitras come piattaforma per pubblicare i documenti forniti da Edward Snowden e per continuare a fare giornalismo di inchiesta "aggressivo e antagonistico". È parte del gruppo First Look Media, finanziata dal fondatore di eBay, Pierre Omidyar.

L'articolo di The Intercept. Alcuni hacker collegati all'intelligence russa hanno preso di mira una società in possesso di informazioni sul software che gestisce le elezioni americane. I file sottolineano come il tentativo sia avvenuto a pochi giorni dalle elezioni e sia poi servito per fare attacchi contro funzionari locali del governo americano.

I documenti dell'Nsa offrono allo stesso tempo una chiara indicazione sul fatto che hacker russi abbiano cercato di influenzare il voto americano. "L'intelligence russa ha ottenuto e mantenuto l'accesso ad elementi di più stati o di consigli elettorali locali", ha concluso l'Nsa nello scritto top secret, facendo riferimento a informazioni "divenute disponibili nell'aprile del 2017". Tuttavia l'intelligence Usa non è in grado di dire se ci sia stato un effetto reale sulle elezioni.

Secondo alcuni esperti di cybersicurezza citati da The Intercept è molto probabile che se gli hacker sono riusciti ad entrare nei sistemi delle aziende che forniscono i software al governo, possono anche entrare nel programma nel corso delle elezioni. Il presidente russo Vladimir Putin continua a negare il coinvolgimento del Cremlino nell'attacco hacker, ma in una recente intervista su Nbc, ha detto che un attacco pirata alle elezioni americane è molto facile da portare a termine.

Questa settimana l'inchiesta sui rapporti tra l'intelligence russa e la campagna elettorale di Trump potrebbe prendere una svolta, visto che giovedì ci sarà la testimonianza davanti alla commissione Intelligence del Senato dell'ex direttore dell'Fbi, James Comey.

Altri Servizi

Wall Street cerca la via dei rialzi in avvio di settimana

Riflettori puntati su alcuni dati macro e notizie aziendali.
AP

Stephen Colbert annuncia dalla Russia: "Mi candido per Usa 2020"

Ospite di Evening Urgant, un late show russo, il presentatore e comico americano ha colto tutti di sorpresa con l’inaspettata dichiarazione

Sono passati poco più di sette mesi dalle elezioni che hanno consegnato a Donald Trump la presidenza degli Stati Uniti e c’è già chi sta pensando alla corsa alla Casa Bianca del 2020. Non stiamo parlando di Hillary Clinton o di qualche noto politico americano bensì di Stephen Colbert, comico e presentatore del Late Show, il famoso programma in onda in seconda serata su Cbs.

Trump accusa Obama: "Sapeva della Russia e non ha fatto nulla"

Il presidente americano risponde all’articolo del Washington Post. Nel frattempo un ex ufficiale dell’amministrazione Obama paragona il Russiagate al 9/11
AP

"Ho appena sentito per la prima volta che Obama sapeva della Russia molto prima delle elezioni e non ha fatto nulla". Ha risposto così il presidente americano Donald Trump alle recenti rivelazioni del Washington Post, secondo cui la Cia già ad agosto aveva informazioni dirette su come Vladimir Putin avesse dato l'ordine agli hacker di danneggiare Hillary Clinton e quindi favorire Trump.

New York si tinge di rosé, grazie ai vini della Puglia

Road show Usa dell'Associazione Puglia in Rosé, per promuovere la Regione e il Made in Italy

I vini rosati della Puglia si fanno conoscere a New York grazie agli sforzi dell'Associazione Puglia in Rosé, realtà dedicata a questa tipologia di vini.

Trump contro Mueller e Comey: la loro amicizia "irritante". Sull'indagine: "Tutto ridicolo"

Il presidente ipotizza che Mueller debba lasciare le indagini. Poi è ironico su Pelosi: "Spero resti, vinciamo sempre contro di lei"
AP

L'amicizia tra l'ex direttore dell'Fbi, James Comey, e il procuratore speciale Robert Mueller, che sta indagando sul cosiddetto Russiagate, "è irritante". Lo ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, intervistato da "Fox and Friends". Mueller, a sua volta ex direttore dell'Fbi, è stato nominato per indagare sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali statunitensi e sui presunti legami tra lo staff di Trump e il Cremlino, su cui stava indagando Comey, licenziato da Trump. Alla domanda se Mueller debba lasciare l'incarico per la sua amicizia con Comey, che ha accusato il presidente di aver diffamato lui e l'Fbi, Trump ha risposto: "Dovremo vedere" se sia il caso.

Google verso maxi multa da un miliardo di euro da Commissione Ue

Per possibili violazioni sulle pratiche commerciali. La sanzione potrebbe essere annunciata a breve, forse già il 28 giugno

Maxi multa in vista per Google per possibili violazioni sulle pratiche commerciali. Secondo indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal e dal Financial Times, la Commissione europea potrebbe infliggere al colosso di Mountain View una multa per circa un miliardo di euro.

Amministrazione Trump, si è sposato il segretario del tesoro Steven Mnuchin

La cerimonia è stata officiata dal vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence

Il segretario del tesoro americano, il 54enne Steven Mnuchin, e la 36enne attrice scozzese, Louise Linton, si sono sposati sabato sera a Washington, all’Andrew W. Mellon Auditorium, davanti a 300 ospiti tra cui il presidente americano Donald Trump accompagnato da sua moglie Melania. Ad officiare la cerimonia è stato il vice presidente Mike Pence.

John "Sonny" Franzese, il boss italoamericano esce di prigione a 100 anni

È stato rilasciato venerdì dal Federal Medical Center del Massachusetts

John Sonny Franzese, sicario della famiglia Colombo nonché uno dei più feroci boss mafiosi della storia americana, è stato rilasciato venerd" sera dal Federal Medical Center del Massachusetts all’età di 100 anni. Un record negli Stati Uniti che rendono la storia di Sonny Franzese ancor più unica di quanto già fosse.

Pressing su Trump perché cambi politica sull'Iran

Alcuni funzionari dell’amministrazione americana si sono detti pronti a rovesciare il regime di Teheran e spingono sul presidente affinché cambi policy

La Casa Bianca sta lavorando alla consueta revisione delle sue policy, soprattutto rispetto alla politica estera. Si tratta di un momento di confronto all'interno dell'amministrazione Trump dove c'è chi spinge per dei forti cambiamenti. Stando a quanto riporta Politico, che cita fonti vicini alla vicenda, alcuni funzionari del governo nonché alcuni tra i più stretti consiglieri e alleati di Donald Trump stanno facendo pressioni sul presidente affinché Washington compia passi concreti per rovesciare il regime di Teheran.

Fed: le grandi banche Usa superano il primo round di stress test

In 34 saprebbero affrontare una crisi avversa. Buona premessa per i test sulla distribuzione di dividendi. E buona scusa per Trump, che vuole una deregulation

Per le grandi banche americane, gli stress test della Federal Reserve stanno diventando sempre meno stressanti. Nel primo round dell'edizione 2017 di questi test, la banca centrale Usa ha stabilito che 34 istituti di credito hanno migliorato i loro livelli patrimoniali rispetto alla crisi del 2008 (la peggiore dalla Grande Depressione degli anni '30 del secolo scorso).