Perché WikiLeaks vuole il licenziamento di un giornalista di The Intercept?

Il gruppo sostiene - come il dipartimento di Giustizia - che il reporter del quotidiano online abbia permesso al governo di arrestare la talpa, Reality Leigh Winner, che ha fornito le informazioni per un articolo sull'attacco hacker russo alle elezioni

WikiLeaks ha offerto 10.000 dollari per iniziare una campagna che porti all'identificazione e al licenziamento di un giornalista di The Intercept, in seguito all'arresto del collaboratore della Nsa che ha consegnato il materiale classificato al quotidiano online americano. Ieri il dipartimento di Giustizia Usa ha annunciato l'arresto di Reality Leigh Winner, 25 anni, accusato di essere la talpa dietro alla fuga di notizie con cui The Intercept ha scritto un articolo dimostrando come gli hacker russi abbiano cercato di entrare nei sistemi informatici di gestione delle elezioni americane.

Secondo il dipartimento di Giustizia il 25enne sarebbe stato arrestato grazie al reporter di The Intercept che ha mostrato ad alcuni funzionari del governo i documenti ricevuti da Reality Leigh Winner. Secondo WikiLeaks il reporter non avrebbe eliminato una serie di elementi che hanno permesso al governo di rintracciare l'identità della talpa. Non è chiaro per quale motivo il reporter di The Intercept abbia mostrato i file al governo.

La storia apparsa ieri sul sito di The Intercept è firmata da quattro giornalisti: Matthew Cole, Richard Esposito, Sam Biddle, Ryan Grim. Mostra come un gruppo di hacker collegati al governo russo abbiano attaccato una società in possesso di informazioni sul software che gestisce le elezioni americane.

Questo a pochi giorni dal voto. Allo stesso tempo i pirati hanno inviato mail di spear-phishing a 100 funzionari locali coinvolti nelle elezioni. Diversi media hanno citato la storia di The Intercept sostenendo che il documento provasse l'attacco hacker e l'accesso dei pirati nel sistema elettorale Usa.

The Intercept è stato fondato nel 2014 da Glenn Greenwald, Jeremy Scahill e Laura Poitras come piattaforma per pubblicare i documenti forniti da Edward Snowden e per continuare a fare giornalismo di inchiesta "aggressivo e antagonistico". È parte del gruppo First Look Media, finanziata dal fondatore di eBay, Pierre Omidyar.

L'articolo di The Intercept. Alcuni hacker collegati all'intelligence russa hanno preso di mira una società in possesso di informazioni sul software che gestisce le elezioni americane. I file sottolineano come il tentativo sia avvenuto a pochi giorni dalle elezioni e sia poi servito per fare attacchi contro funzionari locali del governo americano.

I documenti dell'Nsa offrono allo stesso tempo una chiara indicazione sul fatto che hacker russi abbiano cercato di influenzare il voto americano. "L'intelligence russa ha ottenuto e mantenuto l'accesso ad elementi di più stati o di consigli elettorali locali", ha concluso l'Nsa nello scritto top secret, facendo riferimento a informazioni "divenute disponibili nell'aprile del 2017". Tuttavia l'intelligence Usa non è in grado di dire se ci sia stato un effetto reale sulle elezioni.

Secondo alcuni esperti di cybersicurezza citati da The Intercept è molto probabile che se gli hacker sono riusciti ad entrare nei sistemi delle aziende che forniscono i software al governo, possono anche entrare nel programma nel corso delle elezioni. Il presidente russo Vladimir Putin continua a negare il coinvolgimento del Cremlino nell'attacco hacker, ma in una recente intervista su Nbc, ha detto che un attacco pirata alle elezioni americane è molto facile da portare a termine.

Questa settimana l'inchiesta sui rapporti tra l'intelligence russa e la campagna elettorale di Trump potrebbe prendere una svolta, visto che giovedì ci sarà la testimonianza davanti alla commissione Intelligence del Senato dell'ex direttore dell'Fbi, James Comey.

Altri Servizi

La California del Nord brucia

Almeno 11 morti, 100 dispersi e oltre 1500 tra case, aziende e altre strutture ridotte in cenere. E' tra i peggiori incendi nella storia dello Stato
AP

Almeno 11 persone sono morte, più di 170 sono finite all'ospedale, 100 sono disperse e oltre 1500 tra case, aziende e altre strutture come scuole sono state ridotte in cenere da più di 14 incendi che stanno bruciando da domenica 8 ottobre otto contee nella California del Nord tra cui Napa, famosa per il suo vino, e Sonoma. Le cause sono ancora oggetto di inchiesta.

Cinema, Weinstein accusato di molestie anche da Paltrow, Jolie e Asia Argento

Il produttore avrebbe fatto delle proposte oscene anche a Rosanna Arquette. Il caso emerso dopo un articolo pubblicato dal New York Times. Anche Clinton condanna il produttore che aveva raccolto fondi per lei e Obama

Fmi alza le stime di crescita dell'Italia, disoccupazione sopra media Ue

"Appropriato" un aggiustamento fiscale graduale, ridurre cuneo fiscale. Dal nostro Paese il 30% degli Npl nell'Eurozona

Fmi: alza stime di crescita mondiale, ma vietato compiacersi, restano rischi "seri"

Quest'anno atteso Pil mondiale +3,6% e nel prossimo anno +3,7% contro un +3,2% registrato nel 2016

Bannon: sfideremo ogni repubblicano in carica, tranne Cruz

L'ex stratega di Trump contro l'establishment repubblicano prepara la battaglia per le elezioni di metà mandato del prossimo anno
AP

Las Vegas: il killer sparò a una guardia prima di iniziare la strage

Le forze dell'ordine cambiano la tempistica della notte della tragedia. Escluso un secondo omicida
AP

Aig: effetto uragani da tre miliardi di dollari

Il gruppo rischia di chiudere il terzo trimestre in perdita. Soffre nel dop mercato. Il Ceo: "catastrofi senza precedenti".
AP

Las Vegas: Paddock, giocatore da 1 milione di dollari a notte e Valium

L'autore della strage si raccontava nel 2013 in tribunale; gli investigatori alla ricerca di tracce per comprendere cosa abbia portato l'uomo a organizzare il piano che ha provocato la morte di 58 persone
AP

Ambiente, l'amministrazione Trump annuncia: "Abrogheremo il piano di Obama per tagliare le emissioni"

L'annuncio dell'amministratore dell'Epa, Scott Pruitt. Per arrivare alla fine del processo, ci vorranno dei mesi