Caso Ucraina, Trump blocca la deposizione al Congresso di un testimone chiave

L'ambasciatore Sondland era atteso da tre commissioni della Camera

L'amministrazione Trump ha ordinato a un alto diplomatico statunitense di non presentarsi oggi in Congresso, dove era atteso per testimoniare nell'ambito delle indagini della Camera su un possibile impeachment del presidente Donald Trump.

La decisione di bloccare Gordon Sondland, ambasciatore statunitense presso l'Unione europea, e di impedirgli di presentarsi davanti a tre commissioni della Camera potrebbe avere conseguenze sulla Casa Bianca e Trump. I democratici della Camera hanno ripetutamente avvertito che se l'amministrazione cercherà di interferire con le indagini, sarà accusata di intralcio alla giustizia, altro possibile articolo per l'impeachment di Trump.

L'avvocato di Sondland ha comunicato che l'ambasciatore, come dipendente del dipartimento di Stato, non ha scelta ed è obbligato a rispettare l'ordine della Casa Bianca, spiegando comunque che Sondland era pronto e felice di testimoniare e che lo farà in futuro, se avrà l'autorizzazione a farlo.

Sondland - proprietario di una catena di alberghi e donatore repubblicano, nominato ambasciatore presso l'Ue un anno dopo aver versato un milione di dollari al comitato inaugurale di Trump - è stato coinvolto da Trump nei rapporti con l'Ucraina; secondo i democratici, si tratterebbe di un testimone chiave per comprendere i rapporti tra i due Paesi. Durante una telefonata, Trump fece pressioni sull'omologo ucraino, Volodymyr Zelensky, per convincerlo ad aprire un'indagine contro l'ex vicepresidente Joe Biden, suo possibile rivale alle prossime presidenziali; la telefonata è al centro delle indagini dei democratici per un possibile impeachment del presidente.

Gli sms forniti al Congresso nell'ambito delle indagini mostrano che Sondland e un altro ambasciatore hanno lavorato, in collaborazione con l'avvocato di Trump, Rudy Giuliani, per persuadere l'Ucraina a impegnarsi pubblicamente a indagare su Biden, spiegando esplicitamente che Zelensky sarebbe stato invitato alla Casa Bianca solo con l'apertura di un'indagine sull'ex vicepresidente.

Trump ha difeso la decisione di non consentire la testimonianza dell'ambasciatore. "Amerei mandare l'ambasciatore Sondland, un uomo davvero perbene e un grande americano, a testimoniare, ma purtroppo lo farebbe davanti a un tribunale illegale ('kangaroos court'), dove i diritti dei repubblicani sono stati eliminati e al pubblico non è permesso conoscere i fatti veri".

Trump ha poi scritto che, in un tweet, Sondland "ha scritto che 'credo che stiate sbagliando sulle intenzioni di Trump. Il presidente è stato chiarissimo: nessuno scambio di alcun tipo'. Questo dice tutto!". Trump si è apparentemente confuso: non si trattava di un tweet, ma di uno scambio di sms tra Sondland e William Taylor, il massimo diplomatico statunitense in Ucraina; Taylor chiedeva spiegazioni sulle condizioni imposte dalla Casa Bianca per un incontro tra Trump e Zelensky e se la sospensione dei 400 milioni di dollari in aiuti militari a Kiev, decisa poco prima della telefonata, fosse legata alla volontà di fare pressioni per l'apertura di un'indagine su Biden.

"Ora stiamo dicendo che l'assistenza per la sicurezza e l'incontro alla Casa Bianca sono condizionati all'indagine?" chiedeva Taylor a Sondland, all'inizio di settembre. "Chiamami" era stata la risposta. Una settimana dopo, Taylor scriveva: "Come ho detto al telefono, credo sia da matti sospendere l'assistenza per la sicurezza per avere aiuto per una campagna politica. Ore dopo, Sondland aveva risposto che Trump "è stato chiaro: nessuno scambio di alcun tipo". Trump ha poi detto di aver bloccato gli aiuti per convincere gli europei a fare di più per Kiev.

Parlando con i giornalisti, il presidente della commissione Intelligence della Camera statunitense, Adam Schiff, ha detto che il dipartimento di Stato sta impedendo all'ambasciatore Gordon Sondland di comunicare al Congresso "informazioni molto rilevanti per questa indagine e per l'indagine sull'impeachment". Sondland è un "testimone chiave" e impedire la sua testimonianza sarà considerato "un ulteriore atto di intralcio alla giustizia di un ramo del governo".

Più tardi, le commissioni Intelligence, Esteri e Vigilanza della Camera statunitense hanno annunciato di voler spiccare un mandato di comparizione per Sondland. I presidenti delle commissioni hanno dichiarato: "Queste azioni appaiono come parte del tentativo della Casa Bianca di intralciare l'indagine per l'impeachment e di nascondere il comportamento del presidente Trump al Congresso e agli americani. La testimonianza e i documenti dell'ambasciatore Sondland sono vitali ed è per questo che l'amministrazione sta ora bloccando la sua testimonianza e trattenendo i suoi documenti".

Altri Servizi

Wall Street vuole ripartire dopo la peggiore seduta da ottobre

Giornata di trimestrali e dati macro. Attesa anche per il piano di pace in Medio Oriente di Trump
AP

Terzo caso di coronavirus in Usa; i morti in Cina salgono a 56

Oltre 2.000 i casi accertati in tutto il mondo
U.S. Department of Defense

Gli Stati Uniti hanno confermato la presenza di una terza persona infetta dal coronavirus proveniente dalla Cina e che continua a diffondersi pericolosamente in tutto il mondo. Si tratterebbe di una persona in California che e’ stato a Wuhan, la citta’ della Cina centrale da dove si crede abbia origine il virus.

Primarie e caucus, breve guida al processo di scelta dei candidati presidenziali Usa

I pretendenti alla nomination si sfidano in ogni Stato, tra l'inverno e la primavera, per ottenere la maggioranza dei delegati, che eleggeranno il candidato durante la convention di partito. Si parte il 3 febbraio in Iowa
Ap

Ogni quattro anni, i candidati alle presidenziali statunitensi competono nei singoli Stati del Paese per guadagnare la nomination del proprio partito, nel processo politico più complesso, lungo e costoso al mondo. In gioco, in ogni Stato, c'è un determinato numero di delegati, ovvero di persone che lo rappresenteranno alla convention nazionale del partito e che saranno obbligati a votare - almeno al primo scrutinio - per un determinato candidato (pledged delegates), in base al voto degli elettori e al sistema elettorale; la selezione e l'assegnazione dei delegati, a livello locale e statale, sono piuttosto complesse. Il candidato che ottiene la maggioranza dei delegati nel corso delle primarie e dei caucus, organizzati tra l'inverno e la primavera precedenti alle elezioni, sarà il candidato del partito alle presidenziali di novembre.

Wall Street preoccupata dal coronavirus

Dati in programma: vendite di case nuove, indice manifatturiero Fed di Dallas
AP

Per la difesa, Trump non ha fatto nulla di male

Democratici: vogliono sovvertire esito elezioni 2016
Ap

Gli avvocati del presidente statunitense, Donald Trump, sostengono che gli avversari democratici non sono riusciti a dimostrare la fondatezza delle accuse di abuso di potere e intralcio al Congresso mosse contro l’inquilino della Casa Bianca dalla Camera dei Rappresentanti nel processo di  impeachment.

Inizia la difesa di Trump nel processo di impeachment al Senato

Difesa avra' 3 giorni a disposizione per presentare i propri argomenti
AP

Dopo i tre giorni concessi all’accusa per le argomentazioni iniziali nel processo di impeachment contro il presidente statunitense Donald Trump, oggi e’ il turno della difesa. Ad inaugurare i tre giorni a disposizione della difesa ci ha pensato il consigliere della Casa Bianca, Pat Cipollone.

Ambiente, Trump cancella norma di Obama a difesa dei fiumi

 Accontentati agricoltori e costruttori

L'amministrazione Trump ha messo a punto una norma che eliminerà le protezioni ambientali per corsi d'acqua, paludi e altri corpi idrici, consegnando un'importante vittoria ad agricoltori, produttori di combustibili fossili e grandi costruttori, contrari alle regole imposte dalla presidenza Obama. Dal primo giorno alla Casa Bianca, scrive il New York Times, il presidente Donald Trump diceva di voler abrogare il "Waters of the United States" di Obama, inviso ai proprietari terrieri rurali. La nuova norma, che entrerà in vigore nelle prossime settimane, è solo l'ultimo passo compiuto dall'amministrazione attuale per eliminare o indebolire le leggi o i regolamenti a difesa dell'ambiente voluti da Obama, un pacchetto di regole "orribile", "distruttivo", "uno dei peggiori esempi dell'eccessivo intervento federale", secondo Trump. 

Wall Street, preoccupa il coronavirus

Si teme l'emergenza sanitaria mondiale
AP

Wall Street, l'Oms rassicura sul coronavirus

Lo considera un'emergenza sanitaria in Cina, non nel. mondo
AP

Sanders stacca tutti in Iowa

Il senatore del Vermont ha il 25% delle preferenze secondo l’ultimo sondaggio
Ap

Bernie Sanders ha staccato tutti gli altri candidati alle primarie democratiche. Stando a un nuovo sondaggio del New York Times/Siena College, il senatore del Vermont ha il 25% delle preferenze tra gli elettori che dovrebbero andare a votare ai caucus del prossimo 3 febbraio.