Caso Ucraina, Trump blocca la deposizione al Congresso di un testimone chiave

L'ambasciatore Sondland era atteso da tre commissioni della Camera

L'amministrazione Trump ha ordinato a un alto diplomatico statunitense di non presentarsi oggi in Congresso, dove era atteso per testimoniare nell'ambito delle indagini della Camera su un possibile impeachment del presidente Donald Trump.

La decisione di bloccare Gordon Sondland, ambasciatore statunitense presso l'Unione europea, e di impedirgli di presentarsi davanti a tre commissioni della Camera potrebbe avere conseguenze sulla Casa Bianca e Trump. I democratici della Camera hanno ripetutamente avvertito che se l'amministrazione cercherà di interferire con le indagini, sarà accusata di intralcio alla giustizia, altro possibile articolo per l'impeachment di Trump.

L'avvocato di Sondland ha comunicato che l'ambasciatore, come dipendente del dipartimento di Stato, non ha scelta ed è obbligato a rispettare l'ordine della Casa Bianca, spiegando comunque che Sondland era pronto e felice di testimoniare e che lo farà in futuro, se avrà l'autorizzazione a farlo.

Sondland - proprietario di una catena di alberghi e donatore repubblicano, nominato ambasciatore presso l'Ue un anno dopo aver versato un milione di dollari al comitato inaugurale di Trump - è stato coinvolto da Trump nei rapporti con l'Ucraina; secondo i democratici, si tratterebbe di un testimone chiave per comprendere i rapporti tra i due Paesi. Durante una telefonata, Trump fece pressioni sull'omologo ucraino, Volodymyr Zelensky, per convincerlo ad aprire un'indagine contro l'ex vicepresidente Joe Biden, suo possibile rivale alle prossime presidenziali; la telefonata è al centro delle indagini dei democratici per un possibile impeachment del presidente.

Gli sms forniti al Congresso nell'ambito delle indagini mostrano che Sondland e un altro ambasciatore hanno lavorato, in collaborazione con l'avvocato di Trump, Rudy Giuliani, per persuadere l'Ucraina a impegnarsi pubblicamente a indagare su Biden, spiegando esplicitamente che Zelensky sarebbe stato invitato alla Casa Bianca solo con l'apertura di un'indagine sull'ex vicepresidente.

Trump ha difeso la decisione di non consentire la testimonianza dell'ambasciatore. "Amerei mandare l'ambasciatore Sondland, un uomo davvero perbene e un grande americano, a testimoniare, ma purtroppo lo farebbe davanti a un tribunale illegale ('kangaroos court'), dove i diritti dei repubblicani sono stati eliminati e al pubblico non è permesso conoscere i fatti veri".

Trump ha poi scritto che, in un tweet, Sondland "ha scritto che 'credo che stiate sbagliando sulle intenzioni di Trump. Il presidente è stato chiarissimo: nessuno scambio di alcun tipo'. Questo dice tutto!". Trump si è apparentemente confuso: non si trattava di un tweet, ma di uno scambio di sms tra Sondland e William Taylor, il massimo diplomatico statunitense in Ucraina; Taylor chiedeva spiegazioni sulle condizioni imposte dalla Casa Bianca per un incontro tra Trump e Zelensky e se la sospensione dei 400 milioni di dollari in aiuti militari a Kiev, decisa poco prima della telefonata, fosse legata alla volontà di fare pressioni per l'apertura di un'indagine su Biden.

"Ora stiamo dicendo che l'assistenza per la sicurezza e l'incontro alla Casa Bianca sono condizionati all'indagine?" chiedeva Taylor a Sondland, all'inizio di settembre. "Chiamami" era stata la risposta. Una settimana dopo, Taylor scriveva: "Come ho detto al telefono, credo sia da matti sospendere l'assistenza per la sicurezza per avere aiuto per una campagna politica. Ore dopo, Sondland aveva risposto che Trump "è stato chiaro: nessuno scambio di alcun tipo". Trump ha poi detto di aver bloccato gli aiuti per convincere gli europei a fare di più per Kiev.

Parlando con i giornalisti, il presidente della commissione Intelligence della Camera statunitense, Adam Schiff, ha detto che il dipartimento di Stato sta impedendo all'ambasciatore Gordon Sondland di comunicare al Congresso "informazioni molto rilevanti per questa indagine e per l'indagine sull'impeachment". Sondland è un "testimone chiave" e impedire la sua testimonianza sarà considerato "un ulteriore atto di intralcio alla giustizia di un ramo del governo".

Più tardi, le commissioni Intelligence, Esteri e Vigilanza della Camera statunitense hanno annunciato di voler spiccare un mandato di comparizione per Sondland. I presidenti delle commissioni hanno dichiarato: "Queste azioni appaiono come parte del tentativo della Casa Bianca di intralciare l'indagine per l'impeachment e di nascondere il comportamento del presidente Trump al Congresso e agli americani. La testimonianza e i documenti dell'ambasciatore Sondland sono vitali ed è per questo che l'amministrazione sta ora bloccando la sua testimonianza e trattenendo i suoi documenti".

Altri Servizi

Un accordo ‘sostanziale’, ma che in realtà e’ soltanto parziale. E’ quanto annunciato dal presidente Donald Trump al termine di due giorni di negoziati con la delegazione cinese capeggiata dal vicepremier Liu He. L’intesa e’ stata comunque ben accolta dai mercati in quanto e’ riuscita ad evitare lo scattare di un incremento dei dazi in programma in prossimo 15 ottobre. Ma e’ lontana dal poter essere considerata una soluzione permanente alla guerra commerciale in corso da oltre 15 mesi tra le due economie piu’ importanti del mondo.

Wall Street, ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino apre a "un accordo parziale", secondo Bloomberg e Ft
AP

C'è anche Bill Gates tra gli amici di Jeffrey Epstein

Il miliardario fondatore di Microsoft ha sempre minimizzato il rapporto, il New York Times svela delle mail che rivelano un’amicizia non così superficiale

Jeffrey Epstein, il milionario arrestato per abusi e traffico sessuale di minorenni poi morto suicida in prigione, è riuscito ad attirare nella sua orbita una serie sorprendente di uomini ricchi, potenti e famosi. C'erano miliardari del calibro di Leslie Wexner e Leon Black, politici come Bill Clinton e Bill Richardson, addirittura premi Nobel quali Murray Gell-Mann e Frank Wilczek fino ad arrivare ai reali come il principe Andrea.

Ucrainagate, l’ambasciatore americano nell'Ue parlerà al Congresso: "Ho avuto rassicurazioni da Trump"

Secondo il Washington Post Gordon Sondland dichiarerà che il Tycoon lo rassicurò sul fatto che non c’erano legami tra gli aiuti a Kiev e la richiesta di indagare Biden
AP

Negli Stati Uniti continua a tenere banco l’Ucrainagate. L'ambasciatore americano nell’Unione Europea, Gordon Sondland, dopo un primo divieto da parte di Donald Trump, parlerà al Congresso e dirà che il presidente americano gli assicurò personalmente in una telefonata che non c'era nessun "quid pro quo" fra gli aiuti all'Ucraina e la richiesta di aprire un'indagine su Joe Biden.

Warren: "Basta premiare i donatori con incarichi diplomatici"

La senatrice, candidata alle primarie democratiche per le presidenziali, lancia una nuova battaglia contro l'influenza dei soldi nella politica statunitense
AP

Wall Street, attenzione rivolta alle trimestrali

Oggi, i conti di Citigroup, Goldman Sachs, JPMorgan Chase e Wells Fargo
AP

Quarto dibattito Dem: insidie per Biden, Warren da favorita

Primo confronto dal lancio delle indagini per l'impeachment di Trump e dal malore di Sanders

Wall Street, svanisce l'ottimismo sui negoziati Usa-Cina

Pechino vuole approfondire alcune questioni prima di firmare la 'fase uno' dell'accordo
AP

Hunter Biden lascerà il board di un fondo di investimento cinese

Il figlio del candidato democratico si dimetterà da BHR e non lavorerà per nessuna società straniera in caso di elezione del padre alla Casa Bianca
Ap

Pentagono invia 3.000 truppe in Arabia Saudita

Nonostante proclami per minore coinvolgimento militare nella zona
AP