Perché WikiLeaks vuole il licenziamento di un giornalista di The Intercept?

Il gruppo sostiene - come il dipartimento di Giustizia - che il reporter del quotidiano online abbia permesso al governo di arrestare la talpa, Reality Leigh Winner, che ha fornito le informazioni per un articolo sull'attacco hacker russo alle elezioni

WikiLeaks ha offerto 10.000 dollari per iniziare una campagna che porti all'identificazione e al licenziamento di un giornalista di The Intercept, in seguito all'arresto del collaboratore della Nsa che ha consegnato il materiale classificato al quotidiano online americano. Ieri il dipartimento di Giustizia Usa ha annunciato l'arresto di Reality Leigh Winner, 25 anni, accusato di essere la talpa dietro alla fuga di notizie con cui The Intercept ha scritto un articolo dimostrando come gli hacker russi abbiano cercato di entrare nei sistemi informatici di gestione delle elezioni americane.

Secondo il dipartimento di Giustizia il 25enne sarebbe stato arrestato grazie al reporter di The Intercept che ha mostrato ad alcuni funzionari del governo i documenti ricevuti da Reality Leigh Winner. Secondo WikiLeaks il reporter non avrebbe eliminato una serie di elementi che hanno permesso al governo di rintracciare l'identità della talpa. Non è chiaro per quale motivo il reporter di The Intercept abbia mostrato i file al governo.

La storia apparsa ieri sul sito di The Intercept è firmata da quattro giornalisti: Matthew Cole, Richard Esposito, Sam Biddle, Ryan Grim. Mostra come un gruppo di hacker collegati al governo russo abbiano attaccato una società in possesso di informazioni sul software che gestisce le elezioni americane.

Questo a pochi giorni dal voto. Allo stesso tempo i pirati hanno inviato mail di spear-phishing a 100 funzionari locali coinvolti nelle elezioni. Diversi media hanno citato la storia di The Intercept sostenendo che il documento provasse l'attacco hacker e l'accesso dei pirati nel sistema elettorale Usa.

The Intercept è stato fondato nel 2014 da Glenn Greenwald, Jeremy Scahill e Laura Poitras come piattaforma per pubblicare i documenti forniti da Edward Snowden e per continuare a fare giornalismo di inchiesta "aggressivo e antagonistico". È parte del gruppo First Look Media, finanziata dal fondatore di eBay, Pierre Omidyar.

L'articolo di The Intercept. Alcuni hacker collegati all'intelligence russa hanno preso di mira una società in possesso di informazioni sul software che gestisce le elezioni americane. I file sottolineano come il tentativo sia avvenuto a pochi giorni dalle elezioni e sia poi servito per fare attacchi contro funzionari locali del governo americano.

I documenti dell'Nsa offrono allo stesso tempo una chiara indicazione sul fatto che hacker russi abbiano cercato di influenzare il voto americano. "L'intelligence russa ha ottenuto e mantenuto l'accesso ad elementi di più stati o di consigli elettorali locali", ha concluso l'Nsa nello scritto top secret, facendo riferimento a informazioni "divenute disponibili nell'aprile del 2017". Tuttavia l'intelligence Usa non è in grado di dire se ci sia stato un effetto reale sulle elezioni.

Secondo alcuni esperti di cybersicurezza citati da The Intercept è molto probabile che se gli hacker sono riusciti ad entrare nei sistemi delle aziende che forniscono i software al governo, possono anche entrare nel programma nel corso delle elezioni. Il presidente russo Vladimir Putin continua a negare il coinvolgimento del Cremlino nell'attacco hacker, ma in una recente intervista su Nbc, ha detto che un attacco pirata alle elezioni americane è molto facile da portare a termine.

Questa settimana l'inchiesta sui rapporti tra l'intelligence russa e la campagna elettorale di Trump potrebbe prendere una svolta, visto che giovedì ci sarà la testimonianza davanti alla commissione Intelligence del Senato dell'ex direttore dell'Fbi, James Comey.

Altri Servizi

Lo chef Mario Batali accusato di molestie sessuali

Si prende una pausa dai suoi ristoranti e da Eataly USA. Abc gli toglie la conduzione di "The Chew". Food Network ha sospeso il rilancio della trasmissione "Molto Mario"
America24

Dopo Hollywood, la Silicon Valley e Capitol Hill anche il mondo della ristorazione è stato colpito dallo scandalo di molestie sessuali. Quattro donne hanno accusato Mario Batali, uno degli chef più celebri di New York; famoso per i suoi capelli rossi e le Crocs arancioni ai piedi, è il cuoco che ha cucinato l'ultima cena di stato alla Casa Bianca dell'era Obama, quella che aveva come ospite d'onore l'ex presidente del consiglio Matteo Renzi. Ed è uno dei soci di minoranza di Eataly USA, la mecca americana del cibo Made in Italy. Al di fuori degli Stati Uniti, il nome del 51enne Batali non è associato a quello della controllante Eataly, gruppo italiano fondato da Oscar Farinetti (che ne è l'azionista di maggioranza). Il cuoco non ha mai ricoperto alcun ruolo operativo nella galassia Eataly.

Diplomatica Usa contro Tillerson: "Mi dimetto e le suggerisco di fare lo stesso"

Elizabeth Shackelford: "Il nostro lavoro sminuito, lei non è un leader". Trump preferisce i militari ai diplomatici: al Pentagono la guida dei rapporti esteri, Tillerson criticato e messo ai margini
AP

Ha rassegnato le dimissioni e ha suggerito il segretario di Stato, Rex Tillerson, a seguire il suo esempio: Elizabeth Shackelford, apprezzata diplomatica e "astro nascente del dipartimento di Stato" (secondo la Cnn) ha inviato una lettera molto critica al suo capo, in cui ha scritto che, sotto la sua guida, l'influenza del dipartimento è notevolmente diminuita e il morale dello staff è crollato, anche per "la dolorosa mancanza di rispetto" mostrata dall'amministrazione Trump.

Visa: una email anonima al Ceo porta al licenziamento di un top manager rubacuòri

Avrebbe scritto una email giudicata inopportuna a una dipendente di più basso livello

L'obiettivo di Trump e del Gop: convincere l'America che la riforma fiscale è pensata per la classe media

Così non è. Tra i principali beneficiari ci sono grandi aziende e milionari come il presidente. Mentre il provvedimento sta per essere approvato, torna il rischio di uno shutdown
AP

Putin ringrazia Trump: con aiuto Cia, sventati attacchi a San Pietroburgo

Seconda telefonata in quattro giorni tra i due leader
AP

Trump è il presidente Usa meno apprezzato dopo un anno di mandato

Sempre più elettori vogliono che il Congresso torni a essere controllato dai democratici. Lui si prepara a una campagna elettorale in giro per la nazione
AP

Repubblicani accusati di architettare uno scandalo email a danno di Mueller

Sostengono che il procuratore speciale abbia ottenuto illecitamente documenti scambiati dal transition team di Trump; vogliono gettare cattiva luce sull'inchiesta Russiagate
AP

Trump presenta lunedì strategia sicurezza nazionale. Cina sarà accusata di aggressione economica

Secondo varie fonti informate sul dossier, Trump proporrà una posizione molto più dura nei confronti della Cina rispetto a quanto fatto dalle precedenti amministrazioni.
White House

Gm al momento della verità nel processo (ennesimo) sullo scandalo dei difetti all'accensione

Il 18 dicembre al tribunale fallimentare di Manhattan si apre il processo che stabilirà se il colosso automobilistico possa o meno evitare di pagare fino a un miliardo di dollari in azioni.
iStock

Ok dei repubblicani al testo unificato della riforma fiscale. Il plauso di Trump: rispettiamo promesse

L'approvazione finale potrebbe arrivare già mercoledì. L'aliquota per le imprese dal 35 al 21%
AP