Perché WikiLeaks vuole il licenziamento di un giornalista di The Intercept?

Il gruppo sostiene - come il dipartimento di Giustizia - che il reporter del quotidiano online abbia permesso al governo di arrestare la talpa, Reality Leigh Winner, che ha fornito le informazioni per un articolo sull'attacco hacker russo alle elezioni

WikiLeaks ha offerto 10.000 dollari per iniziare una campagna che porti all'identificazione e al licenziamento di un giornalista di The Intercept, in seguito all'arresto del collaboratore della Nsa che ha consegnato il materiale classificato al quotidiano online americano. Ieri il dipartimento di Giustizia Usa ha annunciato l'arresto di Reality Leigh Winner, 25 anni, accusato di essere la talpa dietro alla fuga di notizie con cui The Intercept ha scritto un articolo dimostrando come gli hacker russi abbiano cercato di entrare nei sistemi informatici di gestione delle elezioni americane.

Secondo il dipartimento di Giustizia il 25enne sarebbe stato arrestato grazie al reporter di The Intercept che ha mostrato ad alcuni funzionari del governo i documenti ricevuti da Reality Leigh Winner. Secondo WikiLeaks il reporter non avrebbe eliminato una serie di elementi che hanno permesso al governo di rintracciare l'identità della talpa. Non è chiaro per quale motivo il reporter di The Intercept abbia mostrato i file al governo.

La storia apparsa ieri sul sito di The Intercept è firmata da quattro giornalisti: Matthew Cole, Richard Esposito, Sam Biddle, Ryan Grim. Mostra come un gruppo di hacker collegati al governo russo abbiano attaccato una società in possesso di informazioni sul software che gestisce le elezioni americane.

Questo a pochi giorni dal voto. Allo stesso tempo i pirati hanno inviato mail di spear-phishing a 100 funzionari locali coinvolti nelle elezioni. Diversi media hanno citato la storia di The Intercept sostenendo che il documento provasse l'attacco hacker e l'accesso dei pirati nel sistema elettorale Usa.

The Intercept è stato fondato nel 2014 da Glenn Greenwald, Jeremy Scahill e Laura Poitras come piattaforma per pubblicare i documenti forniti da Edward Snowden e per continuare a fare giornalismo di inchiesta "aggressivo e antagonistico". È parte del gruppo First Look Media, finanziata dal fondatore di eBay, Pierre Omidyar.

L'articolo di The Intercept. Alcuni hacker collegati all'intelligence russa hanno preso di mira una società in possesso di informazioni sul software che gestisce le elezioni americane. I file sottolineano come il tentativo sia avvenuto a pochi giorni dalle elezioni e sia poi servito per fare attacchi contro funzionari locali del governo americano.

I documenti dell'Nsa offrono allo stesso tempo una chiara indicazione sul fatto che hacker russi abbiano cercato di influenzare il voto americano. "L'intelligence russa ha ottenuto e mantenuto l'accesso ad elementi di più stati o di consigli elettorali locali", ha concluso l'Nsa nello scritto top secret, facendo riferimento a informazioni "divenute disponibili nell'aprile del 2017". Tuttavia l'intelligence Usa non è in grado di dire se ci sia stato un effetto reale sulle elezioni.

Secondo alcuni esperti di cybersicurezza citati da The Intercept è molto probabile che se gli hacker sono riusciti ad entrare nei sistemi delle aziende che forniscono i software al governo, possono anche entrare nel programma nel corso delle elezioni. Il presidente russo Vladimir Putin continua a negare il coinvolgimento del Cremlino nell'attacco hacker, ma in una recente intervista su Nbc, ha detto che un attacco pirata alle elezioni americane è molto facile da portare a termine.

Questa settimana l'inchiesta sui rapporti tra l'intelligence russa e la campagna elettorale di Trump potrebbe prendere una svolta, visto che giovedì ci sarà la testimonianza davanti alla commissione Intelligence del Senato dell'ex direttore dell'Fbi, James Comey.

Altri Servizi

Suprematisti bianchi a Charlottesville: è stato di emergenza. Un'auto contro la folla, 3 morti e 35 feriti

Scontri nella piccola città della Virginia per la rimozione di una statua del generale Lee. Donald Trump: "La divisione arriva da più parti e iniziata molto tempo fa. Non è colpa di Trump o di Obama". Ma non condanna i razzisti
Suprematisti bianchi manifestano a Charlottesville, Virginia AP

Il governatore della Virginia, Terry McAuliffe, ha dichiarato lo stato di emergenza a Charlottesville, dopo che le proteste contro la rimozione di una statua di un generale delle forze Confederate, Robert E. Lee, ha portato a scontri violenti. Decine di persone sono rimaste ferite tra i manifestanti, quasi tutti appartenenti a gruppi di suprematisti bianchi. Il presidente americano Donald Trump ha condannato le violenze, sostenendo che arrivano da "più parti", ma anche che le divisioni sono iniziate molto tempo fa e "non è colpa di Donald Trump o di Barack Obama".

Snapchat delude ancora: perdita trimestrale quasi quadruplicata

Ricavi +153% non soddisfano gli analisti; male anche la crescita degli utenti

Con la sua seconda trimestrale dall'Ipo del 2 marzo scorso, Snap ha deluso. Di nuovo. E' il segno di come la competizione data da Facebook con la app rivale Instagram continui a pesare. La controllante di Snapchat ha messo a segno una perdita quasi quadruplicata, ricavi inferiori alle attese e la crescita degli utenti non ha convinto cos" come le vendite generate per ogni utente. Per questo il titolo è arrivato a cedere oltre il 14% nel dopo mercato (dopo la sua prima trimestrale da azienda quotata aveva perso più del 23%). La seduta era finita in rialzo dell'1,6% a 13,77 dollari, sotto i 17 dollari del prezzo di collocamento.

I cinque monumenti nazionali che Trump potrebbe cancellare

Il 24 agosto dovrebbe arrivare la decisione del segretario dell'Interno. Poi il presidente potrebbe decidere di eliminarli in parte o completamente. Sarebbe una vittoria per l'industria del petrolio e del carbone

Facebook sfida YouTube: nasce la piattaforma video Watch

Un nuovo servizio con piccoli show esclusivi, e partner come la Nasa e l'Nba

Facebook ha lanciato una sfida a YouTube, parte di Google (a sua volta controllata da Alphabet). Il più grande social network al mondo ha presentato un nuovo servizio di contenuti video esclusivi: Watch.

Charlottesville, bufera su Trump. "Le sue parole sono insufficienti"

"Chiami il male col suo nome", repubblicani e democratici uniti contro il presidente

In quasi sette mesi di presidenza Donald Trump ha dimostrato di non aver alcun timore ad esprimere le proprie opinioni, per quanto a volte possano essere impopolari. Ci sono però degli argomenti su cui "The Donald" sembra essere più riflessivo, o quanto meno più attento, nel modo di esprimersi.

Charlottesville, la Casa Bianca prova a spegnere le polemiche contro Trump

Una nota ha fatto chiarezza sostenendo che il il presidente "condanna tutti, anche i suprematisti bianchi"

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, condanna "tutte le forme di violenza", incluse quelle dei suprematisti bianchi, dei neonazisti, del Kkk e di tutti i gruppi estremisti. Questo il senso della nota rilasciata dalla Casa Bianca per cercare di fare chiarezza dopo le polemiche arrivate da più parti nei confronti del presidente Trump, accusato di non aver condannato esplicitamente la violenza dei suprematisti bianchi a Charlottesville, in Michigan, dove sono morte tre persone e 35 sono rimaste ferite.

L'Iran risponde agli Usa. Parlamento approva un programma missilistico

Oltre mezzo miliardo di dollari per misure difensive e militari

Il Parlamento iraniano ha votato un pacchetto da mezzo miliardo di dollari di misure difensive e militari all’interno delle quali è previsto lo stanziamento di 260 milioni destinati allo sviluppo di un programma missilistico nazionale e alla Guardia Rivoluzionaria. Si tratta di una risposta alle sanzioni imposte da Washington a Teheran all’inizio del mese, proprio per via del programma balistico iraniano.

David Letterman torna in tv, su Netflix

Oltre due anni fa, l'ultima puntata del suo "The Late Show". Dal 2018 sarà protagonista di una nuova serie in sei puntate

Dopo oltre due anni dall'addio al piccolo schermo, David Letterman torna in tv. Questa volta, però, il volto del celebre "The Late Show" lo fa su Netflix. Il conduttore che ha intrattenuto l'America (e non solo) nella fascia oraria notturna per il periodo più lungo in Usa, dal 2018 sarà il protagonista di una nuova serie sul sito di video in streaming che ieri ha annunciato la sua prima acquisizione (l'editore di fumetti Millarworld).

AP

Mentre lo scontro a parole sull'asse Washington-Pyongyang non sembra placarsi, come dimostrato dalle affermazioni prima di Donald Trump e del Pentagono e poi della Corea del Nord che vorrebbe lanciare missili nelle acque vicine all'isola di Guam, il mondo intero si domanda se ci si trovi sull'orlo di una guerra nucleare. Il presidente ha promesso il ricorso al "fuoco e furia" e ha ricordato che gli Usa vantano l'arsenale nucleare "mai così potente". Il 'cane pazzo' James Mattis ha garantito che il regime nordcoreano può essere annientato. E' toccato al pragmatico Rex Tillerson, il capo della diplomazia Usa, a dire che una "minaccia non è imminente" e che si può dormire sonni tranquilli. Poi però il regime di Kim Jong-un ha minacciato di nuovo quello che risulterebbe il primo lancio di missili vicino a un territorio Usa. E forse proprio perché due terzi degli americani non sa trovare sulla mappa la Corea del Nord, l'America resta in allerta. Secondo il New York Times, però, non bisogna avere paura. Per almeno cinque motivi.

Mlb, i Miami Marlins passano nelle mani della cordata di Derek Jeter e Michael Jordan

Il presidente David Samson ha detto che l’accordo è stato firmato, entro ottobre l’ufficialità
Ap

I Miami Marlins, squadra professionistica della Major League Baseball (la lega professionistica di baseball del nord America) passeranno nelle mani di una cordata di imprenditori con a capo Derek Jeter, ex capitano dei New York Yankees. Nel gruppo ci sarà anche Michael Jordan, ex stella dei Chicago Bulls e leggenda del basket a stelle e strisce ora presidente della franchigia Nba dei Charlotte Hornets.